Non c’è più religione!


La notizia:

Non c’è più Religione. LONDRA – Ha sollevato polemiche e indignazione tra i cristiani in Gran Bretagna l’esposizione, al Centro Baltico d’arte contemporanea di Gateshead, di una scultura realizzata dall’artista cinese Terence Koh, intitolata «Gone, Yet Still», che raffigura Gesù con una erezione. Una visitatrice, Emily Mapfuwa, 40 anni, sentendosi oltraggiata nei suoi sentimenti religiosi, ha dato mandato ai propri legali per citare in giudizio i responsabili del museo. La conferma della denuncia arriva da un portavoce del Centro Baltico d’arte contemporanea di Gateshead. L’organizzazione “Christian Legal Centre”, da parte sua, ha fatto sapere che sosterrà l’azione legale in tribunale. «L’unico obiettivo di questa scultura è quello di offendere i cristiani e di denigrare Cristo», si legge in una nota diffusa dall’associazione religiosa. Corriere della Sera 3 settembre 2008.

La Critica

Io sono agnostico e condanno la chiesa gerarchica e il suo comportamento bimillenario! Da agnostico sviluppo un discorso culturale storico che mi sembra verosimile nel modo in cui lo tratteggio di seguito; modo che pur brevemente pone in luce le debolezze strutturali del cattolicesimo, ma anche del cristianesimo cui però non accennerò.


L’essere offensivi verso il culto d’altri è ineducazione, maleducazione, presunzione, arroganza, cattiveria.

Simili stupidi atteggiamenti avvengono solo perché si ha la certezza di essere immuni da ritorsioni, infatti, tali manifestazioni non si verificano a carico di Allah, di Jehovah, degli dei indiani… rarissimamente su Maometto. A infangarli si rischia la morte, o almeno pesanti ritorsioni.

La colpa di ciò ha però due principali motivazioni con relative colpe, e ***una che definisco indiretta

1) La chiesa cristiana ha massima colpa per non avere mai preparato culturalmente il suo popolo, lasciando, ancora oggi, l’interpretazione e spiegazione dei cosiddetti libri sacri solo ai suoi preti. {{Io stesso, in passato iscritto in una facoltà teologica ebbi amare esperienze, e scoprii che tutte esse erano e sono di proprietà del Vaticano. Lo scoprii quando fui scacciato, al terzo anno di frequenza con ottime votazioni, perché le mie domande (io ero già un medico), peraltro formulate in privato, ponevano in crisi i docenti certo meno conoscitori di me su tanti temi dalle materie teologiche dati per scontati.}}

2) Comportamenti papali che dichiarano pubblicamente che “… bisogna ritenere, gli ebrei, fratelli maggiori…”; dunque il cristianesimo è fratello minore. Non importa che qualcuno ora spiega “che però” i due papi in questione volevano dire che…. Importa quel che la gente ha sentito e capito di suo.


***indiretta: Fenomeno sociale politico non direttamente addossabile alla chiesa di Roma, ma indirettamente addebitabile alla sua presunzione ed insipienza.

Bisogna anche comprendere che esiste una moda, che passerà in tempi lunghi, che è la ricerca delle radici giudaiche in Europa continentale. Tutto ciò per riscattare l’esito culturale della manovra protestante (anglicana- puritana- valdese- calvinista- luterana) che prese l’avvio da Enrico VIII nel tentativo di liberarsi dalle imposizioni economiche del papa, e di rivalersi sancendo una propria cultura autoctona come superiore. Dopo Galileo, possiamo affermare che la cultura lascia l’Italia e si trasferisce a Nord, tra le popolazioni barbare che sempre erano state sottomesse politicamente, economicamente, culturalmente. Nella questione s’intrufolarono i giudei in cerca di rivendicazioni che, dopo una storia di circa 5 secoli di usura, hanno oggi ottenuto la preminenza anche attraverso l’industria della shoah.

Insomma, l’Italia deve essere “distrutta” per liberare altre culture emergenti che vogliono dimenticare il loro sentirsi inferiori; ed il vituperato pensiero Fascista, sempre sotto accusa, ultimo grande pensiero socio politico dell’Italia che combatté sulla via sociale contro il dollaro, dimostra alla perfida Albione ed ai suoi cugini ameri-cani, con a traino gli infidi giudei, che questa nazione, nonostante i suoi drammi è ancora viva e capace di sovvertire i loro sogni.

Ecco spiegato, in via assai breve, il perché delle offese all’Italia, alla sua gens Julia ed alla religione in essa più diffusa.

Annunci

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: