Ipotesi su Osama!


Ipotesi su Osama.

Osama e Obama soltanto una “S”  e una “B” li dividono! I Seals li uniscono!

All’oligarchia U$A dedico:

vaffanculo_guerra

vaffanculo_guerra

Ho in animo d’esordire con l’affermare che il più meritorio individuo da eleggere alla carica di presidente degli U$A sarebbe stato mister Osama bin Laden, perché per dieci anni, dunque due legislature senz’altra possibilità di rielezione, ha saputo sostenere l’economia del Paese attraverso l’indotto della guerra e delle armi.

Premessa la battuta, possiamo certo riferire che italioty, artificiosi politici appartenenti ad un Partito quasi avulso dal tessuto sociale, anche se a volte manifestanti con ragioni, non hanno in questi giorni di lutto urlato: “NESSUNO TOCCHI CAINO”, quando hanno appreso della sommaria uccisione, dal chiaro contorno di vendetta, commessa dai soliti ameri-cani che hanno deliberatamente ucciso Osama bin Laden, l’uomo dalle tante vite perché più volte dichiarato morto.

Già qui sorge spontanea e prepotente una domanda, la riferisco da ex militare:

“Perché mai per l’operazione d’uccisione del pericoloso nemico sono stati usati i Navy Seals? Questi sono militari di marina esperti in operazioni su coste di qualsiasi tipo, assai più adatti, in relazione alla zona d’impiego, sarebbero stati i berretti verdi”.

“Sarà che, il fantascientifico ideatore della falsa operazione, essendo amante delle balneazioni ha scelto quel corpo forse per simpatia, forse a casaccio, forse perché non noti nel territorio i suoi componenti che poi… BOHHHHHHH o BOOOOOOOOM”!

Ma bin Laden è mai veramente esistito nella “scena” del crimine di cui l’hanno rivestito per circa 10 anni gli indecorosi potenti oligarchici ameri-cani?

Veramente costui riuscì, anche se si afferma fosse miliardario, a colpire il cuore del colosso americano aiutato da “straccioni” armati solo di fanatismo pur secondo loro giustamente motivato?

E come mai il colosso dell’ormai “zoppo” dollaro non ha bloccato i crediti bancari del terrorista loro principale nemico durante i dieci successivi anni in cui gli ha dato la caccia?

O forse dobbiamo credere che l’Osama se ne andava in giro con miliardi di dollari in tasca per averli sempre in pronta disponibilità, e così non rischiare un tracollo finanziario?

E come mai di un uomo, dichiarato dagli stessi americani un malato bisognoso di dialisi renale continuata nel tempo, il luogo o luoghi in cui si sarebbe nascosto non sono stati scoperti prima?

Un tale malato deve essere trasportato con ambulanze appropriate, non può andarsene in giro a piedi tra i monti!

Il malato di “nefrosi, rene grinzo…” è subito stanco dopo modicissimi sforzi, deve mangiare e bere con molta “discrezione”, ha necessità di dieta alimentare particolare, è portatore per necessità d’una “fistola artificiale brachiale” artero venosa… che può essere trovata alò servizio autoptico

E ancora:

Non è facile trasferire o acquistare apparecchi per dialisi renale senza lasciare tracce”.

Non è facile acquistare i letti/bilancia su cui decombe l’ammalato dialitico durante l’intervento che, sì, può essere svolto nella sede abitativa dell’infermo, ma con molta cautela, perché l’ambiente deve essere sterile e la presenza di personale specialistico, medico incluso, non può mancare insieme con gran numero di farmaci”.

Non è facile acquistare i farmaci che si rendono necessari al malato dialitico”!

Inoltre, servono presidi medici di sterilizzazione/pulizia dei circuiti ematici artificiali in cui è fatto passare il sangue del malato per “ripulirlo” rimuovendone le sostanze tossiche che vi sì sono accumulate, ciò al fine di riequilibrare il bilancio elettrolitico e l’equilibrio acido-base.

Da complottista, come il Potere ama indicare quelli come me che azzardano ipotesi diverse da quelle che esso spaccia per vere, mi sia concesso di formulare una congettura che ovviamente non potrò dimostrare: “Quella secondo cui la morte dichiarata dal nemico numero uno degli ameri-cani è avvenuta, guarda caso, proprio in coincidenza con la stanchezza ormai cronica dello stesso popolo divenuto stanco di perdere “figli” per guerre volute solo dalle proprie gerarchie oligarchiche, ed anche in concomitanza con l’ormai asfittico e gravemente malato dollaro che ha un debito pubblico decine di volte superiore di quello della malandata e sottoposta colonya ytalya sempre bistrattata ed accusata di “poco di buono”, dal che “spaghetti, maccarroni… e poi anche  popolo del bunga bunga…

Ma ancora, come mai i capitali delle aziende riconducili a Osama bin Laden o ad “al Qaeda” non sono stati posti sotto sequestro in circa dieci anni di sua storia terroristica? Forse l’Intelligence degli ameri-cani non è intelligente a sufficienza? Mah!

Intanto, è notizia di ieri l’altro, il sequestro di beni sì sta ponendo in opera contro il “terribile” predone Gheddafi che sempre ameri-cani, sionisti, francesi, inglesi… più predoni di lui, vogliono depredare del suo petrolio!

Ma perché annunciare d’avere sommariamente ucciso Osama? Perché mostrare reperti fotografici subito svelati come falsi?

1)      Avevano gli ameri-cani paura che dalla bocca del “dinamitardo” uscisse qualche verità scomoda?

2)      Avevano necessità, gli ameri-cani, di trovare metodi rapidi e validi per disimpegnarsi dall’Afghanistan perché nella prossima lotta contro il terrorismo libico e iraniano essi potrebbero dimostrarsi utili?

Intanto, ben sappiamo che l’Arabo non sarebbe stato né il primo né l’ultimo ad essere soppresso senza processo, e comunque senza libertà di parola.

Il primo ad essere ignominiosamente ucciso per non lasciarlo parlare fu il grande statista Benito Mussolini, certo il migliore politico dei suoi tempi e di quelli attuali, e ciò avvenne proprio perché la sua parola avrebbe svelato i veri retroscena sulle motivazioni di chi veramente volle lo scoppio della II° guerra mondiale, e per quali motivi!

Poi seguì il lungo elenco dei Condannati di Norimberga portati alla forca con processo sommario, rituale sopraffino nella regia e messa in scena… e silenzio assoluto di documentazioni! Insomma il processo fu politico!

Poi scomparvero molti capi vietnamiti, e Saddam Husseyn e Slobodan Milošević, e forse altri di cui ignoro i nomi.

Forse dal capestro, caso unico e raro, solamente sì è salvato Tarek Aziz perché vicino al cristianesimo, tanto da essere stato ricevuto nel 2003 dal papa polacco e da Angelo Sodano.

Possiamo dunque certamente scrivere che chiunque si è posto contro il capitalismo ed il sionismo, padre e madre del più barbaro sistema sociale mai inventato, ma per colmo dell’ingiuria all’intelligenza chiamato democrazia, è stato travolto nel silenzio dei conigli mondiali che dai loro Governi mai hanno protestato, anzi, sì sono tutti accodati alla ricerca di briciole d’economia personale che la “mano divina” di giudaica memoria lasciava cadessero come becchime per uccelli.

Ma evolviamo ora logicamente il discorso sul terribile terrorista tentando di capire, e subito esclameremo:

“Il mondo è modernamente peggiorato”.

“Il mondo già era seriamente impazzito con l’avvento della Grande Guerra”.

“Il mondo s’è imbruttito per il sogno disastroso di creare un Governo Mondiale sinarchico interbancario, [συν syn (insieme) e a’ρχή arché (potere]), quello che vorrebbero Bilderberg e Commissione Trilaterale.

E nuovamente ripeto: “Chi vuole strillare che l’opinione qui espressa fa parte del credo complottista sì faccia apertamente avanti, non retrocederò dalle mie posizioni, ma lo faccia senza nuovamente manipolare i media con cui espugna e condiziona ogni incolto utile idiota per giunta felice d’esserlo e tale restare inseguendo con la fantasia le boccaccesche avventure di Berlusconi, i culi delle veline, le tette delle mignotte, pardon escort, minorenni e maggiorenni d’Arcore, o le gambette pelose di giocatori super pagati che inseguono in mutande un pallone”!

Imbecilli, idioti utili al Potere e inutili a voi stessi, vi stanno mettendo il “morsile“, alzatevi, scuotetevi!

E proprio sulla scia del credo dell’esistenza d’un Governo Illuminato Mondiale mi tornano in mente le parole del grande Seneca: “Semel in anno licet insanire”, una volta all’anno è lecito folleggiare, cioè fare cose da pazzi, e, per inciso, il Filosofo, si ricordi, non è assolutamente da considerarsi un “proto cristiano” nonostante certe malevole manipolazioni interpretative filosofiche letterarie della chiesa di Roma che lo vorrebbe con sé se pur egli fosse stato un adepto, come pensiero, della διατριβή [diatribé] cinico-stoica. Cultura che nulla può avere in comune con le idee cristiane, tant’è che la frase sopra riportata fa riferimento ai riti Saturnali.

Quei riti, infatti, erano solennità d’assai probabile retaggio greco che forse si tracciarono sul modello delle più antiche “Dionisiache” e “Antesterie” proprie della cultura ionico-attica, festività dedicate al dio Dionyso, da non confondere con il più tardivo Bacco.

E lo stesso Seneca, nel suo stoicismo ancora scrisse: “Nullum magnum ingenium sine mistura dementiae”, ossia, “nulla è grande senza un po’ di pazzia”! Attenzione, soltanto senza un po’ di pazzia, quel “po”, infatti, è il “condimento” delle idee.

Quelle idee che conducono alla ricerca ed al superamento delle Colonne d’Ercole. Quella stessa ricerca che pone il DUBBIO assurto a metodo scientifico, proprio come fece il nostro Galileo Galilei quando creò le scienze empiriche distanziandole dalle follie teologiche che inabissò nel più profondo degli incubi.

Lo stesso concetto di modica “mistura dementia” fu ripreso da Erasmo da Rotterdam nel suo “Elogio della follia”, ma oggi è purtroppo tal concetto degenerato al segno che il mondo è preda di vera perenne grave insania che ha lo ha colpito con l’avvento del sionismo di T. Herzl e dei suoi padrini, ma non padroni: “I moderni ameri-cani degli Stati Uniti che sì sono rivelati i più accaniti sostenitori della pazzia sociale che mondialmente emerge per la comune brama di possesso e di ricchezza”.

Ricchezza personale di pochi che, però, anche in Israele e U$A deve ormai misurarsi con una miriade di leggi economiche assai complicate, ed anche compararsi con fenomeni di globalizzante commercio di loro esclusiva improvvida invenzione.

Dunque, il mondo è pazzo!

Esso è pazzo e in mani oligarchiche pesantemente armate. Mani, ed anche idee, che non accettano interlocutori, ma soltanto servi è lacchè che, in colonya ytalya, sono ben rappresentati dall’attuale sedicente classe dirigente.

Per quanto ora discuteremo, infatti, potremo affermare che se oggi fosse carnevale o il primo d’aprile le notizie stampa che si susseguono per la pazzia che tutto investe parrebbero carnascialesche o d’altra tradizione che potrebbe riallacciarsi a Venere Verticordia, od alla Proserpina rapita da Pluto.

Sì, perché come già sappiamo da qualche giorno la stampa mondiale, quella asservita, continua ad osannare il comportamento dei “pazzi” statunitensi che proclamano, sbandierano, pubblicizzano che dopo dieci anni di caccia all’uomo hanno “freddato” il più pericoloso criminale che la storia, a loro dire, ricordi.

Osama bin Laden è stato ucciso in uno scontro a fuoco in Pakistan, e subito il suo cadavere è stato gettato in alto mare, inoltre l’abitazione dove da oltre cinque anni si sarebbe nascosto, senza mai uscirne, sarà distrutta per impedire che i sostenitori di “al Qaeda” la rendano un luogo di venerazione.

Insomma, in proposito di Osama nessuna prova concede di ritenere che sia veramente deceduto, o realmente esistito come terrorista; come nessuna prova esiste sui suoi presunti misfatti. Tutto si sarebbe disintegrato, reso polvere, nell’esplosione/crollo del WTC e di un’ala del Pentagono stranamente sguarnita dei suoi abitanti in quel giorno.

Voglio qui ora aggiungere che Osama, vivo o morto, per quello che i “potenti” definiscono terrorismo continuerà ad essere un mito ancora per molto tempo, anzi, verosimilmente, con più veemenza di prima, perché in campo islamico si vorrà dimostrare che se anche il capo è morto l’idea da lui fondata, o0 che gli è stata attribuita, vive di vita propria, così com’è espressa nel mondo delle idee, l’iperuranio di Platone.

Ed ora, dato il titolo dell’argomento che qui dibattiamo continuo con altre poche ma, credo, significative considerazioni.

Stante le verità affidate alla stampa dobbiamo pensare che:

1)      “I primi e maggiori utili idioti del sistema capitalistico sono gli stessi ameri-cani statunitensi di cui il loro governo sfrutta le eccezionali doti di credulità e stupidità, ma anche di mancanza di cultura e moralismo protestante”.

2)      “Essi credono, infatti, che bin Laden ha usato i suoi milioni per finanziare campi d’addestramento per terroristi in Sudan, nelle Filippine, in Afghanistan, ed ha così potuto ottenere “guerrieri sacri” per fomentare la rivoluzione e combattere con fondamentalisti islamici in tutto il Nord Africa, in Cecenia, in Tagikistan, in Bosnia”.

Ma la verità sul personaggio è ben diversa, perché l’Arabo, con le sue idee, e ricco per milioni di dollari, ha permesso alla naufragata economia statunitense di risollevarsi, e per questo gli Stati Uniti avrebbero dovuto eleggerlo capo del Paese!

Ma la domanda principale, quella che più mi appassiona e già sopra riferita è: “Come è stato possibile a bin Laden di spostare i suoi capitali ovunque gli facesse comodo? Quale il sistema bancario di cui si serviva”?

I titoli sulla sua morte emanano, dunque, una forte puzza di menzogna approssimativamente organizzata.

Ma perché, continuando la serie di domande che si possono porre sulla morte di Osama, è avvenuto tutto ciò che la stampa continua a sbandierare in prima pagina?

Per rispondere devo ripetere che ritengo, nuovamente da complottista e me ne vanto, che il Presidente Obama ha una disperata necessità di mostrarsi al suo popolo come vincitore del conflitto afghano nonostante abbia commessi molti errori politici ed economici sorti specialmente dal ricalcare la pratica di governo del sanguinario buf…fone suo predecessore continuandone la guerra in Afghanistan, e ora, dopo un decennio di lotta, vedendo le casse dello Stato in profonda crisi vuole abbandonare il “Paese delle montagne bucate” per non andare incontro a certa sconfitta, e sostenere altre spese insopportabili e perdite di vite umane di cui anche lo stupido suo popolo è stanco.

Infatti, le guerre di Bush/Obama hanno creato negli Stati Uniti vasti echi di bancarotta, ed anche giganteschi disavanzi economici finanziari con il dollaro in profondo declino. A questo punto è lecito pensare che il declino precipitoso del dollaro sui mercati valutari ha costretto a riduzioni di bilancio che prevedono anche di fermare a tempo indeterminato le guerre d’occupazione che gli stessi U$A stanno conducendo, ma essi pretenderanno che altri glie le combatteranno. Ma una guerra tremenda avverrà, e sarà guerra pericolosa e strisciante all’inizio! Sarà guerra tra banche FED, FMI, BCE… Sarà guerra tra dollaro ed Euro. Sarà guerra che attribuirà all’Europa la responsabilità della caduta del dollaro. Gli europei ancora succubi, non “comprenderanno” o faranno finta di non capire. Anche l’Italia cadrà nel baratro del default prossimo venturo che gli USA hanno però in maniera più gigantesca, ma di cui non si deve parlare. Caduta l’Italia cadrà l’Euro, la presunta Europa delle banche si disgregherà, il Marco vorrà la sua autonomia … e la storia si ripeterà dando di nuovo ragione a G. Vico!

Ma che stiamo lasciando ai nostri figli? Li abbiamo privati di una vita dignitosa e presto li priveremo anche della vita! Io però in tutto questo pessimismo non credo che l’umanità sia marcia, ma che solo certi uomini sono marci!

kiriosomega

2 Comments

  1. maic
    Posted 9 maggio 2011 at 11:16 | Permalink

    mamma mia….che cervello bacato!

    Mi piace

    • kiriosomega
      Posted 9 maggio 2011 at 17:17 | Permalink

      mamma mia… che cervello succube! Lei certo è il padre o la madre di tutti gli U$A/Sion!

      Mi piace


Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: