Berluskaz [l’epiteto fu riportato dalla stampa padana]


Berluskaz [l’epiteto fu riportato dalla stampa padana]

Molti non ricordano più che l’epiteto “berluskaz” fu creato da “re foruncolo”, proprio quel B. che lo riservò per il piccolo della provincia milanese.

Era il 1994.

Berluskaz, Bossi ti voleva "tiranno morto"
Berluskaz, Bossi ti voleva “tiranno morto”

Nello stesso periodo di tempo apparve anche un collage dal titolo “Il carroccio“. Era formato di due fogli, in quello di sinistra c’era una vignetta con rappresentato U. B. che guidava un carro funebre in cui era trasportato il feretro di S. B.”.

Nella controparte dello stesso foglio era inserita la scritta “Nunc est bibendum[chissà perché in latino giacché Roma già allora era ladrona] e, sotto di essa, si leggeva: “Il piccolo tiranno è morto“.

Disegno e scritte recavano in calce la firma del cocchiere del carro funebre, Bossi in persona. Il foglio sparì dalla circolazione, ma è verosimile che il LeghistaMaximo lo regalò all’allora deputato Gio…gio V…do, ciò dopo il “ruzzolone” del primo governo Berlusconi.

Molto tempo ha consumato idee e pretestuosi tentativi d’innovazione nel Giardino d’Europa che ancora nazione non è! Molte cose sono cambiate lasciando tutto come era, e forse nemmeno Berlusconi ricorda la minacciosa frase che il Senatur Umb…rto sbandierava: “B…rluskaz sappia che non ha nemmeno due secondi di tempo per scappare se il federalismo non passa, c’è un mucchio di gente che di lui ne ha piene le scatole“!

C’è da pensare che si trattasse dei 300 mila che Bossi voleva reclutare in val Brembana per il suo esercito, e così porlo a fare ala alle nuove forche caudine. Ma anche il “va_risotto” che si presentava allora con idee dinamitarde è cambiato: “Ora ha anche lui un Trota da far sguazzare nel fiume Po, però, pensa, meglio nelle acque del Tevere che bionde come sono gli ricordano l’oro”!

E intanto il poeta U. B. scrive, così si racconta, “La Canzon par la Malpensa”! Sì, perché il Senatur è diventato anche poeta: “Sacri sono i boschi / e i prati / e la nostra  acqua / e i venti / e la neve. / Sacre sono le radici / e la nostra lingua...” Carducci sconosciuto? Porta forestiero? No! PadronLeghista come tutti gli altri che ambiscono a baronie a vita!

kiriosomega

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: