Un turista passeggia per Roma.


Un turista passeggia per Roma.

pipì

pipì

E’ un francese, è lì per vedere la “Città Eterna” e le sue attrazioni turistiche.
Di tanto in tanto si sofferma, e poi vinto dalla sete entra in un bar dove chiede una birra grande.
Esce e cammina qui e là quasi senza meta. Improvvisamente ha necessità urgente di far pipì, ma s’accorge di trovarsi in un gran quartiere senza bar nelle vicinanze, e senza vespasiani.
Solo bellissime alte mura di cemento lo sovrastano. Nemmeno alberi sono visibili, così da usarli come farebbe un cane, e dopotutto lui è appartenente alla tribù dei galli-cani!
Finalmente nota un vicoletto che sembra essere assai solitario, vi sì incammina cercando un angolo idoneo al suo bisogno e finalmente sì ferma.
Con sollievo s’accosta al muro, ha quasi messo in evidenza il suo attrezzo per mingere, quando un colpetto sulla spalla lo fa sobbalzare e rinfoderare il tutto per girarsi.
E’ un pizzardone che lo squadra, che lo valuta e che gli dice tra il romanesco e un franzose biascicato: “No, qui no! Non Qui”!
E poi subito con cortesia fa cenno al turista di seguirlo. Lo conduce un po’ più avanti dove dietro un angolo c’è un cancello. Spinge un battente che sì apre e si vede un gran giardino. “Lì dentro”, spiega il pizzardone al turista.
Questi comprende, entra e minge sul grande albero che vede vicino a sé.
Finalmente, il disgraziato liberatosi del bisogno sì dirige verso il VVUU per ringraziarlo, e davanti a lui in italiano stentato pronuncia. “E’ stato molto gentile ad accompagnarmi sin qui, questa in Francia la chiamiamo ospitalità“!
Il pizzardone lo guarda con sussiego e risponde: “Non so come la chiamate voi, noi la chiamiamo Ambasciata di Francia“!
kiriosomega

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: