…et diviserunt pauperorum vestimenta


…et diviserunt pauperorum vestimenta

i nuovi poveri: c'era una volta il ceto medio

i nuovi poveri: c'era una volta il ceto medio

Vignetta ridisegnata da un’idea originale presente in internet. 

Ci spiegano, dalle colonne di certa asservita stampa, che il rincaro dei carburanti è dovuto alla debolezza che l’euro presenta verso il dollaro, ma quando l’euro era assai più forte ci spiegavano che il costo in rialzo degli stessi carburanti era dovuto… non ho mai capito a quale insulso pseudo giustificatorio meccanismo. Insomma, sempre e soltanto una presa in giro da troppo tempo nel Paese degli ytalyoty sopportata!

L’usura ha vinto! Proprio quell’usura che, tanto vituperata, i governi prima solo finanziati, poi comprati e ora spodestati, hanno determinato come lecita se condotta da istituti bancari cui hanno dedicato leggi di favore. Usura che in seguito hanno fatto sì che fosse indicata come operazione di “prestito bancario” per nascondere il cattivo loro operato. E non si scordi che i tassi d’interesse bancari mai sono unici nella nazione, ma sempre differenziati tra settentrione e meridione di colonya ytalya in cui la restituzione è gravata da compensi di molti punti percentuali più alti.

I Governi di colonya ytalya, possiamo con vigore sostenere, mai hanno parteggiato per i cittadini, e anche sul fronte delle tasse governative i balzelli continuano a crescere con il disdoro degli stessi amministrati, quindi, anche nell’attuale sciacallaggio ampliato dall’ILLEGITTIMO E ILLEGALE premier, il sig Rigor Montis come qualcuno già l’ha definito (F. B.). Infatti, in un Paese che inopinatamente affidò il 70% e più del suo traffico merci al trasporto su camion per “incoraggiare” la FIAT, i carburanti seguitano la loro sfrenata corsa al rincaro per le accise governative, così, di fatto, trainando il costo d’ogni altro prodotto. E la situazione per la popolazione è ormai insostenibile, tant’è che in alcune regioni, specie del meridione di colonya ytalya, la spesa alimentare per molte famiglie è divenuta stringatissima perché alle tasse governative nazionali si sommano altrettanto vessatorie aliquote regionali e comunali. E si è giunti, di aumento in aumento, al fatto tanto temuto che la benzina superasse la quota dei due euro per litro, cosa che da ieri è avvenuta perché questo prodotto ha raggiunto sull’autostrada A 14 il valore di € 2,17 che moltiplicato per 1936,27 vuol dire un costo per litro pari a £ 4240,43; in altre parole uguale all’attuale costo di litri 3 di latte.

Ma nell’economico enorme ytalyota malessere non tutti sono svantaggiati. Le banche, infatti, sono sane e ben trattate perché sempre traggono enormi profitti dalle continue e inopportune regalie che il sig Rigor Montis continua a concedere loro. Sì, perché il nostro tecnocrate/bancario, qui dal comunista sig Napolitano voluto come premier spegnendo per motu proprio la pressappochista nostra Costituzione, si è genuflesso a banche e banchieri anche impegnandosi, e te pareva, a depennare la norma dal suo Governo emanata con cui si dichiarava che le imposte commissioni bancarie per le operazioni dei pensionati con reddito inferiore a € 1500 mensili fossero gratuite. A proposito, non credo di essere l’unico a non avere compreso se per quel tetto ormai saltato dei 1500 euro si dovessero intendere redditi lordi o netti.

E intanto, il finto ingenuo, falso come le ormai risapute false lacrime della sig/ra Fornero, intendo il sottosegretario all’Economia Polillo, in proposito di pensionati e loro operazioni bancarie è stato chiaro: “…La misura, se portata a termine, sarebbe un danno per gli istituti di credito…”!?
E come spiegare e motivare il fatto e le parole del sottosegretario se non considerando che questo Governo è composto quasi esclusivamente da interessati consiglieri bancari e banchieri! Banchieri e bancari rampanti che stanno al Governo senza però crisma elettorale! Banchieri e bancari che in più subissano ognuno dei pensionati anche con l’obbligo di accendere, a pagamento, conti correnti per canalizzare la misera pensione; ma questa vessazione non bastava agli usurai per principio e per merito.

Perciò, nei trascorsi giorni in Penisola si era raggiunto anche il tragicomico, quando i dirigenti dell’ABI si erano dimessi preoccupati per le spese da sostenere per “alleviare” i pensionati a causa di una temporanea defaillance del sig Rigor Montis. Defaillance subito richiamata all’ordine e rientrata, così che messer furbetto, il freddo calcolatore a capo del Governo, quello innamorato di una calcolatrice e non del consorzio umano, è subito rinsavito mostrando il suo lato proclive alla genuflessione nei confronti del soldo e dei potenti, e uno a esso contrapposto che rivela una grinta smodata quando a protestare sono cittadini, pensionati, lavoratori, precari, giovani,NOTAV… ma non preti specie se con la divisa bordata di rosso, o ricchi “castioti” appartenenti alla casta.

Così il ruggito dallo scranno parlamentare, quando colpisce disgraziati, si muta in belato allorché il potere lo sovrasta. Che il suo sia il “ruggito del topo”?

Ma c’è ormai da pensare e augurarsi che il Movimento dei Forconi presto si trasformi in Movimento di Forche e Forconi, così come da qualche anno auspicato. Alle forche, ai forconi!
kiriosomega

In ultimo una interessante tabella presentata, in una sua lettera a merimar, dal Camerata T. L.

SOCI PARTECIPANTI AL CAPITALE DELLA BANCA D’ITALIA

Intesa – San Paolo SpA

30, 3 %. – voti    50
Unicredito Italiano SpA 22, 1 % . – voti    50
Assicurazioni Generali SpA 6, 3 % . – voti    42
Cassa di Risparmio in Bologna SpA 6, 2 %. –  voti     41
Istituto Nazionale di Previdenza Sociale 5, 0 %. – voti     34
Banca CARIGE SpA 4, 0 %. – voti    27
Banca Nazionale del Lavoro SpA 2, 8 % . – voti     21
Banca Monte de’ Paschi di Siena SpA 2, 5 %. – voti    19
Banca Cassa di Risparmio di Biella e di Vercelli SpA 2, 1 %. – voti    16
Banca Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza  SpA 2, 0 %. – voti    16
Altri minori 16, 7 %. – voti    223

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: