Mafioso e criminale sono sinonimi.


LE MANI SULLA CITTÀ E OLTRE!

MAFIOSO E CRIMINALE DUE FACCE DELLA STESSA REALTA'!

MAFIOSO E CRIMINALE DUE FACCE DELLA STESSA REALTÀ!

Lui smentisce e minaccia querele. La stampa insiste e persiste.

Intanto “Peones” per la stampa è: “Criminale”, “Politico” è: “Confido nella magistratura, ma non mi dimetto”!

Ma che piccola storia ignobile mi tocca raccontare, così solita e banale come tante, che non merita nemmeno due colonne su un giornale… (F. Guccini)

Vero è che la stampa, pur asservita, è come avvoltoio che attende cadaveri per cibarsi e a volte inventa notizie, o più semplicemente le adatta al proprio carrozzone politico, ma un dietro le quinte di ricerche per ottenere conferme dei comunicati pubblicati ci deve pur essere, almeno per quelli che hanno carattere di cronaca.

Comunque stiano le cose ritengo che considerazioni generali si possano avanzare per lo stato di malessere in cui giace la nazione a causa di uno Stato sempre più iniquamente fiscale, torturatore e patrigno attraverso l’opera di certo non “consoni” personaggi politici di mestiere. Personaggi che in tutto il loro essere rispecchiano l’antitesi del pensiero di Carducci, quando di se stesso in “Davanti a San Guido riferiva: “… né io son peraltro un manzoniano che tira quattro paghe per il lesso”. Personaggi politicanti, ma con la passione della ruber… ia e del grottesco che sempre rispondono alla stampa, quando prevedono guai magistrali: “Confido nella magistratura che farà chiarezza sulla vicenda”, oppure: “Smentisco ogni addebito a mio carico”, e continuano ambigui senza dire: “Se c’ero dormivo, e se dormivo non ho visto niente, perciò nulla so e nulla voglio sapere” (dialettale siciliano – iù ‘un sacciu nenti, ‘un visti nenti, e su c’era dummeva…), e in ultimo invariabilmente tutti costoro esclamano: “Non mi dimetto”!

Così, di nuovo anche oggi c’è in colonya ytalya un soggetto pluri accusato che è ai vertici politici di una delle più economicamente importanti regioni del paese. Ma nonostante le tante accuse provenienti da più parti, per così dire alla “omino piccino” di cui è amico ed emulo, lui sostiene che non ha avuto comunicazione magistrale di garanzia pur essendo la notizia di dominio pubblico, e che di peculato e corruzione, ossia vacanze, alberghi, barche, abitazioni e finanziamento illecito dei partiti politici non sa nulla, perciò  continua a sostenere: “Non mi dimetto”!

Anche in precedenza all’ultimo avvenimento che l’ha investito, come già riferito, l’uomo lumbard dichiarava, quando stampa e telegiornali, ovviamente d’altra bandiera, spandevano notizie sulla fangosa politica ytalyota e anche sua: “Non sono indagato, perciò non mi dimetto”!

Insomma, a certi personaggi non importa nulla della responsabilità sociale o politica, del credito personale e di cosa significa gestione della res publica, perché tutti costoro evidentemente amano vivere nel ludibrio e del ludibrio cui si espongono. Anzi oggi sembra si assista, o meglio sempre si presenzia ad un continuo dilagare di personaggi che pubblici sono solo se hanno la capacità di non vergognarsi, di mentire, di appropriazione indebita, di falso ideologico, di preminenza per la funzione pubblica… e ciò sempre in nome dell’antico latino loquere: “Pecunia non olet”; mentre genti con dignità e lauree non avute chissà come se ne stanno in un cantuccio per pochi euro mensili.

Verrebbe da esclamare, ma solo in privato, perché ti denunciano per diffamazione della loro “onorabilità” i criminosi personaggi cui vuoi riferirti, che certe persone hanno la faccia come il culo!

E a proposito di parti anatomiche, di nuovo pare si potrà correre il rischio di avere tra i testicoli la piattola che tanto danno già ha fatto al Paese in economia e in immagine, però, purtroppo, sempre esistono lecchini dei ricchi che sono ancor peggiori di loro che pur adulandoli vorrebbero cancellarli per prenderne il posto!

Comunque, a riabilitare tutti questi soggetti loschi soggetti ci sarà una nuova legge che abolirà la corruzione nella pubblica amministrazione, così si salveranno anche sindaci comunisti e tesorieri di Partiti politici.

Povera Italia, così lontana da dio e così vicina alla democrazia di U$A/SION.

Non c’è speranza senza forca e forconi!

kiriosomega

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: