STALIN E LA CONQUISTA DELL’EUROPA. IL SUO PIANO D’INVASIONE


LA RIVELAZIONE DEL PIANO DI STALIN PER LA CONQUISTA DELL’EUROPA

—————————————————————————————————

Come i Sovietici “persero” la Seconda Guerra Mondiale

– Poslednyaya Respublika (“L’Ultima Repubblica”), di Vikto Suvorov (Vladimir Rezun). Mosca: TKO ACT, 1996. 470 pagine. Rilegato. Con fotografie.

Fonte: The Journal of Historical Review, Luglio-Agosto 1998 (Vol. 17, N° 4), pag. 30 in poi

 Tratto da: http://www.ihr.org/jhr/v17/v17n4p30_Michaels.html

Recensito da Daniel W. Michaels

1) Testo Inglese-

2) SEGUE IN QUESTA STESSA PAGINA IL TESTO ITALIANO

Book Review

Exposing Stalin’s Plan to Conquer Europe

How the Soviet Union ‘Lost’ the Second World War

  • Poslednyaya Respublika (“The Last Republic”), by Viktor Suvorov (Vladimir Rezun). Moscow: TKO ACT, 1996. 470 pages. Hardcover. Photographs.

Reviewed by Daniel W. Michaels

For several years now, a former Soviet military intelligence officer named Vladimir Rezun has provoked heated discussion in Russia for his startling view that Hitler attacked Soviet Russia in June 1941 just as Stalin was preparing to overwhelm Germany and western Europe as part of a well-planned operation to “liberate” all of Europe by bringing it under Communist rule.

Writing under the pen name of Viktor Suvorov, Rezun has developed this thesis in three books. Icebreaker (which has been published in an English-language edition) and Dni M (“M Day”) were reviewed in the Nov.-Dec. 1997 Journal. The third book, reviewed here, is a 470-page work, “The Last Republic: Why the Soviet Union Lost the Second World War,” published in Russian in Moscow in 1996.

Suvorov presents a mass of evidence to show that when Hitler launched his “Operation Barbarossa” attack against Soviet Russia on June 22, 1941, German forces were able to inflict enormous losses against the Soviets precisely because the Red troops were much better prepared for war — but for an aggressive war that was scheduled for early July — not the defensive war forced on them by Hitler’s preemptive strike.

In Icebreaker, Suvorov details the deployment of Soviet forces in June 1941, describing just how Stalin amassed vast numbers of troops and stores of weapons along the European frontier, not to defend the Soviet homeland but in preparation for a westward attack and decisive battles on enemy territory.

Thus, when German forces struck, the bulk of Red ground and air forces were concentrated along the Soviet western borders facing contiguous European countries, especially the German Reich and Romania, in final readiness for an assault on Europe.

In his second book on the origins of the war, “M Day” (for “Mobilization Day“), Suvorov details how, between late 1939 and the summer of 1941, Stalin methodically and systematically built up the best armed, most powerful military force in the world — actually the world’s first superpower — for his planned conquest of Europe. Suvorov explains how Stalin’s drastic conversion of the country’s economy for war actually made war inevitable.

A Global Soviet Union

In “The Last Republic,” Suvorov adds to the evidence presented in his two earlier books to strengthen his argument that Stalin was preparing for an aggressive war, in particular emphasizing the ideological motivation for the Soviet leader’s actions. The title refers to the unlucky country that would be incorporated as the “final republic” into the globe-encompassing “Union of Soviet Socialist Republics,” thereby completing the world proletarian revolution.

As Suvorov explains, this plan was entirely consistent with Marxist-Leninist doctrine, as well as with Lenin’s policies in the earlier years of the Soviet regime. The Russian historian argues convincingly that it was not Leon Trotsky (Bronstein), but rather Stalin, his less flamboyant rival, who was really the faithful disciple of Lenin in promoting world Communist revolution. Trotsky insisted on his doctrine of “permanent revolution,” whereby the young Soviet state would help foment home-grown workers’ uprisings and
revolution in the capitalist countries.

Stalin instead wanted the Soviet regime to take advantage of occasional “armistices” in the global struggle to consolidate Red military strength for the right moment when larger and better armed Soviet forces would strike into central and western Europe, adding new Soviet republics as this overwhelming force rolled across the continent. After the successful consolidation and Sovietization of all of Europe, the expanded USSR would be poised to impose Soviet power over the entire globe.

As Suvorov shows, Stalin realized quite well that, given a free choice, the people of the advanced Western countries would never voluntarily choose Communism. It would therefore have to be imposed by force. His bold plan, Stalin further decided, could be realized only through a world war.

A critical piece of evidence in this regard is his speech of August 19, 1939, recently uncovered in Soviet archives (quoted in part in the Nov.-Dec. 1997 Journal, pp. 32-33). In it, Lenin’s heir states:

The experience of the last 20 years has shown that in peacetime the Communist movement is never strong enough to seize power. The dictatorship of such a party will only become possible as the result of a major war…

Later on, all the countries who had accepted protection from resurgent Germany would also become our allies. We shall have a wide field to develop the world revolution

Furthermore, and as Soviet theoreticians had always insisted, Communism could never peacefully coexist over the long run with other socio-political systems. Accordingly, Communist rule inevitably would have to be imposed throughout the world. So integral was this goal of “world revolution” to the nature and development of the “first workers’ state” that
it was a cardinal feature of the Soviet agenda even before Hitler and his National Socialist movement came to power in Germany in 1933.

Stalin elected to strike at a time and place of his choosing. To this end, Soviet development of the most advanced offensive weapons systems, primarily tanks, aircraft, and airborne forces, had already begun in the early 1930s. To ensure the success of his bold undertaking, in late 1939 Stalin ordered the build up a powerful war machine that would be superior in quantity and quality to all possible opposing forces. His first secret order for the total military-industrial mobilization of the country was issued in August 1939. A second total mobilization order, this one for military mobilization, would be issued on the day the war was to begin.

Disappointment

The German “Barbarossa” attack shattered Stalin’s well-laid plan to “liberate” all of Europe. In this sense, Suvorov contends, Stalin “lost” the Second World War. The Soviet premier could regard “merely” defeating Germany and conquering eastern and central Europe only as a disappointment.

According to Suvorov, Stalin revealed his disappointment over the war’s outcome in several ways. First, he had Marshal Georgi Zhukov, not himself, the supreme commander, lead the victory parade in 1945. Second, no official May 9 victory parade was even authorized until after Stalin’s death. Third, Stalin never wore any of the medals he was awarded after the end of the Second World War. Fourth, once, in a depressed mood, he expressed to members of his close circle his desire to retire now that the war was over. Fifth, and perhaps most telling, Stalin abandoned work on the long-planned Palace of Soviets.

An Unfinished Monument

The enormous Palace of Soviets, approved by the Soviet government in the early 1930s, was to be 1,250 feet tall, surmounted with a statue of Lenin 300 feet in height — taller than New York’s Empire State Building. It was to be built on the site of the former Cathedral of Christ the Savior. On Stalin’s order, this magnificent symbol of old Russia was blown up in 1931 — an act whereby the nation’s Communist rulers symbolically erased the soul of old Russia to make room for the centerpiece of the world USSR.

All the world’s “socialist republics,” including the “last republic,” would ultimately be represented in the Palace. The main hall of this secular shrine was to be inscribed with the oath that Stalin had delivered in quasi-religious cadences at Lenin’s burial. It included the words: “When he left us, Comrade Lenin bequeathed to us the responsibility
to strengthen and expand the Union of Socialist Republics. We vow to you, Comrade Lenin, that we shall honorably carry out this, your sacred commandment.”

However, only the bowl-shaped foundation for this grandiose monument was ever completed, and during the 1990s, after the collapse the USSR, the Christ the Savior Cathedral was painstakingly rebuilt on the site.

The Official View

For decades the official version of the 1941-1945 German-Soviet conflict, supported by establishment historians in both Russia and the West, has been something like this:

Hitler launched a surprise “Blitzkrieg” attack against the woefully unprepared Soviet Union, fooling its leader, the unsuspecting and trusting Stalin. The German Führer was driven by lust for “living space” and natural resources in the primitive East, and by his long-simmering determination to smash “Jewish Communism” once and for all. In this treacherous attack, which was an important part of Hitler’s mad drive for “world conquest,” the “Nazi” or “fascist” aggressors initially overwhelmed all resistance with their preponderance of modern tanks and aircraft.

This view, which was affirmed by the Allied judges at the postwar Nuremberg Tribunal, is still widely accepted in both Russia and the United States. In Russia today, most of the general public (and not merely those who are nostalgic for the old Soviet regime), accepts this “politically correct” line. For one thing, it “explains” the Soviet Union’s enormous
World War II losses in men and materiel.

Doomed from the Start

Contrary to the official view that the Soviet Union was not prepared for war in June 1941, in fact, Suvorov stresses, it was the Germans who were not really prepared. Germany’s hastily drawn up “Operation Barbarossa” plan, which called for a “Blitzkrieg” victory in four or five months by numerically inferior forces advancing in three broad military
thrusts, was doomed from the outset.

Moreover, Suvorov goes on to note, Germany lacked the raw materials (including petroleum) essential in sustaining a drawn out war of such dimensions.

Another reason for Germany’s lack of preparedness, Suvorov contends, was that her military leaders seriously under-estimated the performance of Soviet forces in the Winter War against Finland, 1939-40. They fought, it must be stressed, under extremely severe winter conditions — temperatures of minus 40 degrees Celsius and snow depths of several feet — against the well-designed reinforced concrete fortifications and underground facilities of Finland’s “Mannerheim Line.” In spite of that, it is often forgotten, the Red Army did, after all, force the Finns into a humiliating armistice.

It is always a mistake, Suvorov emphasizes, to underestimate your enemy. But Hitler made this critical miscalculation. In 1943, after the tide of war had shifted against Germany, he admitted his mistaken evaluation of Soviet forces two years earlier.

Tank Disparity Compared

To prove that it was Stalin, and not Hitler, who was really prepared for war, Suvorov compares German and Soviet weaponry in mid-1941, especially with respect to the all-important offensive weapons systems — tanks and airborne forces. It is a generally accepted axiom in military science that attacking forces should have a numerical superiority of three to one over the defenders. Yet, as Suvorov explains, when the Germans struck on the morning of June 22, 1941, they attacked with a total of 3,350 tanks, while the Soviet defenders had a total of 24,000 tanks — that is, Stalin had seven times more tanks than Hitler, or 21 times more tanks than would have been considered sufficient for an adequate defense. Moreover, Suvorov stresses, the Soviet tanks were superior in all technical respects, including firepower, range, and armor plating.

As it was, Soviet development of heavy tank production had already begun in the early 1930s. For example, as early as 1933 the Soviets were already turning out in series production, and distributing to their forces, the T-35 model, a 45-ton heavy tank with three cannons, six machine guns, and 30-mm armor plating. By contrast, the Germans began development and production of a comparable 45-ton tank only after the war had begun in mid-1941.

By 1939 the Soviets had already added three heavy tank models to their inventory. Moreover, the Soviets designed their tanks with wider tracks, and to operate with diesel engines (which were less flammable than those using conventional carburetor mix fuels). Furthermore, Soviet tanks were built with both the engine and the drive in the rear, thereby improving general efficiency and operator viewing. German tanks had a less efficient arrangement, with the engine in the rear and the drive in the forward area.

When the conflict began in June 1941, Suvorov shows, Germany had no heavy tanks at all, only 309 medium tanks, and just 2,668 light, inferior tanks. For their part, the Soviets at the outbreak of the war had at their disposal tanks that were not only heavier but of higher quality.

In this regard, Suvorov cites the recollection of German tank general Heinz Guderian, who wrote in his memoir Panzer Leader (1952/1996, p. 143):

In the spring of 1941, Hitler had specifically ordered that a Russian military commission be shown over our tank schools and factories; in this order he had insisted that nothing be concealed from them. The Russian officers in question firmly refused to believe that the Panzer IV was in fact our heaviest tank. They said repeatedly that we must be hiding our newest models from them, and complained that we were not carrying out Hitler’s order to show them everything. The military commission was so insistent on this point that eventually our manufacturers and Ordnance Office officials concluded: “It seems that the Russians must already possess better and heavier tanks than we do.” It was at the end of July 1941 that the T34 tank appeared on the front and the riddle of the new Russian model was solved.

Suvorov cites another revealing fact from Robert Goralski’s World War II Almanac (1982, p. 164). On June 24, 1941 — just two days after the outbreak of the German-Soviet war:

The Russians introduced their giant Klim Voroshilov tanks into action near Raseiniai [Lithuania]. Models weighing 43 and 52 tons surprised the Germans, who found the KVs nearly unstoppable. One of these Russian tanks took 70 direct hits, but none penetrated its armor.

In short, Germany took on the Soviet colossus with tanks that were too light, too few in number, and inferior in performance and fire power. And this disparity continued as the war progressed. In 1942 alone, Soviet factories produced 2,553 heavy tanks, while the Germans produced just 89. Even at the end of the war, the best-quality tank in combat was the Soviet IS (“Iosef Stalin”) model.

Suvorov sarcastically urges establishment military historians to study a book on Soviet tanks by Igor P. Shmelev, published in 1993 by, of all things, the Hobby Book Publishing Company in Moscow. The work of an honest amateur military analyst such as Shmelev, one who is sincerely interested in and loves his hobby and the truth, says Suvorov, is often superior to that of a paid government employee.

Airborne Forces Disparity

Even more lopsided was the Soviet superiority in airborne forces. Before the war, Soviet DB-3f and SB bombers as well as the TB-1 and TB-3 bombers (of which Stalin had about a thousand had been modified to carry airborne troops as well as bomb loads. By mid-1941 the Soviet military had trained hundreds of thousands of paratroopers (Suvorov says almost a million) for the planned attack against Germany and the West. These airborne troops were to be deployed and dropped behind enemy lines in several waves, each wave consisting of five airborne assault corps (VDKs), each corps consisting of 10,419 men, staff and service personnel, an artillery division, and a separate tank battalion (50 tanks). Suvorov lists the commanding officers and home bases of the first two waves or ten corps. The second and third wave corps included troops who spoke French and Spanish.

Because the German attack prevented these highly trained troops from being used as originally planned, Stalin converted them to “guards divisions,” which he used as reserves and “fire brigades” in emergency situations, much as Hitler often deployed Waffen SS forces.

Maps and Phrase Books

In support of his main thesis, Suvorov cites additional data that were not mentioned in his two earlier works on this subject. First, on the eve of the outbreak of the 1941 war Soviet forces had been provided topographical maps only of frontier and European areas; they were not issued maps to defend Soviet territory or cities, because the war was not to be fought in the homeland. The head of the Military Topographic Service at the time, and therefore responsible for military map distribution, Major General M. K. Kudryavtsev, was not punished or even dismissed for failing to provide maps of the homeland, but went on to enjoy a lengthy and successful military career. Likewise, the chief of the General Staff, General Zhukov, was never held responsible for the debacle of the first months of the war. None of the top military commanders could be held accountable, Suvorov points out,
because they had all followed Stalin’s orders to the letter.

Second, in early June 1941 the Soviet armed forces began receiving thousands of copies of a Russian-German phrase book, with sections dedicated to such offensive military operations as seizing railroad stations, orienting parachutists, and so forth, and such useful expressions as “Stop transmitting or I’ll shoot.” This phrase book was produced in great numbers by the military printing houses in both Leningrad and Moscow. However, they never reached the troops on the front lines, and are said to have been destroyed in the opening phase of the war.

Aid from the ‘Neutral’ United States

As Suvorov notes, the United States had been supplying Soviet Russia with military hardware since the late 1930s. He cites Antony C. Sutton’s study, National Suicide (Arlington House, 1973), which reports that in 1938 President Roosevelt entered into a secret agreement with the USSR to exchange military information. For American public consumption, though, Roosevelt announced the imposition of a “moral embargo” on Soviet Russia.

In the months prior to America’s formal entry into war (December 1941), Atlantic naval vessels of the ostensibly neutral United States were already at war against German naval forces. (See Mr. Roosevelt’s Navy: The Private War of the U.S. Atlantic Fleet, 1939-1942, by Patrick Abbazia [Annapolis: Naval Institute Press, 1975]). And two days after the “Barbarossa” strike, Roosevelt announced US aid to Soviet Russia in its war for survival against the Axis. Thus, at the outbreak of the “Barbarossa” attack, Hitler wrote in a letter to Mussolini: “At this point it makes no difference whether America officially enters the war or not, it is already supporting our enemies in full measure with mass deliveries of war materials.”

Similarly, Winston Churchill was doing everything in his power during the months prior to June 1941 — when British forces were suffering one military defeat after another — to bring both the United States and the Soviet Union into the war on Britain’s side. In truth, the “Big Three” anti-Hitler coalition (Stalin, Roosevelt, Churchill) was effectively in place even before Germany attacked Russia, and was a major reason why Hitler felt compelled to strike against Soviet Russia, and to declare war on the United States five months later. (See Hitler’s speech of December 11, 1941, published in the Winter 1988-89 Journal, pp. 394-396, 402-412.)

The reasons for Franklin Roosevelt’s support for Stalin are difficult to pin down. President Roosevelt himself once explained to William Bullitt, his first ambassador to Soviet Russia: “I think that if I give him [Stalin] everything I possibly can, and ask nothing from him in return, noblesse oblige, he won’t try to annex anything, and will work with me for a world of peace and democracy.” (Cited in: Robert Nisbet, Roosevelt and Stalin: The Failed Courtship [1989], p. 6.) Perhaps the most accurate (and kindest) explanation for Roosevelt’s attitude is a profound ignorance, self-deception or naiveté. In the considered view of George Kennan, historian and former high-ranking US diplomat, in foreign policy Roosevelt was “a very superficial man, ignorant, dilettantish, with a severely limited intellectual horizon.”

A Desperate Gamble

Suvorov admits to being fascinated with Stalin, calling him “an animal, a wild, bloody monster, but a genius of all times and peoples.” He commanded the greatest military power in the Second World War, the force that more than any other defeated Germany. Especially in the final years of the conflict, he dominated the Allied military alliance. He must have regarded Roosevelt and Churchill contemptuously as useful idiots.

In early 1941 everyone assumed that because Germany was still militarily engaged against Britain in north Africa, in the Mediterranean, and in the Atlantic, Hitler would never permit entanglement in a second front in the East. (Mindful of the disastrous experience of the First World War, he had warned in Mein Kampf of the mortal danger of a two front war.) It was precisely because he was confident that Stalin assumed Hitler would not open a second front, contends Suvorov, that the German leader felt free to launch “Barbarossa.” This attack, insists Suvorov, was an enormous and desperate gamble. But threatened by superior Soviet forces poised to overwhelm Germany and Europe, Hitler had little choice but to launch this preventive strike.

But it was too little, too late. In spite of the advantage of striking first, it was the Soviets who finally prevailed. In the spring of 1945, Red army troops succeeded in raising the red banner over the Reichstag building in Berlin. It was due only to the immense sacrifices of German and other Axis forces that Soviet troops did not similarly succeed in raising the Red flag over Paris, Amsterdam, Copenhagen, Rome, Stockholm, and, perhaps, London.

The Debate Sharpens

In spite of resistance from “establishment” historians (who in Russia are often former Communists), support for Suvorov’s “preventive strike” thesis has been growing both in Russia and in western Europe. Among those who sympathize with Suvorov’s views are younger Russian historians such as Yuri L. Dyakov, Tatyana S. Bushuyeva, and I. V. Pavlova. (See the Nov.-Dec. 1997 Journal, pp. 32-34.)

With regard to 20th-century history, American historians are generally more close-minded than their counterparts in Europe or Russia. But even in the United States there have been a few voices of support for the “preventive war” thesis — which is all the more noteworthy considering that Suvorov’s books on World War II, with the exception of Icebreaker, have not been available in English. (One such voice is that of historian Russell Stolfi, a professor of Modern European History at the Naval Postgraduate School in Monterey, California. See the review of his book Hitler’s Panzers East in the Nov.-Dec. 1995 Journal.)

Not all the response to Suvorov’s work has been positive, though. It has also prompted criticism and renewed affirmations of the decades-old orthodox view. Among the most prominent new defenders of the orthodox “line” are historians Gabriel Gorodetsky of Tel Aviv University, and John Ericson of Edinburgh University.

Rejecting all arguments that might justify Germany’s attack, Gorodetsky in particular castigates and ridicules Suvorov’s works, most notably in a book titled, appropriately, “The Icebreaker Myth.” In effect, Gorodetsky (and Ericson) attribute Soviet war losses to the supposed unpreparedness of the Red Army for war. “It is absurd,” Gorodetsky writes, “to
claim that Stalin would ever entertain any idea of attacking Germany, as some German historians now like to suggest, in order, by means of a surprise attack, to upset Germany’s planned preventive strike.”

Not surprisingly, Gorodetsky has been praised by Kremlin authorities and Russian military leaders. Germany’s “establishment” similarly embraces the Israeli historian. At German taxpayers expense, he has worked and taught at Germany’s semi-official Military History Research Office (MGFA), which in April 1991 published Gorodetsky’s Zwei Wege nach Moskau (“Two Paths to Moscow”)

In the “Last Republic,” Suvorov responds to Gorodetsky and other critics of his first two books on Second World War history. He is particularly scathing in his criticisms of Gorodetsky’s work, especially “The Icebreaker Myth.”

Some Criticisms

Suvorov writes caustically, sarcastically, and with great bitterness. But if he is essentially correct, as this reviewer believes, he — and we — have a perfect right to be bitter for having been misled and misinformed for decades.

Although Suvorov deserves our gratitude for his important dissection of historical legend, his work is not without defects. For one thing, his praise of the achievements of the Soviet military industrial complex, and the quality of Soviet weaponry and military equipment, is exaggerated, perhaps even panegyric. He fails to acknowledge the Western origins of much of Soviet weaponry and hardware. Soviet engineers developed a knack for successfully modifying, simplifying and, often, improving, Western models and designs. For example, the rugged diesel engine used in Soviet tanks was based on a German BMW aircraft diesel.

One criticism that cannot in fairness be made of Suvorov is a lack of patriotism. Mindful that the first victims of Communism were the Russians, he rightly draws a sharp distinction between the Russian people and the Communist regime that ruled them. He writes not only with the skill of an able historian, but with reverence for the millions of Russians whose lives were wasted in the insane plans of Lenin and Stalin for “world revolution.”


About the Author

Daniel W. Michaels is a Columbia University graduate (Phi Beta Kappa, 1954), a Fulbright exchange student to Germany (1957), and recently retired from the US Department of Defense after 40 years of service.


From The Journal of Historical Review, July-August 1998 (Vol. 17, No. 4), pp. 30 ff.

TESTO IN ITALIANO

 

Per molti anni, un ex ufficiale del controspionaggio militare sovietico, Vladimir Rezun, ha provocato accese discussioni in Russia per la sua sorprendente opinione che Hitler attaccò la Russia sovietica nel Giugno 1941 proprio mentre Stalin si stava preparando a travolgere la Germania e l’Europa occidentale come parte di una operazione ben pianificata per “liberare” tutta l’Europa e porla sotto il giogo comunista.

Scrivendo con lo pseudonimo di Viktor Suvorov, Rezun ha sviluppato questa tesi in tre libri. Icebreaker (il rompighiaccio) che è stato pubblicato in una edizione in lingua inglese. Dni M (il Giorno M). Entrambi recensiti nel Journal of Historical Review del Novembre-Dicembre 1997. Il terzo libro, qui recensito, è un’opera di 470 pagine: “L’Ultima Repubblica: Perché l’Unione Sovietica Perse la Seconda Guerra Mondiale”, pubblicato in russo a Mosca nel 1996.

Suvorov esibisce un mucchio di prove che dimostrano che quando Hitler lanciò “l’Operazione Barbarossa” contro la Russia sovietica il 22 Giugno 1941, le forze tedesche riuscirono ad infliggere enormi perdite ai sovietici proprio perché le truppe dell’Armata Rossa erano sì meglio preparate ad una guerra, ma per una guerra di aggressione, prevista per gli inizi di Luglio, e non per una guerra difensiva alla quale furono costretti in seguito all’attacco preventivo di Hitler.

Nel Il Rompighiaccio Suvorov elenca in dettaglio le forze messe in campo dalle forze sovietiche nel Giugno 1941, descrivendo proprio come Stalin ammassò enormi quantità di truppe e armamenti lungo la frontiera europea, non per difendere la patria sovietica ma in preparazione di un attacco ad ovest e cruenti battaglie sul territorio nemico.

Così, quando le forze tedesche colpirono, il grosso della forza aerea e terrestre russa era concentrata lungo le frontiere occidentali sovietiche che si affacciavano su paesi vicini, specialmente il Reich tedesco e la Romania, pronta all’assalto finale all’Europa.

Nel suo secondo libro sulle origini della guerra, “ Il Giorno M “ (M sta per Mobilitazione), Suvorov spiega dettagliatamente come, fra la fine del 1939 e l’estate del 1941, Stalin allestiva metodicamente e sistematicamente la più potente e meglio armata forza militare al mondo, anzi, la prima superpotenza mondiale, per la sua conquista pianificata dell’Europa. Suvorov spiega come la drastica conversione di Stalin dell’economia del paese ad economia di guerra, rese la guerra inevitabile.

UN UNIONE SOVIETICA GLOBALE

Nel libro “L’Ultima Repubblica”, Suvorov  aggiunse alle prove esibite nei suoi due precedenti libri, a rinforzo dei suoi argomenti, che Stalin si stava preparando per runa guerra di aggressione, mettendo in evidenza in particolare la motivazione ideologica delle azioni del leader sovietico. Il titolo si riferisce a quello sfortunato paese che sarebbe stato incorporato come la “repubblica finale” nelle “Repubbliche Socialiste dell’Unione Sovietica” globali, completando in tal modo la rivoluzione proletaria mondiale.

Come spiega Suvorov, questo piano faceva completamente parte della dottrina Marxista-Leninista e delle politiche di Lenin nei primi anni del regime sovietico. Lo storico russo sostiene in modo convincente che non fu Leon Trotsky (Bronstein), ma piuttosto Stalin, il suo amico meno sfavillante, ad essere un discepolo fedele di Lenin nel promuovere la rivoluzione comunista mondiale. Trotsky insisteva con la sua dottrina di “rivoluzione permanente” in base alla quale il giovano stato sovietico avrebbe aiutato a fomentare  i disordini e la rivoluzione dei lavoratori locali nei paesi capitalisti.

Stalin invece voleva che il regime sovietico si avvantaggiasse degli “armistizi” occasionali nella lotta globale per consolidare la forza militare sovietica in attesa del momento giusto, quando forze sovietiche più imponenti e meglio armate avrebbero invaso l’Europa centrale e occidentale, aggiungendo nuove repubbliche sovietiche man mano che questa schiacciante forza si faceva strada attraverso il continente. Dopo il consolidamento riuscito e la sovietizzazione di tutta l’Europa, l’URSS, raggiunta una tale espansione, sarebbe stata pronta per imporre il potere sovietico sull’intero pianeta.

Come Suvorov dimostra, Stalin si accorse che, dando loro una libera scelta, i popoli dei paesi occidentali avanzati non avrebbero mai scelto volontariamente il Comunismo. Questi andava quindi imposto con la forza. Questo piano ambizioso, decise poi in seguito Stalin, poteva essere realizzato solo attraverso una guerra mondiale.

Una prova critica in merito è il discorso di Stalin del 19 Agosto 1939, venuto recentemente alla luce negli archivi sovietici (citato in parte nel Journal of Historical Review del Novembre-Dicembre 1997, pag. 32-33). In esso, l’erede di Lenin affermava:

“ L’esperienza degli ultimi 20 anni ha dimostrato che in tempo di pace il movimento Comunista non è mai abbastanza forte da prendere il potere. La dittatura di tale partito sarà possibile solo in conseguenza di una grande guerra. In seguito, tutti i paesi che avevano accettato la protezione della rinata Germania, diverranno anch’essi nostri alleati. Avremo un’ampia prospettiva per sviluppare la rivoluzione mondiale “.

Inoltre, come hanno anche  accentuato teorici sovietici, il Comunismo non avrebbe mai potuto coesistere pacificamente sul lungo termine con altri sistemi socio-politici. Pertanto, la guida comunista sarebbe stata inevitabilmente imposta in tutto il mondo. Questo obiettivo di “rivoluzione mondiale” era così radicato nella natura e nello sviluppo del “primo stato dei lavoratori” che rappresentava un aspetto vitale del programma sovietico persino prima che Hitler e il suo movimento Nazionalsocialista arrivassero al potere in Germania nel 1933.

Stalin decise di colpire in una data e in un luogo di sua scelta. A questo scopo, lo sviluppo sovietico dei più avanzati armamenti offensivi, in particolare carri armati, aerei e truppe aviotrasportate, era già iniziato agli inizi degli anni 30. Per assicurarsi il successo di questa intrepida avventura, alla fine del 1939 Stalin ordinò l’allestimento di una potente macchina  da guerra che fosse stata superiore in quantità e qualità a tutte le possibili forze nemiche. Il suo primo ordine segreto per una totale mobilitazione militare-industriale del paese fu emesso nell’Agosto del 1939. Un secondo ordine di mobilitazione totale, questa volta di mobilitazione militare, veniva emesso lo stesso giorno nel quale ebbe inizio la guerra.

DELUSIONE

L’attacco “Barbarossa” tedesco mandò a monte il ben progettato piano di Stalin di “liberare” l’Europa. Al riguardo, Suvorov sostiene che Stalin “perse” la Seconda Guerra Mondiale. Il premier sovietico poteva considerare la sconfitta della Germania e la conquista dell’Europa orientale e centrale solamente come  una delusione.

Secondo Suvorov, Stalin rivelò la sua delusione sull’esito della guerra in vari modi. Primo, la parata della vittoria del 1945 non fu condotta da lui in persona ma dal comandante supremo Gen. Georgi Zhukov. Secondo, non fu più autorizzata nessuna parata ufficiale del 9 Maggio fin dopo la morte di Stalin. Terzo, Stalin non portò mai nessuna delle medaglie delle quali fu insignito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Quarto, una volta, in un momento di umore depresso, espresse ai membri del suo circolo esclusivo il desiderio di ritirarsi ora che la guerra era finita. Quinto, e forse il più significativo, Stalin abbandonò l’opera a lungo progettata del Palazzo dei Soviets.

UN MONUMENTO  INCOMPIUTO

L’enorme palazzo dei Soviets, approvato dal governo sovietico agli inizi degli anni 30, doveva essere alto 1.250 piedi (381 metri), sormontato da una statua di Lenin alta 300 piedi (91 metri), più alto dell’Empire State Building di New York. Doveva essere costruito al posto della vecchia Cattedrale di Cristo  Salvatore. Su ordine di Stalin il magnifico simbolo della vecchia Russia fu fatto saltare nel 1931, un atto per mezzo del quale i governanti comunisti del paese radevano al suolo simbolicamente l’anima della vecchia Russia per fare posto all’epicentro dell’URSS mondiale.

Tutte le “repubbliche socialiste” del mondo, inclusa “l’ultima repubblica”, sarebbero state infine rappresentate nel Palazzo. La sala principale di questo santuario secolare doveva portare l’iscrizione del giuramento che Stalin aveva reso ai funerali di Lenin con cadenze quasi religiose: “ Quando ci ha lasciati, il compagno Lenin ci ha lasciato in eredità la responsabilità di rafforzare ed espandere l’Unione delle Repubbliche Socialiste. Ti facciamo la solenne promessa, compagno Lenin, che noi assolveremo con onore il tuo sacro comandamento “.

Comunque, furono terminate solo le fondamenta di questo grandioso monumento e, durante gli anni 90, dopo il collasso dell’URSS, la Cattedrale del Cristo Salvatore fu accuratamente ricostruita nello stesso luogo.

LA VERSIONE UFFICIALE

Per decenni la versione ufficiale del conflitto germano-sovietico del 1941-1945, sostenuta dagli storici di regime sia in Russia che in Occidente, è stata più o meno qualcosa del genere:

Hitler lanciò una “guerra lampo” a sorpresa contro una misera Unione Sovietica impreparata, ingannando il suo leader, l’ignaro e fiducioso Stalin. Il Führer tedesco era mosso dalla bramosia di “spazio vitale” e di risorse naturali nell’Est arretrato e, con la sua determinazione covata da lungo tempo, spazzare via il “Comunismo Ebraico” una volta per tutte. In questa vigliacca aggressione, che era una parte importante del folle progetto di Hitler di “conquistare il mondo”, gli aggressori “nazisti” o “fascisti” all’inizio sbaragliarono ogni resistenza con la loro superiorità di aerei e carri armati moderni.

Questa opinione, affermata dai giudici alleati al Tribunale postbellico di Norimberga, viene ancora largamente accettata sia in Russia che negli Stati Uniti. In Russia oggi, la maggior parte della gente (e non solo coloro che sono nostalgici del vecchio regime sovietico), accetta questa linea “politicamente corretta”. Da un lato essa “spiega” le enormi perdite in uomini e materiali dell’Unione Sovietica durante la Seconda Guerra.

SEGNATI FIN DALL’INIZIO

Contro la tesi ufficiale che l’Unione Sovietica non era preparata alla guerra nel Giugno 1941,  Suvorov  in effetti evidenzia che erano i tedeschi a non essere veramente pronti. Il piano “Operazione Barbarossa” frettolosamente preparato dalla Germania, che prevedeva una vittoria nella “guerra lampo” in quattro o cinque mesi da parte di forze inferiori su tre vasti fronti, era segnato fin dal suo inizio.

Inoltre, continua a mettere in evidenza Suvorov, la Germania mancava di materie prime (incluso il petrolio), essenziali a sostenere un conflitto di tali dimensioni.

Suvorov sostiene che, un’altra ragione della mancanza di preparazione da parte della Germania era che i suoi leaders militari sottovalutarono seriamente l’azione delle forze sovietiche nella guerra invernale contro la Finlandia del 1939-1940. Va detto che combatterono in condizioni invernali tremendamente rigide, temperature di meno 40 gradi e molti centimetri di neve, contro le fortificazioni di cemento armato ben predisposte e  basi sotterranee della “Linea Mannerheim” finlandese. Nonostante questo, è spesso dimenticato che l’Armata Rossa, dopo tutto, costrinse i finlandesi ad un umiliante armistizio.

Suvorov sottolinea che è sempre un errore sottovalutare il proprio nemico. Ma Hitler fece questo calcolo sbagliato. Nel 1943, quando la marea bellica si era rivolta contro la Germania, egli ammise la sua valutazione errata delle forze sovietiche due anni prima.

DISPARITA’ NELLE UNITA CORAZZATE A CONFRONTO

A riprova che era Stalin, e non Hitler, ad essere pronto per la guerra, Suvorov mette a confronto l’armamento sovietico e quello tedesco alla metà del 1941, in particolar modo per quanto riguarda tutto quell’armamento di natura offensiva come carri armati e forze aviotrasportate. E’ un assioma generalmente accettato nell’arte militare che le forze attaccanti debbano avere una superiorità numerica di tre a uno nei confronti degli aggrediti. Come spiega Suvorov, quando i tedeschi lanciarono l’offensiva la mattina del 22 Giugno 1941, attaccarono con un totale di 3.350 carri, mentre i sovietici ne avevano un totale di 24.000, cioè Stalin aveva sette volte più carri armati rispetto a Hitler, ossia un numero di carri ben 21 volte superiore a quello che sarebbe stato necessario per una difesa adeguata. Inoltre Suvorov evidenzia che i carri sovietici erano superiori in tutti gli aspetti tecnici, inclusa la potenza di fuoco, raggio e spessore della corazza.

Lo sviluppo della produzione di carri pesanti era già iniziato agli inizi degli anni 30. Ad esempio, nel 1933 i sovietici stavano già producendo in serie e distribuendo al loro esercito, il modello T-35, un carro da 45 tonnellate con tre cannoni, sei mitragliatrici e 30 mm. di protezione corazzata. Mentre invece i tedeschi iniziarono lo sviluppo e la produzione di un carro armato similare, da 45 tons, solo dopo che la guerra era iniziata alla metà del 1941.

Nel 1939 i sovietici avevano già aggiunto tre modelli di carri pesanti al loro parco macchine. Inoltre, i sovietici disegnarono i loro carri con cingoli più larghi e con motori diesel (che erano meno infiammabili di quelli che usano carburanti convenzionali). Ancora, i carri armati sovietici erano costruiti con il motore e la guida posteriore, migliorando l’efficienza generale e la vista dell’operatore. I carri armati tedeschi avevano un allestimento meno efficiente, con il motore posteriore ma con la guida nella parte anteriore.

Quando iniziò il conflitto nel Giugno del 1941, afferma Suvorov, la Germania non aveva carri pesanti, solo 309 carri medi e solamente 2.668 carri inferiori leggeri. Dal canto loro, i sovietici, allo scoppio della guerra, non avevano a loro disposizione solo carri più pesanti, ma anche di migliore qualità.

In merito, Suvorov cita il ricordo del generale tedesco delle forze corazzate Heinz Guderian che scrisse nelle sue memorie Panzer Leader (1952/1996, pag. 143):

Nella primavera del 1941, Hitler aveva specificatamente ordinato che fossero mostrate ad una commissione militare russa le nostre scuole per carristi e le nostre fabbriche. Questo affinché non fosse loro nascosto niente. Gli ufficiali russi in questione si rifiutarono di credere che il Panzer IV fosse in effetti il nostro carro più pesante. Dissero ripetutamente che stavamo nascondendo loro i nostri modelli più nuovi, e asserivano che non stavamo eseguendo gli ordini di Hitler di mostrare loro ogni cosa. La commissione militare fu così insistente su questo punto che, alla fine, i nostri produttori ed i funzionari  dell’Ufficio Armamenti conclusero: “sembra che i russi siano già in possesso di carri migliori e più pesanti dei nostri “.  Fu alla fine di Luglio del 1941 che il carro T-34 fece la sua apparizione al fronte ed il mistero del nuovo modello russo fu risolto.

Suvorov cita un altro fatto rivelatorio, tratto da World War II Almanac (almanacco della Seconda Guerra Mondiale) di Robert Goralski (1982, pag. 164. Il 24 Giugno 1941, solo due giorni dopo lo scoppio della guerra tedesco-sovietica:

I russi fecero entrare in azione vicino a Raseiniai (Lituania) il loro carro armato gigante Klim Voroshilov. Modelli che pesavano da 43 a 52 tonnellate sorpresero i tedeschi che trovavano il KV quasi inarrestabile. Uno di questi carri russi ricevette 70 colpi diretti ma nessuno penetrò la sua corazza.

Per farla breve, la Germania affrontò i colossi sovietici con carri troppo leggeri, troppo pochi numericamente e inferiori sia nelle prestazioni che nella potenza di fuoco. E questa disparità continuava mentre la guerra andava avanti. Solo nel 1942, le fabbriche sovietiche produssero 2.553 carri pesanti, mentre i tedeschi ne produssero soltanto 89. Persino alla fine della guerra, il miglior carro in combattimento era il modello sovietico IS (“Iosif Stalin”).

Suvorov invita sarcasticamente gli storici militari di regime di studiare un libro sui carri armati sovietici di Igor P. Shmelev, pubblicato nel 1993, tra le altre cose, dalla Hobby Book Publishing Company di Mosca. Il lavoro di un onesto analista militare come Shmelev, uno che interessa e ama il suo hobby e la verità, dice Suvorov, è spesso superiore a quello di un impiegato pagato dal governo.

DISPARITA’ NELLE FORZE AVIOTRASPORTATE

Persino più evidente era la superiorità sovietica nelle forze aviotrasportate. Prima della guerra, i bombardieri sovietici DB-3f e SB, nonché i TB-1 e i TB-3 (dei quali Stalin ne possedeva un migliaio), erano stati modificati per il trasporto sia di truppe che di bombe. Alla metà del 1941 le forze armate sovietiche avevano addestrato centinaia di migliaia di paracadutisti (Suvorov dice almeno un milione) per l’attacco pianificato contro la Germania e l’Occidente. Queste truppe aviotrasportate dovevano essere paracadutate e dispiegate dietro le linee nemiche in diverse ondate, ognuna di esse consistente di cinque corpi di assalto aviotrasportati (VDK’s), ogni corpo consistente di 10.149 uomini, personale di servizio, una divisone di artiglieria ed un battaglione corazzato a parte (50 carri). Suvorov elenca gli ufficiali comandanti e le basi delle prime due ondate, cioè dei primi dieci corpi. I corpi della seconda e della terza ondata includevano truppe che parlavano francese e spagnolo.

Poiché l’attacco tedesco non permise a queste truppe altamente addestrate di essere usate come pianificato in origine, Stalin le convertì in “divisioni di guardie”, che usò come riserve e “vigili del fuoco” in situazioni di emergenza, un po’ come Hitler dispiegava le forze della SS.

MAPPE E FRASARI

A sostegno della sua tesi principale, Suvorov cita ulteriori dati che non furono menzionati nelle sue due precedenti opere sull’argomento. Per prima cosa, alla vigilia dello scoppio della guerra nel 1941, le forze sovietiche avevano in dotazione mappe topografiche solo di zone di frontiera ed europee; non avevano mappe per difendere il territorio o le città sovietiche, visto che la guerra non doveva essere combattuta in casa. Il capo dei Servizi Topografici Militari dell’epoca, e quindi responsabile per la distribuzione delle mappe militari, Maggiore Generale M.K. Kudryavtsev, non venne punito e nemmeno espulso per non aver fornito mappe del proprio paese, ma continuò a godere di una lunga carriera militare di successo. La stessa cosa per il Capo di Stato Maggiore Generale Zhukov, il quale non fu mai ritenuto responsabile per le sconfitte nei primi mesi della guerra. Nessuno dei massimi comandanti militari poteva essere ritenuto responsabile, fa notare Suvorov, perché avevano tutti seguito alla lettera gli ordini di Stalin.

Seconda cosa, agli inizi del Giugno del 1941 le forze armate sovietiche iniziarono a ricevere migliaia di copie di libretti con frasi dal russo al tedesco, con capitoli dedicati a queste operazioni offensivi militari come la presa di stazioni ferroviarie, orientare i paracadutisti e così via, ed espressioni utili come “ smettila di trasmettere altrimenti sparo “. Questi libri-frasari furono prodotti in grandi quantità dalle case editrici  militari di Leningrado e Mosca. Tuttavia non raggiunsero mai le truppe sulle linee del fronte e si dice che siano stati distrutti nella fase iniziale della guerra.

AIUTI DAGLI STATI UNITI “NEUTRALI”

Suvorov fa notare che gli Stati Uniti hanno rifornito la Russia sovietica di armamenti pesanti sin dalla fine degli anni 30. Cita lo studio di Antony C. Sutton, National Suicide (suicidio nazionale), Arlington House, 1973, il quale racconta che nel 1938 il Presidente Roosevelt concluse un accordo segreto con l’URSS per lo scambio di informazioni militari. Per uso e consumo del pubblico americano, comunque, Roosevelt annunciò l’imposizione di un “embargo morale” all’Unione Sovietica.

Nei   mesi precedenti all’entrata in guerra ufficiale dell’America (Dicembre 1941), i bastimenti navali nell’Atlantico degli Stati Uniti apparentemente neutrali erano già in guerra contro le forze navali tedesche. (Vedi: Mr. Roosevelt’s Navy: The Private War of the U.S. Atlantic Fleet, 1939-1942, di Patrick Abbazia (la marina del Sig. Roosevelt: la Guerra privata della flotta atlantica Americana, 1939-1942), Annapolis; Naval Institute Press, 1975. E due giorni dopo l’attacco “Barbarossa”, Roosevelt annunciò gli aiuti americani alla Russia sovietica nella sua guerra per la sopravvivenza contro l’Asse. Così, allo scoppio appunto dell’Operazione Barbarossa, Hitler scrisse una lettera a Mussolini dicendo: “ A questo punto non fa alcuna differenza se l’America entra ufficialmente in guerra o meno, visto che sta già sostenendo i nostri nemici a tutto campo con enormi forniture di materiali bellici “.

Dal canto suo, Winston Churchill faceva tutto quello che era in suo potere durante i mesi precedenti il Giugno 1941, quando le forze britanniche subivano una sconfitta militare dopo l’altra, per portare Stati Uniti ed Unione Sovietica in guerra al fianco della Gran Bretagna. In verità, la coalizione anti-Hitler dei “Grandi Tre” (Stalin, Roosevelt, Churchill) era già in atto persino prima che la Germania attaccasse la Russia e fu un ulteriore ragione per la quale Hitler si sentiva obbligato a colpire l’Unione Sovietica e dichiarare guerra agli Stati Uniti cinque mesi dopo. (Vedi il discorso di Hitler dell’11 Dicembre 1941, pubblicato nell’inverno 1988-89 nel Journal of Historical Review, pag. 394-396, 402-412)

Le ragioni del sostegno di Franklin Roosevelt a Stalin sono difficili da individuare. Lo stesso Presidente Roosevelt disse una volta a William Bullitt, il suo primo ambasciatore nella Russia Sovietica: “ Penso che se gli do (riferendosi a Stalin) tutto quello che posso e non gli chiedo niente in cambio, lui non cercherà di annettersi tutto e lavorerà con me per un mondo di pace e di democrazia “ (Citato in: Robert Nisbert, Roosevelt and Stalin: The Failed Courtship (Roosevelt e Stalin: il corteggiamento mancato), 1989, pag. 6. Forse la spiegazione più logica (e più gentile) per l’atteggiamento di Roosevelt è una profonda ignoranza, l’auto-illusione o ingenuità. Secondo l’opinione accreditata di George Kennan, storico ed ex diplomatico americano di alto rango, in materia di politica estera Roosevelt era “ un uomo molto superficiale, ignorante, dilettante, con un orizzonte intellettuale altamente limitato “

 

UN AZZARDO DISPERATO

Suvorov  riconosce di essere affascinato da Stalin, che  definisce “un animale, un selvaggio, un mostro sanguinario, ma un genio di tutti i tempi e popoli”. Comandò la più grande macchina militare della Seconda Guerra Mondiale, quella forza che più di ogni altra sconfisse la Germania. Specialmente negli ultimi anni del conflitto, egli dominò sull’alleanza militare Alleata. Deve aver considerato  entrambi Churchill e Roosevelt  come utili idioti.

Agli inizi del 1941, siccome la Germania era ancora militarmente impegnata contro l’Inghilterra nel Nord Africa, nel Mediterraneo e nell’Atlantico, nessuno riteneva che Hitler si sarebbe mai impegolato in un secondo fronte ad Est. (Ricordandosi la disastrosa esperienza della Prima Guerra Mondiale, nel Mein Kampf egli ammoniva sul mortale pericolo di una guerra su due fronti). Era appunto perché confidava nel fatto che Stalin presumesse che Hitler non avrebbe aperto un secondo fronte che portò il leader tedesco ad iniziare l’Operazione Barbarossa. Questo attacco, insiste Suvorov, fu un enorme e disperato azzardo. Ma, minacciato da forze sovietiche superiori  pronte a schiacciare la Germania e l’Europa, Hitler non aveva altra alternativa che lanciare il suo attacco preventivo.

Ma fu troppo poco e troppo tardi. Nonostante il vantaggio di attaccare per primi, furono i sovietici che alla fine prevalsero. Nella primavera del 1945, truppe dell’Armata Rossa riuscirono ad issare la bandiera rossa sul palazzo del Reichstag a Berlino. Lo dobbiamo agli immensi sacrifici delle forze tedesche e dell’Asse se le truppe sovietiche non sono riuscite ad issare la bandiera rossa a Parigi, Amsterdam, Copenhagen, Roma, Stoccolma e, forse, Londra.

IL DIBATTITO SI INASPRISCE

Nonostante la resistenza da parte degli storici “di regime” (che in Russia sono spesso ex comunisti), il sostegno alla tesi di Suvorov circa “l’attacco preventivo” è in costante aumento sia in Russia, sia nell’Europa occidentale. Fra coloro che simpatizzano con le opinioni di Suvorov ci sono giovani storici russi come Yuri L. Dyakov, Tatyana S. Bushuyeva e I.V. Pavlova. (vedi The Journal of Historical Review del Novembre-Dicembre 1997, pag. 32-34).

Per quanto concerne la storia del 20° secolo, gli storici americani in genere sono di mentalità più chiusa rispetto ai loro colleghi europei o russi. Ma anche negli Stati Uniti  si sono alzate alcune voci a sostegno della tesi  “dell’attacco preventivo”, il che è veramente degno di nota visto che i libri di Suvorov sulla Seconda Guerra Mondiale, tranne The Icebreaker (Il Rompighiaccio), non sono mai stati tradotti in inglese. (Una di queste voci è quella dello storico Russell Stolfi, un professore di storia europea moderna presso la Naval Postgraduate School di Monterey, in California. Vedi la recensione del suo libro: Hitler’s Panzers East nel Journal of Historical Review del Novembre-Dicembre 1995).

Non tutti i riscontri all’opera di Suvorov sono stati positivi. Ha provocato critiche e ripetute affermazioni da parte dell’opinione ortodossa che dura da decenni. Fra i più strenui nuovi difensori della “linea” ortodossa ci sono gli storici Gabriel Gorodetsky dell’Università di Tel Aviv e John Ericson dell’Università di Edimburgo.

Rigettando qualsiasi argomento che possa giustificare l’attacco tedesco, Gorodetsky in particolare critica aspramente e ridicolizza le opere di Suvorov, specialmente in un suo libro intitolato “The Icebreaker Myth” (Il Mito del Rompighiaccio). Infatti, Gorodetsky (e Ericson) attribuiscono le perdite sovietiche alla mancanza di preparazione alla guerra dell’Armata Rossa. “ E’ assurdo “ – scrive Gorodetsky – “ asserire che Stalin avesse avuto l’idea di attaccare la Germania, come alcuni storici tedeschi amano ritenere, in modo da mandare all’aria, tramite un attacco a sorpresa, l’aggressione preventiva pianificata dalle Germania “.

Non a caso, Gorodetsky è stato elogiato dalle autorità del Cremlino e dai leaders militari russi. Storici “di regime” tedeschi condividono la tesi dello storico israeliano. A spese del contribuente tedesco, ha lavorato e insegnato al semi-ufficiale Ufficio di Ricerca Storica Militare tedesco (MGFA), che nell’Aprile 1991 pubblicò il libro di Gorodetsky Zwei Wege nach Moskau (due strade per Mosca).

Nel libro “ L’Ultima Repubblica “, Suvorov replica a Gorodetsky e ad altri critici dei suoi primi due libri sulla storia della Seconda Guerra Mondiale. E’ particolarmente aspro nella sua critica verso l’opera di Gorodetsky, in particolare “Il Mito del Rompighiaccio”.

ALCUNE CRITICHE

Suvorov scrive in modo caustico, sarcastico e con grande amarezza. Ma se è fondamentalmente nel giusto, come il sottoscritto ritiene, allora egli, e tutti noi, abbiamo tutto il diritto di essere amareggiati per essere stati fuorviati e disinformati per decenni.

Sebbene Suvorov meriti la nostra gratitudine per la sua importante analisi storica, la sua opera non è senza difetti. Da una parte, il suo elogio per gli obiettivi raggiunti dal complesso militare-industriale sovietico e per la qualità dell’equipaggiamento militare e per l’armamento sovietico, è esagerato, forse addirittura esaltato. Dimentica di riconoscere le origini occidentali di gran parte dell’armamento sovietico. Gli ingegneri sovietici svilupparono un talento per modificare, semplificare e, spesso, migliorare con successo i modelli e i concetti occidentali. Ad esempio, il rude motore a diesel usato dai carri armati sovietici era basato su un motore a diesel tedesco per aerei della BMW.

Una critica che per correttezza non si può fare a Suvorov è la mancanza di patriottismo. Consapevole che le prime vittime del comunismo furono i russi, egli fa giustamente una acuta distinzione fra il popolo russo ed il regime comunista che lo governava. Egli scrive non solo con la competenza di uno storico in gamba ma anche nel rispetto di milioni di russi le cui vite furono sprecate nei  folli progetti di Lenin e Stalin per la “rivoluzione mondiale”.

CIRCA L’AUTORE

Daniel W. Michaels è laureato alla Columbia University (Phi Beta Kappa, 1954), membro del progetto Fullbright per lo scambio di studenti in Germania (1957), e ritiratosi di recente dal Dipartimento della Difesa americano dopo 40 anni di servizio.

Traduzione a cura di: Gian Franco SPOTTI

 

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: