Berlusconi e l’uveite.


Dobbiamo considerare l’uveite del sig Berlusconi una semplice forma “anteriore”, non specificando gran che il comunicato medico emnesso.
Dunque, uveite acuta che è tra le più comuni di questi sconsiderati e odierni tempi.
Uveite che spessissimo ammette come agente etiologico la “Candida Albicans” che è una micelio saprofita anche di vie vaginali e intestinali, inluso il retto.
Uveite perciò spesso trasmessa anche per certe abitudini sessuali diciamo di… ficcare il naso in buchi altrui.
Però non sono a conoscenza, anche in caso di candidemie (forme più gravi), della creazione di patologie cardiache per questa infezione; né le terapie curative adottabili, se di candidosi si tratta, dovrebbero essere in grado di interessare/deprimere la pompa cardiaca.
Allora, a mio parere è lecito chiedersi se attesta il vero il comunicato emanato per la discrepanza di patologie dichiarate dai medici curanti che hanno aggiunto con enunciato successivo: “Lo tratteniamo (Berlusconi) per controllarne le funzioni cardiache” (Corriere della Sera)!
Aggiungo anche che, in ogni caso di mancata comparizione presso la Procura della Repubblica ove si è invitati, la prassi giudiziaria/medico legale prevede l’invio del M. L. o altro specialista presso la residenza/domicilio dell’Attore, ove questo avesse inviato certificato medico attestante cattiva salute.
In caso di latitanti sarà l’avvocato difensore a condurre il M. L. nel luogo di degenza, fermo restando il segreto d’ufficio del M. L. stesso che non dovrà rivelare il luogo di degenza.
Dunque, da questo punto di vista il sig Berlusconi è stato trattato a norma di legge, checché ne dicano il sig Angelino Alfano e colleghi suoi.
Che poi queste leggi siano discutibili, e che anche la Repubblica sia da “migliorare” è altro discorso!
kiriosomega

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: