CAPEZZONE- L’AMMAESTRATO RADICAL/BERLUSCONIANO PAGATO!


Lo sciancato

personalità crepuscolare

personalità crepuscolare

Romano, trentotto anni, è lo stesso Daniele Capezzone che il 4 aprile 2006 accusava Berlusconi di essersi fatto «una canna», e neppure una canna normale: chissà «che gli ha dato il pusher per fargli dire una cosa del genere». Era il giorno in cui Berlusconi aveva definito «coglioni» gli elettori di centrosinistra. È lo stesso Daniele Capezzone che vedeva il Cavaliere rifugiato «in un tunnel solipsista e autocelebrativo» (29 maggio 2004). È lo stesso Daniele Capezzone che, quando Berlusconi intervenne in inglese al Congresso degli Stati Uniti, lo paragonò a «Totò e Peppino a Milano col colbacco che si rivolgono al vigile dicendo: “noio volevan savuar…”» (1° marzo 2006). Berlusconi era anche «lo sciancato di Arcore», «Mago do Nascimento», «fascista». E attenzione a questa: «È incontrovertibile che Silvio Berlusconi, prescrizione o no, abbia pagato o fatto pagare magistrati; cosi come da Palermo, quale che sia la qualificazione giuridica di questi fatti, emergono fatti e comportamenti oscuri di cui qualcuno, Berlusconi in testa, dovrà assumersi la responsabilità politica» (11 dicembre 2004, Ansa).

(DAL BLOG CADO IN PIEDI)

Pubblica un Commento

You must be logged in to post a comment.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: