PROEMIO

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

e fu kiriosomega

e fu kiriosomega

kiriosomega

kiriosomega

PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

Fighette e compagne- La vera storia della femmina da Eva in poi!

La Fighetta

La categoria delle Fighette è principalmente composta da ragazze, in genere giovani (17-21 anni), che se la portano a spasso ridendo e scherzando con uno stuolo di amiche, in genere fighette anch’esse. La Fighetta non si caratterizza per una particolare bellezza, è semplicemente un tipo che, per come si comporta, sembra disponibile salvo poi rivelare un carattere da vera rompi coglioni nel momento in cui l’approccio diviene più esplicito…

La Gnocca

La classe delle Gnocche è composta d’elementi di sesso femminile con elevato grado d’attrazione. Caratterizzata di solito da forme assai piacevoli, è solita vestirsi in modo appariscente e gradevole. Si distingue per i suoi modi sensuali e spigliati. Caratteristica fondamentale della Gnocca è tirare la corda quel tanto che serve per fare passare la voglia di tentare un approccio ai comuni mortali non dotati di conto corrente a 10 cifre.

La Cozza

Veramente diffusa, la categoria delle Cozze è composta d’esemplari di sesso (forse) femminile che poco hanno d’umano, ma molto di celenterato… La cozza ha peso variabile ma non necessariamente eccessivo, e, in caso di peso consueto, l’assenza di grasso non ne pregiudica l’appartenenza alla classe dato che normalmente le sue forme assomigliano più a quelle di un coccodrillo che di una donna. Non di rado, la Cozza, pur di darsi un tono la mette giù come e più della Gnocca ottenendo, come risultato, una progressiva migrazione verso la categoria delle Brutte Zitelle Stressacazzi.

Sottogeneri della Cozza sono il Tortellino e l’Arancino.

La Figa Standard (F. S.)

Categoria molto apprezzata quella della Figa standard. E’ una famiglia fondamentalmente composta d’esemplari con alcune caratteristiche peculiari, per esempio belle tette, bel culo od anche altro… La sua diffusione sociale è medio bassa. Dunque, sempre sono d’aspetto piacevole, mostrano discreta disponibilità al dialogo e gran versatilità morale. La Figa Standard si accompagna spesso ad una o più Cozze con cui intrattiene rapporti di amicizia profonda; ciò avviene perché è certa dell’assoluta impossibilità di una qualsiasi forma di concorrenza sessuale da parte delle amiche. Il difetto fondamentale della Figa Standard è una sua rapida declassificazione a Donna Elastico. Il trapasso avviene non appena la F. S. si rende conto della reale attrazione suscitata negli uomini. Questo suo mutare la rende pericolosa per una frequentazione a lungo termine.

La Figa Pazzesca (F. P.)

Rarissima specie di donna caratterizzata da un aspetto da far sbavare. Curve perfette, sorriso ammaliante e abbigliamento preciso, la Figa Pazzesca è una delle prede più ambite in ogni ambiente. Questa categoria è dotata in genere di una notevole simpatia; purtroppo, spesso, anche di scarsa intelligenza che la porta, a volte, ad infilarsi in storie assurde con personaggi maschili che, pur di tenersela stretta, depauperano tutte le loro risorse economiche nell’attività di correlazione offrendo aperitivi, cenette, regali, locali notturni e, in non rari casi, stupefacenti. La Figa pazzesca è, e rimane, un “cult” per ogni uomo che è in grado di superare l’iniziale momento d’euforia dato dalla conquista dell’esemplare.

La Donna Elastico

La Donna Elastico è una delle specie più diffuse. La famiglia è composta sia da esemplari nativi, sia da ex esemplari di Figa standard. La Donna Elastico vive la propria esistenza tra frequentazioni maschili, saltando da uno all’altro con la stessa facilità con cui si cambia di abito. Generalmente dotata di scarso senso dell’autocritica, la Donna Elastico è convinta che in ogni caso il suo comportamento sia corretto, anche se contrario a qualunque morale, persino alla propria! E’ detta Donna Elastico proprio per la sua flessibilità nei rapporti interpersonali. Non predilige mai una particolare persona, ma si uniforma alle esigenze del momento mantenendo in se stessa una fortissima componente di cinismo. Caratteristica propria della Donna Elastico è la sua capacità di circuire gli uomini, facendo credere di fare parte della famiglia delle Fighette o delle Fighe standard, salvo poi dimostrare, con il tempo, di essere molto più affine alla categoria delle Troie rendendosi pertanto molto pericolosa.

La Brutta Zitella Stressacazzo (B. Z. S.)

E’ questo un terribile esempio di come un essere umano possa degenerare. Infatti, le Brutte Zitelle Stressacazzo sono una vera e propria mina vagante. Generalmente orribili, questi esseri circolano liberamente con tutto il loro pesante carico d’odio ed invidia verso ogni altro genere femminile. Escludono dalla loro acidità solo il genere Cozze con le quali intrattengono spesso rapporti d’indiscrezione, maldicenza e pettegolezzo. Spesso, la Brutta Zitella Stressacazzi è accompagnata dalla madre o dalla nonna che con ciò compiono esemplare opera di carità verso il mondo intero sottraendo tempo alle parenti, ché altrimenti questo sarebbe destinato alla devastazione dei rapporti altrui. Purtroppo, però, le appartenenti a questa famiglia hanno in genere una predisposizione naturale al disbrigo rapido di tutte le faccende e lavori che altri femminili esemplari eseguono in tempi standard, ciò rende quindi difficile la loro alienazione da troppo lavoro. Non sono rari i casi in cui la Brutta Zitella Stressacazzi, data la sua cronica inapplicazione sessuale, perde la testa per qualche esemplare maschile così subendo una temporanea trasformazione che la riporta alla famiglia delle Cozze, da cui pèrò spesso trapassa nella famiglia delle Maialone Orrende Senza Ritegno. Tali transizioni sono generalmente temporanee, tranne in rari casi in cui l’esemplare migra definitivamente nell’ultima categoria e ci resta fino alla vecchiaia.

La Donna in Carriera (D. C.)

La classe delle Donne in carriera, negli ultimi anni, sta avendo grandissima diffusione. Questa categoria è sostanzialmente composta di donne provenienti da altre classi delle quali mantengono parte delle caratteristiche, però spesso ne promuovono di nuove che in alcuni casi si rivelano deleterie. Una di queste nuove caratteristiche è l’atteggiamento del: “So tutto io perchè mi faccio il culo in ufficio e non voglio sentire cazzate perchè sono stanca!”.

Ovviamente, derivante da quest’atteggiamento è il cosiddetto “stress da troppi cazzi”. Il fenomeno è inteso sia in senso morale, sia materiale. Non di rado, infatti, pur di rientrare nella categoria in oggetto, le donne si prestano ad innumerevoli compromessi, ivi compresi quelli di natura sessuale. La febbre da carriera le costringe, quindi, per mantenere il corretto “career improvement path” a costanti sessioni di seduzione sul luogo di lavoro con notevole dispendio delle proprie risorse umane. Questi avvenimenti si riflettono in modo molto negativo sull’eventuale partner maschile che, giustamente, dopo alcuni mesi di tolleranza per l’assenza di un normale equilibrio nella psiche della compagna, inizia a farsi un pochetto i cazzi propri, mollando, come si suole dire, la presa per dedicarsi ad una più sana attività da scapolone. La donna in questione, resasi conto di tutto ciò, in alcuni casi ritorna nella categoria di provenienza, ma di solito accede alla categoria delle Zitelle Lavoratrici Croniche.

La Troia

Come da lapalissiana definizione, la Troia è colei che, pur di divertirsi, passa sopra a qualunque principio morale o materiale. Naturalmente portata ai rapporti interpersonali, la Troia predilige però spaziare in ambienti ad elevata concentrazione economica. In molti casi la Troia è d’aspetto gradevole ed è dotata di una notevole attrazione, essa è inoltre fornita d’alcune capacità previsionali che hanno dell’incredibile. La Troia è capace, in moltissimi casi e solo con una semplice occhiata, ad intuire i seguenti dati di qualsiasi uomo: “Numero di conti correnti intestati, automobili possedute, fido della carta di credito, contanti posseduti nel portafoglio”… Grazie a questa caratteristica la Troia è perciò capace d’avvicinare qualunque uomo, sposato, fidanzato o libero, offrendo in modo più o meno evidente i propri favori sessuali, ed iniziando una costante opera di drenaggio di capitali. Per realizzare la sua manovra adotta la tecnica dello scambio, 10minutidisessoadesso-regalinodaalmeno300sacchi. Caratteristica distintiva della Troia è una normale predilezione per tutti quei generi d’abbigliamento che coniugano l’alta sensualità con la praticità di svestizione. Altra caratteristica importante del loro vestiario è l’estrema capacità di mostrare come innocua macchia ogni sorta di fluido organico maschile in modo da poter poi utilizzare l’abito come arma di ricatto.

La Suora

Nel genere Suore rientrano tutte quelle gentili signorine che, nonostante la loro disponibilità al divertimento ed alla vita notturna, manifestano una presumibile totale avversità ai piaceri della carne. Un comportamento tipico delle Suore è il presentarsi come gentili, affabili, disponibili e soprattutto libere da ogni vincolo, perciò suscitando una legittima curiosità negli esemplari maschili che frequentano, dato che, spesso, gli esemplari appartenenti a questa famiglia sono discretamente attraenti. Il danno che crea la categoria Suore, come lascia intuire il loro nome, consiste nel condurre gli uomini, quasi volontariamente, ad interessarsi sessualmente a loro per poi opporre un secco rifiuto a qualunque genere di proposta anche solo blandamente erotica. Frase tipica delle Suore è: “Ma per chi mi hai presa? Per una che la dà a tutti quelli che incontra?”. Il concetto, riferito alla situazione, è in effetti oggettivamente corretto perché la suora, per definizione di classe, non la dà assolutamente a nessuno. Questo fatto la porta spesso ad uno stato d’eccezionale depressione [perché una donna senza cazzo si sciupa] che è solitamente superato praticando delle feroci sedute d’autoerotismo. Come risultato di questo comportamento, la Suora tende con il tempo a migrare verso altre famiglie, soprattutto verso il nucleo delle Acidone. Ma, a volte, entra a far parte del gruppo delle Zitelle Lavoratrici Croniche, oppure, in alcuni rari casi, per compensazione di una vita di privazioni, si getta nella categoria delle Ninfomani Insaziabili.

La Maialona Orrenda Senza Ritegno (M.O.S.R.)

A questa famiglia appartengono tutti quegli esemplari femminili (…) che, non disponendo di

caratteristiche attrattive sufficienti ad attirare l’attenzione autonoma degli uomini, ricorrono al vecchio trucco di “sbatterla in faccia a tutti quelli che giungono a tiro”. Riconoscibili per l’abbigliamento succinto, dal quale si evidenzia a colpo d’occhio la trabordanza della massa grassa, le M.O.S.R. sono spesso dedite al bere ed alla frequentazione di tutti quei luoghi d’aggregazione dove abbondano gli esemplari maschili in astinenza forzata. In alcuni casi, però, le M.O.S.R. si rivelano utili. Capita, infatti, che qualche esemplare maschile, uscente da una relazione con un esemplare di Donna Elastico o di Fighetta o ancora di Donna in Carriera, frustrato dalla momentanea situazione d’abbandono trovi rifugio nelle attenzioni di una qualche M.O.S.R. Questo avviene spesso perchè le M.O.S.R. sono sempre esperte in una qualche pratica erotica inusuale, e ciò stimola la curiosità del maschio che, dopo un breve periodo trascorso a farsi sollazzare dalla sozzona, la abbandona al suo destino per ricominciare a dedicarsi a prede più ambiziose.

La Zitella Lavoratrice Cronica (Z.L.C.)

Questa famiglia è strettamente legata alla famiglia delle Donne in Carriera. In effetti, si potrebbe definire come una sottospecie della Donna in Carriera dato che normalmente l’atteggiamento è lo stesso tranne che per alcune caratteristiche che permettono la distinzione delle due classi. La Z.L.C., infatti, ha perso il fondamentale interesse alla prosecuzione della carriera perché sovente ottiene uno stop forzato alla crescita professionale causato da un qualche errore di percorso. Ad esempio, capita che una Donna in Carriera nello svolgimento delle sue funzioni cerchi di sedurre l’uomo di una qualche altra Donna in Carriera più in alto di lei nella scala gerarchica. Questo porta la Donna in Carriera di rango più elevato a tramutarsi istantaneamente in Femmina Vendicativa scatenando tutte le armi a sua disposizione per frenare l’avanzata della concorrente. La poveretta, si fa per dire, si trova a questo punto sputtanata in tutto l’ufficio e, vuoi per la vergogna, o per costrizione, si rifugia nello stacanovismo più feroce. Questo fatto la costringe ad abbandonare ogni velleità sia in ambito professionale sia privato, lasciandola dedita soltanto ed esclusivamente al lavoro. Le Z.L.C. possono provenire anche da altre categorie, ma difficilmente escono dalla loro condizione per mutare di classe.

La Ninfomane Insaziabile (N. I.)

Come il nome lascia intuire la Ninfomane Insaziabile è quel tipo di donna, bella o brutta, che non può fare a meno di un pene per più di sei/otto ore. La fame di sesso di queste donne è incredibile. Spesso sono addirittura disposte a raccattare anche i lavavetri agli angoli delle strade pur di farsi penetrare, anche se ovviamente preferiscono frequentare altri generi d’esemplari maschili. In alcuni casi davvero eccezionali la Ninfomane Insaziabile presenta anche le caratteristiche esteriori della Figa Pazzesca, ma in tal caso si è creato un più recente tipo denominato Porno Donna. La Ninfomane Insaziabile è una preda discretamente ambita, pur presentando lo svantaggio di non essere assolutamente affidabile dal punto di vista psicologico. Chiunque si sposasse con una Ninfomane Insaziabile avrebbe la virtuale certezza d’essere cornuto già all’inizio del banchetto di nozze.

La Acidona

La famiglia delle Acidone comprende tutti quegli esemplari che, per un motivo o per l’altro, non sono in grado di passare una serata in compagnia senza rompere i maroni a qualcuno del gruppo. Caratteristica dell’Acidona è la sua capacità d’interpretare e criticare qualunque frase le si rivolge come se fosse un insulto nei suoi riguardi. Ad un classico “Ciao, come stai?”, l’Acidona risponde quasi immancabilmente “Che ti frega? Fatti i cazzi tuoi!”. Da questo comportamento ne deriva un generale disprezzo nei suoi riguardi che la porta, negli anni, ad inacidirsi sempre di più fino a sfociare nella categoria delle Isteriche.

La Tipa

Probabilmente è questa la categoria più diffusa. Le Tipe sono tutte quelle che s’incontrano normalmente ad una festa e che ti chiedono se hai una sigaretta, se glie la fai accendere, se gli reggi la borsa, ma mai, con queste si intrattengono discorsi che durino più di 30 minuti salvo casi eccezionali. In generale la Tipa si presenta come un esemplare femminile normale, salvo poi esteriorizzare caratteristiche che ne permettono una classificazione più specifica in una delle seguenti sottofamiglie:

– Tipa che la dà.

– Tipa che non la dà.

– Tipa che la darebbe, ma ha il tipo.

– Tipa che te la faresti, se non ci fosse la tua Tipa.

– Tipa che te la fai facendole credere che sei chissà chi, e poi non la accompagni neanche a casa.

Il Puttanone

Il Puttanone è una curiosa deviazione della tipologia Troia. Di norma, una Troia resta semplicemente Troia e vive la sua troiaggine quasi coerentemente. In alcuni casi, però, avviene qualcosa che porta la Troia a riconsiderare la propria condizione, e, in una botta d’incredibile moralismo, d’incredibile non c’è solo la grandezza dell’atto di moralismo ma il fatto che questo possa accadere, decide di non dedicarsi più al trapasso di capitali.

Il fatto è che il Puttanone è ormai abituata a saltare da un membro all’altro con agilità, e questo desiderio di uscire dal proprio schema classico “la do se cacci l’euro” la conduce ad intraprendere un cammino dove il bisogno di purgare la propria anima dall’istinto di meretricio le impone di fornire favori sessuali senza richiedere nulla in cambio. Come risultato, il Puttanone scopa con le stesse modalità della Troia, ma non chiede nulla in cambio se non il mero appagamento sessuale. In questo dimostra un atteggiamento simile alla Ninfomane Insaziabile, anche se il ritmo erotico è sicuramente più basso. Nel caso della Ninfomane Insaziabile, infatti, si tratta di bisogno fisico di cazzi, mentre nel puttanone è più che altro spinto dalla scelta personale d’essere disponibile ad ogni uomo.

La Porno Donna

Definire la Porno Donna equivale a comporre una solenne descrizione di uno dei desideri più osceni di molti maschi. Si tratta di una donna splendida, simpatica e soprattutto assetata di sesso più di qualunque altra. Chiaramente un esemplare del genere può avere il suo campo d’applicazione per un periodo massimo di dieci giorni. Assecondare il ritmo di una Porno Donna è pressoché impossibile già se si è ricconi nullafacenti, figurarsi se in più si è costretti al lavoro. Una Porno Donna rappresenta quindi un’impresa nel vero senso del termine. La Porno Donna si presterà sempre a qualsiasi tipo di rapporto sessuale, sarà sempre pronta in qualsiasi momento e in qualunque situazione. Questa categoria di donne permetterà sempre all’uomo di turno di passeggiare amabilmente abbracciato con loro, e gli concederà la facoltà di comunicare con lo sguardo ai propri amici il famoso: “Guardate un po’ chi mi scopo io e voi no”! Tale sensazione d’onnipotenza è però destinata a durare poco, al massimo, come già affermato, dieci giorni. Ciò avviene perché la Porno Donna in questione non mancherà di tenere gli occhi aperti, ed in capo a poco più di un mese tutti gli amici del gruppo avranno ottenuto lo stesso trattamento dalla suddetta, e gli sguardi saranno molto meno fieri.

L’Isterica

Definire l’isterica corrisponde a dare uno sguardo d’insieme un po’ a tutte le donne. Ci sono alcuni esemplari, tuttavia, che fanno della demenza la propria ragione di vita. L’isterica non si preoccupa minimamente della situazione del momento, delle persone con cui ha a che fare e si lascia generosamente andare a degli scatti d’ira furiosa che in non rari casi sfociano in un vero e proprio attacco di violenza gratuita. Il problema è che queste poverette non si rendono conto del fatto che la pazienza umana ha un limite, quindi, giunte all’ennesima incazzatura feroce, quando cercano ancora una volta di schiaffeggiare il povero cristo di turno, perdono i sensi e si risvegliano doloranti con il tatuaggio della sua mano sulla faccia (da cazzo). Di solito, a questo punto, le Isteriche cercano di rimediare con una nuova botta d’insana follia che si manifesta in pianto furioso, ed in soli cinque secondi le facce delle sciagurate appaiono flagellate come da uno tsunami perché litri e litri di lacrime si riversano al suolo provocandone la disidratazione, senza tuttavia mai crearne la morte. Durante la nuova sceneggiata, dalla bocca le Isteriche emettono strani mugolii sempre assolutamente incomprensibili. Questi momenti sono veramente delicati, infatti, il maschio non deve mai comunicare l’incapacità di comprendere ciò che le matte dicono, il rischio minore è quello di riportarle allo stadio immediatamente precedente al pianto, ossia quando pretendevano di mandarvi al tappeto. Quello maggiore, al contrario, è di ritrovarvi effettivamente al tappeto, vittime di una feroce ginocchiata nei coglioni.

Nell’epoca della follia, la follia è di moda!

Nell’epoca della follia, la follia è di moda! è un mondo da schifo

http://video.huffingtonpost.it/cronaca/maria-teresa-meli-mi-auguro-che-il-vesuvio-si-riprenda-le-case-che-i-napoletani-hanno-messo-la/8591/8578

Sian asini o somari i Partiti son sempre uguali!

In vignetta qui si mostra che finanza laica o cattolica pari son!

Ma ci son altri asini? Si! Quelli che zitti da decenni sopportano!

Siamo noi quegli altri asini!

asini o somari partiti son uguali

asini o somari partiti son uguali

Cannabis indica-Perché son contrario a liberalizzazione!

Cannabis Indica-

FORMULA DI STRUTTURA DEL THC

FORMULA DI STRUTTURA DEL THC

DROGHE- SINONIMI_

aromi condimenti erbe odori stupefacenti allucinogeni narcotici ipnotici-

Già la vasta gamma di sinonimi della parola droga deve porre in allarme sulla complessità del discorso!

NON certo per uso di alcuno stupefacente, ma per esperienza medico legale, considero la CANNABIS un veicolo, un vero e proprio carrier che, incapace di “riparare” i problemi esistenziali che conducono al suo uso, per il suo modico effetto psicodislettico (psichedelico) prepara e conduce a paradisi artificiali assai più pericolosi per il consumatore e per la società! Ma meglio si comprenderà la mia valutazione nel corso del discorso che affronto.

Preambolo

Prima di affrontare l’argomento CANNABIS ritengo necessaria una premessa, cioè chiarire almeno sommariamente che i termini stupefacente e droga non sono concetti definiti, ma solo termini ormai consacrati dal linguaggio comune-

Infatti, il sostantivo droga, dall’inglese dry, cioè secco, attraverso cui si indicano una gran serie di sostanze d’origine vegetale utilizzate in gran parte in farmacia, profumeria, in industria agroalimentare…non è comunemente accettato in ambito scientifico.

Anche il termine stupefacente dal latino stupor, da cui deriva in italiano l’aggettivo stuporoso è generico e impreciso, ciò perché nessuna sostanza di quelle comprese nei due concetti che stiamo illustrando è capace di creare “stupor”, ma bensì creano stato stuporoso, cioè la manifestazione esattamente contraria!

I cannabinoidi ad ora noti si distinguono per composizione chimica (tra parentesi l’abbreviazione e il numero di composti):

  • tipo cannabigerolo (CBG; 6);
  • tipo cannabicromene (CBC; 5);
  • tipo cannabidiolo (CBD; 7);
  • tipo delta-9-THC (D-9-THC; 9);
  • tipo delta-8-THC (D-8-THC; 1, prob. artefatto);
  • tipo cannabinolo (CBN; 1, prob. artefatto);
  • tipo cannabinodiolo (prob. artefatto);
  • tipo cannabiciclolo (3);
  • tipo cannabielsoino (5);
  • tipo canabitriolo (9);
  • tetraidrocannabivarina (THCV)

Esempi di sostanze stupefacenti sono:

-La *cocaina che è capace di estrema esaltazione psichica, dunque il contrario dello stupor;

cocaina

cocaina

è un alcaloide che agisce sul sistema nervoso, si ricava dalla lavorazione delle foglie della coca, una pianta presente in Sud America ma principalmente in Perù, Colombia Bolivia, o la si ottiene per sintesi dall’ecgonina

———————————————————————

Formula: C17H21NO4

ID IUPAC: methyl (1R,2R,3S,5S)-3- (benzoyloxy)-8-methyl-8-azabicyclo[3.2.1] octane-2-carboxylate

Massa molare: 303,353 g/mol

Punto di fusione: 98 °C

ID CAS: 50-36-2

Punto di ebollizione: 187 °C

la *dietilamide dell’acido lisergico più nota come *LSD

LSD

LSD

Nome IUPAC
(6aR,9R)-N,N-dietil-7-metil-4,6,6a,7,8,9-esaidroindol-[4,3-fg]chinolina 9-carbossammide
appellativi usuali
acido lisergico, LSD-25, trip, acido, cartone, tuns

la *mescalina, una fenilammina 3,4,5-trimetossi-β-fenetilammina contenuta in certi organismi vegetali, che è agente psichedelico del peyote con facoltà anch’essa

mescalina

mescalina

d’ampliare la percezione

Nome IUPAC
3,4,5-trimetossi-β-fenetilammina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C11H17NO3
Massa molecolare (u) 211.257 g/mol
Numero CAS 54-04-6
PubChem 4076
SMILES COC1=CC(=CC(=C1OC)OC)CCN

la *psilocibina  

psilocibina

psilocibina

e la *psilocina

psilocina

psilocina

contenute in funghi presenti in Italia (amanita pantherina….) e altre sostanze sono considerate stupefacenti con azione d’esaltazione psichica, cioè, come già asserito, agiscono con azione contraria a quella di uno stato stuporoso!

Perciò oggi, nella comune prassi linguistica, possiamo affermare che con i termini droga e stupefacente sono comunque indicate tutte le sostanze naturali, o d’origine chimica, che presentano eventi affini a quelli derivanti dall’uso della CANNABIS, della coca, del papavero-

1° Terminologia

Immettiamoci ora nella dottrina legale e negli aspetti sociali più eclatanti, e subito ci rendiamo conto che sono stupefacenti psicotropi, ossia con azione cerebrale, tutte le sostanze che-

  • creano alterazioni comportamentali asociali,
  • danno origine a assuefazione voluttuaria destinata al desiderio biologico di procacciarsi effetti psichici che creano fuga dalla realtà,
  • che per il loro costo selettivo, almeno tra i “neofiti”, possono creare distinzione all’interno di gruppi sociali prima in qualche modo contigui.

Comunque, ai fini legali si devono intendere come sostanze psicotrope e stupefacenti quelle contemplate nelle tabelle dalla legge n 685 del 22 dicembre 1975 (tabelle art. 11 secondo i criteri presentati nel successivo art 12)-

Sostanze stupefacenti e psicotrope

Nella comune prassi linguistica non c’è differenza tra i due termini, ma per solito con la seconda definizione sono indicate le droghe sintetiche quali:

Allucinogeni

Amfetamine

Barbiturici

Tranquillanti

Insomma, quelle prodotte dalle aziende chimico farmaceutiche

 

Con i termini droga e stupefacente genericamente si indicano tutte le sostanze naturali o di sintesi che presentano effetti sovrapponibili a quelli del bulbo di papavero, delle foglie di coca, delle infiorescenze della CANNABIS INDICA

È comunque adeguato, volendo anche affrontare gli aspetti della disciplina giuridica e del comportamento collettivo di gruppi di consumatori, avvalersi di studi fenomenologici che verificano l’opportunità sociale di queste sostanze in maniera tale da comprendere se siano per l’azione da considerare stupefacenti o psicotrope:

1/ delle potenzialità lesive per il comportamento individuale e societario dell’assuntore;

2/ mostrano nei consumatori determinazione d’uso consuetudinaria voluttuaria per poter ottenere effetti psichici di fuga dalla realtà;

3/ sono presenti o mostrano pericolo di diffusione in circoscritti contesti sociali-

Droghe pesanti e droghe leggere

A lungo si è tentato di distinguere tutte queste sostanze secondo la loro presunta pericolosità, in tal modo giungendo a una distinzione che faceva riferimento alle aduse forme di dire: “droghe leggere” e “droghe pesanti” e per definire le pesanti si ricorse alla osservazione di dati empirici, cioè:

“Creazione di dipendenza fisica, capacità di tolleranza della sostanza, grado di tossicità manifestato, rischio di dipendenza fisica mostrato”.

Di converso, in pratica, si giunse a creare il concetto di droghe leggere lasciandolo alla cannabis e ai suoi derivati che apparentemente non mostravano nell’assuntore la fenomenologia descritta se non in maniera lieve.

 

  • 2° Classificazione delle sostanze

Le sostanze di cui stiamo discutendo, abbiamo affermato, furono classificate come stupefacenti o psicotrope, e abbiamo lasciato che i due concetti si equivalessero; ma ora dobbiamo precisare per quali vie si realizza la modificazione dell’attività psichica –

Per la fenomenologia che creano queste sostanze sono distinte tre tipi fondamentali di droghe-

  1. sostanze psicoanalettiche– sono sostanze stimolanti, ossia presentano la capacità di eccitare l’attività cerebrale, tra queste le amfetamine, il betel, la caffeina, la cocaina, tabacco-
  2. sostanze psicodislettiche– hanno la capacità di alterare la percezione,ossia sono psichedeliche, sono gli allucinogeni LSD, mescalina, psilocibina, psilocina… e la CANNABIS
  3. sostanze psicolettichedepressive dell’l’attività cerebrale; al gruppo appartengono- alcool, barbiturici, cloroformio, etere, oppiacei (tra i più noti l’eroina e la morfina), sonniferi, tranquillanti-

Ma tutta la classificazione sinora riportata è ancora da ritenersi approssimativa, poiché per miglior ordinamento si dovrebbe ricorrere alla farmacologia e al profilo giuridico – sociale, ma lo sviscerarli a fondo in queste pagine ci condurrebbe a troppo impegnativi discorsi per tanti-

3° Veloce excursus delle sostanze

Propongo qui una veloce osservazione d’insieme delle sostanze di cui trattiamo considerando le più comuni, e con riferimento alla loro origine vegetale o sintetica-

  • sostanze naturali– sono contenute  nelle piante di CANNABIS, nei frutici di coca, nel papavero da oppio-
  • sostanze sintetiche– sono assemblate utilizzando la sintesi chimica-
Patologie da droghe

Creano-

Danno somatico e/o psichico dovuto a- TOSSITICITÀ

Effetti in relazione alla dose assunta- TOLLERANZA

Assuefazione o sindrome d’astinenza- È RELAZIONATA ALLA CAPACITÀ FISICA

Abitudine È la dipendenza psichica

EFFETTI DELLA MARJHUANA

EFFETTI DELLA MARJHUANA

Rapporto tra individuo e droga

Si intende per-

CONSUMATORE chi ne faccia uso sia continuativo, sia saltuario,

FARMACODIPENDENTE è l’individuo che nonostante il consumo riesce a avere un contegno in sintonia con la realtà esterna e, dunque, una certa normalità-

TOSSICODIPENDENTE è il soggetto che in stato di dipendenza mostra segni di dissoluzione dei legami con la realtà esterna. Realtà esterna che, alterata, può giungere sino all’inibizione della facoltà di critica e giudizio, e in questo caso ciò che resta della personalità è ristrutturato intorno all’uso della droga, perciò tale dissoluzione è chiamata in causa allorché in dibattimento è necessario chiarire la facoltà di intendere e di volere dell’indiziato di reato.

SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE

1/ PAPAVERO             OPPIACEI   OPPIO

                                                         MORFINA

                                                         CODEINA

                                                         EROINA

                                                         MORFINOSIMILI

2/ COCA               COCAINA

INDUSTRIA     ALLUCINOGENI

                            AMFETAMINE

                         BARBITURICI

                            INALANTI

                         TRANQUILLANTI

SEDATIVI IPNOTICI NON BARBITURICI            METAQUALONICI

                                                                                DERIVATI PIPERIDIONE

                                                                                                                                                   

3/ CANNABIS SATIVA O INDICA              HASHISH

                                                                    OLIO DI HASHISH

                                                                    MARJHUANA

-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_

Dopo la veloce introduzione dell’argomento trattiamo ora della CANNABIS-

Questa sostanza ha come suoi derivati tre diversi estratti assemblati con procedimenti etnici artigianali etnicamente differenti:

Tipo di droga Durata effetto in ore Effetti noti Effetti da dosi massive Sindrome da astinenza
marjhuana Da 2 a 4 Euforia e riduzione degli effetti dei farmaci parenterali Disturbi della personalità di tipo paranoico Insonnia e iperattività
hashish Da 2 a 6 Euforia e riduzione degli effetti dei farmaci parenterali Disturbi della personalità di tipo paranoico Insonnia e iperattività
Olio di hashish Da 4 fino 12 e più secondo tipo di somministrazione Euforia e riduzione degli effetti dei farmaci parenterali Disturbi della personalità di tipo paranoico Insonnia e iperattività

  

Già Erodoto nel V secolo a.n.e. (ante nostra era, da altri detta prima del Cristo- mai nato-) ci narra che gli Sciiti della regione russo – anatolica, dopo le funzioni funerarie, si sottoponevano a un bagno purificatore e, quindi, entrati in una capanna, su pietre arroventate, li già poste, sistemavano semi di canapa che bruciando creavano un fumo che inalato li liberava dal dolore per la scomparsa del defunto. Insomma, dai semi bruciati si liberava essenza di hashish che deformava la loro percezione della realtà!

La cannabis indica, e le sostanze che se ne estraggono, dalla ricerca paleontologica è fatto sapere che è nota all’uomo da almeno 5000 anni; e che essa è espressamente citata in uno scritto cinese a carattere medico risalente al 2737 a.n.e. quindi ai tempi dell’imperatore Shen-Nung, e anche la diffusione nel restante continente asiatico è assai antica-

Negli USA la cannabis fu divulgata nel XVIII secolo, e perfino G. Washington attraverso il suo diario ci fa sapere che la coltivava.

La cannabis si diffuse in Europa dalla fine del XIX secolo, anche se in ristretti circoli borghesi, e particolarmente usato è l’olio che se ne estrae; anche Baudelaire e Balzac soggiacquero al suo utilizzo perfino fondando il Circolo de Quincey. Poi, con l’avvento del novecento e dei suoi anni venti la sostanza fu considerata fonte d’ispirazione e gnosi da parte di più personaggi di diversa estrazione culturale-( da leggere- Aldous Huxley- Le porte della percezione).

Dalla CANNABIS INDICA o SATIVA o CANAPA INDIANA CHE DIR SI VOGLIA DERIVANO FONDAMENTALMENTE TRE TIPI DI SOSTANZE PSICOTROPE:

1/ marjuhana è ricavata dalla parte più alta e fiorita della pianta, questo prodotto nei paesi occidentali è genericamente detto marjuhana, ma è anche noto come ganja in Giamaica, e bang in India.

2/ resina di cannabis– in Occidente più universalmente è nota come hashish, kif in Marocco, e charas in India.

3/ hashish–  è il distillato della resina di cannabis, è un concentrato alcolico noto come olio di cannabis e mostra azione assai potente.

Quest’olio è direttamente ingerito con i cosiddetti pasticcini libanesi, ma è anche uso intridere il tabacco con esso e fumarlo. L’olio di cannabis, che era noto in Oriente per le sue qualità terapeutiche antidolorifiche, giunse in Europa con le armate napoleoniche al ritorno dall’Egitto, ma ben presto cadde in disuso nella medicina di allora.

La cannabis indica svolge la sua azione farmacologica sulla psiche attraverso un elemento che contiene, e che è detto TETRAIDROCANNABINOLO- THC-

N.B. – La percentuale di THC presente nella pianta di cannabis NON è standard, ma varia in concentrazione secondo provenienza e ambiente di coltivazione della pianta.

Il contenuto medio di THC è:

1/ nella marjhuana compreso tra 0,5 e 1%;

2/ nell’hashish compreso tra 5 e 18%;

3/ nell’olio di cannabis ha un tenore percentuale altissimo compreso tra il 40 e il 50%-

Ma c’è da specificare che nelle usuali forme di conservazione dei prodotti da parte dei consumatori la percentuale di THC tende a scemare con un ritmo di circa il 3/4/5% mensile e oltre-

Ancora si deve evidenziare che se la cannabis è fumata si crea una distruzione media del THC pari al 50% del suo titolo, perché disattivato dal calore dello “spinello” che brucia-

L’azione del THC si manifesta in pochi minuti, 2 o 3, e ha una durata di circa 30 minuti regredendo sempre più e scomparendo dopo circa 3 ore dall’assunzione-

Diverso è il comportamento del THC quando è ingerito- Se l’assunzione avviene a stomaco vuoto l’azione si manifesta dopo oltre 45 minuti, ma persiste da 6 a 12 ore!

Se l’assunzione è fatta a stomaco pieno l’azione è più tardiva avendo necessità anche di oltre due ore prima di manifestarsi-

Abitualmente le dosi assunte variano tra mg 5 e 400 con un titolo del THC allo 1%-

La marjhuana, come già detto, ha azione psicodislettica, è cioè psichedelica blanda con azione euforizzante, ma è anche sedativa e fa ormai parte dell’uso quotidiano di molti in cerca di felicità illusorie in questa società che tanti problemi crea nei giovani ma anche negli adulti!

A una prima visione del fenomeno si potrebbe credere che l’uso di cannabis sia in relazione esclusiva con il suo THC, mentre in realtà è in massima parte dipendenza dalla volontà d’uso del soggetto con sua diretta responsabilità per gli accidenti che ne possono derivare, personali e sociali!

Il trapasso tra uso e abuso è frequente e avviene con facilità, ma differentemente dall’uso d’altre sostanze la cannabis non aiuta a sfuggire la realtà, e i problemi che ne hanno iniziato l’utilizzo restano tutti irrisolti favorendo di fatto il trapasso verso altre sostanze assai più pericolose!

Dunque, la CANNABIS è droga secondo sia le:

A/valutazioni legali

basate su ricerche bio-mediche-psicologiche, e pertanto annoverata nell’elenco delle sostanze stupefacenti compilato dall’apposita COMMISSIONE ONU, e poi anche inscritta nelle tabelle riportate all’articolo 11, più precisamente-

  1. nella sinossi 1– è inserita perché contiene tetraidrocannabinoli e loro omologhi
  2. nella sinossi 2– è presente con i prodotti da essa ottenuti sia per sintesi, sia per sostanze a essa riconducibili per struttura chimica o per effetto farmacologico.

B/ valutazioni farmacologiche

  1. poiché è capace di modificare l’attività ideativa-

In conseguenza di ciò la CANNABIS può essere valutata equipollente di sostanze destrutturanti e schiavizzanti come l’eroina da cui differisce per le sue intrinseche caratteristiche, e per il tipo di effetti creati.

Inoltre, una commissione OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha rilevato e sancito che la CANNABIS ha capacità di creare:

  • dipendenza psichica più o meno grave relazionata agli effetti soggettivi piacevoli derivanti dal suo uso-
  • assenza di dipendenza fisica per cui non si crea una caratteristica sindrome da astinenza quando è impedita l’assunzione della sostanza-
  • scarsa tendenza a aumentare le dosi d’assunzione e nessuna tolleranza.
  • 3 GLI EFFETTI DELLA CANNABIS

Come per tutte le sostanze che possono entrare in contatto con organismi viventi si devono distinguere le loro azioni in:

1/ effetti obiettivi

2/ effetti soggettivi

3/ effetti sulla critica e giudizio- esperienza/coscienza e socialità

 

1/effetti obiettivi- si rilevano con ricerche empiriche-

In questo caso poco incidono sulle attività somatiche- Si rilevano:

aumento della frequenza cardiaca, arrossamento transitorio della congiuntiva oculare, riduzione dell’increzione salivare, possibile ma non costante presenza di midriasi,disinibizione, depressione della capacità d’attenzione,  (questo fenomeno in particolare crea negli assuntori grave pericolo per sé e per gli altri durante lavori con macchinari, alla guida di automobili, di mezzi aerei, navali…)-

Di lieve entità sono le

alterazioni delle funzioni ideative,

ma azione è svolta anche sulle-

aree corticali psico-motorie con lieve mobilità inadeguata specialmente degli arti, ma più grossolane e apprezzabili sono le gestualità più composite-

Nei casi in cui esiste una maggiore assunzione di prodotto, o quando nella cannabis è presente una maggiore concentrazione di delta 9 tetraidricannabinolo anche la memoria di fissazione è coinvolta riducendosi come attività-

Nei consumatori non sono mai stati osservati danni somatici, per esempio a carico del parenchima epatico, del tessuto renale, del polmone…

Ma a livello psichico l’uso di cannabis può comunque mostrare esiti psicologici spiacevoli che si manifestano specialmente con senso di panico! Il fenomeno è tuttavia di breve durata e non richiede per solito l’intervento di medici

 

2/ effetti soggettivi- sono quelli riferiti come sensazioni dal soggetto assuntore

effetto della tolleranza inversa, è cioè via via necessaria una dose d’assunzione minore di cannabis per conseguire lo stesso effetto di una dose maggiore. Verosimilmente il fenomeno è relazionabile con lo stato d’attesa che l’assuntore si aspetta dall’assunzione per l’esperienza già nota-

3/ variabilità- cioè nel consumatore di cannabis gli effetti potenziali prevalgono sugli effetti puri, in altre parole la fenomenologia potenziale si avvera e prevale solo se è stato rispettato un determinato rituale preparatorio, mentre l’attività pura è indipendente da ogni azione psicologica che presuppone attesa dei fenomeni gradevoli dovuti alla assunzione della sostanza-

Effetti sullo stato di partecipazione con la realtà– si tratta di consapevolezze sensoriali più ricche o nuove di fronte all’arte, al gusto, al piacere… ma si crea anche un senso del riconoscimento del tempo come rallentato, con azione negativa sulla memoria immediata-

4/ effetti sul contegno- si manifestano con disinibizione per rallentamento dei freni inibitori, ma ciò è anche imputabile al fatto che l’uso di cannabis avviene per solito in gruppi di amici/conoscenti, e ciò predispone a una maggiore confidenzialità. Non sono invece dimostrate le capacità afrodisiache della sostanza che pare siano, per quanto già comunicato, relazionabili con l’euforia che si crea tra gruppi d’amici che condividono esperienze sessuali.

CANNABINOIDI

I cannabinoidi o cannabinoli sono sostanze chimiche naturali biochimicamente classificati come:

terpenofenoli- sono tutti provvisti della capacità di interagire con i recettori cannabinoidi

recettori cannabinoidi- classe di recettori appartenenti al gruppo dei recettori accoppiati alla proteina G.
La stimolazione di questi recettori cannabinoidi inibisce l’enzima adenilato-ciclasi e successivamente la produzione di AMP-ciclico- adenosinmonofosfato-acido 5′-adenilico che ha un solo legame ad alta energia- e che ha mostra opposta a quella dell’adrenalina.

I loro ligandi sono i cannabinoidi dei sottogruppi degli endocannabinoidi, cannabinoidi naturali, cannabinoidi di sintesi.

I cannabinoidi ad ora noti si classificano secondo la composizione chimica. Nella sinossi che segue sono indicati- l’abbreviazione del gruppo di sostanze omogenee e il numero di composti-

  • tipo cannabigerolo (CBG; 6);
  • tipo cannabicromene (CBC; 5);
  • tipo cannabidiolo (CBD; 7);
  • tipo delta-9-THC (D-9-THC; 9);
  • tipo delta-8-THC (D-8-THC; 1, prob. artefatto);
  • tipo cannabinolo (CBN; 1, prob. artefatto);
  • tipo cannabinodiolo (prob. artefatto);
  • tipo cannabiciclolo (3);
  • tipo cannabielsoino (5);
  • tipo canabitriolo (9);
  • tetraidrocannabivarina (THCV)

Conclusioni-

Come all’inizio scrissi sono tra i molti che considerano la CANNABIS come carrier verso l’eroina, infatti, altissime percentuali d’eroinomani sono stati assuntori di cannabis. Contro questa ipotesi certi obiettano che la diffusione di Cannabis e eroina non sono sovrapponibili e, dunque, non sono da intendersi come causa (scatenante la cannabis) e effetto scatenato (l’eroina)!

Ma a mio giudizio il trapasso dalla CANNABIS all’eroina non ha matrice biologica, bensì psicologica da ricercarsi in una gamma di fenomeni che spaziano dal vissuto individuale a quello sociale, a quello culturale e politico.

In ultimo sembra ormai accertato che

1/ la lesività della CANNABIS sia minore di quella dell’alcolismo e del tabagismo

2/ l’azione terapeutica svolta dalla CANNABIS è valida nei casi di intensi dolori acuti e cronici, ma in questo caso il suo uso deve essere affidato, sempre a mio giudizio, a un anestesista come già richiesto dagli aspetti legali!

Perché mi oppongo all’uso della CANNABIS libera-

1/ non ravvedo necessità di falsare la realtà con l’uso di sostanze psicotrope repressive o esaltanti

2/ considero l’uso della CANNABIS la via maestra per immettersi nel terribile mondo di altri più deleteri stupefacenti-

3/ è causa d’incidenza elevata d’incidenti “meccanici” tra gli assuntori, incidenti che coinvolgono anche altri autisti!

4/ Infatti, gli incidenti stradali sono raddoppiati tra i consumatori di CANNABIS, lo chiariscono molte ricerche o lo rivela anche la Foundation for Traffic Safety. Sta emergendo, nei Paesi dove la sostanza fu liberalizzata, che i limiti imposti per legge sul consumo di marjhuana sono indici arbitrari e non supportati da ricerca scientifica. Tali limiti mostrano pericolosità con gravi danni specie a carico di guidatori, piloti… La Fondazione esaminò la situazione nello Stato di Washington dove la CANNABIS fu legalizzata nel dicembre del 2012, e mise in evidenza che la percentuale di conducenti coinvolti in incidenti mortali aveva da poco consumato marjhuana con raddoppio dell’incidentistica relativa, che dall”8% di casi raggiunse il 17% nel periodo esaminato tra il 2013 e 2014. L’aumento è veramente significativo e allarmante, tanto da far pensare che qualsiasi strategia di miglioramento della sicurezza stradale diviene insufficiente liberalizzando l’uso di questa sostanza.

CANNABIS- LIVELLI EMATICI

                CANNABIS- LIVELLI EMATICI

kiriosomega

 

 

 

 

 

 

 

Art 70 Costituzione STRAVOLTO in 9 pagine da musicanti allo sbaraglio!

anche come musicanti han fallito!

anche come musicanti han fallito!

L’ARTICOLO 70 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA ERA UN RIGO DI SCRITTURA!

GUARDATE COME L’ILLEGITTIMO GOVERNO PD L’HA STRAVOLTO!

HANNO AVUTO BISOGNO DI 9 PAGINE WORD CARATTERE TIMES NEW ROMAN CORPO 12 PER RISCRIVERLO-

IL TESTO ART 70 ERA: La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere. (Potete controllare qui-https://www.senato.it/1025?articolo_numero_articolo=70&sezione=127)

DI SEGUITO L’ARTICOLO 70 DELLA COSTITUZIONE STRAVOLTO IN 9 PAGINE DALA MINISTRO BOSCHI E PREPARATISSIMI COLLEGHI! PIÚ FUMO (È CONCETTO BONARIO IL MIO) NON POTEVANO CREARLO

Riforma costituzionale: il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Disegno di legge, 12/04/2016 , G.U. 15/04/2016

Pubblicato il 18/04/2016

 

Pubblichiamo il testo del disegno di legge di riforma costituzionale approvato dalla Camera dei Deputatiil 12 aprile 2016 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016.

La riforma del bicameralismo e del titolo V, promossa dal ministro Boschi, si avvia dunque verso il voto popolare attraverso un referendum che si terrà presumibilmente ad ottobre 2016.

Ecco le novità in sintesi:

(Altalex, 18 aprile 2016)

 

CAMERA DEI DEPUTATI

TESTO LEGGE COSTITUZIONALE  

Testo di  legge  costituzionale  approvato  in  seconda  votazione  a maggioranza assoluta,  ma  inferiore  ai  due  terzi  dei  membri  di ciascuna  Camera,  recante:  «Disposizioni  per  il  superamento  del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento  dei  costi  di  funzionamento  delle  istituzioni,   la soppressione del CNEL e la revisione del  titolo  V  della  parte  II della Costituzione». (16A03075) 

(GU n.88 del 15-4-2016)

Avvertenza:

Il testo della legge costituzionale e’ stato approvato  dal  Senato della Repubblica, in seconda votazione, con la  maggioranza  assoluta dei suoi componenti, nella seduta del 20 gennaio 2016, e dalla Camera dei deputati, in seconda votazione, con la maggioranza  assoluta  dei suoi componenti, nella seduta del 12 aprile 2016.
Entro tre mesi dalla pubblicazione  nella  Gazzetta  Ufficiale  del testo seguente, un quinto dei membri di una Camera, o cinquecentomila elettori, o  cinque  Consigli  regionali  possono  domandare  che  si proceda al referendum popolare.
Il presente comunicato e’ stato redatto ai sensi dell’art. 3  della legge 25 maggio 1970, n. 352.

Capo I 

MODIFICHE AL TITOLO I DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE 

 

Art. 1. 

(Funzioni delle Camere). 


1. L’articolo 55 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 55. – Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.
Le leggi che stabiliscono le modalità di elezione delle Camere promuovono l’equilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza.
Ciascun membro della Camera dei deputati rappresenta la Nazione.
La Camera dei deputati è titolare del rapporto di fiducia con il Governo ed esercita la funzione di indirizzo politico, la funzione legislativa e quella di controllo dell’operato del Governo.
Il Senato della Repubblica rappresenta le istituzioni territoriali ed esercita funzioni di raccordo tra lo Stato e gli altri enti costitutivi della Repubblica. Concorre all’esercizio della funzione legislativa nei casi e secondo le modalità stabiliti dalla Costituzione, nonché all’esercizio delle funzioni di raccordo tra lo Stato, gli altri enti costitutivi della Repubblica e l’Unione europea. Partecipa alle decisioni dirette alla formazione e all’attuazione degli atti normativi e delle politiche dell’Unione europea. Valuta le politiche pubbliche e l’attività delle pubbliche amministrazioni e verifica l’impatto delle politiche dell’Unione europea sui territori. Concorre ad esprimere pareri sulle nomine di competenza del Governo nei casi previsti dalla legge e a verificare l’attuazione delle leggi dello Stato.

Il Parlamento si riunisce in seduta comune dei membri delle due Camere nei soli casi stabiliti dalla Costituzione».

Art. 2. 

(Composizione ed elezione del Senato della Repubblica).


1. L’articolo 57 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 57. – Il Senato della Repubblica è composto da novantacinque senatori rappresentativi delle istituzioni territoriali e da cinque senatori che possono essere nominati dal Presidente della Repubblica.
I Consigli regionali e i Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano eleggono, con metodo proporzionale, i senatori tra i propri componenti e, nella misura di uno per ciascuno, tra i sindaci dei Comuni dei rispettivi territori.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a due; ciascuna delle Province autonome di Trento e di Bolzano ne ha due.
La ripartizione dei seggi tra le Regioni si effettua, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, in proporzione alla loro popolazione, quale risulta dall’ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.
La durata del mandato dei senatori coincide con quella degli organi delle istituzioni territoriali dai quali sono stati eletti, in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi, secondo le modalità stabilite dalla legge di cui al sesto comma.
Con legge approvata da entrambe le Camere sono regolate le modalità di attribuzione dei seggi e di elezione dei membri del Senato della Repubblica tra i consiglieri e i sindaci, nonché quelle per la loro sostituzione, in caso di cessazione dalla carica elettiva regionale o locale. I seggi sono attribuiti in ragione dei voti espressi e della composizione di ciascun Consiglio».

Art. 3. 

(Modifica all’articolo 59 della Costituzione).


1. All’articolo 59 della Costituzione, il secondo comma è sostituito dal seguente:
«Il Presidente della Repubblica può nominare senatori cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario. Tali senatori durano in carica sette anni e non possono essere nuovamente nominati».

Art. 4. 

(Durata della Camera dei deputati). 


1. L’articolo 60 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 60. – La Camera dei deputati è eletta per cinque anni.
La durata della Camera dei deputati non può essere prorogata se non per legge e soltanto in caso di guerra».

Art. 5. 

(Modifica all’articolo 63 della Costituzione).


1. All’articolo 63 della Costituzione, dopo il primo comma è inserito il seguente:
«Il regolamento stabilisce in quali casi l’elezione o la nomina alle cariche negli organi del Senato della Repubblica possono essere limitate in ragione dell’esercizio di funzioni di governo regionali o locali».

Art. 6. 

(Modifiche all’articolo 64 della Costituzione). 


1. All’articolo 64 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) dopo il primo comma è inserito il seguente:
«I regolamenti delle Camere garantiscono i diritti delle minoranze parlamentari.

Il regolamento della Camera dei deputati disciplina lo statuto delle opposizioni»;

b) il quarto comma è sostituito dal seguente:
«I membri del Governo hanno diritto, e se richiesti obbligo, di assistere alle sedute delle Camere. Devono essere sentiti ogni volta che lo richiedono»;

c) è aggiunto, in fine, il seguente comma:
«I membri del Parlamento hanno il dovere di partecipare alle sedute dell’Assemblea e ai lavori delle Commissioni».

Art. 7. 

(Titoli di ammissione dei componenti del Senato della Repubblica). 


1. All’articolo 66 della Costituzione è aggiunto, in fine, il seguente comma:
«Il Senato della Repubblica prende atto della cessazione dalla carica elettiva regionale o locale e della conseguente decadenza da senatore».

Art. 8. 

(Vincolo di mandato). 


1. L’articolo 67 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 67. – I membri del Parlamento esercitano le loro funzioni senza vincolo di mandato».

Art. 9. 

(Indennità parlamentare). 


1. All’articolo 69 della Costituzione, le parole: «del Parlamento» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati».

Art. 10. 

(Procedimento legislativo). 


1. L’articolo 70 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 70. – La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere per le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali, e soltanto per le leggi di attuazione delle disposizioni costituzionali concernenti la tutela delle minoranze linguistiche, i referendum popolari, le altre forme di consultazione di cui all’articolo 71, per le leggi che determinano l’ordinamento, la legislazione elettorale, gli organi di governo, le funzioni fondamentali dei Comuni e delle Città metropolitane e le disposizioni di principio sulle forme associative dei Comuni, per la legge che stabilisce le norme generali, le forme e i termini della partecipazione dell’Italia alla formazione e all’attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea, per quella che determina i casi di ineleggibilità e di incompatibilità con l’ufficio di senatore di cui all’articolo 65, primo comma, e per le leggi di cui agli articoli 57, sesto comma, 80, secondo periodo, 114, terzo comma, 116, terzo comma, 117, quinto e nono comma, 119, sesto comma, 120, secondo comma, 122, primo comma, e 132, secondo comma. Le stesse leggi, ciascuna con oggetto proprio, possono essere abrogate, modificate o derogate solo in forma espressa e da leggi approvate a norma del presente comma.
Le altre leggi sono approvate dalla Camera dei deputati.
Ogni disegno di legge approvato dalla Camera dei deputati è immediatamente trasmesso al Senato della Repubblica che, entro dieci giorni, su richiesta di un terzo dei suoi componenti, può disporre di esaminarlo. Nei trenta giorni successivi il Senato della Repubblica può deliberare proposte di modificazione del testo, sulle quali la Camera dei deputati si pronuncia in via definitiva. Qualora il Senato della Repubblica non disponga di procedere all’esame o sia inutilmente decorso il termine per deliberare, ovvero quando la Camera dei deputati si sia pronunciata in via definitiva, la legge può essere promulgata.
L’esame del Senato della Repubblica per le leggi che danno attuazione all’articolo 117, quarto comma, è disposto nel termine di dieci giorni dalla data di trasmissione. Per i medesimi disegni di legge, la Camera dei deputati può non conformarsi alle modificazioni proposte dal Senato della Repubblica a maggioranza assoluta dei suoi componenti, solo pronunciandosi nella votazione finale a maggioranza assoluta dei propri componenti.
I disegni di legge di cui all’articolo 81, quarto comma, approvati dalla Camera dei deputati, sono esaminati dal Senato della Repubblica, che può deliberare proposte di modificazione entro quindici giorni dalla data della trasmissione.
I Presidenti delle Camere decidono, d’intesa tra loro, le eventuali questioni di competenza, sollevate secondo le norme dei rispettivi regolamenti.
Il Senato della Repubblica può, secondo quanto previsto dal proprio regolamento, svolgere attività conoscitive, nonché formulare osservazioni su atti o documenti all’esame della Camera dei deputati».

Art. 11. 

(Iniziativa legislativa). 


1. All’articolo 71 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) dopo il primo comma è inserito il seguente:
«Il Senato della Repubblica può, con deliberazione adottata a maggioranza assoluta dei suoi componenti, richiedere alla Camera dei deputati di procedere all’esame di un disegno di legge. In tal caso, la Camera dei deputati procede all’esame e si pronuncia entro il termine di sei mesi dalla data della deliberazione del Senato della Repubblica»;

b) al secondo comma, la parola: «cinquantamila» è sostituita dalla seguente: «centocinquantamila» ed è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «La discussione e la deliberazione conclusiva sulle proposte di legge d’iniziativa popolare sono garantite nei tempi, nelle forme e nei limiti stabiliti dai regolamenti parlamentari»;

c) è aggiunto, in fine, il seguente comma:
«Al fine di favorire la partecipazione dei cittadini alla determinazione delle politiche pubbliche, la legge costituzionale stabilisce condizioni ed effetti di referendum popolari propositivi e d’indirizzo, nonché di altre forme di consultazione, anche delle formazioni sociali. Con legge approvata da entrambe le Camere sono disposte le modalità di attuazione».

Art. 12. 

(Modifica dell’articolo 72 della Costituzione). 


1. L’articolo 72 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 72. – Ogni disegno di legge di cui all’articolo 70, primo comma, presentato ad una Camera, è, secondo le norme del suo regolamento, esaminato da una Commissione e poi dalla Camera stessa, che l’approva articolo per articolo e con votazione finale.
Ogni altro disegno di legge è presentato alla Camera dei deputati e, secondo le norme del suo regolamento, esaminato da una Commissione e poi dalla Camera stessa, che l’approva articolo per articolo e con votazione finale.
I regolamenti stabiliscono procedimenti abbreviati per i disegni di legge dei quali è dichiarata l’urgenza.
Possono altresì stabilire in quali casi e forme l’esame e l’approvazione dei disegni di legge sono deferiti a Commissioni, anche permanenti, che, alla Camera dei deputati, sono composte in modo da rispecchiare la proporzione dei gruppi parlamentari. Anche in tali casi, fino al momento della sua approvazione definitiva, il disegno di legge è rimesso alla Camera, se il Governo o un decimo dei componenti della Camera o un quinto della Commissione richiedono che sia discusso e votato dalla Camera stessa oppure che sia sottoposto alla sua approvazione finale con sole dichiarazioni di voto. I regolamenti determinano le forme di pubblicità dei lavori delle Commissioni.
La procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte della Camera è sempre adottata per i disegni di legge in materia costituzionale ed elettorale, per quelli di delegazione legislativa, per quelli di conversione in legge di decreti, per quelli di autorizzazione a ratificare trattati internazionali e per quelli di approvazione di bilanci e consuntivi.
Il regolamento del Senato della Repubblica disciplina le modalità di esame dei disegni di legge trasmessi dalla Camera dei deputati ai sensi dell’articolo 70.
Esclusi i casi di cui all’articolo 70, primo comma, e, in ogni caso, le leggi in materia elettorale, le leggi di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali e le leggi di cui agli articoli 79 e 81, sesto comma, il Governo può chiedere alla Camera dei deputati di deliberare, entro cinque giorni dalla richiesta, che un disegno di legge indicato come essenziale per l’attuazione del programma di governo sia iscritto con priorità all’ordine del giorno e sottoposto alla pronuncia in via definitiva della Camera dei deputati entro il termine di settanta giorni dalla deliberazione. In tali casi, i termini di cui all’articolo 70, terzo comma, sono ridotti della metà. Il termine può essere differito di non oltre quindici giorni, in relazione ai tempi di esame da parte della Commissione nonché alla complessità del disegno di legge. Il regolamento della Camera dei deputati stabilisce le modalità e i limiti del procedimento, anche con riferimento all’omogeneità del disegno di legge».

Art. 13. 

(Modifiche agli articoli 73 e 134 della Costituzione). 


1. All’articolo 73 della Costituzione, il primo comma è sostituito dai seguenti:
«Le leggi sono promulgate dal Presidente della Repubblica entro un mese dall’approvazione.
Le leggi che disciplinano l’elezione dei membri della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica possono essere sottoposte, prima della loro promulgazione, al giudizio preventivo di legittimità costituzionale da parte della Corte costituzionale, su ricorso motivato presentato da almeno un quarto dei componenti della Camera dei deputati o da almeno un terzo dei componenti del Senato della Repubblica entro dieci giorni dall’approvazione della legge, prima dei quali la legge non può essere promulgata. La Corte costituzionale si pronuncia entro il termine di trenta giorni e, fino ad allora, resta sospeso il termine per la promulgazione della legge. In caso di dichiarazione di illegittimità costituzionale, la legge non può essere promulgata».

2. All’articolo 134 della Costituzione, dopo il primo comma è aggiunto il seguente:
«La Corte costituzionale giudica altresì della legittimità costituzionale delle leggi che disciplinano l’elezione dei membri della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica ai sensi dell’articolo 73, secondo comma».

Art. 14. 

(Modifica dell’articolo 74 della Costituzione). 


1. L’articolo 74 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 74. – Il Presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, può con messaggio motivato alle Camere chiedere una nuova deliberazione.
Qualora la richiesta riguardi la legge di conversione di un decreto adottato a norma dell’articolo 77, il termine per la conversione in legge è differito di trenta giorni.
Se la legge è nuovamente approvata, questa deve essere promulgata».

Art. 15. 

(Modifica dell’articolo 75 della Costituzione). 


1. L’articolo 75 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 75. – È indetto referendum popolare per deliberare l’abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente forza di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.
Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.
Hanno diritto di partecipare al referendum tutti gli elettori.
La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto o, se avanzata da ottocentomila elettori, la maggioranza dei votanti alle ultime elezioni della Camera dei deputati, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.
La legge determina le modalità di attuazione del referendum».

Art. 16. 

(Disposizioni in materia di decretazione d’urgenza). 


1. All’articolo 77 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo comma, le parole: «delle Camere» sono sostituite dalle seguenti: «disposta con legge»;

b) al secondo comma, le parole: «alle Camere che, anche se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono» sono sostituite dalle seguenti: «alla Camera dei deputati, anche quando la funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere. La Camera dei deputati, anche se sciolta, è appositamente convocata e si riunisce»;

c) al terzo comma:

1) al primo periodo sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: « o, nei casi in cui il Presidente della Repubblica abbia chiesto, a norma dell’articolo 74, una nuova deliberazione, entro novanta giorni dalla loro pubblicazione»;

2) al secondo periodo, le parole: «Le Camere possono» sono sostituite dalle seguenti: «La legge può» e le parole: «con legge» sono soppresse;

d) sono aggiunti, in fine, i seguenti commi:
«Il Governo non può, mediante provvedimenti provvisori con forza di legge: disciplinare le materie indicate nell’articolo 72, quinto comma, con esclusione, per la materia elettorale, della disciplina dell’organizzazione del procedimento elettorale e dello svolgimento delle elezioni; reiterare disposizioni adottate con decreti non convertiti in legge e regolare i rapporti giuridici sorti sulla base dei medesimi; ripristinare l’efficacia di norme di legge o di atti aventi forza di legge che la Corte costituzionale ha dichiarato illegittimi per vizi non attinenti al procedimento.
I decreti recano misure di immediata applicazione e di contenuto specifico, omogeneo e corrispondente al titolo.
L’esame, a norma dell’articolo 70, terzo e quarto comma, dei disegni di legge di conversione dei decreti è disposto dal Senato della Repubblica entro trenta giorni dalla loro presentazione alla Camera dei deputati. Le proposte di modificazione possono essere deliberate entro dieci giorni dalla data di trasmissione del disegno di legge di conversione, che deve avvenire non oltre quaranta giorni dalla presentazione.

Nel corso dell’esame dei disegni di legge di conversione dei decreti non possono essere approvate disposizioni estranee all’oggetto o alle finalità del decreto».

Art. 17. 

(Deliberazione dello stato di guerra). 


1. L’articolo 78 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 78. – La Camera dei deputati delibera a maggioranza assoluta lo stato di guerra e conferisce al Governo i poteri necessari».

Art. 18. 

(Leggi di amnistia e indulto). 


1. All’articolo 79, primo comma, della Costituzione, le parole: «di ciascuna Camera,» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati,».

Art. 19. 

(Autorizzazione alla ratifica di trattati internazionali). 


1. All’articolo 80 della Costituzione, le parole: «Le Camere autorizzano» sono sostituite dalle seguenti: «La Camera dei deputati autorizza» ed è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Le leggi che autorizzano la ratifica dei trattati relativi all’appartenenza dell’Italia all’Unione europea sono approvate da entrambe le Camere».

Art. 20. 

(Inchieste parlamentari). 


1. L’articolo 82 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 82. – La Camera dei deputati può disporre inchieste su materie di pubblico interesse. Il Senato della Repubblica può disporre inchieste su materie di pubblico interesse concernenti le autonomie territoriali.
A tale scopo ciascuna Camera nomina fra i propri componenti una Commissione. Alla Camera dei deputati la Commissione è formata in modo da rispecchiare la proporzione dei vari gruppi. La Commissione d’inchiesta procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità giudiziaria».

Capo II 

MODIFICHE AL TITOLO II DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE 

Art. 21. 

(Modifiche all’articolo 83 della Costituzione in materia di delegati regionali e di quorum per l’elezione del Presidente della Repubblica). 


1. All’articolo 83 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) il secondo comma è abrogato;

b) al terzo comma, il secondo periodo è sostituito dai seguenti: «Dal quarto scrutinio è sufficiente la maggioranza dei tre quinti dell’assemblea. Dal settimo scrutinio è sufficiente la maggioranza dei tre quinti dei votanti».

Art. 22. 

(Disposizioni in tema di elezione del Presidente della Repubblica). 


1. All’articolo 85 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al secondo comma, le parole: «e i delegati regionali,» sono soppresse e dopo il primo periodo è aggiunto il seguente: «Quando il Presidente della Camera esercita le funzioni del Presidente della Repubblica nel caso in cui questi non possa adempierle, il Presidente del Senato convoca e presiede il Parlamento in seduta comune»;

b) al terzo comma, il primo periodo è sostituito dal seguente: «Se la Camera dei deputati è sciolta, o manca meno di tre mesi alla sua cessazione, l’elezione ha luogo entro quindici giorni dalla riunione della Camera nuova».

Art. 23. 

(Esercizio delle funzioni del Presidente della Repubblica). 


1. All’articolo 86 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo comma, le parole: «del Senato» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati»;

b) al secondo comma, le parole: «il Presidente della Camera dei deputati indice» sono sostituite dalle seguenti: «il Presidente del Senato indice», le parole: «le Camere sono sciolte» sono sostituite dalle seguenti: «la Camera dei deputati è sciolta» e la parola: «loro» è sostituita dalla seguente: «sua».

Art. 24. 

(Scioglimento della Camera dei deputati). 


1. All’articolo 88 della Costituzione, il primo comma è sostituito dal seguente:
«Il Presidente della Repubblica può, sentito il suo Presidente, sciogliere la Camera dei deputati».

Capo III 

MODIFICHE AL TITOLO III DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE 

Art. 25. 

(Fiducia al Governo). 


1. All’articolo 94 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo comma, le parole: «delle due Camere» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati»;

b) al secondo comma, le parole: «Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia» sono sostituite dalle seguenti: «La fiducia è accordata o revocata»;

c) al terzo comma, le parole: «alle Camere» sono sostituite dalle seguenti: «innanzi alla Camera dei deputati»;

d) al quarto comma, le parole: «di una o d’entrambe le Camere» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati»;

e) al quinto comma, dopo la parola: «Camera» sono inserite le seguenti: «dei deputati».

Art. 26. 

(Modifica all’articolo 96 della Costituzione). 


1. All’articolo 96 della Costituzione, le parole: «del Senato della Repubblica o» sono soppresse.

Art. 27. 

(Modifica all’articolo 97 della Costituzione). 


1. Il secondo comma dell’articolo 97 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati il buon andamento, l’imparzialità e la trasparenza dell’amministrazione».

Art. 28. 

(Soppressione del CNEL). 


1. L’articolo 99 della Costituzione è abrogato.

Capo IV 

MODIFICHE AL TITOLO V DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE 

Art. 29. 

(Abolizione delle Province). 


1. All’articolo 114 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo comma, le parole: «dalle Province,» sono soppresse;

b) al secondo comma, le parole: «le Province,» sono soppresse.

Art. 30. 

(Modifica all’articolo 116 della Costituzione). 


1. All’articolo 116 della Costituzione, il terzo comma è sostituito dal seguente:
«Ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, concernenti le materie di cui all’articolo 117, secondo comma, lettere l), limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace, m), limitatamente alle disposizioni generali e comuni per le politiche sociali, n), o), limitatamente alle politiche attive del lavoro e all’istruzione e formazione professionale, q), limitatamente al commercio con l’estero, s) e u), limitatamente al governo del territorio, possono essere attribuite ad altre Regioni, con legge dello Stato, anche su richiesta delle stesse, sentiti gli enti locali, nel rispetto dei princìpi di cui all’articolo 119, purché la Regione sia in condizione di equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio. La legge è approvata da entrambe le Camere, sulla base di intesa tra lo Stato e la Regione interessata».

Art. 31. 

(Modifica dell’articolo 117 della Costituzione). 


1. L’articolo 117 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 117. – La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea e dagli obblighi internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie:

a) politica estera e rapporti internazionali dello Stato; rapporti dello Stato con l’Unione europea; diritto di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea;

b) immigrazione;

c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose;

d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi, munizioni ed esplosivi;

e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari e assicurativi; tutela e promozione della concorrenza; sistema valutario; sistema tributario e contabile dello Stato; armonizzazione dei bilanci pubblici; coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; perequazione delle risorse finanziarie;

f) organi dello Stato e relative leggi elettorali; referendum statali; elezione del Parlamento europeo;

g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali; norme sul procedimento amministrativo e sulla disciplina giuridica del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche tese ad assicurarne l’uniformità sul territorio nazionale;

h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della polizia amministrativa locale;

i) cittadinanza, stato civile e anagrafi;

l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile e penale; giustizia amministrativa;

m) determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale; disposizioni generali e comuni per la tutela della salute, per le politiche sociali e per la sicurezza alimentare;

n) disposizioni generali e comuni sull’istruzione; ordinamento scolastico; istruzione universitaria e programmazione strategica della ricerca scientifica e tecnologica;

o) previdenza sociale, ivi compresa la previdenza complementare e integrativa; tutela e sicurezza del lavoro; politiche attive del lavoro; disposizioni generali e comuni sull’istruzione e formazione professionale;

p) ordinamento, legislazione elettorale, organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni e Città metropolitane; disposizioni di principio sulle forme associative dei Comuni;

q) dogane, protezione dei confini nazionali e profilassi internazionale; commercio con l’estero;

r) pesi, misure e determinazione del tempo; coordinamento informativo statistico e informatico dei dati, dei processi e delle relative infrastrutture e piattaforme informatiche dell’amministrazione statale, regionale e locale; opere dell’ingegno;

s) tutela e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici; ambiente ed ecosistema; ordinamento sportivo; disposizioni generali e comuni sulle attività culturali e sul turismo;

t) ordinamento delle professioni e della comunicazione;

u) disposizioni generali e comuni sul governo del territorio; sistema nazionale e coordinamento della protezione civile;

v) produzione, trasporto e distribuzione nazionali dell’energia;

z) infrastrutture strategiche e grandi reti di trasporto e di navigazione di interesse nazionale e relative norme di sicurezza; porti e aeroporti civili, di interesse nazionale e internazionale.

Spetta alle Regioni la potestà legislativa in materia di rappresentanza delle minoranze linguistiche, di pianificazione del territorio regionale e mobilità al suo interno, di dotazione infrastrutturale, di programmazione e organizzazione dei servizi sanitari e sociali, di promozione dello sviluppo economico locale e organizzazione in ambito regionale dei servizi alle imprese e della formazione professionale; salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche, in materia di servizi scolastici, di promozione del diritto allo studio, anche universitario; in materia di disciplina, per quanto di interesse regionale, delle attività culturali, della promozione dei beni ambientali, culturali e paesaggistici, di valorizzazione e organizzazione regionale del turismo, di regolazione, sulla base di apposite intese concluse in ambito regionale, delle relazioni finanziarie tra gli enti territoriali della Regione per il rispetto degli obiettivi programmatici regionali e locali di finanza pubblica, nonché in ogni materia non espressamente riservata alla competenza esclusiva dello Stato.
Su proposta del Governo, la legge dello Stato può intervenire in materie non riservate alla legislazione esclusiva quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell’interesse nazionale.
Le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, nelle materie di loro competenza, partecipano alle decisioni dirette alla formazione degli atti normativi dell’Unione europea e provvedono all’attuazione e all’esecuzione degli accordi internazionali e degli atti dell’Unione europea, nel rispetto delle norme di procedura stabilite con legge dello Stato, che disciplina le modalità di esercizio del potere sostitutivo in caso di inadempienza.

La potestà regolamentare spetta allo Stato e alle Regioni secondo le rispettive competenze legislative. È fatta salva la facoltà dello Stato di delegare alle Regioni l’esercizio di tale potestà nelle materie di competenza legislativa esclusiva. I Comuni e le Città metropolitane hanno potestà regolamentare in ordine alla disciplina dell’organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite, nel rispetto della legge statale o regionale.
Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che impedisce la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica e promuovono la parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive.
La legge regionale ratifica le intese della Regione con altre Regioni per il migliore esercizio delle proprie funzioni, anche con individuazione di organi comuni.
Nelle materie di sua competenza la Regione può concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali interni ad altro Stato, nei casi e con le forme disciplinati da leggi dello Stato».

Art. 32. 

(Modifiche all’articolo 118 della Costituzione). 


1. All’articolo 118 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo comma, la parola: «Province,» è soppressa;

b) dopo il primo comma è inserito il seguente:
«Le funzioni amministrative sono esercitate in modo da assicurare la semplificazione e la trasparenza dell’azione amministrativa, secondo criteri di efficienza e di responsabilità degli amministratori»;

c) al secondo comma, le parole: «, le Province» sono soppresse;

d) al terzo comma, le parole: «nella materia della tutela dei beni culturali» sono sostituite dalle seguenti: «in materia di tutela dei beni culturali e paesaggistici»;

e) al quarto comma, la parola: «, Province» è soppressa.

Art. 33. 

(Modifica dell’articolo 119 della Costituzione). 

1. L’articolo 119 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 119. – I Comuni, le Città metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa, nel rispetto dell’equilibrio dei relativi bilanci, e concorrono ad assicurare l’osservanza dei vincoli economici e finanziari derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea.
I Comuni, le Città metropolitane e le Regioni hanno risorse autonome. Stabiliscono e applicano tributi ed entrate propri e dispongono di compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibile al loro territorio, in armonia con la Costituzione e secondo quanto disposto dalla legge dello Stato ai fini del coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario.
La legge dello Stato istituisce un fondo perequativo, senza vincoli di destinazione, per i territori con minore capacità fiscale per abitante.
Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti assicurano il finanziamento integrale delle funzioni pubbliche dei Comuni, delle Città metropolitane e delle Regioni. Con legge dello Stato sono definiti indicatori di riferimento di costo e di fabbisogno che promuovono condizioni di efficienza nell’esercizio delle medesime funzioni.
Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la solidarietà sociale, per rimuovere gli squilibri economici e sociali, per favorire l’effettivo esercizio dei diritti della persona, o per provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle loro funzioni, lo Stato destina risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di determinati Comuni, Città metropolitane e Regioni.

I Comuni, le Città metropolitane e le Regioni hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i princìpi generali determinati dalla legge dello Stato. Possono ricorrere all’indebitamento solo per finanziare spese di investimento, con la contestuale definizione di piani di ammortamento e a condizione che per il complesso degli enti di ciascuna Regione sia rispettato l’equilibrio di bilancio. È esclusa ogni garanzia dello Stato sui prestiti dagli stessi contratti».

Art. 34. 

(Modifica all’articolo 120 della Costituzione). 


1. All’articolo 120, secondo comma, della Costituzione, dopo le parole: «Il Governo» sono inserite le seguenti: «, acquisito, salvi i casi di motivata urgenza, il parere del Senato della Repubblica, che deve essere reso entro quindici giorni dalla richiesta,» e sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «e stabilisce i casi di esclusione dei titolari di organi di governo regionali e locali dall’esercizio delle rispettive funzioni quando è stato accertato lo stato di grave dissesto finanziario dell’ente».

Art. 35. 

(Limiti agli emolumenti dei componenti degli organi regionali ed equilibrio tra i sessi nella rappresentanza). 


1. All’articolo 122, primo comma, della Costituzione, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «e i relativi emolumenti nel limite dell’importo di quelli attribuiti ai sindaci dei Comuni capoluogo di Regione. La legge della Repubblica stabilisce altresì i princìpi fondamentali per promuovere l’equilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza».

Art. 36. 

(Soppressione della Commissione parlamentare per le questioni regionali). 


1. All’articolo 126, primo comma, della Costituzione, l’ultimo periodo è sostituito dal seguente: «Il decreto è adottato previo parere del Senato della Repubblica».

Capo V 

MODIFICHE AL TITOLO VI DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE 

Art. 37. 

(Elezione dei giudici della Corte costituzionale). 


1. All’articolo 135 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) il primo comma è sostituito dal seguente:
«La Corte costituzionale è composta da quindici giudici, dei quali un terzo nominati dal Presidente della Repubblica, un terzo dalle supreme magistrature ordinaria ed amministrative, tre dalla Camera dei deputati e due dal Senato della Repubblica»;

b) al settimo comma, la parola: «senatore» è sostituita dalla seguente: «deputato».

Capo VI 

DISPOSIZIONI FINALI 

Art. 38. 

(Disposizioni consequenziali e di coordinamento). 


1. All’articolo 48, terzo comma, della Costituzione, le parole: «delle Camere» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati».

2. L’articolo 58 della Costituzione è abrogato.

3. L’articolo 61 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 61. – L’elezione della nuova Camera dei deputati ha luogo entro settanta giorni dalla fine della precedente. La prima riunione ha luogo non oltre il ventesimo giorno dall’elezione.
Finché non sia riunita la nuova Camera dei deputati sono prorogati i poteri della precedente».

4. All’articolo 62 della Costituzione, il terzo comma è abrogato.

5. All’articolo 73, secondo comma, della Costituzione, le parole: «Se le Camere, ciascuna a maggioranza assoluta dei propri componenti, ne dichiarano» sono sostituite dalle seguenti: «Se la Camera dei deputati, a maggioranza assoluta dei suoi componenti, ne dichiara».

6. All’articolo 81 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al secondo comma, le parole: «delle Camere» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati» e la parola: «rispettivi» è sostituita dalla seguente: «suoi»;

b) al quarto comma, le parole: «Le Camere ogni anno approvano» sono sostituite dalle seguenti: «La Camera dei deputati ogni anno approva»;

c) al sesto comma, le parole: «di ciascuna Camera,» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati,».

7. All’articolo 87 della Costituzione sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al terzo comma, le parole: «delle nuove Camere» sono sostituite dalle seguenti: «della nuova Camera dei deputati»;

b) all’ottavo comma, le parole: «delle Camere» sono sostituite dalle seguenti: «della Camera dei deputati. Ratifica i trattati relativi all’appartenenza dell’Italia all’Unione europea, previa l’autorizzazione di entrambe le Camere»;

c) al nono comma, le parole: «dalle Camere» sono sostituite dalle seguenti: «dalla Camera dei deputati».

8. La rubrica del titolo V della parte II della Costituzione è sostituita dalla seguente: «Le Regioni, le Città metropolitane e i Comuni».
9. All’articolo 120, secondo comma, della Costituzione, dopo le parole: «, delle Province» sono inserite le seguenti: «autonome di Trento e di Bolzano».
10. All’articolo 121, secondo comma, della Costituzione, le parole: «alle Camere» sono sostituite dalle seguenti: «alla Camera dei deputati».
11. All’articolo 122, secondo comma, della Costituzione, le parole: «ad una delle Camere del Parlamento» sono sostituite dalle seguenti: «alla Camera dei deputati».
12. All’articolo 132, secondo comma, della Costituzione, le parole: «della Provincia o delle Province interessate e» sono soppresse e le parole: «Province e Comuni,» sono sostituite dalle seguenti: «i Comuni,».
13. All’articolo 133 della Costituzione, il primo comma è abrogato.
14. Il comma 2 dell’articolo 12 della legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1, e successive modificazioni, è sostituito dal seguente:

«2. Il Comitato di cui al comma 1 è presieduto dal Presidente della Giunta della Camera dei deputati».

15. Alla legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) l’articolo 5 è sostituito dal seguente:
«Art. 5. – 1. L’autorizzazione prevista dall’articolo 96 della Costituzione spetta alla Camera dei deputati, anche se il procedimento riguardi altresì soggetti che non sono membri della medesima Camera dei deputati»;

b) le parole: «Camera competente ai sensi dell’articolo 5» e «Camera competente», ovunque ricorrono, sono sostituite dalle seguenti: «Camera dei deputati».

16. All’articolo 3 della legge costituzionale 22 novembre 1967, n. 2, al primo periodo, le parole: «da questo in seduta comune delle due Camere» sono sostituite dalle seguenti: «da ciascuna Camera» e le parole: «componenti l’Assemblea» sono sostituite dalle seguenti: «propri componenti»; al secondo periodo, le parole: «l’Assemblea» sono sostituite dalle seguenti: «di ciascuna Camera».

Art. 39. 

(Disposizioni transitorie). 


1. In sede di prima applicazione e sino alla data di entrata in vigore della legge di cui all’articolo 57, sesto comma, della Costituzione, come modificato dall’articolo 2 della presente legge costituzionale, per l’elezione del Senato della Repubblica, nei Consigli regionali e della Provincia autonoma di Trento, ogni consigliere può votare per una sola lista di candidati, formata da consiglieri e da sindaci dei rispettivi territori. Al fine dell’assegnazione dei seggi a ciascuna lista di candidati si divide il numero dei voti espressi per il numero dei seggi attribuiti e si ottiene il quoziente elettorale. Si divide poi per tale quoziente il numero dei voti espressi in favore di ciascuna lista di candidati. I seggi sono assegnati a ciascuna lista di candidati in numero pari ai quozienti interi ottenuti, secondo l’ordine di presentazione nella lista dei candidati medesimi, e i seggi residui sono assegnati alle liste che hanno conseguito i maggiori resti; a parità di resti, il seggio è assegnato alla lista che non ha ottenuto seggi o, in mancanza, a quella che ha ottenuto il numero minore di seggi. Per la lista che ha ottenuto il maggior numero di voti, può essere esercitata l’opzione per l’elezione del sindaco o, in alternativa, di un consigliere, nell’ambito dei seggi spettanti. In caso di cessazione di un senatore dalla carica di consigliere o di sindaco, è proclamato eletto rispettivamente il consigliere o sindaco primo tra i non eletti della stessa lista.

2. Quando, in base all’ultimo censimento generale della popolazione, il numero di senatori spettanti a una Regione, ai sensi dell’articolo 57 della Costituzione, come modificato dall’articolo 2 della presente legge costituzionale, è diverso da quello risultante in base al censimento precedente, il Consiglio regionale elegge i senatori nel numero corrispondente all’ultimo censimento, anche in deroga al primo comma del medesimo articolo 57 della Costituzione. Si applicano in ogni caso le disposizioni di cui al comma 1.

3. Nella legislatura in corso alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale, sciolte entrambe le Camere, non si procede alla convocazione dei comizi elettorali per il rinnovo del Senato della Repubblica.

4. Fino alla data di entrata in vigore della legge di cui all’articolo 57, sesto comma, della Costituzione, come modificato dall’articolo 2 della presente legge costituzionale, la prima costituzione del Senato della Repubblica ha luogo, in base alle disposizioni del presente articolo, entro dieci giorni dalla data della prima riunione della Camera dei deputati successiva alle elezioni svolte dopo la data di entrata in vigore della presente legge costituzionale. Qualora alla data di svolgimento delle elezioni della Camera dei deputati di cui al periodo precedente si svolgano anche elezioni di Consigli regionali o dei Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano, i medesimi Consigli sono convocati in collegio elettorale entro tre giorni dal loro insediamento.

5. I senatori eletti sono proclamati dal Presidente della Giunta regionale o provinciale.

6. La legge di cui all’articolo 57, sesto comma, della Costituzione, come modificato dall’articolo 2 della presente legge costituzionale, è approvata entro sei mesi dalla data di svolgimento delle elezioni della Camera dei deputati di cui al comma 4.
7. I senatori a vita in carica alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale permangono nella stessa carica, ad ogni effetto, quali membri del Senato della Repubblica.
8. Le disposizioni dei regolamenti parlamentari vigenti alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale continuano ad applicarsi, in quanto compatibili, fino alla data di entrata in vigore delle loro modificazioni, adottate secondo i rispettivi ordinamenti dalla Camera dei deputati e dal Senato della Repubblica, conseguenti alla medesima legge costituzionale.
9. Fino all’adeguamento del regolamento della Camera dei deputati a quanto previsto dall’articolo 72, settimo comma, della Costituzione, come modificato dall’articolo 12 della presente legge costituzionale, in ogni caso il differimento del termine previsto dal medesimo articolo non può essere inferiore a dieci giorni.
10. In sede di prima applicazione dell’articolo 135 della Costituzione, come modificato dall’articolo 37 della presente legge costituzionale, alla cessazione dalla carica dei giudici della Corte costituzionale nominati dal Parlamento in seduta comune, le nuove nomine sono attribuite alternativamente, nell’ordine, alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica.
11. In sede di prima applicazione, nella legislatura in corso alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale, su ricorso motivato presentato entro dieci giorni da tale data, o entro dieci giorni dalla data di entrata in vigore della legge di cui all’articolo 57, sesto comma, della Costituzione, come modificato dalla presente legge costituzionale, da almeno un quarto dei componenti della Camera dei deputati o un terzo dei componenti del Senato della Repubblica, le leggi promulgate nella medesima legislatura che disciplinano l’elezione dei membri della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica possono essere sottoposte al giudizio di legittimità della Corte costituzionale. La Corte costituzionale si pronuncia entro il termine di trenta giorni. Anche ai fini di cui al presente comma, il termine di cui al comma 6 decorre dalla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale.

Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di cui all’articolo 57, sesto comma, della Costituzione, come modificato dalla presente legge costituzionale, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano conformano le rispettive disposizioni legislative e regolamentari a quanto ivi stabilito.
12. Le leggi delle Regioni adottate ai sensi dell’articolo 117, terzo e quarto comma, della Costituzione, nel testo vigente fino alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale, continuano ad applicarsi fino alla data di entrata in vigore delle leggi adottate ai sensi dell’articolo 117, secondo e terzo comma, della Costituzione, come modificato dall’articolo 31 della presente legge costituzionale.
13. Le disposizioni di cui al capo IV della presente legge costituzionale non si applicano alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento e di Bolzano fino alla revisione dei rispettivi statuti sulla base di intese con le medesime Regioni e Province autonome. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale, e sino alla revisione dei predetti statuti speciali, alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome si applicano le disposizioni di cui all’articolo 116, terzo comma, ad esclusione di quelle che si riferiscono alle materie di cui all’articolo 117, terzo comma, della Costituzione, nel testo vigente fino alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale e resta ferma la disciplina vigente prevista dai medesimi statuti e dalle relative norme di attuazione ai fini di quanto previsto dall’articolo 120 della Costituzione; a seguito della suddetta revisione, alle medesime Regioni a statuto speciale e Province autonome si applicano le disposizioni di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione, come modificato dalla presente legge costituzionale.
14. La Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste esercita le funzioni provinciali già attribuite alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale.

Art. 40. 

(Disposizioni finali). 


1. Il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (CNEL) è soppresso. Entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, d’intesa con il Ministro dell’economia e delle finanze, nomina, con proprio decreto, un commissario straordinario cui è affidata la gestione provvisoria del CNEL, per le attività relative al patrimonio, compreso quello immobiliare, nonché per la riallocazione delle risorse umane e strumentali presso la Corte dei conti e per gli altri adempimenti conseguenti alla soppressione. All’atto dell’insediamento del commissario straordinario decadono dall’incarico gli organi del CNEL e i suoi componenti per ogni funzione di istituto, compresa quella di rappresentanza.
2. Non possono essere corrisposti rimborsi o analoghi trasferimenti monetari recanti oneri a carico della finanza pubblica in favore dei gruppi politici presenti nei Consigli regionali.
3. Tenuto conto di quanto disposto dalla presente legge costituzionale, entro la legislatura in corso alla data della sua entrata in vigore, la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica provvedono, secondo criteri di efficienza e razionalizzazione, all’integrazione funzionale delle amministrazioni parlamentari, mediante servizi comuni, impiego coordinato di risorse umane e strumentali e ogni altra forma di collaborazione. A tal fine è istituito il ruolo unico dei dipendenti del Parlamento, formato dal personale di ruolo delle due Camere, che adottano uno statuto unico del personale dipendente, nel quale sono raccolte e coordinate le disposizioni già vigenti nei rispettivi ordinamenti e stabilite le procedure per le modificazioni successive da approvare in conformità ai princìpi di autonomia, imparzialità e accesso esclusivo e diretto con apposito concorso. Le Camere definiscono altresì di comune accordo le norme che regolano i contratti di lavoro alle dipendenze delle formazioni organizzate dei membri del Parlamento, previste dai regolamenti. Restano validi a ogni effetto i rapporti giuridici, attivi e passivi, instaurati anche con i terzi.
4. Per gli enti di area vasta, tenuto conto anche delle aree montane, fatti salvi i profili ordinamentali generali relativi agli enti di area vasta definiti con legge dello Stato, le ulteriori disposizioni in materia sono adottate con legge regionale. Il mutamento delle circoscrizioni delle Città metropolitane è stabilito con legge della Repubblica, su iniziativa dei Comuni, sentita la Regione.
5. Fermo restando quanto stabilito dall’articolo 59, primo comma, della Costituzione, i senatori di cui al medesimo articolo 59, secondo comma, come sostituito dall’articolo 3 della presente legge costituzionale, non possono eccedere, in ogni caso, il numero complessivo di cinque, tenuto conto della permanenza in carica dei senatori a vita già nominati alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale. Lo stato e le prerogative dei senatori di diritto e a vita restano regolati secondo le disposizioni già vigenti alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale.
6. I senatori della Provincia autonoma di Bolzano/Autonome Provinz Bozen sono eletti tenendo conto della consistenza dei gruppi linguistici in base all’ultimo censimento. In sede di prima applicazione ogni consigliere può votare per due liste di candidati, formate ciascuna da consiglieri e da sindaci dei rispettivi territori.

Art. 41. 

(Entrata in vigore). 


1. La presente legge costituzionale entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale successiva alla promulgazione. Le disposizioni della presente legge costituzionale si applicano a decorrere dalla legislatura successiva allo scioglimento di entrambe le Camere, salvo quelle previste dagli articoli 28, 35, 39, commi 3, 7 e 11, e 40, commi 1, 2, 3 e 4, che sono di immediata applicazione.

NWO- Definizione!

#NWO è il potere bancario oligarchico sionista che creò con

la #BCE la moneta-debito utile x la dittatura monetaria in €U, e con la #FED negli USA!

kiriosomega

Frontex e il Diritto della Navigazione- Brevi considerazioni

Frontex- Diritto navigazione

Frontex- Diritto navigazione

kiriosomega

Italia-Non donna di province ma bordello!

Ci crediate o no questa cosa mi è successa davvero!

da Italia a italrenz

da Italia a italrenz

Nun se ne po’ più!

Nun se ne po’ più!

Nun se ne po' più!

Nun se ne po’ più!

banche-denti-cittc3a0-1

banche-denti-cittc3a0-1

GIOCHI DI MORTE!

“Il video dell’attentato all’aeroporto di Bruxelles è un falso”. In realtà si tratta di filmato che risale all’attentato all’aeroporto Domodedovo di Mosca del 2011″! http://www.huffingtonpost.it/2016/03/22/video-attentato-bruxelles-mosca_n_9520762.html

Perché la manfrina? questa la mia risposta:

giochi di morte 2

giochi di morte 2

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 3.370 follower