PROEMIO

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

Annunci

e fu kiriosomega

e fu kiriosomega

kiriosomega

kiriosomega

PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

Protetto: camper benevento

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Addio Bel paese!

paese di vice vice Re!

Per la situazione caotica e impossibile da dipanare elettoralmente s’affermerà il

Felici i Franco/Tedeschi che si mangeranno l’Italia chiunque dei Partiti Politici esistenti crederà di governare!

italia spaccata

italia spaccata

 

Ironia- dire il vero ridendo

Ironia- dire il vero ridendo

IRONIA

IRONIA

 

23 Ottobre 1942: Seconda battaglia di el Alamein

23 Ottobre 1942: Seconda battaglia di el Alamein

ITALIA-

IN GINOCCHIO PELLEGRINO QUI SOL CI VINSE LA MORTE! GIAMMAI IL DISONORE!

Cippo_El_Alamein

Cippo_El_Alamein

M13-40_AS1942

Un M13/40 in Africa Settentrionale nel 1942

anti_italiani_el alamein_1942

Fanti italiani nel Nordafrica durante la battaglia di El Alamein

Bundesarchiv_Bild_101I-784-0208-17A,_Nordafrika,_italienische_Panzer.2

Un semovente da 75/18, una delle armi anticarro in dotazione al Regio Esercito

Anche se le parole che seguon furon e

Sono per Giarabub nulla differisce

Dall’eroismo italiano di el Alamenin!

 

…Colonnello, non voglio il cambio,
Qui nessuno ritorna indietro!
Non si cede neppure un metro,
Se la morte non passerà.

ITALIA- EL ALAMEIN 23 10 2017

ITALIA- EL ALAMEIN  un pensiero a quei forti! 23 10 2017

ITALIA

ITALIA

PD_ ma dove li trova?

L’ultima, ma non ultima, purtroppo, meraviglia del PD arriva da Ventimiglia-

Lì, il sindaco s’è industriato a spiegare ai cittadini che:
NON È VERO CHE STRA_NERI SONO CATTIVI, UBRIACONI E VIOLENTI- SONO SOLO GENTI, DICE, CHE NON ABITUATE A BERE COMMETTONO REATI PER TALE MOTIVO!

1/Chi li costringe a bere?

2/ Il concetto del sindaco è incosciente, stupido, fazioso-Come fa a dire che quella gente è rispettosa delle leggi senza conoscerle, e anche facendo finta d’ignorare che i loro Paesi spesso se ne liberano perché anche là sono indesiderati, poiché sovente galeotti costretti ad andarsene!

3/ Dunque, per il sindaco, manteniamoli tutti, lasciamo che compiano reati e teniamoceli.

4/ Non glie lo auguro, ma può essere che avvenga uno stupro o omicidio o altro anche nella suo gentilizio! Poi ci dirà!

Dimenticavo:

5/Non sono abituato a bere, se dovessi farlo potrò stuprare la vicina tanto carina che non vuole darmela?

lasciami bere stra_neri bevitori

lasciami bere stra_neri bevitori

LA DITTATURA SINISTRA È SERVITA! Ma salterà!

LA DITTATURA SINISTRA È SERVITA

Se t’affacci o scrivi ti fulmino!

Google controllata censurata!

Facebook controllata censurata!

Youtube controllata censurata!

Twitter controllata censurata ha presentato anche nuove direttive d’impiego!

SIAMO CIRCONDATI!

NON MI ARRENDO COMUNQUE AL PENSIERO UNICO!

NON MI ARRENDO ALL’INVASIONE!

NON MI ARRENDO A UN PAPA COMUNISTA!

NON RINUNCIO AL CONCETTO DI FAMIGLIA!

NON TRADISCO I MARTIRI CHE S’IMMOLARONO PER ME E I NOSTRI FIGLI!

SONO ITALIANO E NON RINUNCIO

AL CONCETTO DI PATRIA!

KIRIOSOMEGA

Il mito dello Stato- Gli dei- O del plagio dell’umanità!

Gli Dei esistono perché invisibili!
Gli Dei esistono perché su loro si creò il mito su cui poggia lo Stato!
Gli Dei non esistono nella realtà:Sono la peggior umana idiota invenzione di pochi disonesti al comando!

capitale vorace 2

capitale vorace 2

RIOPAN- MAGALDRATO- ANTIACIDO!

GEL ORALE RITIRATO DAL COMMERCIO! È UN ANTIACIDO (MAGALDRATO) LOTTI HANNO SERIE AIC 027103035 E  N. 267642 e 267643-

PORTATELI IN FARMACIA

riopan

riopan

MALARIA _ CIRCOLARE DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA ITALIANA!

Leggete almeno la parte in grassetto successiva a questa prima, sono solo poche righe- Servirà a capire dome il Ministero della Salute sa ben più di quel che dice a noi peones!

Circolare del MINISTERO DELLA SALUTE: PROTOCOLLO E DATA

0036391-27/12/2016—DGPRE—DGPRE—P

file trasformato da kiriosomega da PDF% in file Word 2016

Circolare della:

DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA
Ufficio 5 Prevenzione delle Malattie Trasmissibili e Profilassi Internazionale

aedes_aegypty

aedes_aegypty

A:

ASSESSORATI ALLA SANITÀ REGIONI

STATUTO ORDINARIO E SPECIALE

LORO SEDI

ASSESSORATI ALLA SANITÀ PROVINCE

AUTONOME TRENTO E BOLZANO LORO SEDI

e, per conoscenza

UFFICI DI SANITÀ MARITTIMA, AEREA

E DI FRONTIERA — SERVIZI ASSISTENZA SANITARIA PERSONALE NAVIGANTE (USMAF-SASN)

LORO SEDI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ROMA

CENTRO NAZIONALE SANGUE ROMA

CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI ROMA

ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI

LORO SEDI

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

ministero.affariesteri@cert.esteri.it

MINISTERO DELL’INTERNO

gabinetto.ministro(cOec.interno.it

MINISTERO DI GIUSTIZIA

centrocifra.gabinetto@giustiziacertit

MINISTERO DELLA DIFESA udcpostacert.difesa.it

CROCE ROSSA ITALIANA – SEDE NAZIONALE

comitato.centrale(&pec.cri.it

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI

protocollo(Mpec.fnomceo.it

FEDERAZIONE DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI ITALIANI postagpec.fofi.it

REGIONE VENETO – ASSESSORATO ALLA SANITÀ

DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE COORDINAMENTO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE chiara.ziprani@regione.veneto.it

OGGETTO: Prevenzione e controllo della malaria in Italia

Negli ultimi anni la diffusione della malaria nel mondo è stata notevolmente ridotta grazie all’attuazione di programmi di lotta e controllo promossi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e, nel mese di aprile 2016, l’Ufficio Regionale Europeo dell’OMS ha comunicato agli Stati Membri l’eradícazione della trasmissione di malaria autoctona sul territorio della Regione Europea.

Tuttavia nelle aree tropicali e sub tropicali la malaria rappresenta ancora la più importante malattia trasmessa da vettore. Nell’ultimo rapporto sulla situazione mondiale della malaria, pubblicato sempre dall’OMS, vengono riportati 95 paesi ancora con endemia malarica, circa 214 milioni di casi e 438 mila decessi (World Malaria Report, dicembre 2015).

Nei paesi non endemici la malaria continua ad essere la più importante malattia d’importazione, legata al numero crescente sia di viaggiatori internazionali sia di flussi migratori provenienti da aree endemiche. Questa malattia rappresenta dunque la principale fonte di preoccupazione da un punto di vista sanitario per le persone che si rechino in paesi tropicali e sub tropicali. Così come fonte di preoccupazione continuano ad essere i casi importati poiché in zone non più endemiche possono rappresentare serbatoi di infezione per vettori competenti presenti sul territorio e permettere il riattivarsi di una trasmissione locale, come avvenuto negli ultimi anni in Grecia.

La malaria è una malattia causata da protozoi del genere Plasmodium; le specie responsabili dell’infezione nell’uomo, trasmesse dalla puntura di alcune specie di zanzare appartenenti al genere Anopheles, sono: P. falciparum e P. vivax, le specie più diffuse che causano quindi il maggior numero di casi, seguite da P. ovale e P. malariae. P. falciparum è la specie che presenta maggiore morbosità e mortalità.

Alle quattro specie plasmodiali sopra menzionate, in vaste aree del Sud Est Asiatico si deve aggiungere il P. knowlesi, specie che infetta generalmente altri primati, ma che sempre più frequentemente è stata riscontrata anche nell’uomo, causando una forma di malaria piuttosto grave.

  1. SORVEGLIANZA IN ITALIA

All’inizio della seconda guerra mondiale la malaria era ancora presente su buona parte del nostro territorio, in particolare al centro sud, nelle isole maggiori e lungo le fasce costiere delle regioni nordorientali, con propaggini di ipoendemia nella Pianura Padana. I vettori provati erano le specie: Anopheles labranchiae, Anopheles sacharovi (appartenenti al complesso maculipennis) e Anopheles superpictus. La trasmissione della malaria fu praticamente interrotta a conclusione della Campagna di Lotta Antimalarica (1947-51), casi sporadici, dovuti a Plasmodium vivax, si verificarono in Sicilia fino agli inizi degli anni ’60. Nel 1970 l’OMS include l’Italia tra i paesi indenni da malaria, tuttavia nel nostro paese per questa malattia resta in vigore la notifica obbligatoria.

Il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità mantengono attivo un sistema di sorveglianza che prevede una continua valutazione della situazione epidemiologica sia tramite l’elaborazione annuale della casistica sia attraverso il controllo dell’anofelismo residuo. L’Istituto Superiore di Sanità ha anche l’incarico di conferma microscopica di diagnosi dei casi notificati.

1.1 DATI EPIDEMIOLOGICI RECENTI

Nel corso degli anni, anche in Italia, come in Europa, la malaria è diventata la malattia tropicale più frequentemente importata. Dati epidemìologìci recenti, relativi al periodo 2011-2015, mostrano 3.633 casi di malaria notificati, di cui 89% con diagnosi confermata. La quasi totalità dei casi sono d’importazione, i casi autoctoni riportati sono stati sette: due indotti (P. falciparum e P. malariae), tre criptici (1 di P. falciparum e 2 di P. malariae), uno sospetto da bagaglio (P. falciparum), uno sospetto introdotto (P. vivax), cioè trasmesso da vettori indigeni (Allegato 1). Il 70% dei casi si sono verificati nel genere maschile e il 45% nella fascia di età 24-44 anni. Tra i cittadini italiani si sono riscontrati il 20% dei casi di cui il 41% in viaggio per lavoro, il 22% per turismo, il 21 % per volontariato/missione religiosa. Gli stranieri rappresentano 1’80%, per quanto

riguarda quest’ultimi 1’81% dei casi sono da registrarsi tra immigrati regolarmente residenti in Italia e tornati nel paese di origine in visita a parenti ed amici, definiti in letteratura come Visiting Relatives and Friends e indicati con l’acronimo VRFs, il 13% tra immigrati al primo ingresso.

La specie di plasmodio predominante è risultata P. falciparum, con 1’82% dei casi segnalati, seguita da P.vivax (12%), P.ovale (4%), P. malariae (2%); rare le infezioni miste (0,4%). Il 92% dei casi sono originati dal continente africano (soprattutto da paesi dell’Africa occidentale), il 7% da quello asiatico, lo 0,6% da paesi dell’America centro meridionale e lo 0,1% dall’Oceania (Papua-Nuova Guinea); in questi ultimi tre continenti predomina il P.vivax. I decessi sono stati in totale quattro, dovuti ad infezioni da P. falciparum acquisite in Africa.

1.2 OBIETTIVI DELLA SORVEGLIANZA E ATTUALI CRITICITÀ DEL SUO FUNZIONAMENTO

La Figura 1 mostra la distribuzione percentuale 2011-2015 dei casi di malaria per regione di notifica in cui si evidenzia che la maggior parte dei casi sono notificati nelle regioni del centro-nord. Tuttavia relativamente allo stesso periodo, una recente analisi effettuata dal Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità che ha messo a confronto i dati di notifica con quelli di ospedalizzazione disponibili sul Nuovo Sistema Informativo Sanitario del Ministero della Salute (NSIS) in cui è riportata la diagnosi di malaria (codice ICD9-CM: 084), ha evidenziato che le notifiche per alcune regioni, in particolare del centro-sud, potrebbero essere sottostimate. Questo è anche suggerito dalle frequenti richieste da parte di Presidi Ospedalieri all’Istituto Superiore di Sanità, per la conferma di diagnosi microscopica di casi per i quali non è poi stata mai inviata la relativa scheda di notifica. Al problema della sotto notifica si aggiunge anche il problema della tempestività in quanto non è raro che alcune notifiche siano inviate al Ministero della Salute anche oltre 6 mesi dalla diagnosi effettuata dal Presidio Ospedaliero. Quindi, una maggiore sensibilizzazione dei Servizi Sanitari Locali circa la segnalazione dei casi permetterebbe di avere un sistema di sorveglianza più affidabile ed efficace.

Vale la pena di sottolineare, infatti, che l’aggiornamento della situazione epidemiologica della malaria nel nostro paese è un fattore essenziale per fornire informazioni adeguate per la prevenzione di questa malattia ai viaggiatori diretti verso paesi tropicali e sub-tropicali e per orientare e ottimizzare misure di controllo in caso di eventi autoctoni introdotti (Allegato 2), considerando che il principale vettore indigeno, Anopheles labranchiae, è ancora presente sul territorio nazionale e, nel periodo giugno-ottobre, in alcune aree può raggiungere anche densità elevate.

Figura 1. Distribuzione percentuale per Regione dei casi notificati di malaria in Italia, 2011-2015. Le gradazioni di colore (chiaro/scuro) sono relative al valore di percentuale delle notifiche (minore/maggiore).

2,0

  1. MISURE DI PREVENZIONE PER I VIAGGIATORI DIRETTI IN AREE AD ENDEMIA MALARICA

2.1 PROFILASSI COMPORTAMENTALE

L’adozione di misure di protezione personale che comprendono l’impiego di zanzariere, repellenti cutanei ed ambientali ed indumenti adatti, da sole garantiscono un certo grado di protezione riducendo il rischio di contrarre la malaria.

Le abitudini notturne delle zanzare anofele aumentano il rischio di contrarre questa malattia particolarmente nel periodo che va dal tramonto all’alba, pertanto, per difendersi dalle loro punture si consiglia di:

  • evitare, se possibile, di soggiornare all’aperto nelle ore in cui le zanzare anofele sono attive;
  • indossare abiti di colore chiaro (i colori scuri e quelli accesi attirano gli insetti), con maniche lunghe e pantaloni lunghi che coprano la maggior parte del corpo;

applicare sulla cute esposta repellenti per insetti a base di DEET (N,N-dietil-n-toluamide), o di KBR (Icaridina), ripetendo, se necessario, ad esempio in caso di sudorazione intensa, l’applicazione come da etichetta (i repellenti di origine naturale, poi amplificati industrialmente, come il PMD (Citrodiol) o l’AMP (IR3535), possono rappresentare una valida alternativa ai precedenti in zone di basso rischio);

  • alloggiare preferibilmente in edifici ben costruiti e in buono stato di conservazione e che offrano sufficienti garanzie dal punto di vista igienico-sanitario;
  • dormire preferibilmente in stanze dotate di condizionatore d’aria ovvero, in mancanza di questo, di zanzariere alle finestre, verificando che queste siano in buono stato e ben chiuse.
  • Se si trascorre la notte in ambienti privi delle suddette protezioni, si consiglia l’uso di zanzariere da letto, rimboccandone i margini sotto il materasso e controllando che nessuna zanzara sia rimasta imprigionata all’interno. Qualora necessario risulta molto utile impregnare le zanzariere con insetticidi a base di piretroidi.
  • In assenza di zanzariere e d’impianti di aria condizionata nella struttura abitativa, spruzzare insetticidi a base di piretro o di suoi derivati nelle stanze di soggiorno e nelle stanze da letto, oppure usare diffusori di insetticida (operanti a corrente elettrica o a batterie, a piastrine o liquidi) che contengano derivati del piretro (ricordarsi di areare bene i locali prima di soggiornarvi). Nel caso si soggiornasse all’aperto dopo il tramonto, come ad esempio in verande, sotto porticati, in terrazze o giardini, possono essere utilizzate le spirali antizanzare (i cui comburenti emettono fumi che possono risultare tossici al chiuso) o altri presidi a fiamma libera, tenendo conto che tutti questi formulati tengono lontane le zanzare solo in un’area di pochi metri quadrati.

  • Per il solo impiego professionale che imponga periodi notturni da trascorrere all’aperto (ad esempio militari), prodotti repellenti per gli insetti e insetticidi a base di permetrina possono essere spruzzati anche direttamente sugli abiti. La possibilità, soprattutto in bambini piccoli, di effetti indesiderati dei prodotti repellenti per gli insetti impone alcune precauzioni nel loro uso e una scrupolosa attenzione alle indicazioni contenute nei foglietti di accompagnamento. In particolare, il prodotto repellente deve essere applicato sulle parti scoperte o sugli indumenti; non deve essere inalato o ingerito, o portato a contatto con gli occhi; non deve essere applicato su cute irritata o escoriata; deve essere evitata l’applicazione di prodotti ad alta concentrazione sui bambini; le superfici cutanee trattate vanno lavate immediatamente dopo il ritorno in ambienti chiusi o al manifestarsi di sintomi sospetti (prurito, infiammazione), per i quali è opportuno consultare immediatamente un medico.

2.2 CHEMIOPROFILASSI

Alle misure di profilassi comportamentale può essere associata la profilassi farmacologica che riduce ulteriormente il rischio d’infezione. Ad oggi non esiste un farmaco antimalarico che, a dosaggi diversi da quelli impiegati per la terapia, sia in grado di prevenire l’infezione malarica nel 100% dei casi e che sia del tutto esente da effetti indesiderati; inoltre, la resistenza dei plasmodi ai farmaci antimalarici è sempre più frequente e coinvolge già anche farmaci di impiego relativamente recente.

Nella scelta di un appropriato regime di profilassi antimalarica vanno considerati vari fattori:

  • l’itinerario, la stagione e il tipo di viaggio (altitudine, passaggio in aree rurali o permanenza esclusivamente in zone urbane);
  • il motivo del viaggio;
  • la durata del viaggio; in caso di soggiorni di breve durata (inferiori alla settimana) o per permanenze in zone urbane, può essere sufficiente la sola profilassi comportamentale;
  • il rischio di acquisizione di malaria da falciparum farmaco-resistente;
  • le condizioni di salute del viaggiatore;
  • precedenti reazioni allergiche a farmaci antimalarici;
  • l’età; per i bambini il dosaggio deve essere basato sul peso corporeo;

Di seguito sono riportati i farmaci più usati per la chemioprofilassi.

La profilassi con atovaquone-proguanile o con doxiciclina_richiede un’assunzione giornaliera. Il farmaco va iniziato 1-2 giorni prima dell’arrivo nella zona a rischio di malaria (o anche prima, se deve essere controllata la tollerabilità al farmaco prima della partenza).

La meflochina, da assumersi una volta alla settimana, va iniziata almeno una settimana prima
dell’arrivo ín zona endemica. Alcuni esperti raccomandano di iniziare la profilassi 2-3 settimane

prima della partenza perché il farmaco raggiunga i livelli ematici di protezione e per consentire di rilevare possibili effetti collaterali prima del viaggio in modo da poter scegliere farmaci alternativi in caso di necessità. Prima di prescrivere la meflochina il medico deve informare il viaggiatore della possibile insorgenza di eventi avversi.

La profilassi settimanale con clorochina deve essere iniziata 1 settimana prima dell’arrivo in area endemica.

Tutti i farmaci per la profilassi devono sempre essere assunti con regolarità per tutta la durata del soggiorno in una zona a rischio di malaria e continuati per almeno 4 settimane dopo il ritorno (meflochina, doxicillina, clorochina). Fa eccezione l’atovaquone-proguanile, la cui assunzione va iniziata 1-2 giorni prima dell’arrivo nella zona a rischio e continuata per 7 giorni dopo il rientro; tuttavia, il viaggiatore che, ancora esposto al rischio di malaria, dimentica di assumere le dosi giornaliere, deve continuare la profilassi per 4 settimane dopo il rientro.

I farmaci antimalarici vanno assunti a stomaco pieno e con abbondante acqua.

I viaggiatori internazionali, prima di partire, per ricevere adeguate informazioni sulla chemioprofilassi antimalarica, devono rivolgersi alle strutture sanitarie preposte alla prevenzione delle malattie dei viaggiatori, individuate dalle regioni, o agli Uffici di sanità marittima ed aerea del Ministero della Salute, di cui si riporta la mappa alla seguente pagina del Portale ministeriale:

http://www.salute.gov.it/portalehemi/p2 4jsp?lin_gua=italiano&tema=Prevenzione&area=usmaf. E’ inoltre opportuno che consultino il proprio medico di fiducia, che oltre ad effettuare la prescrizione necessaria per l’acquisto dei farmaci, potrà valutare l’esistenza di controindicazioni o di situazioni che sconsiglino l’assunzione dei farmaci antimalarici.

2.3 LIVELLI DI RISCHIO DI MALARIA E PREVENZIONE RACCOMANDATA

L’OMS per ogni area geografica definisce i livelli di rischio malarico ed i relativi tipi di prevenzione (Tabella 1).

Tabella 1. Rischio di malaria e tipo di prevenzione (da: International travel and health, OMS, http://www.who.int/ith/en/, ultimo aggiornamento 2016).

TIPOLOGIA RISCHIO MALARIA TIPO DI PREVENZIONE
TIPO A Rischio molto limitato di trasmissione Solo protezione dalle punture di zanzare
TIPO B Rischio di trasmissione da P. vivax soltanto Protezione dalle punture di zanzare + chemioprofilassi con clorochina o con doxiciclina o atovaquone-proguanile o meflochina (scegliere sulla base della sensibilità del parassita, degli effetti collaterali e delle controindicazioni) a)
TIPO C Rischio di trasmissione da P. falciparum con resistenza alla clorochina e sulfadossina- pirimetamina Protezione dalle punture di zanzare + chemioprofilassi con: atovaquone—proguanil o

doxiciclina o meflochina

(scegliere sulla base della farmacoresistenza, effetti collaterali e controindicazioni)a

TIPO D Rischio di P. falciparum in combinazione con multi resistenza Protezione dalle punture di zanzare + chemioprofilassi con:

atovaquone— proguanil o doxiciclina o meflochina (scegliere sulla base della farmacoresistenza, degli effetti

collaterali e delle controindicazioni)a,b

NOTE:

  1. a) In alternativa, quando viaggiano in aree rurali con basso rischio di infezione da malaria, la prevenzione delle punture di zanzare può essere combinata con trattamento di emergenza stand-by (SBET),

a),b) In alcune aree con malaria multi-resistente, la chemioprofilassi con meflochina non è più raccomandata. AI momento sono la Cambogia, la Tailandia e Myanmar sud-orientale.

2.4 PREVENZIONE IN GRUPPI PARTICOLARI DI VIAGGIATORI

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

La malaria contratta nelle donne in gravidanza aumenta il rischio di parti prematuri, aborto, morte neonatale e morte della madre. Alle donne in gravidanza si consiglia di evitare di viaggiare verso aree endemiche per malaria. Se il viaggio non può essere rimandato, oltre alla scrupolosa applicazione di misure di protezione personale, il medico curante prescriverà la profilassi farmacologica adeguata al periodo della gravidanza e alla sensibilità dei plasmodi presenti nell’ area del viaggio. In caso di sospetta malaria in gravidanza è più che mai necessario cercare immediatamente una consulenza medica e cominciare un ciclo di terapia con farmaci antimalarici efficaci.

Nelle zone con esclusiva trasmissione di P. vivax, si può utilizzare clorochina per la profilassi. Nelle aree con trasmissione di P. falciparum, si può utilizzare meflochina. Alla luce del rischio di malaria per madre e feto  si consiglia di evitare o rimandare viaggi verso zone con trasmissione di  P. alci• arem durante il s rimo trimestre di avidanza• se non è s ossibile evitare o rimandare il viaggio, sì devono adottare tutte le misure preventive possibili, compresa la profilassi con meflochina dove indicata.

La Doxiciclina è controindicata in gravidanza per il rischio di effetti avversi sul feto quale colorazione permanente dei denti, displasie e inibizione dell’accrescimento osseo. I dati sulla sicurezza dell’atovaquone-proguanile in gravidanza sono limitati e questa combinazione, pertanto, non è raccomandata.

Le donne in età fertile possono effettuare la chemioprofilassi antimalarica con atovaquone­proguanile, con doxiciclina o con meflochina, avendo cura di evitare la gravidanza almeno per il periodo di durata dell’emivita del farmaco.

Per la meflochina, in caso di gravidanza non prevista, la chemioprofilassi antimalarica non va considerata un’indicazione per l’interruzione di gravidanza.

Relativamente all’allattamento i quantitativi di farmaci antimalarici che passano nel latte materno non sono considerati, alla luce delle attuali conoscenze, pericolosi per il lattante e sono insufficienti ad assicurare un’adeguata protezione nei confronti dell’infezione e pertanto, in caso di necessità, la chemioprofilassi antimalarica deve essere eseguita con i farmaci e ai dosaggi consigliati per l’età pediatrica.

ETÀ PEDIATRICA

I bambini sono ad alto rischio di contrarre la malaria, poiché possono ammalarsi rapidamente e in modo grave, pertanto, la febbre in un bambino di ritorno da un viaggio in una zona malarica deve essere sempre considerata sintomo di malaria, a meno che non sia possibile dimostrare il contrario. Il viaggio in zone endemiche, particolarmente ove vi sia trasmissione di P. falciparum clorochino­resistente è sconsigliato per i bambini molto piccoli. Oltre alla protezione nei confronti delle

zanzare, essi dovrebbero seguire un regime di chemioprofilassi appropriato, secondo le prescrizioni del medico.

SOGGIORNI PROLUNGATI

L’aderenza e la tollerabilità alla terapia sono aspetti importanti della chemioprofilassi per le persone che prevedono di soggiornare a lungo in zone endemiche. Queste persone dovrebbero attuare la chemioprofilassi nel periodo iniziale di adattamento e nelle stagioni di massima trasmissione. In caso di rischio malarico elevato si può considerare di prolungare l’assunzione del farmaco anche oltre i tempi prescritti, dopo aver accuratamente valutato i rischi-benefici della scelta.

VIAGGIATORI VFRs

Ci si riferisce, come già detto, agli immigranti regolarmente residenti in Italia che ritornano nei Paesi di origine, endemici per malaria, per visitare i familiari rimanendoci anche per lunghi periodi di tempo. I VFRs presentano una probabilità 8 volte più elevata di ammalarsi di malaria rispetto ad altre tipologie di viaggiatori, e per quelli diretti in Africa occidentale tale valore sale a l0, poiché frequentemente non effettuano un’adeguata profilassi antimalarica.

E’ indispensabile migliorare l’accessibilità dei servizi di medicina dei viaggi agli immigrati e aumentare la loro consapevolezza sulla gravità della malattia, sul fatto che l’immunità acquisita nell’infanzia viene persa rapidamente dopo il trasferimento in aree non endemiche e che i loro bambini, molti dei quali nati in Italia, non avendo alcuna immunità parziale, sono particolarmente esposti al rischio di contrarre la malaria anche in forma grave. Si deve incoraggiare, in particolare per i bambini, l’uso di mezzi di protezione meccanica nei confronti della puntura delle zanzare e l’assunzione dei farmaci antimalarici efficaci per l’area visitata. Inoltre deve essere sempre raccomandato loro di consultare immediatamente un medico in caso di insorgenza di sintomi di qualunque tipo al ritorno da un viaggio in zone endemiche, per sollecitare una diagnosi e un’appropriata terapia.

  1. MISURE DI PREVENZIONE PER LA SICUREZZA TRASFUSIONALE

La sicurezza dei prodotti trasfusionali è prioritariamente garantita da un’accurata attività di valutazione anamnestica e selezione clinica del donatore, che nel sistema trasfusionale italiano, a differenza di molti altri Paesi, è affidata a medici opportunamente formati e qualificati per lo scopo. Infatti, sono stati introdotti nel tempo criteri di selezione dei donatori sempre più stringenti in risposta al cambiamento dello scenario epidemiologico ed è stato ampliato il pannello dei test di qualificazione biologica delle unità di sangue in funzione del progressivo aumento delle conoscenze scientifiche e della disponibilità di test validati per lo screening sistematico dei donatori e delle donazioni. Attualmente, il decreto del Ministro della salute 2 novembre 2015 (Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti), ha allineato il sistema

trasfusionale alle nuove acquisizioni tecnico-scientifiche, garantendo uniformi livelli di qualità e sicurezza su tutto il territorio, rafforzando le misúre di selezione del donatore, comprendenti la compilazione di un dettagliato questionario, un’accurata anamnesi, l’accertamento dei requisiti fisici, l’esecuzione dei test di controllo del donatore ed infine il giudizio di idoneità alla donazione, rilasciato dal medico responsabile della selezione, sulla base dei criteri di esclusione permanente e temporanea previsti dalla citata norma.

In particolare, per la prevenzione della trasmissione dell’infezione malarica, il decreto 2 novembre 2015, ha previsto che il candidato donatore risponda a specifiche domande poste nel questionario (allegato II, parte E; es: E’ nato, vissuto, vive o ha viaggiato all’estero? Se sì, in quale Paese; – Ha avuto malaria o febbre inspiegata durante un viaggio in zone a rischio o entro 6 mesi dal rientro?). Le informazioni acquisite con il questionario sono poi valutate dal medico responsabile della selezione del donatore che esprime il giudizio di idoneità sulla base di una valutazione complessiva (anamnestica e clinica) e applicando i criteri di esclusione permanente o temporanea, riportati nell’allegato III al decreto. Per la malaria, sono previsti i criteri di esclusione temporanea che si riportano di seguito in Tabella 2.

In tutti i casi per i quali è indicato sottoporre il donatore al test per lo screening della malaria, con il fine di escludere dalla donazione un soggetto (presumibilmente asintomatico) potenzialmente portatore del parassita, è indicato il ricorso a metodiche sierologiche (specifico test immunologico) capaci di rilevare lo stato di portatore, anche in presenza di parassitemie molto basse potenzialmente in grado di trasmettere la malaria attraverso la trasfusione. Non è ritenuto accettabile il test rapido, con conferma microscopica. Tali indicazioni pongono il sistema trasfusionale italiano in linea con quanto raccomandato a livello mondiale dall’ OMS e dall’European Directorate for the Qualìty of Medicines and Healthcare (EDQM).

LINK UTILI

Per informazioni più approfondite sulla malaria e per gli aggiornamenti relativi a profilassi e terapia si rimanda alla consultazione di siti web dedicati:

Ministero della Salute: http://www.salute.govit/malattieInfettive/documenti/Malaria.pdf Organizzazione Mondiale della Sanità: http://www.who.int/topics/malaria/en/z  http://www.who.int/malaria/en/

Centro Europeo per il Controllo delle malattie (ECDC): http://www.ecdc.europa.eu/en/healthtopics/malaria/Pages/index.aspx

Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC): https://www.cdc.gov/malaria/ Società Italiana di medicina tropicale: www.simetweb.eu/document/3678

Tabella 2. Criteri di esclusione temporanea dalla donazione di sangue ed emocomponenti relativamente alla malaria (Decreto del 2 novembre 2015, Allegato III).

13                                       Malaria
Criteri per l’accettazione per la donazione di emocomponenti cellulari e plasma per uso clinico (*):

1. soggetti che hanno vissuto per un periodo di 6 mesi o più (continuativi) ìn zona endemica in qualsiasi momento della loro vita questi soggetti non possono donare fino a quando non venga effettuato uno specifico test immunologico, con esito negativo, in quanto a rischio di essere diventati portatori asintomatici del parassita malarico:

·            devono essere sospesi dalle donazioni per almeno 6 mesi dall’ultimo soggiorno, di qualsiasi durata, in zona ad endemia malarica;

·            possono essere accettati come donatori se risulta negativo un test immunologico per la ricerca di anticorpi anti­malarici, eseguito almeno 6 mesi dopo l’ultima visita in area ad endemia malarica;

·            se il test risulta ripetutamente reattivo, il donatore è sospeso per 3 anni; successivamente può essere rivalutato, e accettato per la donazione se il test risulta negativo.

2. soggetti che hanno sofferto di malaria, soggetti che hanno sofferto di episodi febbrili non diagnosticati compatibili con la diagnosi di malaria, durante un soggiorno in area ad endemia malarica o nei 6 mesi successivi al rientro:

·         devono essere sospesi dalle donazioni per almeno 6 mesi dalla cessazione dei sintomi e dalla sospensione della terapia;

·         possono essere accettati come donatori se risulta negativo un test immunologico per la ricerca di anticorpi anti­malarici, eseguito almeno 6 mesi dopo la cessazione dei sintomi e la sospensione della terapia;

·         se il test risulta ripetutamente reattivo, il donatore è sospeso per 3 anni; successivamente può essere rivalutato e accettato per la donazione se il test risulta negativo.

3. Tutti glì altri soggetti che hanno visitato un’area ad endemia malarica e che non hanno sofferto di episodi febbrili o di altra sintomatologia compatibile con la diagnosi di malaria durante il soggiorno o nei 6 mesi successivi al rientro:

·         possono essere accettati come donatori se sono passati almeno 6 mesi dall’ultima visita in un’area ad endemia malarica, e se risultano negativi a un test immunologico per la ricerca di anticorpi anti-malarici;

·         se il test risulta ripetutamente reattivo, il donatore è sospeso per 3 anni; successivamente può essere rivalutato e accettato per la donazione se il test risulta negativo;

·         se il test non viene effettuato, il soggetto può donare se sono passati almeno 12 mesi dall’ultima visita in un’area ad endemia malarica

(*) I test e i periodi di sospensione possono essere evitati in caso di donazione di solo plasma da avviare alla produzione industriale di farmaci emoderivati.

  1. NOTIFICA

L’attuale sistema di notifica che consiste nella compilazione del Modello 15 (Allegato 3) accompagnato dai preparati emoscopici, è regolato dal D.M. del 15 dicembre 1990 (G.U., 8 gennaio 1991, n. 6) e dalla Circolare del Ministero della Sanità n. 14, dell’ 11/11/1997. La malaria è inserita tra le malattie infettive di Classe III, malattie per le quali sono richieste particolari documentazioni, a cui appartengono anche AIDS, lebbra, micobatteriosi non tubercolare e tubercolosi.

  1. FLUSSO INFORMATIVO

Al fine di garantire una sorveglianza della malaria efficace, si rende necessario modificare come segue la modalità di segnalazione dei casi (Figura 2), rispetto alle indicazioni riportate nella Circolare Ministeriale n. 14 dell’ 11 novembre 1997. L’Istituto Superiore di Sanità invierà la risposta certificata di conferma di diagnosi come indicato ín Figura 2.

Si sottolinea che i casi di recidive e recrudescenze (Allegato 1) devono essere notificati al pari delle infezioni primarie, rappresentando potenziali serbatoi d’infezione per i vettori indigeni, e si raccomanda di segnalarle nella sezione NOTE del Modello 15 (Allegato 3). In particolare, i casi di recidiva da P. vivaxIP. ovale sono sempre associabili ad un attacco primario pregresso recente e/o tardivo ma, comunque avvenuto entro un intervallo convenzionale di 36 mesi, mentre per le recrudescenze dovute a P. malariae non è possibile stabilire un preciso limite temporale dell’eventuale infezione pregressa.

5.1 MODALITÀ DI SEGNALAZIONE DEI CASI (FIGURA 2)

  • Il medico dell’Unità Operativa del Presidio Ospedaliero dovrà dare comunicazione del caso di malaria alla Direzione Sanitaria, tramite compilazione del Modello 15 (Allegato3).
  • A sua volta la Direzione Sanitaria/Medica del Presidio Ospedaliero/Centro Clinico dovrà dare comunicazione del caso tramite l’invio del Modello 15 contestualmente a:

Ministero della Salute; (*)

Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità; a quest’ultimo dovranno pervenire anche i preparati emoscopici per gli accertamenti di competenza (conferma di diagnosi); (**)

Assessorato Regionale alla Sanità;

Azienda Sanitaria Territoriale.

Las_tituto Superiore di, Sanità invierà la risposta certificata di conferma di diagnosi come da figura 2.

5.2 TEMPISTICA DEL FLUSSO INFORMATIVO

La procedura di segnalazione per i casi importati, per i casi di decesso e, come già detto, per i casi di recidiva e recrudescenza va eseguita entro 5 giorni (48 più 72 ore) dalla diagnosi effettuata da parte del Presidio Ospedaliero (Figura 2).

Nell’evenienza di un caso di malaria confermato che si presuma essere autoctono, anche indotto, la procedura di segnalazione va eseguita entro 24 ore dalla diagnosi, per vie brevi (telefono, fax, posta elettronica), al fine di attivare rapidamente l’inchiesta epidemiologica.

(*) Ministero delle Salute

Spedire a: Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Ufficio 5 – Prevenzione delle malattie trasmissibili e profilassi internazionale, Viale Giorgio Ribotta, 5, Roma-00144.

Contatti presso DGPRE, Ufficio 5: recapiti telefonici 06 5994 3905; fax: 06 5994 3096. Indirizzo di posta elettronica: mal i rif(a;san ita.it

(**) Istituto Superiore di Sanità

Spedire a: Dipartimento Malattie Infettive, Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena, 299, 00161-Roma, specificando nell’intestazione “Notifica per malaria”.

Contatti presso Dipartimento Malattie Infettive, Istituto Superiore di Sanità: recapiti telefonici (5 interni) 06.49902301/2303/3108/2373/2309; Fax: 06.49903561. Indirizzo di posta elettronica: sorveglianza.malaria@issit

Figura 2. Modalità di segnalazione dei casi di malaria

iMedico dell’Unità Operativa

Compila
Modello 15

Direzione Sanitaria/Medica del
Presidio Ospedaliero/Centro Clinico

Invia contestualmente

Modello 15 e preparati emoscopici                        Modello 15                        Modello 15

Istituto Superiore di Sanità**
Dipartimento Malattie Infettive,
Viale Regina Elena, 299
00161 – Roma

Ministero della Salute*
Direzione Generale
Prevenzione Sanitaria, Ufficio
V – Malattie Infettive e
Profilassi Internazionale,
Viale Giorgio Ribotta, 5
00144 Roma

Assessorato
Regionale
alla Sanità
e
Azienda
Sanitaria
Territoriale

 

Risposta certificata della
conferma di diagnosi

 

Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità
effettueranno annualmente l’elaborazione dei dati epidemiologici
integrati con la conferma di diagnosi

*Contatti presso DGPRE, Ufficio 5: recapiti telefonici 06 5994 3905; fax: 06 5994 3096. Indirizzo di posta elettronica: malinf@sanita.it

**Contatti presso Dipartimento Malattie Infettive, Istituto Superiore di Sanità: recapiti telefonici (5 interni)

06.49902301/2303/3108/2373/2309; Fax:06.49903561. Indirizzo di posta elettronica: sorveglianza.malaria@iss.it

AC/SD FM

RG

IL MINISTRO F.to (Beatrice Lorenzin)

ALLEGATO 1

CLASSIFICAZIONE DEI CASI DI MALARIA IN PAESI NON ENDEMICI

In linea con le indicazioni dell’OMS, ai fini epidemiologici, nei paesi non endemici per la classificazione dei casi di malaria viene adottata la terminologia di seguito riportata.

Caso importato caso     di                  malaria   contratta      dopo     soggiorno      in        zona     di   endemia     con

manifestazione clinica successivamente al rientro in Italia.

Caso autoctono caso di malaria contratta con certezza sul territorio nazionale, di cui seguono le successive specifiche.

·              Indotto: caso con malaria accidentalmente acquisita attraverso

mezzi                        artificiali          (trasfusioni,     trapianti,        contaminazioni

nosocomiali);

·              introdotto: caso di malaria verificatosi sul territorio nazionale con

sospetta                                  trasmissione          da     parte     di     zanzare    indigene

verosimilmente infettatesi su un caso d’importazione;

·              criptico:  caso       isolato      di                     malaria    per   il                 quale   le  indagini

epidemiologiche non siano riuscite ad identificare con certezza la fonte d’infezione o a ipotizzarne ragionevolmente una (malaria da bagaglio, malaria d’aeroporto).
Recidiva manifestazione secondaria di un’infezione malarica da P. vivax o P. ovale che si verifica a distanza variabile (settimane, mesi, anni) dall’attacco primario e originata da forme epatiche quiescenti del parassita (ipnozoiti).
Recrudescenza nuova manifestazione di un’infezione malarica a causa di forme ematiche del parassita, dovuta a:

·              P. malariae se si verifica a lunga distanza (anche di molti anni) da un attacco primario a cui sia riconducibile;

·              diagnosi errata o a resistenza al farmaco utilizzato per la terapia se si verifica a breve distanza dall’attacco primario (giorni o settimane).

DEFINIZIONE DI CASO

Viene definito caso di malaria un soggetto sintomatico, paucisintomatico o asintomatico nel quale venga riscontrata la presenza di parassiti malarici con le metodiche diagnostiche sotto riportate. Va tenuto presente che, a differenza della precedente normativa viene enfatizzata la possibilità di riscontro di plasmodi malarici in soggetti apparentemente sani nel corso di indagini epidemiologiche, i quali in assenza di opportuno trattamento possono costituire potenziali serbatoi d’infezione.

CRITERI DIAGNOSTICI
Criterio clinico il sospetto clinico di malaria deve essere elevato in caso di comparsa di una sindrome febbrile con andamento intermittente, accompagnata da cefalea, mal di schiena, brividi scuotenti, sudorazione profusa, mialgie, nausea, vomito. Vista la possibile evoluzione grave, il sospetto di malaria deve essere considerato un’urgenza medica e deve ricevere una conferma della diagnosi tramite i test di laboratorio entro 24 ore.

Si deve anche tener conto che la malaria, soprattutto nelle fasi iniziali, può mostrare sintomi sovrapponibili a quelli di molte altre infezioni causate da batteri, virus o da altri parassiti, ed inoltre che il quadro clinico può presentarsi fortemente atipico in soggetti:

·              sottoposti a chemioprofilassi a dosaggi inadeguati o utilizzando farmaci non più efficaci per fenomeni di resistenza;

·              parzialmente immuni perché originari da aree endemiche;

·                appartenenti alla fascia di età della prima infanzia.

In aggiunta,    nel      caso      di                malaria da trasfusione il tempo      di      comparsa       della

sintomatologia, normalmente molto breve, e la sua gravità possono dipendere dalla quantità di parassiti trasfusi. In un certo numero di soggetti originari da aree endemiche si possono riscontrare parassiti malarici anche in assenza di sintomatologia in seguito all’acquisizione, dopo ripetute infezioni malariche, di risposta immunitaria nei confronti del plasmodio (immunità adattativa).

Criterio epidemiologico la diagnosi di malaria dovrebbe essere presa in considerazione per tutti i soggetti originari da zone endemiche o che vi abbiano soggiornato, anche per un breve periodo, negli ultimi 36 mesi.
Criterio di laboratorio il caso di malaria va sempre confermato in laboratorio con la ricerca diretta dei parassiti in campioni di sangue periferico. La diagnosi emoscopica rappresenta ancora il metodo di elezione per la diagnosi di malaria e sebbene siano disponibili altri metodi diagnostici questi devono affiancare e non sostituire l’esame microscopico, nonostante la definizione di caso del Centro Europeo per il controllo delle malattie (ECDC), successivamente riportata.

Diagnosi microscopica: la diagnosi viene effettuata su preparati ematici (striscio sottile

e goccia spessa) di sangue periferico che nei casi sintomatici va prelevato alcune ore dopo l’accesso febbrile. La presenza di una o più forme di sviluppo del plasmodio (trofozoiti, schizonti, gametociti) all’interno delle emazie é indice di positività. Il risultato dell’esame può definirsi invece negativo quando non sia stato identificato alcun parassita all’osservazione dí almeno 100-200 campi microscopici in goccia spessa e 400-800 su striscio sottile (obiettivo 100x ad immersione). Per i casi clinici sospettati di aver contratto la malaria, ma i cui campioni.di sangue non mostrano la presenza di parassiti, prima di una diagnosi di esclusione lo striscio va ripetuto ogni 12/24 ore per 3 giorni consecutivi.

Altri metodi diagnostici: sono da considerarsi ormai di uso comune i test rapidi

immuno-cromatografici per la ricerca di antigeni solubili del parassita (RDTs) e l’analisi molecolare che identifica la specie mediante PCR. Questi test possono supportare la diagnosi microscopica ma non sostituirla.
CLASSIFICAZIONE DEL CASO
Possibile Caso in cui siano soddisfatti il criterio clinico ed il criterio epidemiologico.
Confermato Caso che soddisfa anche il criterio di laboratorio (diagnosi microscopica).

CASO AUTOCTONO SOSPETTO

Qualora la sintomatologia clinica, nonché le analisi di laboratorio, indichino l’evidenza di una infezione malarica in un soggetto mai recatosi in zona di endemia, va sospettato un caso autoctono che deve essere meglio definito da un’anamnesi approfondita e da un’inchiesta epidemiologica sul territorio. Prima di segnalare un caso di malaria con sospetto di introdotta vanno comunque escluse tutte le altre possibili cause di malaria autoctona. 11 verificarsi di un caso autoctono nei mesi tra giugno e ottobre, soprattutto se dovuto a Plasmodium vivax, a cui il vettore An. labranchiae si è mostrato particolarmente suscettibile, va seguito con scrupolo e sollecitudine fino alla conclusione dell’indagine.

DEFINIZIONE DI CASO DI MALARIA (Plasmodium spp.) SECONDO L’ECDC

CRITERI DIAGNOSTICI
Criteri clinici Qualsiasi persona che presenti febbre Oppure

precedenti di febbre.

Criteri di laboratorio Almeno uno dei seguenti tre criteri:

·         dimostrazione microscopica della presenza di parassiti della malaria in strisci ematici,

·         identificazione dell’acido nucleico del Plasmodium nel sangue,

·         identificazione dell’antigene del Plasmodium.

Se possibile, è opportuno procedere a una differenziazione del Plasmodium spp.

Criteri epidemiologici N.A.
CLASSIFICAZIONE DEL CASO
Caso possibile N. A.
Caso probabile N. A
Caso confermato Qualsiasi persona che soddisfi i criteri clinici e di laboratorio.

ALLEGATO 2

PROTOCOLLO D’INTERVENTO IN CASO DI SOSPETTA MALARIA AUTOCTONA INTRODOTTA

ASPETTI ENTOMOLOGICI

In Italia, attualmente, i vettori di malaria sono rappresentati di fatto da un’unica specie, Anopheles labranchiae, ancora presente in molte regioni dell’Italia centrale e meridionale e nelle isole maggiori. Dopo la drastica riduzione dovuta alla Campagna dì Lotta Antimalarica, questa specie ha gradualmente rioccupato parte del territorio dove permangono condizioni idrogeologiche e ambientali idonee al suo sviluppo. An. labranchiae può utilizzare come focolai larvali una notevole varietà di ambienti costituiti da raccolte di acqua dolce (stagni, invasi artificiali per uso agricolo e venatorio, canali irrigui e di bonifica con manutenzione carente, pozze isolate in fiumi a carattere torrentizio e risaie). In alcune aree, in presenza di focolai particolarmente estesi (comprensori risicoli) la specie può raggiungere densità rilevanti tra giugno e ottobre. An. labranchiae presenta attività trofica crepuscolare e notturna, è spiccatamente antropofila, punge sia all’aperto che al chiuso (esofaga ed endofaga) e riposa esclusivamente in ambienti riparati (endofila). Per quanto riguarda gli altri due potenziali vettori indigeni, An. sacharovi, legata principalmente ad acque salmastre retrodunali non è stata più rinvenuta dagli anni ’60, mentre An. superpictus è relegata a pochi, specifici focolai, in corsi d’acqua a carattere torrentizio del sud Italia.

DEFINIZIONE DELLE AREE A RISCHIO E PREVENZIONE

Delle centinaia di casi di malaria notificati ogni anno in Italia, solo pochi (meno di due casi per anno nel periodo 2011-2014) vengono contratti localmente. Tuttavia il caso di malaria da P. vivax verificatosi nel 1997, in un’area rurale in provincia di Grosseto, trasmesso da una An. labranchiae indigena, ha dimostrato quanto questo potenziale vettore sia efficiente e in grado di infettarsi con plasmodi provenienti da aree endemiche. Il rischio di reintroduzione della malaria in un’area viene valutato attraverso la determinazione del “potenziale

malariogenico” (PM) che risulta definito dai seguenti parametri:

  • Recettività: considera la presenza, la densità e la biologia del vettore in una determinata area. — Sensibilità: rappresenta la compatibilità, geneticamente determinata, del vettore verso il plasmodio, e quindi la possibilità della zanzara di infettarsi e permettere lo sviluppo del plasmodio.
  • Vulnerabilità: è data da serbatoi d’infezione (portatori di gametociti) circolanti sul territorio durante il periodo di attività del vettore in condizioni climatiche favorevoli alla trasmissione della malaria. A fronte dell’elevata recettività di alcune aree dell’Italia centro meridionale e insulare, queste presentano, tuttavia, una vulnerabilità molto bassa. Inoltre, la sensibilità di labranchiae all’infezione con ceppi di P. vivax, provenienti da aree endemiche, è stata accertata dal verificarsi di casi autoctoni, mentre appare meno probabile quella con ceppi afrotropicali di P. falciparum. Pertanto, sebbene nel complesso il Potenziale Malariogenico del territorio italiano risulti essere molto basso, non si può escludere la possibilità che si verifichino casi sporadici di malaria autoctona in alcune zone rurali del Paese, come già accaduto nel 1997. È

necessario, dunque, che il livello di attenzione nei confronti di questa malattia rimanga alto. Fasi indispensabili per l’attuazione di un programma di prevenzione sono la continua sorveglianza dell’anofelismo residuo, l’individuazione delle zone a rischio e la distribuzione sul territorio dei casi importati di malaria. Eventuali cambiamenti ambientali e climatici potrebbero comportare variazioni nella densità e nella distribuzione delle popolazioni anofeliche, mentre fattori politico-sociali potrebbero determinare modificazioni del flusso migratorio da zone ad endemia malarica, come sta attualmente accadendo con i frequenti sbarchi di immigrati lungo le nostre coste, con la possibilità che serbatoi d’infezione circolino in aree “a rischio” nella stagione favorevole all’attività del vettore e allo sviluppo del plasmodio.

L’INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA E L’INDAGINE ENTOMOLOGICA

Per ogni caso di malaria autoctona, qualunque possa esserne la causa, va condotta un’accurata indagine epidemiologica. Qualora si sospetti un caso di malaria introdotta l’inchiesta entomologica, parte essenziale dell’indagine generica, va affidata all’occhio di un esperto.

Per sospettare ragionevolmente che un caso di malaria possa essere stato trasmesso da una zanzara indigena, l’indagine epidemiologica deve accertare che:

  • nella zona sia presente un potenziale vettore di malaria;

— il caso si stia verificando tra giugno e ottobre;

  • sia stata confermata la diagnosi di malaria con identificazione della specie di plasmodio responsabile; — il paziente:

non abbia mai avuto precedenti attacchi di malaria;

non abbia viaggiato negli ultimi 3 anni in zone di endemia malarica;

non abiti nei pressi di un aeroporto internazionale;

non risieda o lavori in prossimità (nel raggio di 500m) di depositi/punti vendita di prodotti importati da aree tropicali;

non abbia ospitato parenti o amici (con bagaglio) provenienti da aree di endemia;

non sia stato ricoverato in ospedale e/o non abbia subito recenti interventi chirurgici;

non abbia subito trasfusioni di sangue;

non sia tossicodipendente.

Se la risposta è affermativa a tutte le domande, c’è buona probabilità che si tratti di un caso di malaria autoctona introdotta, trasmesso da zanzare indigene. Pertanto l’inchiesta procederà come segue:

  • accurata ispezione dell’abitazione, dei locali annessi e di tutti i ricoveri animali presenti nel raggio di 500 m dall’abitazione del caso indice, con cattura di tutte le zanzare rinvenute;
  • identificazione di specie del campione entomologico;
  • ricerca dei potenziali focolai larvali, tenendo conto che labranchiae utilizza per lo sviluppo prevalentemente raccolte d’acque chiare legate al suolo, permanenti o semi-permanenti;
  • ricerca della fonte primaria d’infezione procedendo per cerchi concentrici a partire dall’abitazione del caso Individuata la fonte d’infezione si procederà all’ispezione della casa e dell’area circostante come già descritto sopra.

INTERVENTO DI CONTROLLO

Considerando i tempi necessari allo sviluppo del plasmodio nell’anofele vettore (pasto di sangue infetto-produzione di sporozoiti, 10-12 giorni a 25 °C) e quelli necessari alla comparsa dei sintomi nel paziente (7-10 gg), al momento della segnalazione del caso il processo epidemico può essere in atto già da almeno 3 settimane, pertanto l’intervento di controllo può attendere il risultato dell’indagine entomologica. Gli interventi riguarderanno non solo la zona dove risiedeva il primo caso, ma anche quella del serbatoio d’infezione, se individuato, nonché le aree interessate da altri eventuali casi secondari. Per ogni sito si effettueranno le seguenti operazioni:

  • trattamenti murali (ciclo unico) con insetticida ad azione residua (pennetrina 0,05 g/m2; deltametrina 0,025

g/m2) degli interni di tutti i fabbricati presenti nell’area circoscritta (ricoveri animali, garage, depositi di attrezzi, ripostigli, fienili, magazzini, ecc.) e i muri semi esterni, cioè parzialmente coperti (verande, porticati, logge, ecc.), con l’eccezione delle abitazioni private, qualora munite di zanzariere.

  • nel caso di densità anofeliche particolarmente elevate, trattamenti abbattenti spaziali possono essere condotti al tramonto, in un’area definita da un diametro di 200-300 m dall’abitazione (o abitazioni).
  • i trattamenti antilarvali, dei focolai trovati positivi, solitamente legati al suolo e dunque inamovibili, possono

essere effettuati con i prodotti disponibili (biologici e/o chimici) formulati come concentrati emulsionabili. Questi trattamenti andranno ripetuti tutte le volte che al controllo condotto ogni 48-72 ore dovessero risultare nuove positività larvali.

ALLEGATO 3

Inviare a:

Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, Regione, Autorità sanitaria locale            Mod.15 – Sanità Pubblica – modificato

Classe III

SCHEDA PER LA NOTIFICA E L’INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA SU CASO DI MALARIA
H IMPORTATA r I INDOTTA li AUTOCTONA

REGIONE                                             PROVINCIA

COMUNE                                              ASL                                                      COD.ASL

Sezione A

Sezione B

Sezione C (riservata all’Istituto Superiore di Sanità)

Emoscopia pervenuta Emoscopia di controllo__________________________

Inviare a:

Ministero della Salute, Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Ufficio 5 – Prevenzione delle malattie trasmissibili e profilassi internazionale, Viale Giorgio Ribatta, 5, Roma-00144. Indirizzo di posta elettronica: malinf@sanita.it

Istituto Superiore di Sanità, Dipartimento di Malattie infettive, Viale Regina Elena, 299, 00161-Roma, specificando nell’intestazione “Notifica per malaria”. Indirizzo di posta elettronica: sorveglianza.malaria@iss.it

Assessorato Sanità Regionale Autorità Sanitaria Locale

osta@fofi.it

Da:                                         dgprev@postacert.sanita.it

Inviato:                                                                                     martedì 27 dicembre 2016 14:27

A:                                                 posta@pec.fofi.it

Oggetto:                                                   Lettera circolare: Prevenzione e controllo della malaria in Italia#209289739#

Allegati:                                                      Circolare Malaria_CSS.pdf

Si trasmette come file allegato a questa e-mail il documento e gli eventuali allegati. Registro: DGPRE

Numero di protocollo: 36391

Data protocollazione: 27/12/2016

Segnatura: 0036391-27/12/2016-DGPRE-DGPRE-P

#ITALIA PAESE SISMICO? SI! ITALIA:PAESE DEL CLIENTELISMO? SI!

PAESE SISMICO? SI!

Ma terremoti+gravi giornalmente avvengono in testa ai politici parlamentari e locali!

ITALIA:PAESE DEL CLIENTELISMO? SI!

E anch’io ho commesso un errore, relativo perché certa gente non l’ho mai votata, ma so anche che se le elezioni avessero valore NON ci farebbero votare!

Infatti i Partiti le elezioni le interpretano, MAI le applicano!

errore-

errore-