TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

e fu kiriosomega

e fu kiriosomega

kiriosomega

kiriosomega

PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

La cultura che migliora l’Italia!

Dirgli che è un porco è un complimento,

e farlo tornare nel suo Paese, a spese sue, è un piacere da non farsi mancare!

porco

porco

E’ “caduto” l’autobus dell’imprenditrice sig/ra Daniela

E’ “caduto” l’autobus dell’imprenditrice sig/ra Daniela

l'airBUS Daniela sta per giungere al suolo

l’airBUS Daniela sta per giungere al suolo

Europa Unita – La presa in giro!

€U non fa ciò che dice

e fa ciò che non dice

€U dice quello che non fa

e fa quello che non dice

€U che costruiscono

è INUTILE e MALVAGIA!

Bevi Rosmunda… Si ma…Potabile o Minerale?

Bevi Rosmunda… Si ma…Potabile o Minerale?

(di kiriosomega – 20/06/2006)

Fonte: kiriosomega

“Est orare ducum species violenta precandi

et enim  semper nudato supplicat ense potens”!

Qualche anno fa e in ogni modo nell’ormai scomparso secolo scorso, durante la lezione di storia il Maestro Silvio raccontava che Alboino, re dei Longobardi, dopo aver sconfitto i Gepidi ed ucciso il loro re Cunimondo ne sposò la figlia Rosmunda. La poveretta fu poi costretta a bere la “cervogia” in una coppa delle libagioni realizzata con il cranio del padre che era stato ripulito ed ingioiellato come allora era costumanza.

Non avendo in quel tempo ancora manifestato la mia idea di finire col fare autopsie, la notizia mi riempì di meraviglia come Giannino Stoppani, quando pescò dentro la bocca del nonno, in dormiveglia, la sua dentiera. Pensai che le più pericolose malattie avessero colpito la donna per avere sorbito la bevanda contenuta nel teschio, ma la storia c’insegna che non fu così perché per mancanza d’inquinamento, anche acqueo, la regina a lungo sopravvisse al marito che poi fece uccidere. In ogni caso lei bevve la “sapida bevanda” che la fantasia di Goscinny e la matita d’Uderzo definirono “cranica”, per noi comune birra. Non so se l’acqua di base di quel liquido era potabile, minerale, medicamentosa, soft drink o che altro, in ogni modo è certo che essa non conteneva alluminio, arsenico, bario, cromo, ferro, fluoruro, manganese, nitrati, piombo…Insomma, le acque non erano inquinate, nemmeno quelle d’uso per nottetempo bollire il guerriero celtico morto in battaglia affinché all’alba resuscitasse.

Al contrario, oggi, il prezioso liquido, come l’aria e la terra del nostro evoluto tempo, è contaminato da agenti chimici. Ritenere perciò, come molti fanno, che l’acqua minerale in bottiglia sia pura o la più pura, solo perché non fuoriesce dai casalinghi rubinetti, è quantomeno fantasioso o meglio è molto incauto.

Falde freatiche, pozzi artesiani, sorgenti anche d’alta quota, circoli polari sono ormai alla mercé dei nostri rifiuti industriali ed il prezioso liquido, anche quello del…biondo Tevere non è cristallino, e Virgilio più non scriverebbe le Georgiche e le Bucoliche.

Anche quest’importante capitolo di degrado ambientale è stato discusso in moltissimi seminari e congressi internazionali, ma… Possiamo però sostenere, senza che ce lo comunichino gli scienziati, che tutti dobbiamo impegnarci per proteggere ogni più piccola polla d’acqua, perché il futuro non ci riserva mielate prospettive, e, purtroppo, i governi dei Paesi sviluppati non sono disposti, in tema d’inquinamento, ad affrontare seriamente la questione perché paurosi di subire una retrocessione nel loro benessere.

Non si rendono conto, i degenerati detentori del Potere, che un corpo non armonicamente sviluppato è deforme e perciò malato. Non vogliono rendersi conto, i “miseri”, che già ai nostri figli lasciamo un mondo inefficiente e infermo.

Con questa considerazione, sine clangore et strepitu, si chiuse la conferenza di Kyoto, mentre da noi s’organizzava, sullo stesso tema, la più modesta contro assemblea di Firenze. Fu anche confermato, durante le due assise, che i Paesi costieri mediterranei sono a rischio di desertificazione per l’innalzamento delle temperature planetarie che sono direttamente relazionate ad una probabile esaltata azione dei raggi cosmici. Le radiazioni ad alta energia che ci bombardano, infatti, sommano la loro azione con quella dell’ormai noto effetto serra, con il risultato di provocare il surriscaldamento ambientale. Quest’ultimo non sembra più, perciò, il maggiore indiziato per l’aumentata temperatura atmosferica, pur restando un preciso indice del degrado ambientale.

Sulle fonti d’inquinamento è bene apprendere, per esempio, che le decantate benzine verdi non migliorano, con la riduzione del numero d’ottani, la tossicità dei gas di scarico prodotti dalle automobili. E, se anche fosse vero che la miscela di gas e particelle solide emesse da questi mezzi non sono una gran fonte d’inquinamento, è altrettanto vero che i fumi industriali o quelli emanati dai motori marini delle grosse navi o dai motori dei jet non sono altrettanto controllati. Abbandonando solo per poche righe il discorso sull’acqua, possiamo affermare che la tecnologia delle benzine, sin dagli anni ’70, ha attuato un processo che possiamo definire d’assemblaggio “senza Pb”. Sappiamo però che il metallo in questione è sostituito con composti “Aromatici od Olefinici od Ossigenati”. Mentre l’azione cancerogena del Pb è dai più risaputa, non è stato pubblicizzato il grave danno alla salute derivante dall’uso degli anelli aromatici (6 atomi di C con legame risonante 1-3-5-, 2-4-6-) anch’essi cancerogeni con azione elettiva per vescica, cute, reni, polmoni. L’azione svolta dalle sostanze che si creano dalla dissoluzione del benzene, del toluene o dello xilolo, conduce anche alla formazione di neurotossine che si depongono lungo il ciglio delle strade. Ma l’allarme non ancora lanciato, forse il più grave, ha attinenza con l’uso del MTBE contenuto nella benzina verde che si combina con lo ZDTP additivo degli oli per organi meccanici in rotolamento. La loro miscelazione, anche nelle marmitte catalitiche, già “stanche” dopo un’usura di soli dodicimila chilometri, crea sostanze esterofosforiche del tipo E-605, Sarin, Tabun… che sono gas nervini gettati nell’ambiente.

Che bel programma!

In ogni modo, è noto che l’alimento acqua è quello che maggiormente risente del malessere planetario. Infatti, come abbiamo più volte asserito, esso scorre contaminato da sostanze chimiche industriali e le morie d’animali acquatici e terrestri, con la mancata riproduzione d’altri, ne sono i silenti denuncianti.

In questo globo coperto per due terzi d’acqua, l’importanza del trasparente liquido, per la costruzione ed il mantenimento della vita, è dovuta alla sua particolare struttura chimica e fisica, cosa che lo rende un eccezionale solvente osmotico. A questo proposito dovremo sempre ricordare che l’acqua costituisce il 73% circa delle sostanze che compongono il materiale biologico vivente, dove è distribuita nei due grandi compartimenti definiti L.I.C. e L.E.C. –liquido intra ed extra cellulare-.

Purtroppo, aldeidi, ammoniaca, acido cloridrico e nitrico, diossido di carbonio, idrogeno solforato, arsenicati, fosfori, fluoruri, fenoli, ftalati…sono solo alcuni tra le innumeri porcherie che gettiamo e che raggiungono il prezioso liquido che è poi commercializzato su due fronti. Il primo di questi è rappresentato dalla distribuzione agricola, il secondo è destinato a diretta umana alimentazione.

Il ben noto inquinamento acqueo scientemente ed opportunamente pubblicizzato anche con tecniche subliminali da parte di società commerciali interessate, ha spinto molte grandi holding, piuttosto che a schierarsi contro lo scempio planetario, ad orientarsi nel commercio delle cosiddette “minerali” che sicuramente sono prive di “clorici olezzi”, ma che “compiacenti” etichette preservano dalla maggior curiosità di un pubblico troppo spesso ignorante.

Così, è divenuto colossale il giro d’affari che ruota intorno al prodotto acqueo imbottigliato. Ciò, anche per la credulità delle moderne mammine sempre irretite da una compiacente permissiva pubblicità che fa leva sull’ignoranza di un finto benessere, che, nel nostro Paese, conduce troppe improvvisate ditte, oltre seicento, a sfruttare questo segmento di mercato. Anche le due maggiori multinazionali mondiali dell’alimentazione, Nestlé e Danone, sono scese in campo, in Italia, con molti marchi di cui sono proprietari.

Premesso quanto già abbiamo manifestato, esaminiamo ora un altro aspetto, non meno inquietante del problema.

In tutte le Nazioni evolute è sancito che l’acqua è un bene pubblico Demaniale, perciò lo Stato è il suo legittimo proprietario.

I Governi italiani hanno però demandato la tutela del patrimonio acqueo alle Regioni, ciò per mezzo della riconferma di una normativa che, nel suo più moderno aspetto, è nota come “Legge Galli”. Ma proprio le Regioni permettono, attraverso concessioni, lo sfruttamento privato delle acque minerali, ma con uno “strano meccanismo”.

Mentre qualunque investitore si propone di trarre dal proprio patrimonio il massimo profitto, le Regioni, stranamente, riescono a perdere ogni guadagno per l’applicazione di tariffe, di sfruttamento delle acque, ridicolmente basse. Infatti, a fronte di una cifra di molte decine di milioni d’euro di fatturato privato, le Regioni riscuotono un introito di cointeressamento, in quest’esercizio, dell’ordine di solo due o tre centinaia di migliaia d’euro. Il ridicolo però non è solo in questo, perché lo smaltimento dei rifiuti solidi, bottiglie in vetro o P.E.T., ricade sulle stesse Regioni con una spesa superiore a quella introiettata.

Multinazionali quali le già menzionate Danone e Nestlé rappresentano oltre il 35% del mercato distributivo delle acque imbottigliate, ed In Italia, tra le più note, S. Pellegrino, Levissima e Panna appartengo alla Nestlé, mentre Guizza, Ferrarelle e San Benedetto sono di proprietà della Danone.

In tema d’acque minerali, ciò che lascia interdetti nella valutazione del legislatore italiano, è che esse non sono considerate potabili, ma, per le loro caratteristiche, sono catalogate presidi medicamentali a causa delle azioni blandamente terapeutiche loro attribuite. Effetti questi che derivano da specifiche formulazioni fisiche e chimiche che le fanno destinare ad un impiego troppo spesso solo molto marginalmente sanitario, ma che le affranca dal concetto d’acque potabili che, per legge, non possono contenere, per esempio, cadmio e sodio.

In un documento emanato nel nostro Paese si legge che: “L’acqua minerale non è, né per definizione né in pratica, obbligatoriamente più pura e più sana dell’acqua potabile”.

Tabella comparativa tra H2O “POTABILI” e “MINERALI”

Quantità max -per litro- ammesse dalla legge per alcune sostanze certamente tossiche e già, in natura, disciolte in H2O definite potabili e minerali
Decreto L. 31/05/2001- Totale max tollerato in acque potabili Decreto M. 31/05/2001- Totale max tollerato in acque minerali
Alluminio (µg/l) Max 200 Quantità non stabilita
Arsenico tot (µg/l) Max 10 Max 50
Bario (µg/l) Non Ammesso Max 1
Cromo (µg/l) Max 50 Max 50
Ferro (µg/l) Max 200 Quantità non stabilita
Fluoruro (mg/l) Max 1,50 Quantità non stabilita
Manganese (µg/l) Max 50 Max 2000
Nitrati (mg/l) Max 50 Max 45-10 (il secondo valore ammesso è l’indice per acque destinate all’infanzia)
Piombo (µg/l) Max 10-25 Max 10

 (microgrammi/litro)

Dall’osservazione dei dati riportati in tabella, si apprezza come nelle “minerali” il tenore di sostanze nocive ammesso sia notevolmente più elevato di quello concesso alle “potabili”.

Proprio per questa strana anomalia, per i prodotti dello stesso marchio provenienti dall’Italia e presenti sul mercato estero, il nostro Paese ricevette un pressante monito dalla Commissione dell’Unione Europea che ridefiniva, dopo parere medico biologico, i picchi limite delle sostanze disciolte nelle acque minerali e certamente nocive per la salute umana, in questo modo facendo adeguare la nostra normativa a quella Comunitaria.

In ogni caso, possiamo con somma facilità affermare che se le acque minerali non sono più pure di quelle potabili, il loro prezzo è in ogni modo più elevato, sino a millenovecento volte in più del liquido che esce dai casalinghi rubinetti.

Per avere la riprova dell’asserzione è sufficiente, per chi esegue le compere familiari, moltiplicare il costo di un litro di “minerale” per mille (un metro cubo) e confrontarlo con il costo della bolletta dell’acquedotto. La constatazione lascerà sbigottiti.

Ma come il solito si deve esclamare “…e non finisce qui…”, cui è possibile aggiungere, in questo nostro strano Paese, il meridionale “…cu’ è cretino si sta a casa”. Proprio così, perché in mezzo al gran proliferare d’acque imbottigliate, da tavola, minerali, minerali terapeutiche, oligominerali, minerali naturali… le società di gestione degli acquedotti hanno chiesto d’imbottigliare anche la potabile di rubinetto, declorandola e riducendo il tenore delle sostanze minerali grossolane in essa presenti.

La Coca Cola già è apparsa con un prodotto di questo tipo che denomina “Acqua Potabile Purificata”. La Parmalat aveva invece lanciato la sua “Acqua Parmalat”, ed altre industrie che producono soft drink stanno pressando per entrate nel lucroso nuovo “affare del secolo”, sicuramente anche per quelli a venire.

Insomma, “l’è proprj un bel rebelot”, s’esclama al mio paesello. Ho voluto esprimermi in maniaera “soft” in questo mio dire, proprio come si conviene ad una persona educata, ma vi assicuro, cari Lettori, che in privato mi sarei pronunciato in maniera molto colorita.

Ah, dimenticavo, l’acquirente sempre trascura di considerare che ogni prodotto in vendita avrà un prezzo che è il massimo di quanto è realizzabile. In altre parole, il prezzo non è più calcolato in base al costo produttivo più gli oneri accessori come avveniva fino agli anni ’70. Infatti, esso ormai dipende da un’analisi di marketing che non riguarda i valori reali del manufatto finito, ma si basa, come concetto economico, sul plusvalore massimo che può essere imposto nella fascia di mercato in cui si vuole immettere il prodotto.

In questa disparità, tra costi reali e valori aggiunti, è inquadrato il fenomeno inflazionistico che crea squilibrio tra salari e costo della vita.

Ecco che “l’affare” esiste, ininterrottamente esso esiste, come spesso afferma l’ingannevole pubblicità, ma esso è solo e sempre esistente a favore del produttore.

La Società umana, in ogni caso, in questa pazza globalizzazione, è degenerata. Siamo “galline livornesi già poste nelle stie, -per produrre, consumare, crepare-”. La prima parte della frase è riportata nel volume “L’anello di re Salomone” di K. Lorentz –, il secondo slogan, di pubblico dominio, l’ho aggiunto di mia iniziativa.

Perché non potevano essere aerei quei cosi che abbatterono il TWC!

Perché non potevano essere aerei quei cosi che abbatterono il TWC!

L’avevo scritto, forse unico tra i peones, che gli aerei che avrebbero colpito le Torri Gemelle e il Pentagono NON potevano essere aerei. Avevo scritto, anche in questo blog che si potesse trattare di missili e che le immagini viste e fotografate fossero ologrammi. Chiaro che non avevo alcuna prova, ma una certa CONOSCENZA e sagacia mi condussero a ipotizzare di cannoni elettronici, Marconi Tesla, e di energie vibratili esplose verso un bersaglio definito, energie che erano state aiutate da deflagrazioni di cariche esplosive.

Ma l’intuizione maggiore fu di scrivere che le velocità con cui gli pseudo aerei avrebbero viaggiato a livello del suolo, oltre miglia 500 orarie, non era nella facoltà di colossali aerei, e forse nemmeno dei più sofisticati aerei militari! Inoltre, i piloti, per le manovre condotte, se non si fosse disintegrato* l’aereo, sarebbero stati sottoposti a forza gravitazionale pari almeno a 5-6 G cosa ben al di là delle possibilità di un comune mortale.

Dunque ALTRO doveva aver colpito e distrutto le Torri e l’ala, STRANAMENTE VUOTA, del Pentagono. Inoltre, in nessuno dei tre casi sono MAI stati mostrati rottami ferrosi d’aereo, una gondola, una ruota, un pezzo di carlinga- ricordiamo che quei “mostri” per trasporto passeggeri, Boeing 767, hanno un peso di oltre kg 86000 a vuoto al decollo- NON so se furono mostrati presunti cadaveri d’altrettanto presunti passeggeri dei quali furono pubblicati i nomi!

FERMO QUI QUESTO SCRITTO E LASCIO LA “PAROLA” A UN FILMATO DI MASSIMO MAZZUCCO CHE, NON SO DI QUANTO SIA ANZIANO, MEGLIO DI ME ESPRIME CON IMMAGINI CIO’ CHE LASCIO NELLA PENNA!

http://www.dailymotion.com/video/x2edulw_11-settembre-le-velocita-impossibili-mp4_school

kiriosomega

* disintegrato- allegoria che sta a significare che l’aereo avrebbe un cedimento strutturale tanto da ridurlo in più pezzi!

Leonida gridò: molon labè! (vieni a prenderle) Tsipras non ha le stesse palle!

Leonida gridò: molon labè! (vieni a prenderle) Tsipras non ha le stesse palle!

Leonida gridò: molon labè! (vieni a prenderle) Tsipras non ha le stesse palle!

Leonida gridò: molon labè! (vieni a prenderle) Tsipras non ha le stesse palle!

PAROLA DI PEPPO O RICCHIONE- L’ITALIA NON SUBIRÀ ATTACCHI TERRORISTICI!

UN’ANALISI GEOSTRATEGICA:

L’ITALIA NON POTRÀ ESSERE COLPITA DAL TERRORISMO INTERNAZIONALE

In esclusiva la dichiarazione a noi rilasciata da una gola profonda del S.I.S.M.I.”.

Creare un attentato in Italia è impossibile

Inutili, costose e dannose le esercitazioni intra cittadine romane.

“Colpire l’Italia con un attentato terroristico è impossibile”! Questo il lapidario commento del nostro informatore che, anche mostrandoci segretissimi documenti, ci ha posto al corrente della rinuncia di ISIS a svolgere atti dinamitardi nel nostro Paese.

In realtà, recita la nostra fonte, alcuni terroristi provarono a realizzare un clamoroso attentato in Italia, ma non riuscendo nel loro scopo informarono il loro capo sull’inattuabilità di quello e d’ogni altro similare piano.

Infatti, due terroristi mediorientali, appartenenti alle brigate internazionali, avevano ricevuto l’ordine d’organizzare un attentato nel nostro Paese, ed a tal fine i due raggiunsero l’Italia con un volo Ankara – Napoli, dove avrebbero dovuto porre in opera il loro tremendo disegno. Ben addestrati, armati e motivati, avevano ben chiaro il proposito d’infliggere “il castigo d’Allah agli infedeli italiani”, ma il piano criminale che doveva punirci fallì miseramente.

I FATTI.

Domenica ore 23: 47.

I due terroristi arrivarono a Napoli per via aerea dalla  Turchia ed uscirono dall’aeroporto dopo otto ore perché introvabili i loro bagagli.  Nonostante i vigorosi reclami, e le proteste dei due viaggiatori, la società di gestione dell’aeroporto non si assunse la responsabilità della perdita, e un impiegato consigliò ai due viaggiatori di provare a ripassare il giorno dopo. Chissà che… Con un po’ di fortuna…

Stralunati, sbigottiti, anche incazzati, i due lasciano l’aeroporto di Capodichino ed entrarono in un taxi. Il tassista, un abusivo munito di licenza comunale contraffatta, li osservò compiaciuto dallo specchietto retrovisore, e, capendo che erano stranieri, li passeggiò per tutta la  città per un’ora e mezza. Giacché i due non proferirono lamentela alcuna, nemmeno allorché il tassametro segnò la cifra di 200 euro, il furbo abusivo decise che i due erano idonei per il colpo gobbo. Giunto alla rotonda di Villaricca, senza proferire verbo si fermò e fece salire a bordo dell’auto due suoi complici contrabbandandoli per parenti. Così, dopo un po’, i tre malnati derubarono dei soldi gli ancora più ammutoliti viaggiatori, e li scaricarono, dopo averli coperti di mazzate, nel buio del quartiere 167.

Lunedì ore 12: 30.

Al risveglio, dopo le mazzate, entrambi i terroristi riuscirono a raggiungere un albergo sito in zona Piazza Borsa dove decisero d’affittare un’auto presso l’Hertz di Piazza Municipio. Da lì si diressero verso l’aeroporto, ma, giusto prima d’arrivare in Piazza Mazzini, rimasero bloccati da un corteo di studenti, tute bianche anti-global e disoccupati napoletani che non li fecero passare.

Lunedì ore 14: 30.

Finalmente i dinamitardi arrivarono in Piazza Garibaldi, e qui stabilirono di cambiare dei soldi che avevano nascosto nei tacchi delle scarpe. I loro dollari passarono subito di mano… e furono regolarmente cambiati con euro falsi!

Lunedì ore 16: 45. 

Disperati, e con un passaggio racimolato per l’ingenuità di uno sprovveduto varesotto in incognito che s’era appartato con una tal Scicolone per un altro tipo d’attentato all’Italia, e che fu anche commosso dalle loro lacrime, i due arrivarono all’aeroporto di Capodichino con l’insano proposito di dirottare un aereo per farlo cadere sulle torri del centro direzionale Enel (da noi non c’è di meglio). La sfortuna però perseguitò i due malcapitati più il varesotto, perché s’imbatterono in uno sciopero dei piloti ALITALIA che reclamavano la  quadruplicazione del salario e la riduzione dell’orario lavorativo. La stessa manifestazione coinvolgeva i controllori di volo, che in più pretendevano anche la pinza obliteratrice per tutti loro, altrimenti “che controllori saremmo”, hanno dichiarato!  Intanto in pista c’era un unico aereo, era di proprietà della MARADONA AIR LINE, ed era diretto a Sassari con 18 ore di ritardo sul previsto. Gli impiegati dell’aviolinea ed i passeggeri, accomunati nelle proteste, erano accampati nelle sale d’attesa, mentre intonavano canti popolari e gridavano slogan contro il governo, i piloti e le compagnie di navigazione! Poi, all’improvviso, si scatenò il finimondo. I celerini, arrivati sul luogo della manifestazione, cominciarono a dare manganellate a destra e a manca, contro tutti… e s’accanirono in particolar modo sui due arabi per il loro colore non proprio bianco e sul varesotto troppo pallido, ma ciò solo perché avevano scambiato per sozzoni e drogati i due uomini colorati, e per un certo “re foruncolo” l’altro.

Lunedì 20: 05.

Finalmente il pestaggio finì e gli animi si calmarono un poco. I due figli d’Allah, coperti di sangue e di bende qui e là rimediate, s’avvicinarono al banco della MARADONA AIR LINE per acquistare i biglietti d’imbarco per l’aereo con destinazione Sassari, dirottarlo e farlo schiantare contro le torri Enel. Fu allora che il responsabile del check-in MARADONA AIR LINE vendette ai due disgraziati i biglietti, ma tacque sul fatto che il volo era già stato cancellato.

Lunedì 23: 07.

Sempre a terra e confusi dagli avvenimenti, i terroristi discussero se attuare il loro piano di distruzione e morte. Erano però ormai sconcertati dall’incalzare degli eventi, infatti, essi non sapevano più se distruggere Napoli sarebbe stato un atto terroristico o un’opera di carità.

Lunedì 23: 30. 

Morti di fame, deliberarono di mangiare qualcosa al ristorante dell’aeroporto… così, ordinarono un panino con la frittata e una pepata di cozze.

Martedì ore 14: 35.

I due miseri, addentata la cena, si sentirono subito male. Erano preda di una Salmonellosi fulminante causata dalla frittata. Così finirono ricoverati in infettivologia dell’ospedale San Gennaro, ma ciò solo dopo aver atteso tutta la notte e parte del giorno dopo nel corridoio del pronto soccorso, ed i posti letto furono scovati dopo lauto pagamento. La degenza prevista all’ingresso doveva durare solo qualche giorno, ma presto comparvero i segni del colera dovuto alle cozze che avevano consumato.

Sabato di cinquantanove giorni dopo, ore 17: 20.

Dopo inenarrabili tormenti medici, tra terapie mal riuscite ed esami ematochimici che si perdevano, ma anche di richieste di tangenti camorristiche per l’uso continuato dei letti, i disgraziati lasciarono l’ospedale smagriti per il quasi totale digiuno cui furono sottoposti, ma con a loro totale addebito tutte le spese di diaria e degenza. Dimessi, si ritrovarono nelle vicinanze dello stadio San Paolo proprio nell’occasione in cui il Napoli aveva perso in casa per 3 a 0 con il neopromosso Vinchiaturo, e ciò per colpa di due rigori assegnati alla squadra Molisana dall’arbitro “Concettino Riina da Corleone”.

A questo punto, la iella, che non li aveva mai persi di vista, pose sulla loro strada anche una banda d’incazzati ultrà della “MASSERIA CARDONE”. Gli esagitati, vedendo i due così scuri di carnagione, li scambiarono per tifosi avversari, e fu per questo motivo che, con voluttuosa gioia, gli rifilarono un’altra scarica di legnate; ma successe di più, perché il capo degli ultrà, un tale detto “Peppo o Ricchione”, concupito dal loro ambrato colore sessualmente abusò di loro.

Domenica ore 09: 45.

Gli ultrà se n’andarono, finalmente. I due terroristi umiliati e disperati decisero, per la prima volta in vita loro, d’ubriacarsi, anche se è peccato!  Con questo pensiero, e per scordare, trovarono una bettola nell’angiporto dove gli rifilarono vino adulterato con metanolo. Nuovamente intossicati, i due disgraziati rientrarono al San Gennaro per avvelenamento acuto, ma, dopo aver nuovamente pagato per i posti letto, fu loro anche  riscontrata la sieropositività all’HIV perché Peppo o Ricchione non perdona!

Martedì 23: 42.
Nuovamente dimessi con nota d’addebito a loro carico per le spese di degenza, i due terroristi senza indugio fuggirono dall’Italia su una zattera con direzione Libia, col deretano indolenzito e cagando fuoco per tutto il percorso, ma anche ormai semi orbi per il metanolo ingerito. Avevano anche e una dozzina d’infezioni a causa del virus HIV, e, nella speranza di salvarsi, giurarono ad Allah che non avrebbero mai più nulla tentato contro il nostro amato Paese.

Marò innocenti tra mazzette e corruzione italo/indiane!

Marò innocenti si dibattono tra mazzette e corruzione italo/indiane che ben tre nostri consecutivi ILLEGITTIMI Governi  hanno tenute nascoste.

A quelle si aggiungono

1 la condizione politica in cui versa l’India

2 le misere condizioni di vita cui sono sottomessi i suoi cittadini

Per una piccola polemica che qui voglio lanciare:

ITALIA PAGO’ INDENNIZZO DI €80000 PER OGNI PESCATORE DECEDUTO! QUEI DENARI SONO GIUNTI ALLE FAMIGLIE?

Da tempo in questo blog scrivo considerazioni che si stanno rivelando esatte se confrontate con inchieste di Toni Capuozzo che ha mostrato, anche ieri, in un secondo filmato, verità su ciò che Marò subiscono per ragioni che nulla hanno a che fare con la loro ingiusta imputazione!

Non scrivo altro, e per ora Vi lascio alla visione del filmato presente in questo indirizzo:

http://www.video.mediaset.it/programma/terra/terra-.html

Sullo stesso argomento altro presedente filmato di Toni Capuozzo è anche in questo indirizzo

https://kiriosomega.wordpress.com/2015/01/16/maro-sono-innocenti/

kiriosomega

Ratti e Serpenti-

Ratti e Serpenti-

Anche tu hai idea di dove far posizionare questo cartello?

Ratti e Serpenti-

Ratti e Serpenti-

kiriosomega

IL MODERNO PENSATORE – ANALFABETA DI RITORNO!

IL MODERNO PENSATORE ANALFABETA DI RITORNO!

IL MODERNO PENSATORE ANALFABETA DI RITORNO!

IL MODERNO PENSATORE ANALFABETA DI RITORNO!

kiriosomega

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.520 follower