PROEMIO

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

e fu kiriosomega

e fu kiriosomega

kiriosomega

kiriosomega

PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

I migranti? Ombre nere sulle ONG!

 

I migranti? Ombre nere sulle ONG!

È in arrivo un bastimento carico di… N! Era l’antico gioco di tanti bambini, ma oggi quel N con significato preciso sta per Negri d’Africa che da quel continente arrivano in Italia senza diritto, senza documenti, senza controlli sanitari…senz’arte né parte, e quest’ultima considerazione non è sentenza malevola verso loro, ma una considerazione!

Arrivano solo maschi adulti senza mai ferite e mutilazioni, eppure scapperebbero da guerre!

Arrivano senza mogli e figli, eppure non credo li abbandonerebbero per combattere le guerre da cui essi fuggirebbero!

Arrivano ben pasciuti e mai deperiti per fame!

Ma allora da che scappano?

Ma è poi vero che scappano?

O, forse, son “convinti a scappare”, magari pagati o abbindolati, per lasciar ampi territori a multinazionali affamate di giacimenti minerari di cui l’Africa è ricca, oltre che poi squalificare il costo del lavoro nel Paese dove giungono!

Il problema di cui voglio qui ora occuparmi è:

  • “Chi fornisce i bastimenti che li preleva i ben pasciuti negroni a 10 minuti di navigazione dal porto di Tripoli?
  • Chi li possiede?
  • Chi ne sostiene le spese per la navigazione?
  • Perché lo fa?”.
  • Perché i negroni non attraversano Gibilterra? Lo stretto è largo da 13 a 44 chilometri, e non si dica che il Marocco è riottoso a lasciarsi attraversare, infatti, pochi giorni addietro apparve la notizia che dai cosiddetti migranti era stata infranta la barriera di Ceuta e Melilla!

Sono domande semplici quelle poste, domande con risposte lineari e intuitive, ma in epoca complicata come quella che viviamo ogni cosa va dimostrata, specie in Italia. Italia paese patria dello IUS, ma ormai nazione d’avvocati sempre affamati di potere; ma…bando alle polemiche!

In un’epoca in cui anche nella Chiesa il dio quattrino ha definitivamente cancellato il dio trino non si racconti che esiste assistenzialismo così costoso come il trasporto via mare di centinaia di migliaia di neri in nome di un umanitarismo che, a ragion veduta, non è neppure mai nato!

E anche i cosiddetti buonisti in epoca di ristrettezze economiche hanno le loro motivazioni a mostrarsi tali, magari semplicemente quelle di poter ottenere un posto di lavoro continuato nelle società assistenziali, o almeno che resista il più a lungo possibile!

Torniamo alle navi, ai loro costi d’esercizio e alle inquietanti nere ombre che le sovrastano!

I costi di navigazione dipendono da tanti fattori: metratura, stazza, motorizzazione, elettronica e strumentazione di bordo, attrezzature, rifornimenti di casermaggio e logistici… tasse sul naviglio…  E si badi che anche ormeggiata in banchina, o in rada, l’imbarcazione ha costi elevati di gestione!

Ab initio, la spola tra presunti naufraghi e navi soccorso era svolta solo dalla nostra MARINA MILITARE, ma tali navi sono poco ospitali e pericolose, ma anche molto costose per adibirle a un servizio che un qualsiasi rimorchiatore può sostenere- Inoltre, i nostri militari non avevano un punto di intercettazione per la raccolta, ma battevano grandi quantità di miglia marine alla ricerca di barconi che a volte affondavano.

Così a esse si sono sostituite le ONG che ormai in Mediterraneo fanno la spola continua tra Italia e Libia con loro mezzi navali, e in periodo di acme se ne contarono fino a tredici. Certo non sono navi appena acquistate e varate, ma come quelle anche queste hanno costi esorbitanti sia in acquisto, sia in vendita occasionale, sia in nolo; e se pensiamo che le stesse ONG che le gestiscono ci chiedono i 2 o 10 euro al mese per curare i bisognosi, è doveroso domandarsi dove esse prendano i denari per pagare le spese d’esercizio delle imbarcazioni-traghetto, degli equipaggi, del gasolio… e perché tutti i clandestini imbarcati sono trasportati in Italia. Clandestini che, pressoché inutile ripeterlo, lo sappiamo tutti, non hanno titolo alcuno per permanere in questo Paese!

Premesso il cappellotto poniamoci una serie di domande non ancora tutte soddisfatte da esaustive comprovate risposte, ma certo supportate da responsi finalistici assai motivati e logici-

1°/Quante sono le navi delle cosiddette ONG che si sono affiancate alle navi della Marina Militare e Guardia Costiera e ai cosiddetti scafisti? Scafisti, secondo me solo poveracci occasionali, ossia genti che ogni tanto in passato erano arrestate con l’accusa di essere schiavisti. Quante sono quelle navi i cui comandanti sono responsabili dello stesso reato di cui erano ritenuti responsabili gli scafisti? Sono dunque fuorilegge anche i mezzi da loro comandati perché:

a/non rispettano il diritto della navigazione,

b/perché si sono sostituite ai disgraziati scafisti che verosimilmente erano solo dei migranti come gli altri.

2°/Dall’inizio del servizio prestato le imbarcazioni delle ONG che solcano il Mediterraneo sono in numero costante, o sono variate? Si noti anche che esse più non vanno alla ricerca di disgraziati persi in mare, ma hanno contatto con piccole imbarcazioni ferme in un punto prestabilito dove avviene il trasbordo dei neri. Perciò non ha luogo il recupero di naufraghi, poiché nessun barcone è in pericolo, dunque, tecnicamente, non ci sono nemmeno naufraghi!

NAUFRAGO: s. m. (f. -a) [dal lat. naufrăgus, che ha lo stesso etimo di naufragium «naufragio»] (pl. m. ghi). – Chi ha fatto naufragio, attribuito (nei momenti o nei giorni immediatamente successivi al naufragio stesso, o facendone la storia) sia a chi vi è perito, sia, più frequentemente, a chi è riuscito a scamparne- soccorrere, raccogliere, trarre in salvo i n.; il recupero delle salme dei n.; Come sul capo al naufrago L’onda s’avvolve e pesa (Manzoni); carta di localizzazione dei n., lo stesso che carta di naufragio (v. naufragio). Per estens., chi, passeggero o membro dell’equipaggio, caduto in acqua da una nave, è oggetto di operazioni di ricerca e di soccorso. Dunque, naufrago è chi, in mare, per affondamento della nave in cui si trovava, o per caduta in acqua da quella, corre verosimile IMMINENTE PERICOLO DI VITA!

3°/Dopo l’avvenuto trasbordo dei neri che fine fanno i gommoni motorizzati su cui erano imbarcati? Possiamo pensare che tornino indietro per il prossimo carico? D’altra parte perché lasciare che il mare li ingoi!

4°/A chi fanno capo le navi del NAVITAXI?

  • Chi sono le società armatrici?
  • Dove risiedono?
  • In quale Paese è registrata la nave?
  • Quale bandiera batte la nave?

Per quanto a oggi noto, tramite la P.R. di Catania e il procuratore Carmelo Zuccaro, si sa che la GERMANIA gestisce almeno cinque ONG che prelevano i disperati in mare, disperati imbarcatisi a Tripoli e che fa trasportare sempre in Italia attraverso l’uso dei navigli detti che ormai possiam affermare son dediti al…traf…sbordo degli africani!

Sottolineiamo anche che:

  • Il naviglio di qualunque bandiera ha l’obbligo del recupero di naufraghi, non di gente vacanziera a qualche chilometro dalla costa e in attesa di traghettamento su appuntamento!
  • E ancora, se imbarcata, tale gente deve essere depositata nel porto più prossimo, nel nostro caso specifico essendo quella gente uscita dal porto di TRIPOLI deve essere sbarcata a TUNISI, e non in quelli maltesi o italiani!

Ancora, tramite le parole del procuratore Zuccaro si appura anche:

  • NAVE AQUARIUS, dichiarata di SOS MEDITERRANEE, ha un costo d’esercizio di circa €11000 giornalieri!
  • NAVE TOPAZ E NAVE PHOENIX hanno ognuna spese gestionali per €400000 mensili. Anch’esse sono dedite ai viaggi di recupero dei vacanzieri sempre con punto fisso d’imbarco a poche miglia dalla costa libica, e sono dichiarate come proprietà della società MOAS, una ONG con sede a Malta che s’è appurato è di appartenenza dei coniugi Cristopher e Regina CATRAMBONE anche intervistati da RAI che li mostrò eroi del mare!

E poi è da rilevare che:

  • NAVE PHOENIX batte bandiera del Belize-
  • NAVE TOPAZ batte bandiera delle Isole Marshall-

e che sono registrate in quei paradisi fiscali del naviglio!

Ma è presente anche la ONG MSF (Medici Senza Frontiere) con NAVE BOURBON ARGOS.

Altre indagini seguiranno, e nulla di strano che si scoprirà, ma questa è mia illazione, che i Governi italiani, quelli ILLEGITTIMI creati e sostenuti dal sig Napolitano, hanno accordi segreti con movimenti internazionalisti globalizzanti!

Si legga a questo proposito il mio lavoro Manuale di benvenuto in Italia per negri e musulmani! https://kiriosomega.wordpress.com/2016/09/06/manuale-di-benvenuto-in-italia-per-negri-e-musulmani-mah/

 

Insomma, in questa vicenda che farebbe parte dell’ampio capitolo IMMISERIMENTO DELLA GRECIA PROTOGALLO SPAGNA ITALIA c’è un piano in divenire, rendere nel prossimo futuro i Paesi mediterranei colonie agricole del tecnologico nord Europa, ma una parte ancora più nascosta è quella che racconto così:

“Un nano vuole il potere, ma due giganti lo sovrastano! Come fare per debellarli? Semplice, pensa il nano: “Basta farli combattere tra loro sperando che si distruggano a vicenda”!

E per finire il pensiero complottista, come ormai si suol definire ogn’idea che non s’attiene al pensiero unico:

“Kalergi, chi era costui chi era costui?” ruminava tra sé kiriosomega seduto sul suo seggiolone in una stanza del piano inferiore con un computer in funzione davanti quando l’idea gli apparve con al sommo antiche parole:

Per me si va ne lo dolente monno,
per me si va ne lo grande dolore,
per me si va tra la inconscia gente.

Sopruso mosse il mio alto fattore:
fecemi la stupida arroganza

la somma scemenza e ‘l finto amore;

dinanzi a me non fuor cose create
se non feroci, e io feroce duro.
Lasciate ogne speranza, voi ch’ intrate. »

Navi addette al traffico di ombre nere!

barco_a_catania__fermati_i_due_presunti_scafisti

barco_a_catania__fermati_i_due_presunti_scafisti

Nave MSF

Nave MSF

Nave Dignity

Nave Dignity

MSF Nave Bourbon Argos

MSF Nave Bourbon Argos

kiriosomega

La vera storia dell’uomo, in breve!

Vi racconto la storia umana in breve!

Siamo una specie pericolosa

La nostra storia inizia con un dio che s’incazza per una mela,

Ma ce n’erano così tante che quella collera fu stupida!

Continua, la nostra storia, con incesti di due creature di fango

I cui figli s’ammazzarono tra fratelli e prolificarono tra loro

Poi figli e madri alleati raggirarono vecchi padri

E figlie puttane approfittarono del padre ubriaco, bell’esempio d’educazione!

Seguita ancora la storia con re crapuloni e mignottari che dividevano

In due i bambini, ma anche che facevano raccolta di mani falli e teste

Da offrire in olocausto al dio della mela!

Insomma, se tutto è al meglio siamo figli di bastardi

Creati da un dio sadico che si divertì a fare crocifiggere anche il figlio!

 e qui la verità su quel giorno

… e poi dio disse: “per dio ragazzi”, si rivolgeva ad Adamo ed Eva coppia di fatto nata da una fecondazione assistita extra uterina, “l’avete fatta grossa! Perciò, donna, ti caccio da qui, e sarai perseguitata dalla pubblicità che si occuperà del tuo odore. Per te saranno inventati profumi, lacche, deodoranti, saponi intimi, buchi nelle orecchie, slip profumate, tacchi alti, controllori dell’alito… perché tu compiaccia l’uomo! Ah, intanto che ci penso, anche partorirai con dolore i figli ma sarai mantenuta dall’uomo”!

“E tu, uomo, vai con lei! Controlla che sempre sia a tua disposizione, mangia pure pecorino e gorgonzola, piacerai lo stesso. Però lavorerai, se sarai fortunato, anche in tempo di globalizzazione quando la terra produrrà crisi, sofferenze e timori”!

E Adamo che già era intelligente rispose: “Ma santo dio, tutto sto gran casino per una mela, abbi pazienza, tra un po’ te ne porterò qualche chilo”!

la-verità su quel dì

la-verità su quel dì

kiriosomega

VERO TRATTAMENTO DELLE DONNE NELL’ISLAM!

Non avrei voluto scoprire e vedere questo filmato, purtroppo m’è successo, ma nonostante non sia un’animella non sono riuscito a vederlo per intero!

È duro! Non mostratelo a bambini- Purtroppo io non posso limitarne la visione, ma i genitori si!

VERO TRATTAMENTO DELLE DONNE NELL’ISLAM!

E CON QUESTA GENTE DOVREMMO CONVIVERE!

MAI!

kiriosomega

Gesuita in movimento! anche tu per la tua partenza usa ALI M.A.R.I.A.

Gesuita in movimento! Anche tu per la tua partenza usa

ALI  M.A.R.I.A.

CON PICCOLO SOVRAPREZZO  SENZA SCALO INTERMEDIO IN PURGATORIO

papaline

papaline

kiriosomega

Nessuno, ma che troia era? Pene, era la grande Troia!

Interpretazione breve di Iliade e Odissea

Pene e la tela

Pene e la tela

Signor Nessuno, son dieci anni che manchi da casa per conquistare una troia!

Signor Nessuno, son altri 10 anni che manchi da casa per un viaggetto di pochi giorni!

Sig Nessuno, se non ti sbrighi a tornare scappo con il primo procio che passa!

Ma Pene, ho subito naufragi e la troia era la grande Troia!

Bene signor Nessuno, se quella troia era una grande Troia, e hai pure subito naufragio, sbrigati a affogare o t’affogo io!

firmato

Pene della filanda

kiriosomega

 

 

Bergoglio, Ciccio 1°, la bibbia sia il Vostro monito!

bhaga vagitha

idea da bhaga vagitha

Bergoglio, Ciccio 1°, afferma: “La bibbia sia il Vostro monito”!

Certo gesuita, sia monito la bibbia anche per questi passi portati qui a esempio tra i tantissimi possibili!

Segue ai moniti biblici il mio ormai famoso, scusate la presunzione, S’io fusse Deo! La versione qui presentata è del 2007, esitono aggiornamenti-

Buona lettura

I primi moniti sono proposti in maniera seria, presi da bibbia C.E.I.

Levitico, cap. 26; 7-9: “Voi inseguirete i vostri nemici ed essi cadranno dinanzi a voi colpiti di spada, cinque di voi ne inseguiranno cento, cento di voi ne inseguiranno diecimila e i vostri nemici cadranno dinanzi a voi colpiti di spada.”.
Deuteronomio, cap. 7; 1-2: “Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nel paese che vai a prendere in possesso e ne avrà scacciate davanti a te molte nazioni… quando il Signore tuo Dio le avrà messe in tuo potere e tu le avrai sconfitte, tu le voterai allo sterminio; non farai con esse alleanza né farai loro grazia.”.
Deuteronomio VII, 16: “Distruggi dunque tutti i popoli che il Signor Iddio mette in tua balia, non s’impietosisca l’occhio tuo su di loro.”.
Deuteronomio, cap. 20; 16: “…non lascerai in vita alcun essere che respiri, ma li voterai allo sterminio… come il Signore tuo Dio ti ha comandato di fare…”.
Deuteronomio VII, 22-24: “E il Signore, Iddio tuo, caccerà a poco a poco questi popoli dinanzi a te; tu non li potrai distruggere a un tratto, altrimenti si potrebbero moltiplicare a tuo danno le bestie feroci della campagna, ma il Signore, Iddio tuo, li darà in tuo potere, mettendoli in grande scompiglio finché non siano sterminati; egli ti darà nelle mani i loro re, e tu farai perire i loro nomi di sotto il cielo, nessuno potrà starti a fronte, finché tu non li abbia distrutti.”.
1° Samuele XV, 3: “Va dunque, colpisci Amalec e vota alla distruzione lui con tutto ciò che gli appartiene, non risparmiare nulla, ma uccidi tutti, uomini e donne, fanciulli e lattanti, bovi e pecore, cammelli e asini.”.
Giosuè VIII, 24: “Quando ebbero terminato di uccidere gli abitanti di AI a colpi di spada, gli Israeliti si rivolsero contro la città e quella pure fu passata a fil di spada, il numero delle vittime tra uomini e donne salì a 12.000 persone.”.
Isaia XIII, 15: “Quanti saranno trovati, saranno trucidati, e chi sarà preso, perirà di spada, i loro bambini saranno sfracellati sotto i loro occhi, le loro case saccheggiate, e le loro donne violate.”.
Isaia XIV, 25: “Questo è il disegno stabilito contro tutta la terra, e questa è la mano tesa contro tutte le nazioni.”.

 

I moniti biblici che seguono, sempre ripresi da bibbia C.E.I. e in integrale, sono proposti in lettura semiseria.

1) Siccome in famiglia siamo poveri e numerosi, per fare star meglio i maschi ho deciso di vendere una figlia come schiava, il tutto rispettando Esodo 21,7. Allora desidero chiederle, proprio a questo proposito, quale potrebbe essere un buon prezzo di vendita su cui accordarmi!
2) Ero anche deciso, come la bibbia suggerisce, di fare offerte votive al dio. Avevo perciò costruito un’ara pura, l’avevo santificata, e su essa anelavo sacrificare un toro dopo averlo per benino sgozzato facendone defluire tutto il sangue così da poterne poi ardere il grasso della carcassa come descritto in Levitico 1,9. Però, appena cominciati i preliminari di sgozzamento del toro, l’animale cornuto che non capiva il grand’onore che lo colpiva cercò d’infilzarmi, ed anche avvenne che i vicini gridassero “Forza Toro”, in più minacciando di chiamare i carabinieri, la neuro deliri, il servizio veterinario della vicina ASL e anche i banditi mafiosi che più in fretta della legge sarebbero intervenuti per sacrificarmi al posto del restio animale. Ora, caro don… in considerazione di ciò che avvenne Le chiedo: “Cosa posso fare per salvarmi da quei blasfemi dei miei vicini che, tra l’altro, non sopportano l’olezzo della carne bruciata che invece tanto è caro al dio? Mi è permesso cacciarli dalle vicinanze del mio tempio a colpi di scudiscio? Potrei percuoterli come descritto in Giovanni 2,13-25- magari solo nel periodo della prossima pasqua?
3) Dal Levitico 15, 19-24 mi sorge altro grave problema da quando ho appreso che posso avere rapporti con una donna solo se è priva di mestruazione, ma il problema è: “Come faccio a chiederle se, quando ne ho voglia, lei sta sgocciolando come rubinetto malamente chiuso”? Molte donne, infatti, quando chiedo del loro stato si sono offendono e mi lasciano a … bocca asciutta gridando “Porco”!
4) Levitico 25, 44 afferma che potrei possedere degli schiavi, sia maschi, sia femmine, però a patto che essi siano acquistati in nazioni straniere. Un mio amico afferma che questo si può fare con i filippini, ma non con i francesi. Può farmi capire meglio? Perché non posso possedere schiavi francesi?
5) So che è proibito lavorare di sabato, ma un mio vicino, il solito blasfemo, si è intestardito a farlo. In Esodo 35,2 è chiaramente specificato che deve essere messo a morte, ma giacché non amo la vista dei cadaveri, e sono contrario alla violenza, sono moralmente obbligato ad ucciderlo personalmente?
6) Sempre il Levitico 21,20 ancora afferma che non posso avvicinarmi all’altare di Dio se sono portatore di difetti visivi, e io, purtroppo, devo effettivamente ammettere che uso occhiali per leggere … Le domando: “La mia vista deve per forza essere 10/10, o c’è qualche scappatoia alla questione”?
7) Poi ho notato che molti tra i miei amici maschi usano rasarsi i capelli, compresi quelli vicino alle tempie anche se questo è espressamente vietato da Levitico 19,27. In che modo costoro dovranno esser messi a morte?
8) Ma il Levitico 11,6-8 sostiene inoltre che toccare la pelle di maiale morto rende impuri. Non discuto il comandamento, però io che amo giocare a pallone devo indossare dei guanti?
9) E in ultimo un grave assillo Le rappresento carissimo don… Mio zio possiede una fattoria, e per produrre differenziando i terreni si è certamente posto contro il Levitico 19,19, perché ha seminato due diversi tipi di ortaggi nello stesso campo. In più anche sua moglie, cugina in secondo grado, ha violato lo stesso dogma perché sempre indossa vesti di due tipi diversi di tessuto (cotone e acrilico). Ma non finisce qui la loro blasfemia perché lo zio, che è veneto, è pure un bestemmiatore accanito. Crede beneamato don… che sia indispensabile, come prescrivono le scritture, che mi prenda la briga di radunare tutti gli abitanti della città per lapidare i due parenti? Non potrei più semplicemente dargli fuoco mentre dormono come simpaticamente consiglia Levitico 20,14 nel versetto in cui prevede che ciò deve essere compiuto verso le persone che giacciono con consanguinei?
So che Lei, diletto don…, ha studiato approfonditamente questi argomenti, per cui sono sicuro che potrà rispondere a queste semplici domande. Nell’occasione, La ringrazio ancora per ricordare a tutti noi che i comandamenti sono eterni e immutabili.

del MERCOLEDÌ, 22 AGOSTO 2007 è la prima stesura dello scritto che segue-

S’ì fosse Deo!

S’ì fosse Deo! [di kiriosomega]

Un dì mi finsi Deo, et a tal uopo l’universo guatanno novella migliorabile historia ne pensai, utinam a nulla riducessi li pregressi errori d’un altrui progetto malaccorto assai, et bone cose mi sovvennero, così che feci questo scritto in caso un’altro Deo ne fusse affascinato.       

S’i fosse Deo de novo inventerei lo nutrimento de tutti l’hommeni. Lo cibo tutto bono et abbondante i’ farei pe l’hommi de tutt’i tempi, et puro i’ farei ch’esso si producesse cum basso tasso de colesterolo, rari acidi urici, et che mai malvagio fusse pe lo fegato o pe li reni; et che, infine, li residui sui si frangessero in un peto picculo assai che sempre odora de gelsumino, de rose et de viole. S’i fosse Deo lo vino operato avria soave, sì che non turbasse, ma che collocasse alla serenità et all’ottimismo. S’i fosse Deo creato avria li dolciumi, i sorbetti, il cioccolato et i biscotti che non impinguano, né che procacciano danni allo fegato, alle reni et allo stomaco, ma fatti l’avria con magici poteri et perciò preventivi contro li morbi. S’i fosse Deo avria voluto che lo pulcherrimo stravizio arrecasse solo piacere, sanza bruciore de stomaco, aut correntina liquida et male de testa. S’i fosse Deo li malanni congeniti che affliggono lo corpo avria evitati, questi son lo gibbo, l’idiozia, la cecità, la sordità et lo mongolismo ché assai tormentano l’umana stirpe. S’i fosse Deo il mal de denti, le boriose phoemine maligne, gli imbecilli et i saccenti assai, li cerebrali che fan sfoggio de se stessi et i troppo virtuosi, l’erbe velenose et le meduse irritanti imbrigato avria. S’i fosse Deo nutrito avria l’animale homo et tutti l’altri facendo trovare loro nutrimento semplicemente nell’aria che fiatano senza veruno bisogno de mangiarsi tra diversi. S’i fosse Deo i figli fatto avria meno frangiballe, in minor quantità presuntuosi et assai poco saccenti, ma anco poco sfaticati li avria costrutti, così che la pubertà fusse tutta bona, mai ottusa et antipatica. S’i fosse Deo non avria proibito a li giovani la masturbazione, ch’essa una è de le poche cose bone de la pubertà. S’i fosse Deo fatto avria giovani et pulzelle tutti belli, sani et cum bona possanza et complessione, sed anco capaci, briosi, comprensivi et tolleranti, et ne la catena de montaggio nun avria posto in opera empi, stolti, intriganti, ma nemmeno mestatori, tiranni, finocchi, pedofili et nemmaco figli de bona madre. S’i fosse Deo avria le spose rese amabili, premurose et altruiste, mai maligne et impiccione, similmente faria cum l’hommo. S’i fosse Deo lo sesso costrutto avria fondendo la passione erotica maschile cum quella muliebre al contrario de operarne due cose differenti assai, così che homo et phoemina faccian la copula senza industriarsi a finger de contentare di più l’altro che se stessi. S’i fosse Deo renderei le madri de le mogli tutte garbate, altruiste, non maligne et che si fanno l’affari propri. S’i fosse Deo non avria voluto che padri et madri vedessero morire i figli. S’i fosse Deo fuggito avria la tarda età tenendo l’umani in salute bona et cum vigore amatorio fino alla morte ch’avria fatto avvenire senza dolore niuno et pe libera scelta di quelli che, stanchi de vivere, disponessero che meglio è de cambiare aria. S’i fosse Deo costrutto non avria la schiatta de li politicanti ch’abusano de l’altrui credulità pe’ razziare, traviare, inquinare sé e l’altri, et ch’ancho fanno l’umeli co’ li potenti et l’arroganti co’ li umeli. S’i fosse Deo lassato avria le droghe a Lucifero et alli sui, o, pure, l’avria attuate digestive et utili per lo miglior vigore. S’i fosse Deo li cozzi de l’idee abolito avria, così che guerre, rancori et odi nun fussero esistiti. S’i fosse Deo le succussioni de la terra, li evomenti monti, li maremoti et i possenti venti insieme a faide di fanatico furor et fratacchioni requirenti proibiti avria, ma anco all’immodestia i’ dato vita non avria. S’i fosse Deo fatto non avria lo rancore, la cavillosità, la pretenziosità et l’idiozia. S’i fosse Deo non avria creato l’amerikani. S’i fosse Deo non avria alli ebrei proferito, né a niuno d’altro, d’essere la mea razza prediletta et che avria dato loro lo dominio su le nazioni tutte. S’i fosse Deo avria sortito sterili le madri de Berlusconi, Bossi, Fini Iscariota, Casini, Prodi, Bertinotti, Fassino, Mastella, Rutelli et de tutti l’altri hommeni politici. S’i fosse Deo avria sortito sterili li padri de’ li mafiosi, de l’assassini, de li bari, ladri et traditori, ma puro quelli de li spergiuri, de li bugiardi, de li papi, de li cardinali, de li vescovi et delli preti tutti. S’i fosse Deo probabilmente non avria creato l’hommo. S’i fosse Deo non avria fatto un bel niente, et me ne saria rimasto pensando a me stesso pensante…tanto i’ son perfetto

 

PapaBerg-Lo sterco del diavolo

io ho sempre saputo che il dio dei preti è QUATTRINO e non TRINO!

Anche CiccioBergPrimo lo sa!

Ma lui è venuto dalla fine del mondo, e la gente oltre che non capirlo è sconcertata e spaventata!

Ma il gesuita è scaltro-Il gesuita è comunista infido!

…e catturato quel poveretto ha acquistato grandi quantità di Guttalax da somministrargli per ottenerne l’apprezzato sterco!

sterco del diavolo

sterco del diavolo

kiriosomega

PD rotto? Lo è sempre stato!

Il  rotto? È sempre stato rotto per confluenza in esso di ex  lì malamente conviventi-

Poi, pilotato dal Napolitano, asservito all’internazionalismo finanziario, giunse che si fottè il Partito rendendolo padronale-E esplose il latente litigio!

Comunque sia, la rottura del PD non riguarda Italia e italiani, ma lo schieramento che le elite finanziarie vogliono fare assumere al Paese! Infatti, in ossequio all’antica frase anedotto dei Rothschild-NON MI INTERESSA CHI COMANDA,BASTA CHE PAGHI I CONTRIBUTI, alle organizzazioni bancarie mondialiste di Renzi, Napolitano, Emiliano, D’Alema… non interessa nulla!

Chi ha orecchie per intendere intenda, gli altri, asini vompiaciuti, stiano silenti!

pd-spa

pd-spa

kiriosomega

 

 

CAPTAGON- LA PILLOLA DELL’ORRORE E DEL TERRORE!

IL CAPTAGON

ANCORA SCONOSCIUTO AL GRANDE PUBBLICO

AUMENTA GRANDEMENTE LA SOGLIA DEL DOLORE

ALTERA L’IDEAZIONE

FU CREATA DAI LABORATORI  N.A.T.O. FORSE ANCHE PER LA GESTIONE DEI PRIGIONIERI

È USATA ANCHE DAGLI ADEPTI DELL’ISIS!

DUNQUE, ALTRO CHE FANATISMO RELIGIOSO VERSO ALLAH!

È UNA COSIDDETTA DROGA

È IL CAPTAGONIL CLORIDRATO DI FENETILLINA+OLIO DI HASHISH

È ASSUNTA IN COMPRESSE, DUNQUE FACILMENTE TRASPORTABILE ANCHE DURANTE AZIONI BELLICHE, SUICIDE, OMICIDE!

PER CHI LO RICORDA IL VEROSIMILE “ARANCIA MECCANICA” IN CONFRONTO DIVIENE SOLO UN EPISODIO DA OPERA PIA!

per notizie sulla cannabis indica si può controllare un buon articolo in questo indirizzo-

https://kiriosomega.wordpress.com/2016/05/11/cannabis-indica-perche-son-contrario-a-liberalizzazione/

fenetillina miscelata a olio di hashish

fenetillina miscelata a olio di hashish

CETA- il mini TTIP con il Canadà

, di seguito i nomi di quei parlamentari europei che hanno tradito milioni di cittadini italiani!

Hanno svenduto il nostro futuro d’Italia alle multinazionali…

Se non capiscono quel che hanno fatto se ne devono tornare a casa!

Se sanno quel che hanno fatto si sono fatti comprare!

Tra l’altro le multinazionali potranno denunciare i Governi che si si opporranno al libero scambio e giudicanti saranno gli avvocati delle stesse società che potranno alternarsi secondo necessità!

ceta-chi-lo-ha-approvato

ceta-chi-lo-ha-approvato