PROEMIO

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

e fu kiriosomega

e fu kiriosomega

kiriosomega

kiriosomega

PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

Le verità nascoste dal PD!

Le verità nascoste dal PD!

ovvero

Del Renzi mentitore!

Comunicato bugiardo sul programma di governo

Comunicato bugiardo sul programma di governo

CADENDO IL PD S’ALZA L’ITALIA!

PER UN PUGNO DI EURO!

È IL CONNUBIO INDISSOLUBILE TRA PD E TRUFFA POLITICA SOCIALE ECONOMICA

NUOVAMENTE IL PD RICORRE A VOTANTI CINESI E NEGRI

CHE STANNO IN FILA PER VOTARE SOLO PERCHÉ PAGATI CON POCHI SPICCIOLI

E NEMMENO PARLANO L’ITALIANO!

PER UN PUGNO DI EURO

Le truffe dei giochi d’azzardo di stato/governi!

TRUFFE!

Art. 640 c.p. Truffa.

[1] Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 51 a euro 1.032.

SE NE DEDUCE CHE: “I TRUFFATORI SONO LADRI!”.

QUI DESIDERO PARLARE DEI GIOCHI D’AZZARDO CHE IL GOVERNO PROMUOVE!

IL CASO, MA È SOLO PROPRIO UN CASO, PERCHÈ I GIOCHI CHE LO STATO FAVORISCE SONO TANTI, TROPPI!

IL CASO- AL SUPERENALOTTO GIOCAVO UNA MEDIA DI € 4 MENSILI, MA STAMANI HO TROVATO SOSTANZIOSI AUMENTI NEL COSTO DELLE GIOCATE, COSÌ CHE HO RITIRATO LA SCHEDINA E ME NE SONO ANDATO!

PERCHÈ? PERCHÈ CHI VINCE È SOLO LO STATO, ANZI LA SISAL, MA ESSA HA UN SOCIO DI MAGGIORANZA CHE QUANDO DEFINIAMO STATO LO SPERSONALIZZIAMO, MENTRE INVECE DOVREMMO ESPRIMERCI DICENDO: “GOVERNO INFAME E LADRO”!

SI, INFAME, PERCHÉ HA PRATICAMENTE RADDOPPIATO IL COSTO DI OGNI GIOCATA,

INFAME PERCHÈ AFFIDA LA GESTIONE DI QUESTO E ALTRI GIOCHI A ORGANISMI PRIVATI,

INFAME PERCHÉ SEMPRE PIÙ SFRUTTA I SOGNI DELLA POVERA GENTE!

AVREI QUI VOLUTO ESPORRE COMPLICATI CALCOLI MATEMATICI PER DIMOSTRARE CHE… MA IN INTERNET HO TROVATO TABELLE PRONTE FORSE PIÚ CHIARE DI QUANTO LO SAREI STATO IO.

INTANTO CAPIAMO CHE DELLA QUANTITÀ DI DENARO RACCOLTO ATTRAVERSO I GIOCHI D’AZZARDO DI STATO SOLO IL 38% È POSTO NELLA DISPONIBILITÀ DEI VINCITORI, IL RESTANTE 62% È RIPARTITO CON IL 49,2% ALLO STATO, E IL RESTANTE 50,8% ALLA SISAL!

PER CHI A DIGIUNO DI NUMERI

RACCOLTI COME MONTEPREMI PER ES €1000000 (UN MILIONE)

SI HA UNA RIPARTIZIONE DI:

€380000 AL MONTEPREMI

€ 305040 ALLO STATO (GOVERNO)

€314960 AL GESTORE PRIVATO DEL GIOCO

MA ORA LEGGIAMO NELLA TABELLA QUI SOTTO LE PROBABILITÀ DI VINCITA DELLA CATEGORIA MAGGIORE NEI VARI GIOCHI

Gioco Numeri giocati Probabilità di vincita del premio massimo
Superenalotto 6 1 su 622.614.630
Lotto (Cinquina) 5 1 su 43.949.268
10eLotto 10 1 su 30.963.246
Totogol 7 1 su 17.297.280
Totocalcio 14 1 su 4.782.969
Win For Life 10 + 1 1 su 3.695.120

SE APPENA AVETE SEGUITO IL RAGIONAMENTO VI SARETE GIÀ ACCORTI DELLA TRUFFA DELLA RIPARTIZIONE DEI PREMI IN BASE ALLE PERCENTUALI DI VINCITA-

E QUANTO RIPORTATO VALE SOLO NELLA REGOLARITÀ DELL’APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DICHIARATE LEGALI DAI GOVERNI!

MA CHI HA MEMORIA RICORDA QUANTI SCANDALI HANNO COLPITO IN PASSATO LA GESTIONE DELL’AZZARDO!

MA OGGI SIAMO IN TEMPI D’ELETTRONICA E COMPUTER, LA LOTTOMATICA CHE INVIA GIOCATE E MANGIA SOLDI DEI SOGNI DEI DISGRAZIATI- EBBENE, PENSATE PER UN MOMENTO LA VELOCITÀ DI CALCOLO DI UN COMPUTER CHE IMMAGAZZINA TUTTE LE GIOCATE E CALCOLA QUALI DEVONO VINCERE PER AVER LA MINORE EROGAZIONE DI SPESA VERSO GLI SCOMMETTITORI, E POI PENSATE ANCHE COME UN COMPUTER POSSA CALCOLARE GIOCATE INESISTENTI DA FAR VINCERE SOLO CHE I GESTORI SE LE GIOCHINO, E TUTTO CIÒ PUÒ AVVENIRE NELL’ORA INTERCORRENTE TRA LA CHIUSURA DELLE GIOCATE E QUELLA DELLE ESTRAZIONI!

STESSI CONCETTI VALGONO PER ES PER GRATTA E VINCI! CHISSA QUANTI BIGLIETTI VINCENTI DELLE VARIE CATEGORIE SONO EMESSI E DOVE SONO INVIATI! ANCHE QUI GLI SCANDALI SI SONO SUCCEDUTI!

E SE PENSATE CHE SONO UN CATASTROFISTA LEGGETEVI, LI TROVATE ANCHE IN INTERNET, I RESOCONTI DEGLI:

SCANDALO DELLA REGIA, IL PRIMO SCANDALO CHE COINVOLSE LA CLASSE DIRIGENTE PARLAMENTARE ERA IL 1868,

O LO SCANDALO DELLE BANCHE, INCLUSA QUELLA VATICANA, CHE AVVENNE PER TRUFFA NEI CONFRONTI DELLO STATO DAL 1889!

NEL FRATTEMPO C’ERA IN ATTO LO SCANDALO DELLE FORNITURE FERROVIARIE E LA QUESTIONE DEL TERZO VALICO!

AH, L’ITALIA ERA APPENA NATA!

SOLO PER ESPLICITARLO, ERA ALLORA AL COMANDO LA SINISTRA STORICA! MA GUARDA I CASI!
kiriosomega

PERCHÉ?

PERCHÉ?

Perché Hitler è peggio di Stalin dato che quest’ultimo ha sterminato un numero di persone quindici volte maggiore e in modo altrettanto orribile?

Perché le bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki, i bombardamenti terroristici di Dresda e delle altre città tedesche sono meglio della dittatura del Fascismo Italiano?

Perché la strage di Bologna, rispettiamo la sentenza ma restiamo molto dubbiosi, coinvolge TUTTI i Neofascisti in blocco, mentre le B.R. sono un fenomeno anomalo ristretto ad una parte deviata della sinistra?

Perché essere antisionisti è considerato razzismo, e incitare alla deportazione e allo sterminio dei Palestinesi non lo è?

Perché ai comunisti Italiani è consentito scindere le proprie responsabilità da quelle dell’URSS per i Gulag, per l’invasione dell’Ungheria, della Polonia, della Cecoslovacchia… e anche di distinguerle da quelle commesse dal comunista Saloth Sar, più noto come Pol Pot, che torturò e trucidò circa due milioni di persone, da Mao, da Castro e dai comunisti albanesi… Mentre ai neofascisti Italiani non è consentito scindere le proprie azioni dalla Germania nazista per i campi di concentramento che creò?

Perché i partigiani torturati e giustiziati sono un abominio del Fascismo, mentre le ausiliarie violentate ed uccise, o i ragazzi della RSI massacrati e sepolti vivi, o mutilati dei genitali, o lo spettacolo di piazzale Loreto a Milano, o la volante rossa che insanguinò l’Italia almeno fino al 1956, sono la comprensibile reazione degli antifascisti che spesso erano stati fascisti sino a poco prima?

Perché la stella di David gialla sul petto degli ebrei in Germania era razzismo, e le targhe di colore diverso, azzurre per gli ebrei e gialle per gli arabi in Israele non lo sono?

Perché il razzismo antisemita è punito dalla Legge, mentre quello anti meridionale della Lega è normale dialettica politica?

Perché lo Yacht di Berlusconi è esibizionismo capitalista, mentre quello di Dalema è uno strumento di sana evasione dallo stress?

PERCHÈ PERCHÈ PERCHÈ?

Che cosa avvenne quell’11 novembte 2001! Una ricostruzione

Immaginea

cARbOC/kiriosomega

“L’affaire du Pentagone”.

DA INTEGRARE CON

PRIMA PUNTATA – Una mia ricostruzione del 2006 da integrare con seconda puntata e con TORRI GEMELLE DOCUMENTO

SECONDA PUNTATA- https://kiriosomega.wordpress.com/2016/01/17/che-avvenne-quell11-settembre-2001/

DOCUMENTO TECNICO – https://kiriosomega.wordpress.com/2015/12/02/torri-gemelle-twc-documento-tecnico/

“L’affaire du Pentagone”.

Seconda puntata.

La serie fotografica seguente è quella pubblicata da Massimo Mazzucco e Giulietto Chiesa. Le fotografie nell’ordine da “1 a 24” vogliono dimostrare che il danneggiamento del Pentagono è avvenuto per mezzo di un caccia, a loro dire un F 104 che ha sparato un missile durante l’avvicinamento all’edificio in volo radente.

La ricostruzione fotografica, per le dichiarazioni degli Autori, è uno studio dei fotogrammi singoli estrapolati dal filmato ufficiale trasmesso dagli organi d’informazione della casa Bianca. Le stesse fotografie, dopo analisi computerizzata, sono state sottoposte ad ingrandimento dei particolari creandone anche immagini ad alta definizione.

Mi astengo da commenti e lascio a Voi l’interpretazione dei dati forniti.

ANALISI COMPUTERIZZATA DEL FILMATO VIDEO UFFICIALE.

Di Giulietto Chiesa e Massimo Mazzucco.

Immagine.jpg1

Immagine.jpg1

Immagine2

Immagine2

Immagine3

Immagine3

Immagine4

Immagine4

Immagine5

Immagine5

Immagine6

Immagine6

Immagine8

Immagine8

Immagine9

Immagine9

Immagine1A

Immagine1A

ImmagineB

ImmagineB

Immagine1C

Immagine1C

Immagine1D

Immagine1D

Immagine1D

Immagine1D

ImmagineF

ImmagineF

SE DI AEREO SI TRATTA POTREBBE ESSERE DI QUESTO TIPO

ImmagineG

ImmagineG

kiriosomega

Che avvenne quell’11 settembre 2001?

Che avvenne quell’11 settembre 2001?

Immaginea

PRIMA E SECONDA PUNTATA – Una mia ricostruzione del 2006 da integrare con seconda puntata e con TORRI GEMELLE DOCUMENTO

seconda puntata-https://kiriosomega.wordpress.com/2016/01/17/8792/

DOCUMENTO TECNICO – https://kiriosomega.wordpress.com/2015/12/02/torri-gemelle-twc-documento-tecnico/

“L’affaire du Pentagone”.

Prima puntata.

1

Da qualche giorno è nata una nuova generazione di Sherlock Olmes, certo anche ben motivata; e la sua insorgenza è stata fomentata dalle dichiarazioni presentate dalla Casa Bianca in proposito del dramma che sempre più si va conoscendo e diffondendo come “Pentagate”.

Questo lavoro che è proposto in diverse puntate, voce dispersa tra le tante, si avvale di una personale ricerca che mira o scoprire in internet foto e tesi ardite sull’argomento “Pentagono” come bersaglio di un aeromobile, presentando il fascicolo raccolto come un “solito” lavoro “word” che altri potranno comodamente a loro volta elaborare.

Le fotografie di seguito mostrate sono immagini ufficiali prelevate dai server dell’esercito degli Stati Uniti e da altri di natura giornalistica, siti che non ho ringraziato per la loro disponibilità perché impossibile, giunga allora il mio grazie, per l’accessibilità, attraverso queste pagine.

Immagine

Il Boeing della discordia.

Caratteristiche dimensionali di un Boeing 757/200.

Osservando la foto subito risultano evidenti le imponenti dimensioni dell’aeromobile in volo e la grandezza delle turbine che fanno capo ad apparati motore Rolls Royce ancorati a grosse gondole sub alari. I motori montati su questi aerei appartengono al tipo RB211-535E4 o RB211-535C od anche Pratt & Whitney PW2000, le diverse versioni motoristiche sono capaci di generare una spinta al decollo con limiti compresi tra kg 16.601,48 (36.600 libbre) fino a kg 19.731,27 (43.500 libbre). Anche l’apertura alare del mezzo è impressionante come la larghezza della coda, mentre non sono intuibili la lunghezza del mezzo e la sua altezza.

Immagine di un Boeing 757-200.

Immagine

E’ questo un aereo di medie dimensioni che porta a bordo tecnologia innovativa capace d’eccezionale parsimonia nel consumo di carburante, ma contemporaneamente fornisce prestazioni d’alto livello con bassa incidenza di rumorosità. Il suo comfort interno è da ritenersi uno standard elevato per i passeggeri. L’aeromobile Boeing 757 è usato nel lungo e medio scalo così che si presta al “hub-and-spoke”, e le sue versioni maggiori possono volare non-stop, ed a pieno carico, percorrendo fino a km 7.240 così incidendo su diversi mercati. Il velivolo fu concepito, alla fine degli anni ’70, per il trasporto di 200 passeggeri in classi separate, ma il 757/200 in servizio charter ha capacità d’ospitare fino a 228 passeggeri, e ciò con un peso massimo al decollo che varia da kg 99.800 a kg 115.660.

Dati tecnici dell’aeromobile Boeing 757/200.

Passeggeri
In aereo con due classi i posti paganti a disposizione sono: N. 200
In aereo con classe unica i posti paganti a disposizione sono: N. 228
In caso d’allestimento tipo “cargo” il vol. max sfruttabile è pari a: m3 43,3
Motorizzazioni attualmente più usate: Rolls-Royce RB211-535E4 energia di spinta lb 40.200
Rolls Royce RB211-535E4B energia di spinta    lb 43.500
Pratt & Whitney PW2037 energia di spinta lb 36.600
Pratt & Whitney PW2040 energia di spinta lb 40.100
Capienza del serbatoio carburante litri 43.490
Peso massimo al decollo kg 115.670
Autonomia di volo km 7.222 (3.900 miglia nautiche)
Velocità di crociera Mach 0,80
Apertura alare m 38,05
Lunghezza complessiva m 47,32
Altezza della coda da terra (punto più alto) m 13,60
Larghezza della cabina m 3,50
Diametro fusoliera m 3,70

 

Volo AA77: “Destinazione Pentagono”.

E’ di seguito mostrata una serie fotografica in cui molte, anzi troppe, sono le incognite che solleva se si vuole affermare che un Boeing 757 è precipitato sul Pentagono. Possiamo affermare, parafrasando ben più profondi concetti, che le prove per credere sono bastevoli per i credenti, che non ne hanno bisogno, mentre le prove a conforto degli agnostici, ahimè mancanti e necessarie per la fede di quest’ultimi, ne spingono molti a sostenere l’idea del complotto interno al Paese.

In ogni modo vi si può confondere con il “mago Silvan” se perorate la tesi ufficiale U.S.A. che narra della precipitazione sul Pentagono del tipo di velivolo citato.

Se, al contrario, nonostante l’ausilio della serie fotografica mostrata rifiutate la tesi ufficiale governativa certo vuol dire che non siete il “mago Silvan” o il Presidente Bush, semplicemente perché non sapete valutare la presenza dei rottami (pochi) dell’aereo Boeing 757 sul luogo dell’impatto.

Ma se il Boeing757 non è precipitato sul Pentagono, allora cosa ha creato il disastro, e perché il Governo statunitense sostiene questa poco verosimile tesi presentando un filmato scadente e per nulla convincente?

Domanda: “E’ possibile che dei “peones” avventizi dell’aria che hanno “viaggiato” solo su simulatori di volo, e che non hanno mai conseguito il brevetto nemmeno per la conduzione degli aquiloni, siano stati capaci di pilotare un mezzo di quelle dimensioni su un bersaglio che dall’alto appare più piccolo di un francobollo?

Considerazione: “Il bersaglio è praticamente inglobato nella città, e perciò di ancor maggiore difficoltà di scoperta, d’avvicinamento e d’impatto”.

Domanda: “Ma la sempre decantata aviazione dei top gun era in ferie, oppure senza benzina per i propri velivoli”?

Ipotesi: “Inconfutabilmente esistendo il danno murario al Pentagono, possiamo teorizzare l’uso, in quest’occasione, di un tipo d’arma ufficialmente inesistente, montata su un supporto terrestre, o alato (caccia), e che per le solite ragioni d’ordine pubblico non ne deve essere nota al pubblico? Agli interessati suggerisco di leggere i lavori di Nikola Tesla sulle energie vibrazionali.

Con questo dire non voglio necessariamente spingermi a sostenere la teoria del complotto interno, anche se certo essa è molto suggestiva; concordo, però con tanti, che “l’affaire du Pentagon” così com’è sostenuto fa pensare ad un “Pentagate”, o meglio ad un “Pentacazzate”.

Foto del Pentagono traguardato da un satellite.

Immagine2

Sono ben visibili nell’immagine le palazzine che costituiscono il grande complesso, ed è riconoscibile la loro costruzione in maniera parallela e scalare nelle lunghezze, sì da formare una figura pentamerica concentrica, suddivisa in celle, e con altezza di m 24 circa.

Domanda (che farà sorridere): “Questo tipo di progettazione può resistere all’impatto con un mezzo del peso di circa tons 100 spinto alla velocità di km/h 450 [velocità di sostentamento a quota zero]?

 Foto dell’ala dell’edificio del Pentagono danneggiata dall’impatto di un “oggetto”.

Immagine3

L’immagine mostra l’ala del Pentagono squarciata dal presunto Boeing 757 che l’ha colpita. Si vede chiaramente che solo la prima cinta di palazzine ha subito danni per l’impatto dell’aereo che viaggiava in volo radente, e che dunque non è precipitato, ma ha trovato un corridoio opportuno per avvicinarsi e schiantarsi sul bersaglio (??). In questo caso, come mostra la fotografia, è verosimile che la costruzione sia stata colpita dalla sola fusoliera che ha arrestato la corsa del velivolo senza che le ali potessero impattare? I quattro ordini di palazzine più interne, infatti, sono integri, ed i danni che subiranno si verificheranno solo in seguito avendo causa nell’incendio che si svilupperà.

Domanda: “Può il 757 impattare su un caseggiato e creare danni così modesti come quelli mostrati dalle foto”?

Considerazione: “Molti aerei moderni contengono uranio impoverito nei piani di coda e nei timoni di profondità caudali per irrigidirli. Che fine ha fatto tale materiale, verosimilmente presente nel velivolo? Ricordiamo che il così detto “uranio impoverito” è assai instabile alla temperatura ambiente, tanto da essere auto comburente con sviluppo di gas massicciamente nocivi”.

Foto A: “Idranti all’opera”.

Immagine4

 Foto B: “L’incendio è domato”.

Immagine5

Foto A e B sono tratte da “U.S. Marine Corps – by Cpl. Jason Ingersoll”.

Le foto A e B mostrano l’edificio del Pentagono subito dopo l’impatto. E’ evidente che solo il pianterreno è crollato a causa del supposto aereo. I quattro piani superiori, infatti, sono cascati alle ore 10: 10 circa. Non dimentichiamo che l’altezza dell’edificio è di 24m.

Domanda: “E’ possibile credere che un Boeing 757, alto m 13,60- lungo m 47,32 – apertura alare di 38,05 m- cabina larga m 3,5 può aver impattato soltanto con il piano terra dell’edificio ?

Immagine6

La foto a lato mostra il prato davanti all’edificio, in esso non si scorgono “segni” di strisciata della carena del velivolo, né chiazze di carburante o grandi relitti

 

Domanda: “Ma dove sono i rottami dell’aeromobile”?

Immaginea

 

In questa foto un camion scarica sabbia sul prato, ed un caterpillar livella ghiaia sul suolo anteriormente al punto di crollo della costruzione.

Domanda: “ Per quale motivo si effettuano queste operazioni? Il prato non ha subito alcun danno per l’incidente occorso”.

Immagineb

 

Foto : U.S. Department of Defense, Sgt. Rudisill.

In queste due foto è stato aggiunto un livello fotografico, in scala, raffigurante la sagoma di un Boeing 757.

Considerazione: “I motori si devono essere disancorati dalla struttura portante e non possono essersi distrutti a tal punto che insieme alle ali si sono sbriciolati”.

Domanda: “Ma cosa è rimasto dell’aereo”?

Immaginec

Questa è la stessa domanda che un giornalista rivolse a Mister Plaugher, il capo dei vigili del fuoco intervenuti sul luogo del disastro. La risposta che seguì è riportata integralmente in traduzione italiana, non da me svolta, perché privo del testo originale, ma che fu trascritto durante una conferenza stampa svoltasi al Pentagono in data 12 settembre 2001 e presieduta da Victoria Clarke, segretario aggiunto alla Difesa U.S.A.

In primo luogo la domanda sull’aereo. Vi erano alcuni frammenti d’aereo visibili dall’interno durante le operazioni di spegnimento dell’incendio di cui parlavo, ma non si trattava di rottami di grosse dimensioni. Non ci sono pezzi di fusoliera o cose simili”. (…) “Sapete, preferirei non fare commenti in merito a questo. Abbiamo numerosi testimoni oculari che sono grado di darvi maggiori informazioni su cosa è accaduto quando l’aereo è arrivato. Noi non sappiamo nulla. Io non so nulla”.

Domanda: Altro giornalista- “Dov’è finito il carburante”?
Risposta del dirigente dei VVFF: “Crediamo d’avere trovato una pozza nel punto in cui pensiamo si trovi il muso dell’aereo”.

“Crediamo”??? Boh!!!

Fine Prima Puntata.

BOMBE NATO!

RILASSATI CARA SONO BOMBE NATO LE LANCIANO PER AIUTARCI!

rilassati son bombe nato

kiriosomega

Sottigliezze della lingua italiana

gentile mignotta2kiriosomega

Ma che colpa abbiamo noi?

Ma che colpa abbiamo noi?

Non eletti da NESSUNO al potere! Perché?junker

kiriosomega

Si parla di libertà e di stato sociale avanzato ma…

Ci siamo

Diversamente uomini, quelli dal baccello senza pisello, pubblicano liste di proscrizione di parlamentari/giornalisti contrari loro desideri!

Questo è diventato un Paese per pazzi!

Si parla di libertà e di stato sociale avanzato

ma in realtà la prima è confusa con il libertinaggio.

il secondo è l’alterazione delle migliori virtù in favore della lussuria!

E se pensate ch’io sia perbenista, moralista, cattolico praticante avete sbagliato pagine di lettura-

Marco Valerio Marziale

Bilbilis, Spagna Terragonese 40 d.C. ca – 104 ca.

Epigrammi: “liber XII- n. XLII”-

Barbatus rigido nupsit Callistratus Afro

Hac qua lege viro nubere virgo solet.

Praeluxere faces, velarunt flammea vulgus,

nec tua defuerunt verba, Talasse, tibi.

Dos etiam dicta est. Nondum tibi, Roma, videtur

Hoc satis? Expectas numquid ut et pariat

—————————————————————

traduzione di kiriosomega

Callistrato, il barbuto, ha sposato l’aitante Afro

rispettando la legge con cui una ragazza va sposa ad un uomo.

Li precedettero le faci, licenziosi canti non mancarono

e velato era il volto della “sposina”.

Anche la dote è stata patteggiata.

(Ciò) non ti sembra abbastanza, Roma?

Forse anche ti aspetti che partoriscano?

kiriosomega

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 3.303 follower