PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

Sintomi emergenti dalla sindrome da chat-line

Sintomi emergenti dalla sindrome da chat-line

Siam personaggi in cerca d’autore

Segue uno scritto tra il farsesco e il serio!

1 Improvvisa confidenza verso chiunque,

2 caduta pressoché repentina delle difese mentali naturali,

3 difficoltà nello staccarsi dal video,

4 transfert psicologico verso la persona con cui si scambiano idee tendendo a idealizzarla,

5 in tempi brevi si realizzano forme frustre di dissociazione di tipo schizofrenico ebefrenico, e successivamente anche produzione di idee deliranti,

7 credulità aumentata in proporzione al tempo di permanenza in chat,

8 riduzione della propria libertà intellettiva/culturale, infatti, quando s’instaura la dipendenza da chat e si crea un pensiero o immagine sulla realtà virtuale è difficile liberarsene uscendo dagli schemi con cui ci si è presentati nella stessa chat,

9 aumenta in maniera smodata e pervicace il bisogno di ricorrere alla menzogna e all’inganno specie se si permane in chat con il fine di conquistare qualcuna/o,

10 contraddizione palesi si manifestano tra i propri desideri/bisogni reali e quelli che si mostrano in chat,

11 si riscontra incremento della masturbazione mentale (io più propriamente la definisco coprofagia mentale) e fisica, il fenomeno è ugualmente ripartito tra uomini e donne.

Effetti osservabili sulla personalità d’ognuno-

Bibliotecari incartapecoriti dal tempo e dalla penombra si dichiarano sportivi olimpionici.

Sconosciute pettinatrici di paese si trasformano in avvenenti modelle straniere.

Vergini orrende diventano fatalone macina sesso.

Certe/i si fan passare per persone d’altro sesso.

Spesso per attirare l’attenzione ci si presenta con nomi sdolcinati- Simpatica, Bella, Danaroso, Zucchero, Sugar… Nella ricerca del nome contribuisce anche l’inconscio creando pulsioni istinto affettive sull’Io e Super Io sconfiggendo la capacità di critica/giudizio e la censura (freni inibitori).

Uomini che odiano l’arte improvvisamente si trasformano in informatissimi critici.

Casalinghe con la cultura della frittata bruciata divengono dottissime dispensatrici di grani di sapienza popolare che nemmeno loro credono.

Altri si spacciano per depressi pur d’essere accettati in chat, e regolarmente finiscono per comunicare solo con il proprio sesso!

kiriosomega

la caduta dei miti

 La caduta dei miti!

Io non parlo per me, ma per noi tutti.

Forse che questa è la Casa di Priamo?

No, questo è il mondo immenso in microcosmo,

una sola Faccenda di Famiglia.

Da bimbi noi davamo ai genitori

il biasimo per ciò che ci spiaceva;

adulti, riversiamo sugli Dei,

sulle leggi economiche e d’ambiente,

ogni nostra stoltezza.

Non esiste

Se non dentro di noi ciò chiamiamo

Dei, sorte o fato. Se Troia o se Sparta

cade, che importa alla divinità?

Essa son già cadute e, insieme ad esse,

chi vive d’ingordigia, di paura,

e d’inganno.

Gli Dei non curano chi cade o come.

Gli Dei vivono solo nell’istante:

nell’acuta canzone meridiana

della cicala; nel sentore fresco

di pioggia, fra gli abeti, nella sera;

nella gioia che dà la differenza

reciproca agli amanti estasiati;

o come quando qui stasera, allegri,

si ride insieme.

Atena, la saggezza occhi – lucente,

prende forme svariate, e più il silenzio.

Il Dio si mostra in ciò che non ci dice.

O creature umane che capite,

voi sensitive più d’ogni altro bruto,

agili come rane e costruttrici

come formiche, nulla vi minaccia

se da voi stesse non vi condannate.

Distruggetevi almeno nella gioia!

E che gli Dei vi vedano!

 

Norme contrattuali tra venditori e clienti

FINALMENTE NUOVE NORME PER VENDITA TRA PROFESSIONISTI E CLIENTI!

13 giugno

Nuovo Codice Consumo valido dal 13 giugno 2014 

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – -

Lo scritto è ripreso dal sito ADUC

  1. - tempo concesso per recessione da contratti stipulati a distanza, o fuori da locali commerciali dei venditori è aumentato da 10 giorni lavorativi a 14 giorni solari.
  2. - se venditori s’astengono da obbligo di fornir informativa completa su diritto recesso termine per esercitarlo si estende di 1 anno dallo scadere dei 14 giorni, oppure, se comunicazione giunge nel frattempo, scatta da quel momento per 14 giorni.
  3. - per recesso rimborso somme pagate deve avvenire entro 14 giorni da quando il professionista è a conoscenza dello stesso.
  4. - se recesso il bene acquistato sarà restituito entro termine di 14 gg e dovrà essere in normale stato di conservazione. Questa norma si differisce da precedente perché è affermato che il bene può esser manipolato per verificarne natura, caratteristiche e funzionamento, senza che da ciò derivi danno o una diminuzione valore.
  5. - fanno parte dei contratti sottoscritti fuori da locali commerciali del venditore, anche quelli firmati nei locali del venditore ma dopo che il consumatore fu avvicinato personalmente in altro luogo e poi lì condotto.
  6. - per vendite telefoniche il consumatore è impegnato all’acquisto solo dopo aver firmato proposta d’ordine o comunque il contratto, quindi in un momento successivo rispetto alla telefonata in sé.
  7. - è reso operativo obbligo di preventivo per lavori svolti in abitazioni, cioè manutenzioni o riparazioni che rientrano nei contratti stipulati fuori dai locali commerciali dei venditori.
  8. - tutti i contratti d’acquisto di beni sono soggetti al termine di consegna di 30 gg se sul contratto non è specificato diversamente. Per mancato rispetto termine consegna, contrattuale o di legge, può scattare risoluzione contratto dopo aver intimato consegna entro un termine “supplementare”, è dunque ampliato quindi il concetto generale della risoluzione per inadempimento sancita dal codice civile, art. 1453.
  9. - per contratti acquisto beni del trasporto dei quali si occupa il venditore, in proprio o tramite terzi vale principio secondo cui su consumatore non grava alcun rischio di perdita o danneggiamento dei beni fino al momento in cui non ne entra in possesso.
  10. - è ribadito principio secondo cui consumatore non paga forniture non richieste di qualsiasi genere, beni, servizi, gas, elettricità, acqua… Il silenzio del consumatore non è assenso. 
  11. - non sono addebitabili all’acquirente costi aggiuntivi legati al mezzo di pagamento, carte, o per l’utilizzo del telefono che serve per ordine.

Mondiali- La squadra giapponese

Il Giappone ha comunicato i nomi dei calciatori partecipanti della sua squadra
nazionale che parteciperà al Mundial

 

Portieri
1 朣楢琴执执
2 瑩浻牡楧硰执

Difensori
3 执獧浻牡楧
4 敬瑦 瀰絸朣杢
5 执獧扻捡杫
6 潲湵 潣潬
7 昣昸昸慢正
9 敷止瑩札慲楤
10 湥楬敮牡氬晥
11 瑦戠瑯潴牦

Mediani
12 浯潴 捥捥浩条
13 洭穯氭湩慥牧
14 摡敩瑮琨灯捥
15 捥捥 慢正
16 牧畯摮椭慭敧
17 獭氭湩慥牧摡
18 敩瑮琨灯
19 捥捥捥慢正
20 牧畯摮椭慭

Attaccanti

21 敧楬敮牡 札散散汩
22 整 牰杯瀻
23 獯瑩潩敲慬
Allenatore: 楴敶执獧 搴筮.

Però... Boh!

Critica personale
Inaudito aver escluso dalla squadra  .....敩瑮琨灯!!!!!!!!

Libertà…vigilata o mancata?

LIBERO? NO! IL POTERE TI TIENE!

LIBERO? NO! IL POTERE TI TIENE!

Se credi d’essere libero sbagli-

vignetta

E nonostante tutto Roma divenne capitale-

antagonismi storici

Antagonismi storici

E nonostante tutto Roma divenne capitale-

Ogni attuale idea e azione, affermava Freud, ha una sua storia che si allaccia a un passato almeno centenario, ed ecco qui brevemente di seguito perché ancora, similmente ad altri, la grandeur francese ci osteggia, altro che Italia paritaria in Europa!

Là, in quell’€uropa, i disegni politici son designati almeno per i prossimi 20 anni, e prossima mossa sarà dare la direzione BCE a un natio centro europeo, la presidenza europea al rosso sig Schulz [del Partito della Merkel] divenuto famoso per il suo alterco con il sig Berlusconi, e inviare Draghi in Italia al posto di Renzi dando a Letta un incarico europeo di un qualche prestigio.

Ora una breve nota storica che subito chiarisce il titolo dello scritto-

Quando, già costituita in regno l’Italia mirò, com’era uso del tempo e per certi Paesi lo è ancora, alla conquista della terza sponda, il nord Africa libico nel tentativo di migliorare la sua povera economia, ottenne subito il forte contrasto della Francia che non la voleva in quelle latitudini perché avrebbe limitato i suoi appetiti-

Con l’inizio del secolo successivo l’Italia allora sperò nella conquista dell’Albania dopo la guerra Russo Turca, ma ciò non fu possibile. [Per chiarezza della vicenda del si legga il punto D dello scritto http://kiriosomega.wordpress.com/2010/02/22/da-sarajevo-a-versailles/]

Poi, allorché il nostro Paese agognò a espandersi nel centro Africa acquisendo come colonia l’Etiopia, territorio povero ma per noi strategicamente importante per il miglior controllo del Mar Rosso e del Golfo di Aden attraverso le già conquistate Somalia e Eritrea, ottenne le sanzioni.

Insomma, Francia e Gran Bretagna in particolare sempre l’hanno osteggiata, e ancora, insieme all’onnipresente Germania e ai Paesi della piattaforma centrale europea, senza tralasciare i sopravvenuti U$A, tutti la pilotano per propri fini perché ormai una classe politica smidollata e prona li asseconda!

Il Passato che fa la Storia-

In tanti oggi vogliamo credere che attraverso la Breccia di Porta Pia in Roma entrò la rivoluzione italiana, mentre invece in essa penetrò la monarchia dei Savoia già aiutata dalla Massoneria inglese, le cui motivazioni qui sorvolo, e dai prestiti monetari dei fratelli Nathan e Karl Bauer Rothschild cui certamente fu data gran parte dei talleri oro del Regno del Borbone per i prestiti di guerra che avevan consesso al Cavour-

Perciò l’ottenimento di Roma fu una presa di possesso mirata ma difficile della tanto sospirata capitale alla quale Vittorio Emanuele II già aveva dovuto rinunciare dopo regolare procedura diplomatica per la Convenzione del settembre 1864-

Comunque, a tempo debito, Roma entrò a completare le conquiste del regno così com’era avvenuto con altre ragioni d’Italia-

Conquiste che erano tutte avvenute con la compartecipazione delle armi straniere, e con l’astuta e alacre utilizzazione delle operazioni rivoluzionarie da parte dei Savoia-

  1. La Lombardia era stata era sta annessa al Piemonte in seguito a una guerra vittoriosa durante la quale l’Esercito Regio aveva avuto una piccola parte pressoché marginale.

  2. Il Regno delle due Sicilie, come testualmente s’esprimeva Garibaldi, era stato inglobato mettendo alla coda il vero liberatore e promotore e esecutore dell’impresa come se fosse un sorvegliato speciale del Cavour, e senza che potesse ottenerne suoi aiuti aperti ed efficaci.

  3. La Venezia invece era stata “conquistata” in seguito allo straordinario successo prussiano sull’Austria, e ciò nonostante le due sanguinose sconfitte piemontesi di Custoza e Lissa.

Il primo Re d’Italia aveva dunque ottenuto il regno praticamente in regalo!

  1. Ed anche Roma l’avrebbe voluta in regalo. In altre parole per gentile agevolazione del suo patrono Napoleone III che, non pago dell’alto usuraio prezzo imposto al Piemonte di cessione di Nizza e Savoia, aveva posto la sua odiosa ipoteca su Roma così prostrandosi ad una perversa malevolenza dei circoli di corte contro le ambizioni italiane.

Meglio i prussiani a Parigi, prorompevano irosamente i cortigiani di Eugenia de Montijo, insensatamente ignari dell’imminente fulminea Sedan, che gli italiani a Roma, e la stessa Imperatrice riecheggiava il grido di Garibaldi, “O Roma o morte”, storpiandolo in “Morte! Non Roma”.

Poi i prussiani entrarono a Parigi, e gli italiani giunsero a Roma.

Furon, così sembra poter dire, come due parallele marce disegnate nel libro del destino con un tratto di fatale interdipendenza.

Così aveva voluto Napoleone III, e Vittorio Emanuele II lo aveva assecondato convinto o presago che un bel giorno sarebbe arrivato a Roma con uno di quei consueti colpi di fortuna che in undici anni di drammatici eventi lo avevano fedelmente assistito.

Vi giunse, quindi, per la via opposta a quella segnalata dal pensiero a dall’azione mazziniana.

E allora, come può oggi quest’Italia figlia di quella monarchia infida, non apprezzata né qui né altrove, aspirare a un posto di rispetto in Europa dove è accettata se dà, ma dove è ancora ripudiata come nazione sia per quanto brevemente narrato, sia per quella Chiesa che, Santa Sede a convenienza, ma più spesso come Potere Temporale tentò di sottomettere l’Europa a quell’INRI che come volontà dell’Alto, o solo per voce di Pasquino e Marforio, si trasformò in Io Non Riconosco Infallibilità!

kiriosomegaeugenia de Montijo.wordpress.com

Menzogne convenzionali che fanno storia sociale! Il potere della Chiesa e del suo Papa-re

Menzogne convenzionali che fanno storia sociale!
Il potere della Chiesa e del suo Papa-re

l'illusione

l’illusione

La Chiesa è l’istituzione che come biglietto da visita ama affermare: “Sto nel mondo, con il mondo ma non son di questo mondo”, per ciò professando e perseguendo una sua ragion d’essere, ma dietro le più variegate circostanze caratteriali e comportamentali il suo gerarca massimo, il PapaRe, pur essendo mutevole perché così è la vita, sembra copia conforme del precedente per il mantenimento del Potere, tanto che possiamo affermare che il precedente vale sempre il susseguente!
Alla ricerca di un’autorità che deve trovare e di continuo rinnovare, la Chiesa, che da duemila anni persegue una volontà preminentemente oppressiva, sadica e totalitaria sull’uomo e sulla società che l’accoglie, è l’antesignana storica del Potere basato sulla superstizione, e questo concetto è certa verità scientifica poiché storicamente e psicologicamente dimostrabile.
La volontà di dominio di quest’istituzione, pur d’estrinsecarsi, s’avvale d’ogni agente clericale compreso lo stesso Papa, ed è esercitata secondo opportuni sistemi che consentono la realizzazione d’una piramide gerarchica in cui è possibile apprezzare occasionale buona fede in basso, cioè tra il semplice periferico clero, e scaltrezza metodica nell’alto delle gerarchie1.
E proprio la buona fede delle periferie è artatamente usata per il convincimento delle genti praticando su di esse il reato di raggiro e di credulità popolare, alibi smisurati fatti apparire dai vertici ecclesiali quale monito e esempio per le genti mentre mai esso è metro per se stessi.
Così ai creduloni poveri di spirito è mostrato in qualità di modello il prete operaio, il prete assistente, il prete anti prostituzione… che ben traguardato è sempre assai più uomo che prete, e allo stesso modo prende forza anche il concetto del “Papa Buono”, anch’egli assai più uomo politico che religioso come dimostra la sua personale storia, o anche di un Francesco che apparentemente stanco di gesuitica appartenenza cade in depressione che lascian credere santità!

Ma per l’esercizio del suo dominio la Chiesa ha necessità di:

1) far credere alla realtà di un Dio-persona che crea il mondo;
2) far credere che la Chiesa fu creata da quel Dio-persona;
3) far credere che il gerarca capo, il Papa, sia dotato di infallibilità2;
4) far credere che che la fede nel Dio-persona è la condizione indispensabile per non cadere nell’inferno;
5) di far credere che la fede nel Dio-persona coincide con quella offerta al Papa, e quindi alla Chiesa;
6) di far credere che la fede nel trinomio Dio-Chiesa-Papa è il solo modo e la sola condizione per divenire persona civile e onesta!

I papi regnanti, il tedesco Ratzinger e l’argentino Bergoglio nelle visite pastorali il primo, e con il suo fare il secondo, esprimono assai bene ciò che ho riportato sul modus operandi della Chiesa usando valutazioni e allusioni politiche che non lasciano dubbi di sorta:

1) il secolo trascorso ha visto non pochi potenti che, dopo aver raggiunto vette impensabili, si sono trovati privi del loro potere;
2) chi nega il Dio-persona non rispetta l’uomo;
3) sono ancora vive le ferite inferte dai senza Dio nazi-comunisti;
4) la società ha bisogno di persone credenti e credibili;
5) la Chiesa ha necessità di sacerdoti;
6) la Chiesa ha necessità di credenti;

ANALISI dei precedenti punti 1-6-

1) I potenti del secolo scorso persero il potere perché non credettero nel trinomio Dio-Chiesa- Papa;
2) chiunque non crede nel trinomio Dio-Chiesa-Papa è un amorale per il quale vale la massima “senza Dio tutto è lecito”;
3) i Parlamenti post comunisti e ultraliberisti necessitano di agenti clericali, sudditi della Chiesa che, in nome del cristianesimo e di una non ben definita coscienza, sappiano esercitare l’etero coazione giuridica, ovvero la capacità d’imporre, attraverso il Potere legislativo, costumi consoni al dominio come l’impossibilità al divorzio e di abortire;
4) la Chiesa ha bisogno di suoi agenti anche in veste talare che s’impadroniscano dell’uomo sin dalla nascita attraverso il battesimo, la catechesi e il sequestro della ragione, ciò per imporre il suddetto dominio;
5) essere credenti e credibili significa credere nella Chiesa, e più precisamente nel Papa che la rappresenta;
6) i credenti sono credibili perché credono nel Papa.

IL DOMINIO ECLESIALE

Il dominio della Chiesa è motivato da una pulsione sadica, ed ha spiegazione psicopatologica con differenze tra individui, da quello innocente alla maniera del manzoniano don Abbondio, al colpevole in misura della propria consapevolezza!
Tale dominio prese origine dalla superstizione e dalla supposta e non veritiera “donazione di Costantino”, e toccò l’apice della propria virulenza con l’Inquisizione, la persecuzione e strage degli eretici e di altre categorie bersaglio della furia sadica, ma non bisogna dimenticare nel desolante quadro le Crociate contro i Musulmani con il pretesto di liberare il sepolcro di Cristo.
Poi Il dominio della clericocrazia proseguì e s’irrigidì con il potere temporale che si acuì durante il basso medioevo giungendo fino al Papa-Re Pio IX detronizzato dalla Breccia di Porta Pia.
Oggi il dominio a largo raggio del potere temporale sta rinascendo sotto mutate spoglie con la mediazione di una barriera cattolica parlamentare sempre più trasversale e aggressiva, e decisa a far valere non la Costituzione, ma la dottrina sociale della Chiesa che è, è il caso di ripeterlo, un sottile plagio finalizzato al possesso sadico dell’uomo-

Ma si da il caso che:

1) il dio-persona è una contraddizione logica in cui nessuna persona di cultura, e il papa lo è comunque, può credere;
2) non esiste alcuna ragione scientifica per cui l’uomo, per esser tale, debba credere in qualsivoglia dio o suo sedicente rappresentante in terra;
3) il credere o meno in un qualsiasi ente soprannaturale è ambito assolutamente privato e insindacabile della persona;
4) si può ignorare il trinomio Dio- Chiesa-Papa pur essendo una persona ratta e onesta;
5) il non rispetto dell’uomo e dei suoi diritti naturali nulla ha a che spartire con il predetto trinomio;
6) bisogna affermare che rispettando la fede del trinomio già detto si realizza il non rispetto dell’uomo e dei suoi diritti naturali come l’intera storia della Chiesa dimostra. Storia carica di crimini contro l’umanità, razzista e fanatica verso i praticanti d’altre fedi e verso gli indifferenti, ma anche verso i laici;
7) esistono persone profondamente oneste e rispettose delle leggi morali, persone giuste, altruiste, umane che non praticano alcun credo metareale, e men che meno quello papale;
8) il motto “senza dio tutto è lecito” è invenzione criminosa della Chiesa cristiana cattolica.

In conclusione:

1) l’oppio papale, derivante dal più antico oppio dei popoli, si sta battendo per ottenere il primato su altri fenomeni socio-conduttori come per es il tifo sportivo, e il sistema liberista e post comunista è favorevole al dominio papale;
2) le radici psico-sadiche dell’attitudine a tale dominio sono di pertinenza politico-psichiatrica;
3) opponendosi al maggior ideale dell’umanità, dare a ciascuno secondo la possibilità, dare a ciascuno secondo il bisogno, il Papa mostra un’esatta configurazione della propria falsità.

“Il Papa dovrebbe devotamente andare a inginocchiarsi in Campo dei Fiori ai piedi della statua di Giordano Bruno, e lì chiedere perdono all’umanità di tutti i crimini commessi dalla Chiesa contro di essa”!
Altro che scuse verbali del nuovo santo C. Wojtyla che tramava con Reagan contro il Socialismo, o di quelle di Ratzinger verso Galileo, o gli appariscenti ma non sostanziali esempi di Francesco.
C’è del marcio nella santa Sede!
C’è del marcio in Vaticano!
kiriosomega.wordpress.com

Di seguito inquietanti retroscena sulla vita di alcuni celebri Santi e Beati della Chiesa Cristiana Cattolica…

La prossima volta che il Tedesco o l’Argentino proclamano un nuovo santo chiedetevi: “Cui prodest?”!
No, non a chi prude, ma: “A chi giova?”!

S. AGOSTINO (354-430):
padre e dottore della Chiesa, tale, probabilmente, soltanto per la sua morale estremamente ristretta. Fu l’uomo che definì il piacere sessuale «marciume» e «pus nauseabondo». Peccato che il personaggio, fino alla mezza età, si sia dato alla lussuria più sfrenata! Già concubino, si fidanzò con una bambina di dieci anni e si scelse un’amante più anziana. Fu anche uno dei primi a sostenere che la Chiesa poteva pure uccidere in nome dei propri scopi.
S. ATANASIO (295-373):
divenuto vescovo grazie a brogli si scagliò contro il rivale Ario definendolo «semi bestia», «pendaglio da forca» e inventandogli in seguito una morte per escissione di intestino, fegato e cuore, trasformazione in liquame e sparizione del liquame stesso in pozzo nero. Soprannominato «il faraone cristiano», sostenne che «in guerra è lodevole uccidere l’avversario».
S. BERNARDO DI CHIARAVALLE (1090-1153):
antisemita, fu il promotore della seconda crociata. Per tale fine creò e promosse più ordini monastici militari. Sua la tesi che «il soldato di Cristo può uccidere con la coscienza tranquilla… la morte dei pagani ridonda a sua gloria, perché significa la gloria di Cristo».
S. CIRILLO D’ALESSANDRIA (370-444):
vescovo d’Alessandria d’Egitto, espulse gli ebrei dalla città e ne saccheggiò i templi. Fu il mandante dell’assassinio della filosofa Ipazia, straziata e giunta a morte per mano di decine di monaci che le infersero colpi e tagli con conchiglie appuntite. Fu il propugnatore del culto mariano durante il Concilio di Efeso, culto che si diffuse anche grazie alla distribuzione di enormi quantità di denaro alle varie chiese in quel tempo ancora le une contro l’altre armate.
S. ELENA (257-336):
la santa madre dell’imperatore Costantino non era la moglie di suo padre, ma una concubina recuperata in un’osteria dei Balcani, fu successivamente ripudiata.
S. GIOVANNI BOSCO (1815-1888):
noto per aver inventato gli oratori, è meno conosciuto come «vendicatore»! Adirato contro i Savoia, prima per la libertà religiosa concessa ai valdesi, poi per la soppressione di alcuni ordini religiosi costituiti, annunciò l’imminente morte di diversi famigliari di Vittorio Emanuele II. Quando poi, nel tempo qualcuno morì, iniziò la sua fama di iettat… di santo e profeta.
S. PRASSEDE (mai esistita):
per lei fu inventata una leggenda pulp a tinte assai forti. La donna sarebbe stata condannata al martirio per aver versato in un pozzo il sangue di martiri cristiani che aveva in precedenza raccolto con l’uso di una spugna.
S. ROBERTO BELLARMINO (1542-1621):
anch’egli dottore della Chiesa. Inquisitore, al suo attivo, ci sono tra l’altro, la condanna di Galileo, la detenzione carceraria di Tommaso Campanella, il rogo di Giordano Bruno. Per queste lodevoli iniziative morì in odore di santità, il suo corpo fu sezionato pubblicamente e distribuito ai fedeli suddiviso in piccoli brandelli di carne.
S. TERESA DI AVILA (1515-1582):
famosa mistica spagnola. Il suo matrimonio «mistico» con Gesù era da lei reso con parole del genere: «…ho struggimento di lui, grido e lo chiamo… ho impeti grandi d’amore e muoio di desiderio… ho infiammazione… che il Signore mi baci d’un bacio sulla bocca… il latte che cola dalle vostre mammelle, o mio divino sposo, è più delizioso del vino… io gli dicevo che non facesse tali cose con me, ma in un subito Gesù si accostava di nuovo, e mi dava un bacio».
PADRE PIO (1887-1968):
Al secolo Francesco Forgione da Pietrelcina (BN). Agitatore politico, al centro di innumerevoli trame e complotti ordite da lui e anche contro di lui, sia dentro che fuori la Chiesa. Riuscì anche a farsi raccomandare per non adempiere alservizio militare.
Dai piccoli precedenti commerci ecclesiali di tessuti imbevuti del suo sangue «stigmatizzato», la Chiesa trapassò alla costruzione di una faraonica cattedrale da 30.000 posti eretta in suo onore a San Giovanni Rotondo. Ad una donna che gli chiedeva di intercedere per guarirla dal cancro, con tutto il suo charme disse: «E’ meglio che Gesù ti volti e ti rivolti come gli pare e piace, perché Gesù si compiace del tuo soffrire». Fu santificato in Vaticano il 16 giugno 2002 con il nome di SAN PIO, ciò durante una cerimonia molto kitsch e poco spirituale.
Una pubblicazione utile: Mario Guarino. Beato impostore. Controstoria di Padre Pio, Kaos 1999. Un testo controcorrente, ma estremamente documentato, sul più discusso ed esaltato personaggio religioso degli ultimi tempi.

BEATI

PIO IX (1792-1878):

cosa fece per meritarsi tale gloria? Giovanni Maria Mastai Ferretti fu il Papa di Porta Pia quello che ultimo in ciò tentò d’impedire l’unità d’Italia per difendere il suo staterello pontificio. Secondo il Dal Canto mandò a morte almeno 1000 patrioti! Fu il Papa che fece rapire un bambino ebreo di sei anni (Edgardo Mortara) solo perché era stato fatto segretamente battezzare da una domestica. Franche  il Papa che proclamò il dogma dell’infallibilità papale, ovvero di sé stesso. E, dulcis in fundo, fu il Papa del Sillabo, ovvero di un allegato dell’enciclica “Quanta cura”, nel quale stilava un elenco di«errori» quali la libertà di scegliere una religione, la libertà di pensiero, la democrazia. Secondo lui l’istruzione doveva rimanere tassativamente in mano
alla Chiesa, forse per questo Giovanni Paolo II e ilo tedesco lo stimano tanto.
Una pubblicazione utile: «La leggenda del santo rapitore», dossier speciale della rivista Adista, n. 24/2000.
JOSE MARIA ESCRIVÀ DE BALAGUER (1902-1975):
fondatore dell’Opus Dei, l’organizzazione cattolica integralista soprannominata «Santa mafia». L’organizzazione si è ramificata come una piovra in tutto il mondo. J. Escrivà la fece diventare importante grazie alla presenza diretta nei governi del dittatore spagnolo Francisco Franco, per il quale organizzò appositamente un ritiro spirituale. Il suo personale piano di santità prevedeva tre punti: «Santa intransigenza, santa coazione e… santa faccia tosta!». Le sue manie di grandezza lo spinsero ad acquistare il titolo nobiliare di marchese.
ALOIJZIJE STEPINAC (1898-1960):
arcivescovo di Zagabria, fu un’entusiasta sostenitore della dittatura filo-nazista degli Ustascia. Durante tale periodo quasi un milione di serbi fu sterminato. Da quella dittatura fu nominato membro del parlamento ed ottenne la più alta onorificenza statale per «lo smascheramento dei traditori nel paese e all’estero». Finita la guerra, esportò l’oro croato verso il Vaticano ed i suoi amici Ustascia verso il Sud America.
IN ATTESA D’ESSERE DICHIARATA BEATA.
MADRE TERESA DI CALCUTTA (1910-1987):
beatificata dal Papa polacco. E’ stata ritenuta santa ancora in vita grazie ad una sagace operazione di marketing. La protettrice dei poveri, in India, dopo averli accolti in ospedale li costringeva a vivere i loro ultimi giorni privi di ogni comfort medico e umanitario, ciò nonostante le offerte miliardarie provenienti da ogni parte, specie da bancarottieri e dittatori sanguinari. Specializzata in battesimi in punto di morte, e nella difesa ad oltranza della Chiesa affermò: “Se fossi costretta a scegliere tra Galileo e l’Inquisizione, sceglierei l’Inquisizione”.

bibliografia

http://kiriosomega.wordpress.com/2009/04/05/dogmi-come-si-creano-chi-li-sancisce-sono-tanti-quali-sono/

Una pubblicazione utile: Marco Aurelio Rivelli. L’arcivescovo del genocidio. Edizioni Kaos 1998. Un libro ben documentato e con agghiaccianti fotografie sul massacro degli ortodossi.
In rete: http://marx2001.org/crj/RELIGIO/vatican.html, un’ampia raccolta di informazioni sull’argomento.
Una pubblicazione utile: Christopher Hitchens. La posizione della missionaria. Teoria e pratica di madre Teresa. Minimum Fax 1997. Un agile testo su atti e misfatti della suora di origine albanese.

Le ragioni dell’agnostico-Dio costruì l’uomo a sua immagine e somiglianza? http://kiriosomega.wordpress.com/2011/04/07/le-ragioni-dellagnostico-2-dio-creo-luomo-a-sua-immaginbe-e-somiglianza/

Dalla parte del credente- Dio costruì l’uomo a sua immagine e somiglianza? http://kiriosomega.wordpress.com/2011/03/13/e-dio-creo-luomo-a-sua-immagine-e-somiglianza/

Papa Francesco la sacra bottega e il bnai-brith http://kiriosomega.wordpress.com/2013/03/15/papa-francesco-la-sacra-bottega-e-il-bnai-brith/

Dogmi come si creano- Chi li sancisce- Sono tanti- Quali sono- http://kiriosomega.wordpress.com/2009/09/17/dogmi-come-si-creano-chi-li-sancisce-sono-tanti-quali-sono-2/

kiriosomega

 

SALVA GLI ITALIANI DALL’€U- PETIZIONE VIA AVAAZ-

Ai signori Parlamentari della Repubblica Italiana-
Attuale Legislatura e future-
SALVIAMO GLI ITALIANI!

FIRMA LA PETIZIONE SU AVAAZ- Salva gli italiani dall’€U!

bandiera-tricolore-italiana

bandiera-tricolore-italiana

Molti s’occupano giustamente di salvare gli animali, le foreste, gli ambienti… qui vogliamo tentare di far comprendere a tutti i cittadini la necessità di SALVARE GLI ITALIANI E L’ITALIA DA UNA POLITICA SACCENTE E ARROGANTE!
_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-

Già narrato da Tito Livio ci giunge dal nostro passato l’apologo sociale del console Agrippa Menenius Lanatus che scongiurò gravi lutti alla Repubblica Romana, e con similare pensiero, e per l’Amore che ci lega al nostro stimato Paese esortiamo i Lettori a controfirmare il breve scritto proposto. Scritto indirizzato ai nostri Parlamentari in toto! Scritto che intitoliamo:

SALVIAMO GLI ITALIANI E LITALIA!

Salviamo gli italiani e l’Italia dalle bramosie dell’Estero!
Salviamo gli italiani e l’Italia dalle bramosie dei grandi potentati economici!
Salviamo gli italiani e l’Italia dalle bramosie di chi vuol farne succubi repressi della mala politica!
Tutti abbiamo conoscenza della precaria situazione che accompagna ormai da tanto tempo l’Italia, ed a tutti è noto quanto il Potere sia distante e scollato dalla realtà che noi cittadini viviamo tra ambasce economiche e disperazione per i figli che anche da sé esclamano, spesso con occhi muti come quelli di noi più anziani già provati dalla vita: “Voglio andar via dall’Italia, qui non ho futuro”!
Con questo scritto è nostro desiderio rammentare a tutti i Parlamentari di cultura e d’ottima etica che lo Stato della destra hegeliana verso cui siamo ormai finalizzati, quello inteso liberal-capitalista, o anche mondialista, favorisce solo i grandi potentati economici dimenticando i suoi figli più deboli, anzi ricordandosi di loro solo per attuazione di carichi fiscali in aumento e tagli dei servizi!
E’ dunque necessario, per rintuzzare il malessere sempre più emergente, disturbo costellato da chiusura d’innumeri aziende e di SUICIDI PER DIGNITA’ PERSONALE, che il Parlamento legiferi secondo l’antica virtù di “Scienza e Coscienza”, e che più non sia nelle disponibilità di Governi che per pressioni varie presentano i loro ddl inattaccabili e proposti con obbligo di voto dopo accordi con i capi gruppi delle varie fazioni allignanti nei Palazzi del Potere!
E’ altresì necessario che il Parlamento torni ad essere totalmente elettivo, e non indirizzato verso il regime presidenzialista che mai ai cittadini fu richiesto con voto.
Questa posizione che qui esprimiamo non è critica !
Ebbene, se così è, perché stravolgerla senza interpellare i suoi figli?
Questo scritto potrebbe continuare lunghissimo, ma crediamo che in nuce racchiuda in sé ogni tema sviluppabile sia in materia di miglioramento sociale, sia politico, sia economico.
Quest’ultimo concetto è quello che in particolare vi invita, Lettori, a firmare il breve documento promosso su AVAAZ!

Che esso posa giungere a quei Parlamentari di buona intelligenza e volontà che potrebbero schierarsi in favore dei figli meno fortunati della nazione.
Abbiam scritto “meno fortunati” perché è ormai di pubblico dominio che in questo Paese non importa quanto si sia capaci, ma a quale casato, conoscenze e censo si appartenga!
Rossella Fidanza
Carlo Boccadifuoco/kiriosomega

Luigi Di Maio- Comunicazione

C’è un Presidente del Consiglio in Italia che non si è tagliato un euro di stipendio e oggi incassa 16 volte la paga di un operaio. Che fa il politico da 10 anni, iniziando la “carriera” con la presidenza della provincia, l’ente più inutile del mondo. Che è stato eletto Sindaco di Firenze grazie agli assist del berlusconiano Verdini. E si è procurato pure una condanna dalla Corte dei Conti per danno erariale.
Che si sta facendo pagare i contributi della pensione dai cittadini italiani grazie all’assunzione nell’azienda di papà (guarda caso subito prima di essere eletto) http://goo.gl/z6IG30 . E gli pagano anche l’affitto di casa http://goo.gl/Jl06e9 .
Un Presidente del Consiglio mai passato per il voto dei cittadini italiani, che finanzia la propria campagna elettorale con milioni di euro di rimborsi elettorali (che si è tenuto) e altrettanti milioni di euro dai finanziamenti dei grandi gruppi industriali. Che gira in auto blu con scorta e blindati al seguito.

Non mi meraviglia che Renzi creda di poter comprare il voto dei cittadini italiani con 80 euro. Renzi non ha mai sudato un soldo in vita sua, a differenza di Grillo che se li guadagna da sempre con la sua professione e misurandola con il mercato.
Renzi non sa neanche cosa sia il sacrifico, quello quotidiano di milioni di italiani. Figurarsi la loro dignità.
Ma stai sereno Matteo, il 25 maggio avrai una brutta sorpresa.

Giornale Del Corriere- La verità su ciò che gli altri non vogliono rivelare

Giornale Del Corriere

La verità su ciò che gli altri non vogliono rivelare

http://corrieredelmattino.altervista.org/900-euro-mese-ad-immigrato-verita-documentata-ufficialmente/

immigrati 1

immigrati 1

Senza entrare nel merito della questione e schierarsi politicamente o moralmente, il nostro giornale vi propone un documento Prefettizio che certifica l’incontrovertibile verità relativa al sussidio che ogni immigrato clandestino che fa richiesta di Asilo Politico riceve dallo Stato. Dal documento della Prefettura di Sassari in questione si evince che la somma percepita giornalmente è di 30 € iva esclusa, arrivando ai 900 € mensili.

prefettura

Nel sussidio sono compresi:

- vitto e alloggio
- servizio di pulizia camere
- ricariche telefoniche
- spiccioli per gli acquisti minuti

fonte: http://www.cronopolitica.it/2014/04/05/gli-italiani-si-suicidano-ma-agli-immigrati-si-da-30-euro-al-giorno-sul-web-lira-di-forza-nuova/

Ilenia Tripidosi – Vice capo redattore

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 878 follower