PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

Governi- Trova le differenze!

Governi- trova le differenze!

Governi- trova le differenze!

Virus Ebola (filoviridae) abbatte le porte che lo confinavano!

E’ verosimile che 3 ceppi mortali del famigerato virus Ebola possano giungere anche in Italia; infatti, le vaccinazioni agli extra comunitari, quei poveretti sfrattati dal loro suol natio da speculazioni e ruberie dell’opulento Occidente, non sono richieste né praticate, e già causa immigrati esisteva  in Italia un forte risveglio della TBC, della terzana e quartana, di influenze strane, spesso con enteriti, che si manifestano durante tutto l’anno! Anche, sol di questi corre ormai voce mentre altre patologie son certe, casi di lebbra si stanno manifestando nei territori nazionali più caldi! La lebbra, morbo di Hansen, è malattia che evoca ancestrali paure pur se ormai facilmente controllabile con IUPAC. 4,4′-diamino-difenil solfone.

La maggior forma di contagio delle malattie infettive umane avviene per via interumana per mezzo delle particelle di Flugge,

particelle di Fliugge

particelle di Flugge

espulse dal portatore con starnuti e anche con il parlare, in altri casi per introduzione di virus e batteri con acque e alimenti inquinati, o anche per via di flebotomi (insetti pungitori come zanzare o zecche [zoonosi], o ferri chirurgici non sterili!

E’ necessario che il SSN alzi il livello di guardia, anche se difficilmente esso potrà essere adeguato qui o altrove!

kiriosomega

Salviamo gli italiani!

13/04/14
Ai signori Parlamentari della Repubblica Italiana-
Attuale Legislatura e future-
SALVIAMO GLI ITALIANI!

bandiera-tricolore-italiana

bandiera-tricolore-italiana

Molti s’occupano giustamente di salvare gli animali, le foreste, gli ambienti… qui vogliamo tentare di far comprendere a tutti i cittadini la necessità di SALVARE GLI ITALIANI E L’ITALIA DA UNA POLITICA SACCENTE E ARROGANTE!
_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-

Già narrato da Tito Livio ci giunge dal nostro passato l’apologo sociale del console Agrippa Menenius Lanatus che scongiurò gravi lutti alla Repubblica Romana, e con similare pensiero, e per l’Amore che ci lega al nostro stimato Paese esortiamo i Lettori a controfirmare il breve scritto proposto. Scritto indirizzato ai nostri Parlamentari in toto! Scritto che intitoliamo:

SALVIAMO GLI ITALIANI!

Salviamo gli italiani dalle bramosie dell’Estero!
Salviamo gli italiani dalle bramosie dei grandi potentati economici!
Salviamo gli italiani dalle bramosie di chi vuol farne succubi repressi della mala politica!
Tutti abbiamo conoscenza della precaria situazione che accompagna ormai da tanto tempo l’Italia, ed a tutti è noto quanto il Potere sia distante e scollato dalla realtà che noi cittadini viviamo tra ambasce economiche e disperazione per i figli che anche da sé esclamano, spesso con occhi muti come quelli di noi più anziani già provati dalla vita: “Voglio andar via dall’Italia, qui non ho futuro”!
Con questo scritto è nostro desiderio rammentare a tutti i Parlamentari di cultura e d’ottima etica che lo Stato della destra hegeliana verso cui siamo ormai finalizzati, quello inteso liberal-capitalista, o anche mondialista, favorisce solo i grandi potentati economici dimenticando i suoi figli più deboli, anzi ricordandosi di loro solo per attuazione di carichi fiscali in aumento e tagli dei servizi!
E’ dunque necessario, per rintuzzare il malessere sempre più emergente, disturbo costellato da chiusura d’innumeri aziende e di SUICIDI PER DIGNITA’ PERSONALE, che il Parlamento legiferi secondo l’antica virtù di “Scienza e Coscienza”, e che più non sia nelle disponibilità di Governi che per pressioni varie presentano i loro ddl inattaccabili e proposti con obbligo di voto dopo accordi con i capi gruppi delle varie fazioni allignanti nei Palazzi del Potere!
E’ altresì necessario che il Parlamento torni ad essere totalmente elettivo, e non indirizzato verso il regime presidenzialista che mai ai cittadini fu richiesto con voto.
Questa posizione che qui esprimiamo non è acrimoniosa critica, ma prende spunto da ciò che gli stessi parlamentari affermano: “La Costituzione Italiana è la più bella del mondo”!
Ebbene, se così è, perché stravolgerla senza interpellare i suoi figli?
Questo scritto potrebbe continuare lunghissimo, ma crediamo che in nuce racchiuda in sé ogni tema sviluppabile sia in materia di miglioramento sociale, sia politico, sia economico.
Quest’ultimo concetto è quello che in particolare vi invita, Lettori, a firmare il breve documento! Che esso posa giungere a quei Parlamentari di buona intelligenza e volontà che potrebbero schierarsi in favore dei figli meno fortunati della nazione.
Abbiam scritto “Meno fortunati” perché è ormai di pubblico dominio che in questo Paese non importa quanto si sia capaci, ma invece han valore esclusivo casato, conoscenze e censo!
Rossella Fidanza
Carlo Boccadifuoco/kiriosomega

ITALIANI! Giovanni Berchet.

Presi Ciro Menotti e il prete Andreoli, carbonaro, il duca di Modena Francesco IV scrisse: “Questa notte è scoppiata contro di me una terribile rivoluzione. I cospiratori sono in mie mani. Mandatemi il boia. Francesco”-

A tale comportamento fece eco la significativa lirica di Giovanni Berchet dal titolo:

bandiera-tricolore-italiana

bandiera-tricolore-italiana

ALL’ARMI! ALL’ARMI!

Su, figli d’Italia! Su, in armi, coraggio!

Il suolo qui è nostro, del nostro retaggio

il turpe mercato finisce pei re.

Un popol diviso per setti destini,

in sette spezzato da sette confini

si fonde in un solo, più servo non è.

Su, Italia! Su, in armi, Venuto è il tuo dì!

Dei re congiurati la tresca finì!

Dall’Alpi allo Stretto Fratelli siam tutti!

Su i limiti schiusi, su i troni distrutti

piantiamo i comuni tre nostri color!

Il verde, la speme tant’anni pasciuta,

il rosso, la gioia d’averla compiuta,

il bianco, la fede fraterna d’amor.

Su, Italia! Su, in armi! Venuto è il tuo dì!

Dei re congiurati la tresca finì!

 

SONO ITALIANO!

SONO ITALIANO

bandiera-tricolore-italiana

Il TRE COLORI

Breve poesiola d’Anonimo dal grand’amore, e che si firma “Sono Italiano“!

Che sia mentore per tutti quelli che ITALIA

ESTINGUON

in dissacrante €U di ributtanti banche!

_Giovanottino dalla bruna chioma,

il tuo loco natal come si noma?

-Io sono nato, o forestier cortese,

nel Paese più bel d’ogni Paese-

S’io chieggo a te della nativa terra,

rispondi: “Io son di Francia o d’Inghilterra”.

Fiorenze è bella, Napoli t’ammalia,

Torino è forte e dappertutto è Italia;

se vuoi saper se nacqui in monte o in piano,

sono italiano!

_Giovanottino dalla pupilla nera,

dimmi, qual è il color di tua bandiera?

-Se una rosa vermiglia e un gelsomino

a una foglia d’allor metti vicino,

i tre color avrai più cari e belli

a noi che in quei ci conosciam Fratelli;

i tre color avrai che fremer fanno

l’insanguinato imperator tiranno.

Beato il dì che li vedrà Milano!

Genitori sono solo Mamma e Papà! Dad and Mom

Genitori sono solo Mamma e Papà! Dad and Mom

altro che 1 e 2

mamma e papà! dad and mom!

mamma e papà! dad and mom!

Soldi- Richiesta soldi tramite e-mail pubblicitarie

RICEVO da info@promoemail.org richiesta di denaro!

Non si firmano, non ti salutano, ti trattano come scemo e chiedono denaro per fare la bella vita, o la migliore possibile! Non mi riferisco in particolare a quella giuntami, ma estendo il concetto a tutte quelle che giungono sempre con la litania: “Dammi denaro”!

Chiedono denaro sempre per fini assai complessi, irrealizzabili senza partecipazione dei Governi, e si propongono di spillarne ai cittadini come se già non fossero salassati a dovere dalle tasse e dai magri stipendi che non tutti più hanno!

Comunque m’è arrivata la lettera, una fotografia che pubblico rimpicciolendola volutamente, e che chiunque può spacciare o usare per propri tornaconti!

Chi è o cos’è info@promoemail.org? Perché io privato cittadino dovrei farmi carico di sostenere associazioni che non conosco, che non so che fanno, che non mostrano bilanci, che non so da chi sono composte, che mandano in giro gente, non sempre tecnici, a non si sa che fare,  e che permettono alle banche d’aumentare i loro depositi anche con il mio denaro! Se fossi nell’occasione personale d’aiutare l’orso polare, come mi chiedono di fare,  e magari anche il pidocchio delle Ande, che m’è simpatico, lo farei, ma certo dovrei prima occuparmi di: 1) spegnere il sole che con la sua accelerata attività radiante fisico/chimica sulla terra aumenta la temperatura… 2) o spostare la terra un po’ più in là così che radiazioni spinte da vento solare… 3) o estinguere la specie umana in parte fautrice dei guai del pianeta 4) o… … Voi che scrivete che proponete, il passo 1, 2, 3, o altro? Grazie per le risposte, e Vi prego di dimenticarmi come “cliente” delle Vostre missive NON firmate! kiriosomega

Il 24/03/2014 21:26, info@promoemail.org dichiarandosi WWF Italia ha scritto:

wwf1

wwf1

kiriosomega

Merkel: “Ti accompagna ovunque”!

Un mio pensiero!

La Merkel ti accompagna ovunque!

TROIKA E LORO FIGLI-

LA MERKEL PUOI TROVARLA OVUNQUE!

LA MERKEL TI ACCOMPAGNA OVUNQUE!

LA MERKEL TI ACCOMPAGNA OVUNQUE!

kiriosomega

Il PD c’è, ci fa e ci vuole stare!

Il PD c’è, ci fa e ci vuole stare!

Siamo tutti a conoscenza della decisione governativa di voler immettere circa €1000 annuali in più nelle buste paghe dei lavoratori dipendenti che hanno reddito inferiore a €25000 annui lordi; se però facciamo il conto scopriremo che il tutto si traduce in una manovra che rende alla suddetta categoria di dipendenti la misera somma di €2,66 pro die!

DUNQUE, SOMMA ASSOLUTAMENTE INUTILE AL TANTO SBANDIERATO RILANCIO DELL’ECONOMIA DEI CONSUMI!

Con tale scelta il Governo abbandona pensionati e senza lavoro, e allora è d’obbligo chiedersi: “Qual è il motivo di tale scelta”?

La risposta è una sola, univoca, incontestabile, granitica:

Tutto è svolto nella logica elettorale specialmente delle prossime votazioni europee, e anche è finalizzato al creare simpatie verso il Governo”!

Il motivo della considerazione già esposta è presto detto, e resterà volutamente arcano solo per la massa d’allucinati dipendenti delle Sinistre-

Pensionati e senza lavoro, esercito di disperati, certamente si esimeranno dal partecipare alle prossime elezioni, perciò il Governo non potrà contare sul loro voto e sulle loro simpatie; mentre invece la classe operaia, quella più umile, quella adusa al voto comunista, quella che non capisce la presa in giro che subisce perchè, come già detto, l’aumento di cui godrà è di soli €2,66 al dì, si recherà secondo i calcoli degli analisti a votare in massa per il PD.

E essa anche dovrebbe tornare, sempre per gli analisti, a indurirsi e compattarsi rifomentando il dualismo storico di divisione sociale in Destra e Sinistra tanto caro al Potere che sempre l’ha usato secondo il concetto del “Divide et impera”!

Insomma, la dittatura di Sinistra in Italia è in pieno svolgimento, e essa è tanto cara alla Germania della Merkel e a gran parte dell’Europa che plauderanno al Re Bomba fiorentino rinforzando ancor più l’assedio che già subiamo da parte dei SOVIET BANCARI INTERNAZIONALI!

La Dittatura PD è anche tanto cara al mondo della globalizzazione bancaria perché attraverso l’EU strozzerà gli italiani distruggendo quel che resta di un ricordo dello STATO SOCIALE che, tramite il Fascismo suo creatore, osò infrangere i piani dei banchieri d’oltre oceano quando negli anni ’30/’40 del secolo scorso erano pronti alla realizzazione del GOVERNO MONDIALE!

Un’ultima osservazione resta da esporre!

Molti non credono alla logica distributiva del PD, ed a ragion numerica contestano l’attuale possibilità d’offrire ai lavoratori la somma di € 1000 annuali! E, se questi ultimi “contestatori” han ragione, il danno che ne deriverà si tradurrà in un nuovo aumento delle tasse che coinvolgerà tutti, ciò perché il Bomba ha affermato che:

Se l’elargizione non avvenisse lui sarebbe un BUFFONE”!

Sono indeciso se già in tal guisa appellarlo, o attendere!

kiriosomega

1948 L’ANNO CHE FECE TREMARE IL MONDO

 

L’ANNO CHE FECE TREMARE IL MONDO

 

1948 ITALIANI ALLE URNE

 

di

 

bocca di fuoco/kiriosomega

 

 

1948 SILVANA MANGANO IN POSA

 

 

I PARTITI POSTBELLICI ITALIANI, SIN DAL LORO ESORDIO, USARONO VOLTI NOTI PER LA PROPAGANDA POLITICA

 

PREMESSA

 

Illustrare la storia del proprio Paese, anche in una piccola esposizione, non è semplice perché, coinvolti emotivamente, si è tentati di proporla con concetti che ora mitigano ora invece esaltano l’idea CHE SI PROPONE.

 

           Con questo scritto, e con sforzo sulla mia personalità, ho inteso fornire un’analisi che illustra uno spaccato della società italiana del dopo guerra, evidenziando come la mentalità dei nostri padri si mostra indecisa, secondo una mia valutazione, nello stimare, in tempi brevi, gli avvenimenti politici nazionali.          

 

           Le blandizie della tentazione mi hanno spesso creato l’idea di affermare che il poco spirito combattivo, forse rinunciatario del popolo italiano è una nemesi storica ma, nella ricerca di queste attenuanti al comportamento dei nostri più prossimi antenati, ho opposto la necessità della logica.

 

           Proprio per questo, gli avvenimenti descritti, tramite notizie giornalistiche dell’epoca e testimonianze dirette d’anziani, hanno la presunzione di presentarsi scevri da falsi pudori.

 

LE CONDIZIONI DEL “TRATTATO DI PACE”

 

           Il nostro Paese perse la seconda guerra mondiale per due gravi motivi:

 

           “Il primo d’ordine economico – strategico – militare, l’altro strisciante, per la volontà nascosta di forze politiche di minoranza che, d’accordo con paesi esteri, ci condussero ad un armistizio separato sperando nella clemenza degli Alleati”.

 

            La resa fu totale e senza condizioni, la pace non scoppiò e, dopo cinquantadue anni non siamo ancora apprezzati in Europa.  

 

           Dalla storiografia sappiamo che la Prima Repubblica Italiana iniziò la sua esistenza nel Giugno 1946, con un governo ad interim, affidato al Senatore Enrico De Nicola eletto suo primo rappresentante.

 

            Il Presidente De Nicola, con gran capacità e fermezza, guidò la nuova Nazione verso il “Trattato di Pace” ratificato con gli Alleati, il 10/Aprile/1947 a Parigi e poi, verso il primo governo nazionale post bellico.

 

           In verità, la repubblica oggi spacciata come prima tale non fu, S. E. Benito Mussolini, capo del precedente governo, fondò, dopo la sua liberazione da Campo Imperatore, la Prima Repubblica Italiana a Salò che, con la sua “Costituzione”, fu genitrice dell’attuale Costituzione Italiana.

 

           Col “Trattato di Pace” di Parigi, che fu imposizione e non trattato perché la mendicata clemenza non giunse, l’Italia subì eccessi non previsti dalle forze antifasciste. Spiccavano, per importanza, clausole riguardanti: A) il nostro territorio nazionale, B) la forza alle armi, C) la futura politica economica e, dulcis in fundo, D) condizioni politiche discriminatorie.

 

           Nel punto “A” del capitolato di resa s’imponeva che l’Italia cedesse alla Francia il “Col di Briga” ed il “Col di Tenda” e, all’ex Jugoslavia, invece, consegnava gran parte della Venezia Giulia con Trieste e la sua provincia.

 

           La linea di confine, nel nostro nord-est, fu stravolta e fatta passare, tra l’altro, nel centro abitato delle città d’Udine e Gorizia, sconvolgendone l’assetto politico e sociale.

 

           Sempre la volontà Anglo, Francese, Americana costrinse l’Italia, Paese povero di risorse, alla rinuncia delle colonie; mentre essi, i vincitori, continuarono a detenere il controllo dei loro possedimenti coloniali, stuprando ancora oggi quei Paesi delle loro risorse minerarie.

 

           Con l’esproprio dei territori nazionali del nord est, sì iniziò un infame processo, durato anni, che portò a morte, per “infoibazione”, migliaia d’italiani precipitati, con mani e piedi legati dal filo spinato, in quei pozzi d’asburgico retaggio.

 

           La “foiba” più grande e maggiormente famosa è quella di “Basowitza”, essa contiene oltre settecento corpi tra i quali molti sono i bambini.

 

            Oggi, per volere delle genti friulane, Basowitza è monumento nazionale ai caduti, monito della brutalità dei “graniciari” slavi, delle truppe titine e di quelle popolazioni d’oltre confine.

 

           Le clausole militari prevedevano una limitazione numerica delle Forze Armate; non oltre duecentomila uomini potevano essere in servizio permanente. Ci veniva imposta inoltre anche la rinuncia ad essere in possesso di sommergibili, aerei da bombardamento e portaerei.          

 

           Le condizioni politiche discriminatorie, inique e insipienti, sancivano che qualunque militare Alleato, anche se colpevole di reati comuni commessi in Italia durante l’occupazione, avrebbe goduto l’immunità penale.

 

            Queste incredibili discriminazioni legali, di sapore persecutorio, crearono un profondo malumore in ogni regione della penisola, con l’insorgenza di pericolose faide.

 

           Francia Gran Bretagna e Stati Uniti, compresero l’insostenibilità di questa clausola e, in tempi opportuni, per evidenti ragioni d’ordine pubblico, esaminarono se sarebbe stato possibile il suo emendamento.

 

           I tre Paesi promossero l’abrogazione della franchigia penale, che tutelava i loro uomini, ma poterono attuare il piano, solo in seguito alla dichiarazione tripartita di Washington del 25/dicembre/1951 e, dopo che la maggioranza dei firmatari del trattato accettò la mozione.

 

           Solo l’URSS si oppose a quest’atto, essa, nascostamente, vincolava il suo assenso di cancellazione della non punibilità, all’uscita che non avvenne, dell’Italia dal Patto Atlantico.

 

            Per quanto riguardò le richieste economiche previste dall’accordo, subito si capì che erano pesanti, esse si riferivano alla riparazione dei danni bellici, ma tutta la materia sì regolò con accordi individuali speciali.

 

           L’Italia ritenne di avere soddisfatto gli obblighi economici sanciti, includendo tra le spese, la confisca degli armamenti che si trovavano nel territorio sovietico e nei Paesi ad essa divenuti satelliti.

 

           L’URSS, al contrario, per strategia politica, a lungo mantenne aperta la questione, essa chiedeva all’Italia un maggiore indennizzo che sperava di ottenere portando il nostro Paese nella sua sfera d’influenza, ciò significava il controllo e dominio del Mediterraneo attraverso la flotta del Mar nero che sarebbe stata opportunamente rinforzata.

 

           Il ricatto economico e, la “quinta colonna” infiltrata, doveva conseguire il risultato di controllare e possedere la più enorme “portaerei” del dopoguerra estesa nel Mediterraneo.

 

           Questa mira espansionistica sgomentò il Vaticano, che era stato sotterraneamente filo nazista, perché riconosciuto unico baluardo contro il comunismo, ma anche tutta l’Europa insieme all’America si rese conto del grave pericolo rappresentato dal bolscevismo comunista che faceva temere per una nuova guerra.

 

           L’URSS tentò in molti modi l’attuazione del suo progetto d’egemonia continentale e marina, anche con la “guerra fredda”, cercando d’infiltrare una quinta colonna capace di minare i governi e di sobillare i cittadini.

 

I PRIMI PERICOLI PER LA NEONATA REPUBBLICA

 

           Già da questi anni, il PCUS sovietico finanziò il PCI tramite i dirigenti di partito dei due Paesi servendosi dei servizi del KGB[1] e, proprio per questo, i golpisti nostrani, erano pronti all’insurrezione armata. La conferma ufficiale, avvenuta pochi mesi or sono, è fornita dal “Dossier Mitropkin”, forse incompleto ma certo attendibile.

 

           In quel clima di guerra fredda, in territorio italiano, anche gli Alleati e la Chiesa Cristiana Cattolica, assieme alle forze sane del Paese, *s’impegnarono nelle grandi manovre politiche e sociali, riuscendo a creare una disfatta elettorale nel PCI durante le prime votazioni repubblicane del 1948.  

 

L’On. Comunista Ferdinando Santi, sull’Unità, motivò in questo modo, la sconfitta:          

 

           “Siamo rimasti soli; il mondo intero complottava contro di noi.

 

            L’America di Wall Street, di Jim Carrey e di Monsignor Spellman ci ha infamato, minacciando di farci morire di fame, mentre ci mandava lettere e regali.

 

            In Europa, i finti miti e rosei olandesi, intenti a coltivare tulipani con grazia ed, a spremere petrolio con ferocia dalle vene degli indonesiani trucidati, pregavano per gli italiani affinché votassero per De Gasperi per salvare il Papa e, pregavano per il Papa per salvare De Gasperi.

 

           In Italia, i Cardinali con le loro scomuniche e il Vescovo di Roma, capo di uno stato terreno e straniero, ordivano le loro trame al grido sanfedista –“O con Cristo o contro Cristo”-

 

            Il gesuita padre Lombardi, nel suo girovagare, conduceva le sue prediche in piazza e i comizi nelle chiese arringando i credenti, in ciò coadiuvato dai giovani dell’Azione Cattolica, che con pio furore vandaeno e, con i loro eleganti manganelli rivestiti di lucidissimo cuoio, diffondevano il cattolicesimo.

 

            Le devote “Figlie di Maria”, con il loro atto di fede-

 

           -Sempre col papa sino alla morte- che bella sorte- che bella sorte-

 

ci odiano additandoci al pubblico ludibrio, mentre negli occhi hanno la stessa commiserazione cruda e inesorabile degli antenati che accendevano il fuoco agli eretici commentando-

 

           -Per la salvezza della tua anima, fratello!-

 

           Tutti erano contro di noi.”

 

           Non dicono però i comunisti delle loro sopraffazioni, dell’avversione per ogni idea diversa, dell’arroganza che li attanaglia, della boria e tracotanza dei loro atteggiamenti, della mancanza di civismo politico nei loro appartenenti.

 

           Esagerazione a parte, degli eleganti manganelli o degli olandesi tesi a salassare petrolio dai cadaveri indonesiani e, delle “figlie di Maria” piromani, l’isolamento degli estremisti di sinistra divenne reale.

 

            Scrutator, giornalista del Sunday Times, nel 1948, con gran concisione e lungimiranza, così si espresse indicando il pericolo comunista:

 

           “…Se cadono i Dardanelli, cade la Grecia; se cade la Grecia, cade l’Italia; se cade l’Italia, cade la Francia; se cade la Francia, è la fine dell’Europa libera.

 

           …Fermati in Grecia ed in Turchia, i Sovietici hanno ora concentrato la loro attività sull’Italia.

 

           …Il loro strumento maggiore è il solito, una quinta colonna chiamata Partito Comunista Italiano”.

 

           Erano concetti semplici, comprensibili da tutti, anche dai più distratti ed ignoranti, erano giudizi evidenti che mettevano in agitazione intere popolazioni dall’Alpi alle piramidi, dall’uno all’altro polo, solo il popolino italico stentava a capire.

 

           In tutte le Chiese d’ogni confessione, nelle moschee e nelle sinagoghe, nelle pagode e nei riti esoterici, sotto cieli splendenti o brumosi, si levava un unico coro tra i credenti, che un Dio benigno preservasse l’Italia dal comunismo perché poteva divenire la porta europea per la sua diffusione.

 

           Neppure nelle sale cinematografiche taceva la propaganda politica, la “Settimana Incom” e “l’Incis” presentavano cinegiornali divisi in tre parti, le malefatte comuniste e la guerra di Corea, il benessere americano e le elezioni italiane.

 

            Poi al buio, Cary Grant, Gary Cooper, Robert Mitchum ed altri, raffiguravano il mito dell’eroe americano che combatteva il cattivo ovunque, mentre, sempre Holliwood, ci mostrava le gambe tornite di Jane Mansfield, Rita Hayword e Judy Garland.

 

           In quel periodo di speranze e illusioni giungevano, in casa nostra, tonnellate di lettere d’italiani emigrati, che pregavano parenti, amici e conoscenti di non farsi catturare dal pericolo rosso sempre più immanente.

 

           L’italiano Vittorio Gorresio, in un suo scritto, “Carissimi nemici*” così si esprimeva in proposito di quei tristi momenti:

 

           “La vigilia del 18 Aprile pareva l’alba dell’anno Mille, quando Satana doveva essere sciolto dalla sua prigione, secondo l’Apocalisse di San Giovanni”.

 

           Già settimane prima del momento elettorale, la vita economica della nazione sembrò fermarsi, il mondo intero era in ansia; sia la “cortina di ferro”, sia l’occidente, trattenevano il respiro per l’incertezza della situazione e del suo gran significato politico e geostrategico.

 

           La competizione elettorale italiana tracimava i confini nazionali.

 

           In tutti i continenti e nelle cancellerie politiche, come tra i pastori transumanti d’Aspromonte, il possibile avvento del comunismo aveva assunto il significato di un esame definitivo, nelle coscienze la sua vittoria era sinonimo di dittatura, la ripulsa corrispondeva alla libertà.       

 

           L’Italia geografica divenne il centro d’attenzione della stampa internazionale, i radiocronisti più accreditati ed i migliori fotografi erano, in quei giorni, qui concentrati.

 

           Oltre duecento giornalisti trasmettevano le loro notizie, più di tre milioni di parole il giorno, un fiume in piena, grande trenta volte l’intera “Divina Commedia”.

 

           Tutte le reti radiofoniche più importanti mandarono i loro campioni della comunicazione; ad ogni ora qualcuno trasmetteva nuovi servizi.

 

           Tra i tanti corrispondenti accreditati ospitammo, Austin Lake, il primo giornalista che aveva messo piede nella Germania hitleriana al seguito delle truppe americane, Pierre Lazareff, di France Soir, che aveva aumentato la tiratura del suo giornale da quarantamila ad oltre un milione di copie.

 

           Spiccavano poi i nomi di Murrow, asso tra gli assi, che la CBS aveva inviato a Roma, lui, primo tra tutti, aveva descritto i bombardamenti tedeschi di Londra e poi quelli inglesi di Berlino.

 

           Seguiva, non per minore importanza, Henry Cassidy che aveva ottenuto durante la guerra, unico occidentale, un’intervista con Giuseppe Vissarionovic Giugasvili, l’ex seminarista, il Sosso di quell’età, deforme per il suo braccio sinistro anchilosato e più corto del contro laterale e, ormai, anche alcoolista.

 

           Inviato dall’Inghilterra giunse Randolph Churcill del Daily Mail e poi, dal mondo intero, una lunga sequela di nomi, forse meno conosciuti, ma certo abili nel loro lavoro.

 

           Mai, al Viminale e nei palazzi della politica s’era vista una simile eccitazione che coinvolgeva intere città, tutto il mondo sapeva che le elezioni italiane erano il più importante avvenimento giornalistico dopo la cessazione delle ostilità.

 

           La sintesi di quell’enorme numero di servizi giornalistici, indirizzati in tutto il globo, imprimeva nella mente che gli italiani, il 18 Aprile, col loro voto avrebbero confermato un aspetto già esistente o, del tutto nuovo, per la configurazione dell’Europa.

 

           La piccola Italia, unica tra le nazioni perdenti, avrebbe convalidato l’avanzata della sfera d’influenza del comunismo sovietico o la sua chiusura sulla piattaforma continentale; la giovane Italia avrebbe fissato i limiti della nuova disposizione europea, tra Est ed Ovest, tra la cultura liberale e quella comunista.

 

           Sulla stampa nazionale anticomunista, così si sintetizzava il pericolo in una testata giornalistica:

 

           “La vittoria di De Gasperi è la pace; la vittoria di Togliatti è la guerra”.

 

IL MONDO E’ COL FIATO SOSPESO

 

            Ogni nazione tratteneva il respiro, solo gli italiani furono lenti a capire, certo la nostra gente era frustrata, stanca, disillusa, amareggiata, ma il pericolo incombeva, tutta la terra sembrava in sofferenza. 

 

           Molti, da noi, ritenevano che il Paese liberale non avesse futuro, certi per convincimento politico, altri per disperazione.

 

             Molti disillusi, non speravano più; con la Patria dominata da stranieri noti e occulti, in cui interi paesi, ancora mucchi di rovine, senza strade e comunicazioni, inventavano la loro giornata in preda alla fame ed alle gravi deficienze sanitarie, ogni cosa appariva senza senso.

 

           L’avvilimento era totale, la sfiducia trionfava, la pseudo democrazia dei vincitori avviliva.

 

           Su ogni credo benigno di rinnovamento nazionale, di continuo, aveva il sopravvento l’incertezza del domani, della mancanza di lavoro e delle gravi condizioni sociali.

 

           Opposto all’avvilimento generale, si ergeva, moderno mostro dalle sette teste, il Partito Comunista Italiano, quello di Togliatti e della sua amica Nilde Iotti, presuntuoso, tracotante, violento, litigioso ed egoista, sicuro della sua vittoria finale.

 

           Durante la campagna elettorale di Togliatti, nel mezzogiorno d’Italia, ove l’ignoranza dominava assoluta e lo Stato era latitante, si videro contadini genuflettersi al suo passaggio, come davanti a nuovo Messia, intanto che madri piangenti gli porgevano bambini affamati in atto di devozione e d’impegno.

 

            Frattanto, nei poveri tuguri, qualcuno rendeva inoperoso il Cristo fissando una nuova icona sopra i capezzali.

 

           Questi avvenimenti, vivi nelle cronache d’allora, erano indici di un’umanità dolente di miseri analfabeti, elettori comunisti per ignoranza, disperati per le necessità economiche e per la giustizia sociale ora latitante.

 

           I poveri, gli umiliati, gli offesi, forti della sfrontatezza del popolo in movimento, nuovi giacobini, cedevano alle blandizie comuniste adorando chi tra le sinistre, esaltando il loro sentimento di potenza, sapeva animarli. Primo tra tutti Togliatti, il comunista Togliatti, che quel popolo sconsiderato riteneva novello santo, inviato da Stalin per aiutare i diseredati, i deboli e gli inetti.

 

           “Strana incredibile Italia di soli cinquant’anni fa, che si barcamenava, preda di un malessere imperante, incapace a discernere tra il pragmatismo di bene e di male”.

 

           In quei momenti di gravissima incertezza, come spesso suole accadere, molta della media borghesia, credendo le sinistre le future reggenti delle sorti d’Italia, fece la grand’abiura, correndo, quasi a gara, tra le braccia degli ipotetici vincitori.

 

           E’ questa la stessa gente, volta gabbana, impostore, qualunquista, che da sempre dette il “Giardino d’Europa” allo straniero; è lo stesso popolo che non seguì un Capo quando finalmente l’ebbe, che preferì tornare nelle stalle sotto lo straniero.

 

           “Vecchie reminiscenze, foriere di funesti presagi mi tornano in mente ripensando i versi del Manzoni nel “Secondo coro dell’Adelchi” o, di Parini nella sua ode “La caduta”, vati dell’infelice situazione sociale italiana.”

 

           Dobbiamo tuttavia riconoscere che le speranze comuniste di allora erano reali, esse non erano esaltazione, il pericolo era concreto.

 

           I comunisti, forti dell’appoggio dell’Internazionale Socialista, tracotanti, attendevano la vittoria elettorale, memori che due anni prima, nel 1946, alle elezioni per la “Costituente”, avevano ottenuto nove milioni di voti contro gli otto milioni e centomila della Democrazia Cristiana.

 

           In via delle “Botteghe Oscure” erano consapevoli della propria forza numerica, ed erano certi d’averla aumentata dopo l’opera d’infiltrazione capillare svolta nel Mezzogiorno d’Italia.

 

            Il bersaglio comunista, data per scontata la vittoria, puntava all’affermazione come partito di maggioranza assoluta, nella peggiore delle ipotesi erano in ogni modo certi di comporre il governo.

 

            La massima affermazione sarebbe dipesa dall’affluenza alle urne del ceto borghese che, proprio per questo, doveva essere distolto dal votare.

 

           Per questa valutazione i Togliatti, i Secchia, i Longo…, nella loro strategia politica, decisero di non esasperare la contesa elettorale ed escogitarono soluzioni che davano tregua, almeno apparente, tra i partiti.

 

           I capi del PCI capirono il loro tallone d’Achille e camuffarono l’aspetto rivoluzionario del loro estremismo, cambiando, in quelle elezioni, il simbolo della “falce e martello” con il volto bonario di Garibaldi.

 

           Non reputando sufficiente quanto già fatto, la mossa successiva fu d’inserire, nelle loro liste elettorali, personaggi ritenuti “indipendenti” dal pubblico e che, per questo, avrebbero avuto un certo seguito nelle comunità borghesi.

 

           Altra nuova sicurezza di vittoria, derivava, oltre che dal clima di massima serenità e tranquillità elettorale, dalla manovra posta in opera per riuscire a far disperdere voti alle altre forze politiche e nell’allontanare, dalle urne, chiunque che li avrebbe potuti osteggiare.

 

           Da via delle “Botteghe Oscure” e dalle sedi periferiche s’inviarono direttive categoriche, che imponevano ai propri uomini di non disturbare le assemblee degli avversari mentre un gran numero di donne, attiviste politiche, fu inviato nelle strade e nei mercati rionali.

 

           Queste sobillatrici ebbero il particolare compito, col loro chiacchiericcio, di far sì che le massaie disertassero le urne non esprimendo il proprio voto:

 

“…non è il caso di lasciare soli i bambini e le pentole sui fornelli la mattina del 18 Aprile”,

 

così andavano ipocritamente cicalando e aggiungevano:

 

“…. é tutta una burla, Mussolini, De Gasperi, Togliatti, l’uno vale l’altro. E’ sempre la stessa musica”.

 

           La confusione d’idee nel popolino divenne tremenda, gli italiani erano sempre più titubanti, sembrava, ai molti politici liberali, che tanti avevano accettato il suggerimento dei marxisti.

 

GLI ITALIANI COMPRENDONO IL PERICOLO

 

           Come il pio del vangelo, dopo aver porto l’altra guancia non sappiamo cosa fece, finalmente De Gasperi, Saragat, Pacciardi, Corbino e gli altri segretari di partiti anticomunisti, stanchi di subire, iniziarono ad arringare gli italiani, ma questi, ancora incapaci di capire che era in lizza la loro libertà, in un primo momento scrollarono le spalle.

 

           Solo i più attenti porsero l’orecchio al clangore politico, ma pochi avevano contezza della feroce lotta tra le forze politiche avverse e dell’importanza futura della “buona scelta”.

 

           Molte iniziative si crearono per contrastare il comunismo, così nel tempo gli Alleati restituirono Trieste senza l’Istria all’Italia, il MSI intervenne nell’agone politico con i suoi sistemi clamorosi e, i cattolici, sferzando le coscienze contro il Satana rosso, s’impegnarono con i loro “Comitati Civici”.

 

           Finalmente la stampa liberale assunse un ruolo deciso, di primo attore, svegliando le coscienze sopite, convincendo finalmente i molti “re tentenna” della necessità di votare per la libertà di pensiero e d’azione.

 

            Gli italiani, moltitudine di nuovi Lazzaro, risorsero scotendosi di dosso il torpore e la sfiducia verso il potere politico.

 

           Agli attenti comunisti, scaltri imbonitori, maestri d’insidie e costruttori di perfidie, non sfuggì la mutata situazione politica e, le loro segreterie di partito tentarono con nuovi mezzi di riconquistare l’elettorato che si allontanava dal loro volere.

 

           Lo sgomento di perdere la vittoria finale scosse “Botteghe Oscure” con il suo “Fronte Democratico Popolare per la Libertà, la Pace e il Lavoro” e la lotta politica divenne violenta, dura, cattiva, gli scontri fisici avvennero realmente e non furono leali, amichevoli e bonari come nella fantasia narrativa di Guareschi.

 

           Esclamerà Togliatti dopo le elezioni:

 

A batterci è stata la mobilitazione delle paure; delle paure suscitate contro di noi comunisti”.

 

           L’odio crebbe a dismisura, l’onda dell’emotività aumentò in un crescendo di bolgia dantesca, sembrò che Attila fosse sull’Alpi pronto ad espugnare l’Italia.

 

           In questa situazione turbolenta, mentre l’arroganza comunista emergeva sempre più forte, i partiti laici cercarono più fortemente il miglior modo per raggiungere gli indecisi.

 

           Finalmente le coscienze sono deste, una fiamma di riscatto e di rivolta contro il comunismo si muove per l’Italia, “bisogna vincere” è il nuovo motto, e più i comunisti si sentivano forti e sicuri, più le forze contrapposte s’ingigantivano.  

 

Infine il periodo di campagna pre elettorale terminò ed il PCI, nella confusione più completa, affidò a Togliatti il suo comizio di chiusura.

 

            Per l’occasione Roma fu invasa da migliaia di persone urlanti, lupi feroci che mostrarono la bramosia di potere quando il loro idolo testualmente affermò che “si era fatto mettere due fila di chiodi nelle suole delle scarpe, dal proprio ciabattino, per meglio prendere a calci De Gasperi dopo la vittoria del Fronte”.

 

           Cessato il comizio, la stessa massa anonima, che già aveva nuove divise con la stella rossa, percorse, diurno licantropo, le vie della città cantando:

 

..e vattene, e vattene, – schifoso cancelliere, – se non ti squagli subito- son calci nel sedere!”-

 

           Da quel momento, per cinque giorni, nel mondo politico e in Italia calò il silenzio.

 

           Ora, dopo tutte le clamorose strategie, bisognava perfezionare le ultime mosse, la diplomazia tessé più attivamente accordi sotterranei ma non per questo meno validi, mentre ancora si contavano gli ultimi indecisi.

 

           Fu per questo che la mattina del venerdì, gli italiani uscendo da casa, trovarono le vie cittadine tappezzate di striscioni con la scritta:

 

           “Il fronte vince, vota per il Fronte”

 

           Questo motto ripetuto sino alla nausea ad ogni angolo di strada, accrebbe l’esasperazione dei più e l’italiano sopito, finalmente sveglio, votò in massa contro il Fronte.

 

           L’ultima menzogna comunista, incostituzionale, per decorrenza dei termini fissati, fu il manifesto che apparve nelle città il mattino del 18 Aprile, la sua scritta ipocrita diceva:

 

           “Se sei con Cristo, cancella Garibaldi! Cattolici, la vostra ora è venuta”, seguiva la firma apocrifa di Pio XII

 

           Rammentando che il viso di Garibaldi compariva come simbolo comunista, si comprende come questa sia stata una trovata antidemocratica tesa, vile tranello, ai più semplici tra i cattolici perché chi “cancellava” la testa di Garibaldi dalla scheda elettorale votava per il Fronte.

 

           Nelle sue previsioni il PCI riteneva di conquistare la maggioranza assoluta dei seggi, questo sarebbe avvenuto se la percentuale dei votanti fosse stata minore del 70% ma, con un’affluenza dei votanti dello 80% il Fronte sarebbe stato un partito di maggioranza con più elettori della DC, restando però il minoritario dei quattro partiti che avrebbero formato l’alleanza governativa.

 

           Solo nel caso in cui il numero dei votanti avesse superato il quorum dello 89,1%, come nelle elezioni del Giugno 1946, il Fronte avrebbe subito una clamorosa sconfitta.

 

L’imponderabile avvenne.

 

GLI ANEDDOTI SONO STORIA

 

           L’onorevole Luigi Longo, chiusa la campagna elettorale, prima dello scrutinio, scrisse e fece scrivere nel suo settimanale “Vie Nuove” articoli inneggianti alla vittoria elettorale del suo partito, ma il risultato del giorno dopo portò le duecentomila copie stampate quasi tutte al macero.

 

           Riportiamo, in breve, quanto scritto su “Vie Nuove” del 17 Aprile 1948:

 

Il solito scritto di Alberto Cavaliere s’intitolava -VITTORIA- ed i suoi quattordici versi avevano un’enfasi glorificante di peana; poi l’articolo di fondo comunicava ai cittadini che:

 

           “Il Fronte terrà fede al suo programma elettorale”     

 

           In un disegno caricaturale si mostrava il ministro degli interni Scelba che si rivolgeva ad un passante dicendogli:

 

           “Abbiamo fatto votare le monache di clausura, i pazzi, i morti: non riesco a capire chi ha fatto vincere il Fronte”, il passante candidamente risponde-

 

           “Il popolo”

 

           In diversa illustrazione De Gasperi dice a Scelba:

 

           “Beh, ora per vincere non ci resta che iscriverci al Fronte”

 

           Un’altra striscia, mostra un grosso prete che legge terrorizzato i risultati elettorali esclamando al suo interlocutore anch’egli sacerdote:  

 

           “Accidenti ha vinto il Fronte!” di rimando-

 

           “Hai paura che vieteranno le funzioni in chiesa?”- “No, ma che vieteranno il cambio delle valute”

 

           In una diversa battuta tre borghesi commentano le elezioni in un caffè:

 

           “Si”, il Fronte ci ha fregato, ma andiamo a guardare la qualità”

 

           Un’ultima vignetta mostra De Gasperi, Scelba, Sforza, Saragat, sepolti sotto una valanga di voti del Fronte mentre il primo dei tre commenta:    

 

…e pensare che abbiamo faticato tanto per farli votare”      

 

           Nei calcoli elettorali, oltre la cabala, si tenevano in gran conto le condizioni meteorologiche del giorno delle votazioni, bel tempo tanti votanti, brutto tempo pochi votanti.

 

           Sul tempo s’innesta l’aneddoto, raccontato ai bostoniani, dal giornalista William Cunnigham; egli scrive che Attilio Piccioni, allora segretario politico della DC, si svegliò alle quattro di mattina quel 18 Aprile e, come fanno tutti i romani per saper che tempo farà, alzò gli occhi verso “il cupolone” notando grossi cirri incombere su San Pietro.

 

           Cominciò tra sé a borbottare in questo modo :    

 

Signore, tu sai quanto abbiamo penato; io ho perduto sei chili in questi ultimi venti giorni correndo di qua e di là attraverso tutta l’Italia e ora tu ci abbandoni, fai piovere proprio oggi”     

 

           La figlia lo udì e avvicinatasi gli disse :

 

           “Pazienza, prendiamola come una prova che ci manda il Signore”    

 

           Intanto che così, nel cuore dei capi delle opposte fazioni, si dubitava con diverso credo, tra ansie e trepidazioni, il dramma era certo più serio nel cuore dei miseri. Nell’arco alpino, parecchie famiglie passarono il confine, spaventate da un profondo senso di pericolo, molti genitori inviarono i bambini oltre le Alpi per raggiungerli subito dopo il voto, mentre, nelle banche della penisola, avveniva un continuo prelievo di denaro che corse, attraverso canali sotterranei, verso l’estero.

 

           Il mondo economico si fermò trattenendo il respiro, indicativo fu che dal 15 al 22 Aprile non si stipulò alcun contratto assicurativo, sembrava che un comune tacito motto accomunasse tutti:

 

           “Torni dopo le elezioni”

 

           A Cinecittà i registi fermarono le direzioni artistiche e gli attori furono mandati a casa, si scoprì poi che per ogni film era prevista una doppia sceneggiatura con duplice finale, ognuno immaginato per la vittoria dell’uno o dell’altro versante politico.

 

           Non mancarono apparenti contraddizioni, gli uomini in quel periodo disertarono le sartorie ed i negozi d’abbigliamento, mentre le donne spendevano quanto potevano comprando calzature, vestiario, biancheria, cosmetici, perché la loro preoccupazione era che con la possibile vittoria comunista fossero banditi tutti i beni considerati di lusso.

 

           La Borsa, come sempre, nei periodi di massima incertezza, nonostante la depressione, impazzì con i titoli che salivano oltre ogni più rosea previsione, la Montecatini guadagnò 122 punti in pochi giorni, il commento degli economisti fu:

 

           “La borsa sconta la vittoria del Fronte”

 

           dissero quelli di sinistra; per il liberismo economico, invece, il motivo era da ricercarsi nella sicura vittoria delle forze di Centro e negli aiuti americani che certo sarebbero arrivati.

 

           L’ingordigia del popolo comunista, di quegli otto milioni d’elettori, più che dalla storiografia del PCI e delle scarpe chiodate di Togliatti, è descritta, con vero realismo, dalle liti che scoppiarono nelle campagne per il modo di suddividersi le abitazioni dei ricchi, che in quei mesi persero sul mercato, anche il 30-40% del loro valore.

 

           Oggi, dopo cinquantadue anni, di quell’Italia paesana, affamata, arruffona e ingenua, possiamo anche sorridere, ma se quel 18 Aprile avesse decretato un diverso assetto politico, ora non potremmo che piangere.

 

           Anche questi nostri dì sono precari, ma noi giudizioso popolo di destra, promuoviamo ogni nostra capacità e qualsivoglia credo per dare ai nostri figli quei valori che stimiamo.

 

                                                                                                   

 

[1] La dizione giusta è : “Ka Ghe BE”.

 

* Anche la criminalità mafiosa siculo americana intervenne contro il comunismo nella contesa elettorale.

 

* Personalmente non ritengo che in alcun caso un nemico possa essere carissimo.

 

bocca di fuoco/kiriosomega

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 510 follower