PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

O Italia o Italia del mio cuore

dove hai l'ITALIA?

dove hai l’ITALIA?

Renzi la morte è una livella!

 

Italia che spera

Italia che spera

OBAMA nuovi equilibri mondiali!

m’hanno lasciato solo!

nuovi equilibri internazionali

nuovi equilibri internazionali

kiriosomega

OBAMA il bue dice cornuto all’asino!

kriminal

kriminal

Napolitano- Testimonianza- Corte Assise Palermo

CORTE DI ASSISE DI PALERMO

CORTE D’ASSISE

DOTTORE MONTALTO ALFREDO Presidente

VERBALE DI UDIENZA REDATTO DA FONOREGISTRAZIONE

PAGINE VERBALE: n. 86

PROCEDIMENTO PENALE N. 1/13 R.G.

A CARICO DI: BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

UDIENZA DEL 28/10/2014

Esito: Rinvio al 06/11/2014

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

2

INDICE ANALITICO PROGRESSIVO

DEPOSIZIONE DEL TESTE: NAPOLITANO GIORGIO …………………………………………. 5

INTRODUZIONE DEL PROCURATORE DOTTORE AGUECI ………………….. 5

DOMANDE DEL PROCURATORE AGGIUNTO DOTTORE TERESI ………… 7

DOMANDE DEL SOSTITUTO PROCURATORE DOTTORE DI MATTEO .. 32

DOMANDE DEL DIFENSORE DI PARTE CIVILE AVV. AIRÒ FARULLA .. 57

DOMANDE DEL DIFENSORE AVVOCATO KROGH ……………………………….. 61

DOMANDE DEL DIFENSORE AVVOCATO PIERGENTILI …………………….. 64

INTERVENTO DEL DIFENSORE AVVOCATO MILIO ……………………………. 66

INTERVENTO DEL DIFENSORE AVVOCATO ROMITO ………………………… 66

DOMANDE DEL DIFENSORE AVVOCATO CIANFERONI ……………………… 66

DOMANDE DEL PRESIDENTE DOTTORE MONTALTO ………………………… 84

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

3

CORTE DI ASSISE DI PALERMO – CORTE D’ASSISE

Procedimento penale n. 1/13 Udienza del 28/10/2014

DOTTORE MONTALTO ALFREDO Presidente

CD REGISTRATO A ROMA Ausiliario tecnico

PROCEDIMENTO A CARICO DI – BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO +

9 -

G / T : – Possiamo prendere posto. Ringranziamo innanzitutto

il Segretariato Generale per l’ottima ospitalità e

organizzazione e quindi possiamo dare inizio

all’udienza. Cominciamo a chiamare le parti.

CANCELLIERE: – Sì. Intanto diamo atto che a seguito di quanto

la Corte ha disposto con l’ordinanza dibattimentale del

25 settembre 2014, confermata dalla successiva ordinanza

del 9 ottobre 2014, si procede alla costituzione delle

parti processuali in assenza degli imputati e delle

Parti Civili costituite, che sono tutti rappresentati

dai rispettivi difensori che mi accingo a chiamare.

Quindi, per l’imputato Bagarella Leoluca Biagio sono

presenti gli Avvocati Fabiana Gubitoso e l’Avvocato Luca

Cianferoni, che è sostituto processuale designato

dall’Avvocato Anania che invece non è presente. Per

Brusca Giovanni sono presenti i difensori Avvocati

Fiormonti e Simona Celebre. Per l’imputato Ciancimino

Massimo sono presenti i difensori Francesca Russo e

Roberto D’Agostino. Per l’imputato Cinà Antonino è

presente l’Avvocato Federica Folli ed è assente

l’Avvocato Giovanni Di Benedetto. Per l’imputato De

Donno Giuseppe è assente l’Avvocato Saccone ed è

presente l’Avvocato Francesco Antonio Romito. Per

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

4

l’imputato Dell’Utri Marcello sono presenti i difensori

Di Peri e Pietro Federico. Per l’imputato Mancino Nicola

sono presenti i difensori Massimo Krogh e Nicoletta

Piergentili Piromallo. Per l’imputato Mori Mario sono

presenti i difensori Milio e Musco. Per l’imputato Riina

Salvatore, è presente l’Avvocato Cianferoni, sempre

sostituto processuale dell’Avvocato Anania che è

assente. Per l’imputato Subranni Antonio è presente

l’Avvocato Milio. Per le Parti Civili costituite: per la

Parte Civile De Gennaro Giovanni è presente l’Avvocato

Bertorotta quale sostituto processuale designato

dall’Avvocato Coppi che è assente. Per il Presidente del

Consiglio dei Ministri, sono presenti gli Avvocati

Dell’Aira e Caserta dell’Avvocatura Distrettuale dello

Stato. Per il Centro Studi e Iniziative Culturali Pio La

Torre è presente in aula l’Avvocato Ettore Barcellona.

Per il Comune di Palermo è presente in aula l’Avvocato

Airò Farulla. Per la Presidenza della Regione Siciliana

sono sempre presenti gli Avvocati Caserta e Dell’Aira

dell’Avvocatura Distrettuale dello Stato. Per Libera,

Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie, è presente

l’Avvocato Vincenza Rando. Per la Parte Civile

Associazione tra Familiari delle Vittime della Strage di

Via dei Georgofili è presente in aula l’Avvocato Danilo

Ammannato. Inoltre si dà atto che il Presidente

autorizza la presenza del Vice Segretario Amministrativo

della Presidenza della Repubblica, in persona del dottor

Flavio Salvadori per assicurare la continuità delle

funzioni del Presidente della Repubblica. Per la Procura

della Repubblica di Palermo sono presenti il dottor

Leonardo Agueci, Procuratore facente funzioni della

Procura della Repubblica di Palermo; il Procuratore

Aggiunto Dottore Teresi e i Dottori Di Matteo, Francesco

Tartaglia e Del Bene, che sono sostituti della Procura

della Repubblica di Palermo.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

5

G / T : – E allora, siamo qui come sapete, ovviamente, per

l’assunzione della testimonianza del Presidente della

Repubblica Giorgio Napolitano, che a questo punto

possiamo introdurre.

DEPOSIZIONE DEL TESTE: NAPOLITANO GIORGIO

G / T : – E allora buongiorno Presidente, la ringraziamo

innanzitutto per la disponibilità che ha voluto dare con

questa udienza qui organizzata e per l’ottima

organizzazione e ospitalità che apprezziamo. Quindi ora

adesso daremo inizio all’esame, all’assunzione della sua

testimonianza. È mio dovere ricordarle, avvertirla

dell’obbligo di dire la verità, come la Legge impone di

fare, e quindi delle responsabilità previste dalla Legge

per il testimone. Abbiamo necessità, anche sempre per le

formalità, di acquisire le sue generalità innanzitutto.

Quindi Giorgio Napolitano, nato?

DICH. NAPOLITANO: – Nato a Napoli il 29 giugno 1925.

G / T : – Nato a Napoli il…

DICH. NAPOLITANO: – Come?

G / T : – Sì, sì, stavo… Così il Cancelliere sta prendendo

nota. Benissimo, allora l’esame del Presidente della

Repubblica è stato chiesto dalla Procura della

Repubblica e quindi diamo la parola al Pubblico

Ministero. Pregherei ciascuno, ai fini della

registrazione, di dare innanzitutto il proprio nome e la

propria qualità, indicare la propria qualità in modo che

la registrazione poi possa darne conto. Prego Pubblico

Ministero.

INTRODUZIONE DEL PROCURATORE DOTTORE AGUECI

P.M.: – Buongiorno signor Presidente, sono Leonardo Agueci e

esercito attualmente le funzioni di Procuratore della

Repubblica di Palermo. La mia partecipazione a questa

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

6

udienza costituisce anzitutto una manifestazione di

riguardo verso la sua persona, il riconoscimento

dell’elevata funzione istituzionale che lei esercita

quale rappresentante dell’Unità Nazionale, così come

recita l’articolo 87 della Costituzione e come ci

ricorda anche in modo eloquente il luogo in cui oggi ci

troviamo. La mia presenza è però rivolta anche a

conferire piena rappresentanza, in questa occasione,

all’Ufficio del Pubblico Ministero, che è una

istituzione dello Stato a sua volta deputata a dare

attuazione alla potestà punitiva dello Stato mediante

l’esercizio obbligatorio dell’azione penale, come

dispone l’articolo 112 della nostra Carta

Costituzionale, e ciò nel momento in cui questo Ufficio

procede ad un atto di indubbia e straordinaria rilevanza

pubblica, come è la raccolta della testimonianza del

Capo dello Stato. Testimonianza che si è ritenuta

necessaria per l’accertamento dei fatti rilevanti in

questo procedimento e che per questa ragione questo

Ufficio ha chiesto e ottenuto dalla Corte

l’autorizzazione alla sua assunzione. Vi è quindi piena

consapevolezza da parte di questa Procura per la

delicatezza istituzionale dell’atto che andiamo a

svolgere, che peraltro è previsto dalla Legge del Codice

di Procedura Penale, all’articolo 205, che ne regola

anche le modalità. Accompagnato però dal massimo e

deferente rispetto da parte nostra per le implicazioni e

le prerogative di natura costituzionale che lo

accompagna, oltre che ancora e soprattutto per la sua

persona, ma accanto a ciò è ancora più forte da parte

nostra l’aspirazione all’accertamento della verità per

le vicende indubbiamente molto gravi che costituiscono

materia di questo processo e a cui siamo certi che ella

non vorrà far mancare il proprio rilevante contributo. È

questo lo spirito con cui ci apprestiamo a svolgere

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

7

questa attività, che comunque verrà poi condotta nel

dettaglio dal collega Procuratore Aggiunto, Vittorio

Teresi, al quale cedo la parola.

G / T : – Sì, prima di iniziare l’esame vero e proprio, però

il Cancelliere se può portare la dichiarazione di

impegno che il testimone deve necessariamente leggere

prima dell’esame.

DICH. NAPOLITANO: – Grazie. Consapevole della responsabilità

morale e giuridica che assumo con la mia deposizione, mi

impegno a dire tutta la verità e a non nascondere nulla

di quanto è a mia conoscenza.

G / T : – Benissimo, grazie. Allora, a questo punto possiamo

dare la parola al Pubblico Ministero per l’inizio

dell’esame vero e proprio.

DOMANDE DEL PROCURATORE AGGIUNTO DOTTORE TERESI

P.M. TERESI: – Grazie Presidente. Buongiorno signor

Presidente, sono… Buongiorno signor Presidente, sono

Vittorio Teresi, Procuratore Aggiunto alla Procura della

Repubblica di Palermo. Volevo iniziare con una domanda

che riguarda i suoi precedenti incarichi istituzionali e

precisamente a partire dalla seconda metà degli anni

ottanta e prima di essere eletto Presidente della

Repubblica nel maggio del 2006, quali furono i suoi

incarichi istituzionali?

G / T : – Prego Presidente.

DICH. NAPOLITANO: – Io fui eletto nel 1987, Elezioni Generali

per il Parlamento, e fu la ottava mia elezione a

Deputato della Repubblica. In quel periodo io avevo un

incarico tra politico, partitico e istituzionale, nel

senso che in un congresso svoltosi l’anno precedente,

Congresso Nazionale del Partito Comunista Italiano di

cui allora ero membro e dirigente, si convenne che io

assumessi la responsabilità delle relazioni

internazionali per il mio partito, 1986. Cosa che fu poi

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

8

diciamo sancita dal Congresso del mille novecento…

Dalle elezioni del 1987, in quanto in seno al gruppo

parlamentare del mio partito, io assunsi le

caratteristiche del portavoce di politica estera. A ciò

corrisposero anche le mie attività molto intense di

partecipazione alla Commissione Affari Esteri della

Camera dei Deputati di cui ero membro. Continuai anche

ad essere, come ero dal 1984, rappresentante italiano,

insieme con altri, nell’Assemblea Parlamentare della

Nato e poi nel 1989, giugno, in occasione delle Elezioni

per il Parlamento Europeo, io fui candidato ed eletto.

Premetto che nel 1989 ancora non era scattata la norma

sulla incompatibilità tra appartenente al Parlamento

Nazionale e al Parlamento Europeo, quindi ebbi entrambe

le cariche fino al 1992. Ma prima di giungere al 92,

dico che quei tre anni furono anni di partecipazione il

più possibile assidua mia anche al Parlamento di

Strasburgo, almeno nelle sedute plenarie che si

svolgevano a Strasburgo e anche a Bruxelles ero

presente, avevo difficoltà a seguire anche l’attività di

Commissione. Nel 1992 fui eletto, invece, dalla Camera

dei Deputati Presidente, dopo che il mio immediato

predecessore per un breve periodo, l’Onorevole Oscar

Luigi Scalfaro, era stato eletto Presidente della

Repubblica. Quindi si rifecero le elezioni alla Camera

dei Deputati per eleggere il Presidente e fui appunto

eletto io. Quindi a partire dal 92 io mi dimisi dal

Parlamento Europeo, concentrai tutta la mia attività

alla Camera dei Deputati italiana, ed in modo

particolare nelle funzioni che assunsi dal 92, e tenni

fino agli inizi del 94 di Presidente della Camera. Mi

sembra che questo fu l’essenziale dei miei incarichi in

quel periodo.

P.M. TERESI: – Certo, grazie Presidente. Per quanto riguarda

invece la sua conoscenza con il dottor D’Ambrosio, a

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

9

quando risale e quali erano, quando lei era Presidente

della Camera, se vi conosceste all’epoca, quali erano i

vostri rapporti?

DICH. NAPOLITANO: – Io non ho mai conosciuto il dottor

D’Ambrosio fino al 1996, non ho mai avuto occasione di

incontrarlo, di conoscere, né per la verità ho avuto

occasione di sentirne parlare, sia pure attraverso

persone che lo conoscessero bene e che conoscessero bene

me. Debbo dare, se può interessare alla Corte, signor

Presidente, un certo peso al fatto che nel corso della

mia lunga attività parlamentare, ho detto che ero alla

settima legislatura nel 1987, i miei interessi si erano

sempre concentrati su due filoni tematici: Economia e

Mezzogiorno da un lato e Affari Esteri, Politica

Internazionale dall’altro. Io dal 1953 avevo sempre

fatto parte o della Commissione Finanza e Tesoro o della

Commissione Bilancio e Partecipazione Statali, mai della

Commissione Affari Interni, mai della Speciale

Commissione Parlamentare Bicamerale Anti Mafia. Come

accade in un grande gruppo politico, c’è naturalmente

una divisione del lavoro, che tiene anche conto delle

propensioni, delle competenze, e le mie propensioni e

competenze non mi avevano mai portato a contatto con

l’attività tutt’altra del Dottor D’Ambrosio. Lo conobbi

dopo essere diventato Ministro degli Interni del primo

Governo Prodi, nel maggio del 1996, un po’ dopo lo

conobbi, in quanto come sempre il Ministro dell’Interno

ha rapporti di collaborazione anche… Di collaborazione

stretta nel senso che possono prendere insieme

l’iniziativa di determinati Disegni di Legge. Ministro

della Giustizia Flick, Professor Flick, e fu sicuramente

il Professor Flick che mi presentò il dottor D’Ambrosio,

non saprei dire in quale mese del 96 o del 97, comunque

comincia solo allora il mio rapporto di conoscenza con

il dottor D’Ambrosio.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

10

G / T : – Prego Pubblico Ministero.

P.M. TERESI: – Al momento di questa conoscenza, cioè della

presentazione che il Ministro Flick le fece del dottor

D’Ambrosio, quali erano le funzioni che lui svolgeva?

DICH. NAPOLITANO: – Dunque, come lui ha raccontato bene in

quell’articolo scritto per il libro dedicato dalla

signora Falcone alla memoria di suo fratello, lui allora

era Capo di Gabinetto del Ministro della Giustizia.

Precedentemente, come credo si sappia largamente, era

stato nella Procura di Roma, tra l’altro assumendo una

eredità molto delicata, quella del Giudice Amato, ucciso

barbaramente dai terroristi, e si era impegnato in

quella stessa attività istruttoria che era stata fino a

quel momento svolta dal dottore Amato. Comunque il

nostro incontro fu tra me Ministro dell’Interno e Flick

Ministro della Giustizia, alla prima riunione a cui

portammo i rispettivi Capi di Gabinetto per concertare

l’una o l’altra posizione o iniziativa comune, partecipò

il dottor D’Ambrosio. Non ci furono, come dire,

presentazioni troppo cerimoniali, una riunione di

lavoro, a quel tavolo di lavoro accanto al Ministro

Flick sedeva, come suo Capo di Gabinetto, il dottor

D’Ambrosio.

P.M. TERESI: – Benissimo. Poi nel maggio 2006 lei viene eletto

Presidente della Repubblica e trova già D’Ambrosio

presso la Presidenza della Repubblica?

DICH. NAPOLITANO: – Esatto, sì, lo trovo già, anche se con un

compito un po’ più limitato perché il Presidente Ciampi

aveva pensato che fosse essenziale avere tra i suoi

Consiglieri un esperto naturalmente di Diritto e di

Procedure, anche Costituzionali, al fine di esercitare,

ove richiesto e ove naturalmente fosse poi quella la sua

determinazione, il Potere di Grazia. Quindi

essenzialmente il Dottor D’Ambrosio si concentrava su

quei casi. Una volta diventato io Presidente, mi resi

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

11

conto che era importante avere un Consigliere per gli

Affari di Giustizia con un mandato assai più ampio e

infatti lo rinominai Consigliere del Presidente, ma con

un mandato più ampio con gli Affari di Giustizia in

generale.

P.M. TERESI: – Ecco, quindi i compiti del Consigliere

D’Ambrosio si estesero dal momento in cui lei gli

conferì questo nuovo incarico. Può, signor Presidente,

indicare per piacere quali erano esattamente le nuove

competenze del dottor D’Ambrosio da lei conferitegli?

DICH. NAPOLITANO: – In modo particolare era l’assistenza che

egli era chiamato a prestarmi nell’attività attribuitami

della Costituzione di Presidente del Consiglio Superiore

della Magistratura. Come è noto e come era noto anche ai

signori Costituenti, che discussero molto di ciò, si

dava per scontato che la funzione di Presidente del

C.S.M., il Presidente eletto, Presidente della

Repubblica, automaticamente Presidente del C.S.M., non

poteva che esercitarla entro limiti molto ristretti, per

ragioni di tempo che non gli consentivano di dedicarsi

più ampiamente a quella funzione. E quindi, come allora

fu deciso dopo un dibattito che adesso non starò a

ricostruire nei dettagli, che ci dovesse essere un Vice

Presidente del C.S.M. eletto dal Consiglio Superiore tra

i membri laici del C.S.M., cioè tra i membri non togati

del C.S.M.. La funzione del Vice Presidente era una

funzione diciamo a tempo pieno ed era una funzione che

svolgeva in rapporto di consultazione, e anche diciamo

di stretta fiducia, con il Presidente della Repubblica.

Chi era chiamato a istruire l’attività del C.S.M.,

perché il Presidente della Repubblica ne avesse

contezza, era precisamente il Consigliere per gli Affari

di Giustizia, secondo una attribuzione che io gli diedi.

E questo assorbiva gran parte del tempo del dottor

D’Ambrosio, il quale poi più in generale seguiva le

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

12

vicende dell’Amministrazione della Giustizia, le vicende

dei disegni di Legge che avessero stretta attinenza con

la materia dell’amministrazione della Giustizia e io dal

canto mio potevo in questa maniera avere una idea più

precisa di come queste questioni avessero in quel dato

momento svolgimento. Nel senso che poi, come Presidente

della Repubblica, avendo un rapporto sistematico con il

Presidente del Consiglio, e quindi con il Governo,

potevo esprimere mie opinioni in modo discreto,

riservato anche sui Disegni di Legge che riguardavano la

materia della Giustizia al Presidente del Consiglio

stesso. Quindi una attività abbastanza, come dire,

comprensiva, abbastanza comprensiva. Il rapporto

assolutamente libero da formalità, libero da schemi,

sapendo come fosse uomo di grande cultura ed esperienza

giuridica il Dottor D’Ambrosio.

P.M. TERESI: – E signor Presidente, e quindi nello svolgimento

di queste funzioni del Consigliere D’Ambrosio, quale era

la frequenza delle vostre interlocuzioni dirette,

eventualmente anche in occasione di questioni giuridiche

o giudiziarie rilevanti? Cioè, era quotidiana, comunque

quanto frequente, nell’arco di una settimana…

DICH. NAPOLITANO: – Io direi che…

P.M. TERESI: – E che tipo di interlocuzione?

DICH. NAPOLITANO: – Direi che con lui, come Consigliere per

gli Affari di Giustizia, con il Consigliere per gli

Affari Giuridico – Costituzionali con il Consigliere

Militare, con il Consigliere Diplomatico, questi quattro

o cinque Consiglieri io avevo un rapporto direi quasi

quotidiano, magari per telefono, avendo il diretto sul

mio apparecchio potevo in qualsiasi momento sentire,

ascoltare l’uno o l’altro di questi Consiglieri che ho

citato perché le loro mansioni avevano una valenza molto

importante nello sviluppo dell’attività politica e

istituzionale del Presidente della Repubblica.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

13

P.M. TERESI: – Signor Presidente, questo rapporto quindi così

frequente, ovviamente per ragioni istituzionali e di

attività rispettive, in qualche modo sfociò anche in un

rapporto personale più, come dire, di affetto, di stima?

DICH. NAPOLITANO: – Il rapporto di affetto e di stima sì,

rapporto di carattere personale in senso più ampio o più

specifico no. Francamente io ho seguito una mia regola,

che è quella di avere un rapporto schietto ma sempre

inteso in termini di rapporto di lavoro da tenere su un

binario di lealtà e anche severità. Insomma, non avevo

né con il dottor D’Ambrosio, né con altri conversazioni

a ruota libera o ricostruzioni delle nostre esperienze

passate. Eravamo, questo ogni tanto è difficile farlo

intendere, eravamo una squadra di lavoro. In Italia c’è

una Repubblica, peraltro non Presidenziale, non c’è una

monarchia, non c’è una Corte, c’è attorno al Presidente

della Repubblica come istituzione monocratica una

squadra di lavoro e solo di lavoro quotidiano, corrente,

discorrevamo tra di noi, non su che cosa avesse fatto il

mio Consigliere Militare da Capo di Stato Maggiore della

Difesa o da Generale Comandante della Guardia di

Finanza, né con il mio Consigliere per gli Affari

Giuridico – Costituzionali, quali fossero state le sue

esperienze quando aveva funzioni elevate

nell’Amministrazione del Senato. Stavamo ogni giorno

sulla palla, su quello che si può considerare il nucleo

vivo dell’attività che si sviluppava nel Parlamento, che

si sviluppava da parte del Governo, e su cui io avevo in

certi limiti e in certi precisi modi una voce da fare

assentire.

P.M. TERESI: – Signor Presidente, lei sa che il nucleo

centrale, l’argomento principale per il quale è stata

richiesta e ammessa la sua testimonianza ha ad oggetto

la lettera che il Consigliere D’Ambrosio le inviò il 18

giugno del 2012 e che lei, signor Presidente, ha fatto

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

14

pubblicare sul volume della Presidenza della Repubblica

Italiana sulla Giustizia, interventi del Capo dello

Stato e Presidente del Consiglio Superiore della

Magistratura 2006 – 2012. Su questo, signor Presidente,

le volevo chiedere: prima di inviarle quella lettera, il

Consigliere D’Ambrosio gliela aveva preannunciata? E

comunque le aveva esternato la sua volontà di dimettersi

dall’incarico?

DICH. NAPOLITANO: – Assolutamente no, mi aveva solo trasmesso

un senso di grande ansietà e anche un po’ di

insofferenza per quello che era accaduto con la

pubblicazione delle intercettazioni di telefonate tra

lui stesso e il Senatore Mancino, insofferenza che poi

espresse più largamente nella lettera. Non mi

preannunciò né la lettera, né le dimissioni. Era diciamo

preso da questa vicenda, era anche un po’ assillato da

queste telefonate punto e basta. Poi la lettera per me

fu un fulmine a ciel sereno, ne rimasi molto colpito, ci

riflettei e il giorno dopo, il giorno dopo subito lo

pregai di venire nel mio ufficio, avendo già redatto una

risposta che gli consegnai. Ho voluto pubblicare questi

testi perché, diciamo, è mia linea di condotta il

rispettare rigorosamente tutte le regole che sono poste

a presidio dell’esercizio da parte del Presidente della

Repubblica delle sue prerogative, quindi rispettare

tutti i vincoli di riservatezza che da ultimo sono stati

anche molto efficacemente ricapitolati e puntualizzati

nella sentenza 1/2013 della Corte Costituzionale. Ma

nello stesso tempo dare il massimo di motivazione

pubblica di ogni mia scelta, in tutte le circostanze si

sia trattato di crisi di Governo, si sia trattato di

nomine, ho creduto che non fosse assolutamente

contrastante con l’abito di riservatezza del Presidente

della Repubblica, dare trasparenza e dare trasparenza

sulla base di motivazioni leggibili alle mie decisioni e

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

15

in questo caso ho ritenuto di dovere e potere dare

pubblicità, purtroppo senza interpellare in proposito il

dottor D’Ambrosio, alla sua lettera e alla mia risposta.

G / T : – Va bene, prendiamo atto. Lei sa che la Corte ha

tenuto ben presente sin dall’inizio quali sono i limiti

fissati dalla Corte Costituzionale proprio sotto il

profilo della riservatezza, ma la pubblicazione della

lettera, seguita peraltro da quella lettera che lei

cortesemente poi ha inviato alla Corte, in cui in

qualche modo si rappresentava già il contenuto di questo

colloquio, ci ha fatto ritenere evidentemente… E qui,

siamo qui anche per questo, ci ha fatto ritenere che

fossimo al di fuori di quella sfera di riservatezza di

cui lei stesso ha fatto cenno. Pubblico Ministero, può

procedere.

P.M. TERESI: – Grazie Presidente. Signor Presidente, proprio a

questo proposito volevo leggere un passo di quella

lettera perché costituisce poi, come dire, il

presupposto per la domanda successiva. È scritto nella

lettera, tra le altre cose: “lei sa che di ciò ho

scritto anche di recente, su richiesta di Maria Falcone,

e sa che in quelle poche pagine non ho esitato a fare

cenno ad episodi del periodo 89, 1989 – 1993, che mi

preoccupano e fanno riflettere. Che mi hanno portato a

enucleare ipotesi, solo ipotesi, di cui ho detto anche

ad altri, quasi preso anche dal vivo timore di essere

stato allora considerato solo un ingenuo e utile scriba

di cose utili a fungere da scudo per indicibili

accordi”. Signor Presidente, intanto il Consigliere

D’Ambrosio le aveva preannunciato che avrebbe fornito un

contributo alla redazione del libro della professoressa

Maria Falcone? Contributo di ricordo di Giovanni

Falcone?

DICH. NAPOLITANO: – Certamente sì, me ne diede notizia e mi

disse: appena avrò steso il testo glielo farò avere in

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

16

anteprima rispetto alla pubblicazione, e così fece, e

questo avvenne con una lettera sua di accompagnamento,

molto breve, che però ci aiuta a ricostruire con

esattezza la data, la data che era se non sbaglio

aprile, certamente il mese era di aprile, aprile 2012,

sì signore. Questo è il testo dattiloscritto che egli mi

inviò in visione, come diceva in anteprima, per il libro

della signora… Curato dalla signora Maria Falcone, ed

era un articolo che mi interessò moltissimo. Oltre

tutto conteneva fatti che io ignoravo completamente. Io,

ripeto, non avevo potuto minimamente seguire la carriera

e le funzioni molteplici del dottor D’Ambrosio e lì ce

ne era in abbondanza, era una specie di cronistoria,

almeno a partire dal 1989.

P.M. TERESI: – E quindi, per capire meglio signor Presidente,

lei questo contributo nella bozza informale che le

procurò il Consigliere D’Ambrosio, che le diede, mi

scusi, non le procurò il Consigliere D’Ambrosio, lo

lesse prima della effettiva pubblicazione del libro

della signora Falcone?

DICH. NAPOLITANO: – Sì, sì.

P.M. TERESI: – Grazie.

DICH. NAPOLITANO: – Lo lessi prima ed ebbi modo di dirgli che

mi era sembrato molto bello perché c’era molta passione,

c’era tutto il senso del suo legame profondissimo con

Giovanni Falcone.

P.M. TERESI: – E in effetti è esattamente così. Noi ovviamente

abbiamo acquisito il contributo del Consigliere

D’Ambrosio pubblicato nel libro della Professoressa

Falcone. Però dalla lettura mi sembra di poter dire che

non emerge alcun riferimento a timori del dottor

D’Ambrosio, generati da accadimenti del periodo 89 – 93,

tali, come dice poi lui nella lettera, da potere essere

stato considerato solo un ingenuo e utile scriba di cose

utili a fungere da scudo per indicibili accordi,

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

17

piuttosto quel contributo ci sembra permeato da un senso

positivo e condivisibile di orgoglio per avere il

Consigliere D’Ambrosio contribuito ad aiutare Giovanni

Falcone ad elaborare l’importante Normativa Anti Mafia

prodotta in quel torno di tempo. Quindi la domanda è:

posto ciò, se la nostra lettura è vera, lei notò una

differenza di contenuti tra il contributo in bozza che

le diede prima della pubblicazione e quello che invece

fu poi effettivamente pubblicato nel libro della signora

Falcone?

DICH. NAPOLITANO: – Di analogo sostanzialmente c’era soltanto

lo scrupolo, lo spirito di verità che animava il dottor

D’Ambrosio, perché lui in effetti usa in quella lettera,

anche in alcuni momenti, un linguaggio forte quando dice

io sono convinto che qualcuno sapeva, aveva saputo che

quel viaggio a Palermo sarebbe stato tra gli ultimi,

sarebbero diventati meno frequenti a seguito del

trasferimento della sua consorte a Roma per la

Commissione… Per il concorso in Magistratura. E lui

dice: qualcuno quindi lo sapeva. Altra cosa per cui

esprime con grande forza, in contatto con quello che ho

appena accennato e riassunto in queste righe: nessuno mi

convincerà mai che altri non sapessero che da quel

sabato i viaggi a Palermo si sarebbero diradati. E poi,

con eguale quasi drammaticità, egli parla della

possibilità, che ad un dato momento sembrò reale, in

contrasto con prese di posizione precedenti, di veder

nominato a Procuratore Anti Mafia precisamente il dottor

Giovanni Falcone. E quindi lui scrive e quello

effettivamente era per lui un dato di grande sofferenza.

Ogni volta che ripenso a quei giorni mi chiedo se

Giovanni non fu ucciso anche per quello che aveva voluto

che scrivessimo, nella consapevolezza che la mafia

costituiva un fenomeno criminale pericoloso per la

tenuta stessa dell’ordinamento democratico e addirittura

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

18

ogni tanto mi chiedo… Per dire che era un uomo che nel

suo scrupolo si interrogava molto anche su quello che

aveva vissuto. Mi chiedo se ad affrettare la sua morte

non siano state anche le notizie secondo le quali alla

fine, e pur tra mille dubbi e perplessità, il Consiglio

Superiore si stava orientando per conferire a Falcone

l’incarico di Procuratore Nazionale. Bisognava

bloccarlo. Quindi emergono elementi inquietanti sotto

forma di auto interrogativi e di dubbi. E di ciò parlai,

mi scrive nella lettera di dimissioni, di ciò ho parlato

nella lettera due mesi prima, però in questa lettera

accenni agli indicibili accordi non ci sono. Non ci

sono, come probabilmente non si troverebbero nemmeno

nelle due deposizioni rese dal dottor D’Ambrosio per

iniziativa della Procura di Palermo. Cioè noi abbiamo

questa sequenza. Se non sbaglio il Presidente

gentilmente mi correggerà, marzo e maggio deposizioni a

Palermo da parte…

G / T : – Sì, sono atti che noi abbiamo già acquisiti al

processo e sono ai nostri atti.

DICH. NAPOLITANO: – Aprile stesura dell’articolo per il libro

della Falcone, poi a giugno arriva la lettera di

dimissioni. Io direi che la differenza è sostanziale

rispetto all’articolo scritto, perché in quella lettera

c’era un dato di vera e propria esasperazione, era un

uomo profondamente scosso, amareggiato perché vedeva

mettere in dubbio la sua lealtà di servitore dello

Stato. Era una lettera di uomo sconvolto, scritta

d’impulso, con l’obiettivo di dimettersi e però sapendo

che oramai era dentro un certo tipo di movimento di

opinione, chiamiamolo così, o comunque di campagna

giornalistica che lo stava ferendo a morte.

P.M. TERESI: – E allora credo, signor Presidente, che…

Intanto vorrei chiarire, capire bene, quindi i passi che

lei ha letto poco fa sono passi della bozza che le ha

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

19

dato D’Ambrosio, non invece del libro della signora

Falcone, quindi c’è una differenza, come lei diceva,

sostanziale tra le due versioni.

DICH. NAPOLITANO: – No, no, no.

G / T : – No, per la verità si ritrovano anche nel… Le

abbiamo nel…

DICH. NAPOLITANO: – Ma io ho detto la differenza sostanziale

tra l’articolo che scrisse, quel tipo di interrogativi

che scrisse, ma il testo io l’ho controllato, quello

datomi dattiloscritto è stato senza cambiare una virgola

pubblicato nel testo del libro.

P.M. TERESI: – Quindi è identico, ho capito, mi scusi, avevo

capito male.

G / T : – Sì, sì, ma quelle frasi lette, per la verità noi le

abbiamo lette anche nella pubblicazione del libro.

P.M. TERESI: – Avevo capito male, chiedo scusa, avevo capito

male il riferimento alla differenza. E quindi ciò posto

credo che sia a questo punto indispensabile chiederle,

signor Presidente, se il Consigliere D’Ambrosio le parlò

mai di questi suoi tormenti, di questa origine, delle

cause del suo vivo timore di essere stato allora

considerato quello scriba di cui…

DICH. NAPOLITANO: – Assolutamente mai.

P.M. TERESI: – E quindi lei, a prescindere da ciò che il

Consigliere le comunicò in quel periodo che va dalla

lettera e poi purtroppo a quanto è accaduto al

Consigliere D’Ambrosio, lei ha percepito, ha mai avuto

sentore, in questo periodo di tempo, di queste

inquietudini del Consigliere D’Ambrosio per quelle

attività del periodo 89 – 93?

DICH. NAPOLITANO: – No, io ho, come ho detto, constatato de

visu il suo profondissimo stato di ansietà e anche di

indignazione, perché un uomo che aveva dedicato tutta la

sua vita al servizio dello Stato, che si era con grande

entusiasmo dedicato alla funzione di scriba per…

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

20

Chiamandola, così lui stesso molto modestamente, per

tradurre nel vero e proprio sotto sistema Anti Mafia di

norme giuridiche le intuizioni e le direttive di

Falcone. Un uomo che aveva, anche prima di assumere quel

ruolo con Falcone, ma quando esercitava presso la

Procura di Roma le funzioni di indagini che ho

ricordato, aveva subito minacce gravissime. Io lo dico

con un certo impaccio perché anche di questo non mi fece

mai parola. Era un uomo di straordinario riserbo, ma lui

aveva ricevuto, anzi la sua famiglia aveva ricevuto

minacce circostanziate di morte per una sua bambina. E

questo fatto determinò, ma non voglio andare oltre,

diciamo per esigenze che comprenderete, di rispetto

delle persone, aveva determinato effetti traumatici

all’interno della sua famiglia che duravano ancora

quando era con me.

P.M. TERESI: – Signor Presidente, subito dopo avere ricevuto

quella lettera del 18 di giugno, lei ha ricevuto, ha

avuto in merito una interlocuzione con il dottore

D’Ambrosio? E in caso affermativo, chiese al predetto

perché riteneva che lei, signor Presidente, sapesse…

Quando lui dice: lei sa di ciò che ho scritto anche di

recente su richiesta di Maria Falcone e sa che in quelle

poche pagine non ho esitato a far cenno ad episodi del

periodo 89 – 93, eccetera. Cioè, aveste una

interlocuzione diretta proprio su questo tema così

centrale e così dilaniante, a quanto sembra, per il

Consigliere D’Ambrosio?

DICH. NAPOLITANO: – Ripeto, io mi congratulai vivamente con

lui per la densità, la ricchezza di elementi conoscitivi

e di osservazioni di quel testo scritto per il libro

curato dalla signora Falcone, ma non ebbi con lui

discussioni sul passato. Era un po’ una regola non

scritta, noi dovevamo guardare alle nostre

responsabilità giorno per giorno con uno sguardo al

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

21

futuro piuttosto che al passato. E passarono,

trascorsero d’altronde non molte ore da quando io

ricevetti la lettera e successivamente lo convocai per

dire che non potevo accettare le dimissioni e per

indurlo ad una riflessione più pacata, come d’altronde

si può leggere nella mia lettera di giorno 19, il giorno

dopo quella sua di dimissioni. Ma non abbiamo mai avuto

dei pour parler. A parte diciamo il principio di

riservatezza dei colloqui del Presidente, ma vorrei

pregare la Corte e voi tutti di comprendere che da un

lato io sono tenuto e fermamente convinto che si debbano

rispettare le prerogative del Capo dello Stato così come

sono sancite dalla Costituzione Repubblicana. Dall’altra

mi sforzo, faccio il massimo sforzo per dare nello

stesso tempo il massimo di trasparenza al mio operato e

il massimo contributo anche all’amministrazione della

Giustizia. Sono, come dire, certe volte proprio su una

linea sottile, quello che non debbo dire non perché

abbia qualcosa da nascondere, ma perché la Costituzione

prevede che non lo dica, e quello che intendo dire per

facilitare il più possibile un processo di

chiarificazione (PAROLA INCOMPRENSIBILE) di una

Repubblica e anche lo sviluppo della legittimazione di

indagine e processuale della Magistratura.

G / T : – Noi la ringraziamo per questo e dove dovesse essere

raggiunto quel limite di riservatezza, lei ce lo potrà

rappresentare e noi evidentemente ne prenderemo atto.

Prego Pubblico Ministero.

P.M. TERESI: – Certo, mi rendo conto, ci rendiamo conto che,

signor Presidente, è un equilibrio difficile quindi

siamo tutti il più possibile tendenti al rispetto

massimo di quelle norme e anche della sentenza della

Corte Costituzionale. Signor Presidente, quello che ci

impressiona molto in quella frase drammatica del

Consigliere D’Ambrosio è il riferimento al fatto… Del

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

22

suo timore di essere stato considerato allora, cioè

nell’89 – 93, e non sappiamo naturalmente da chi, per

questo l’insistenza delle mie domande sulla vostra

eventuale interlocuzione personale, perché l’unica fonte

dalla quale desumere le ragioni di questa inquietudine

per essere stato considerato allora, sembrava potesse

essere quel libro della signora Falcone, dal quale

invece purtroppo non si desume alcunché in merito a

questo… Soprattutto a questo dettaglio di essere

considerato allora e che per noi e per il tema del

processo ovviamente, e non le nascondo che è di grande

rilevanza. Non perché riteniamo, questo sia chiaro e

vorrei fosse al di là anche delle funzioni che in questo

momento svolgo, signor Presidente, non si è mai pensato

da parte della Pubblica Accusa in questo processo che il

Consigliere D’Ambrosio fosse minimamente coinvolto,

neppure a causa di un suo comportamento inconsapevole.

Però ci fa specie questa sua così forte sensazione,

questo suo struggente richiamo al timore di essere stato

allora considerato solo un ingenuo e utile scriba.

Quindi, ecco, l’insistenza sta in questo, perché allora,

e da chi, semmai, lei ebbe percezione di questa cosa e

se può riferirla.

DICH. NAPOLITANO: – Io comprendo benissimo, come dire, il

concentrarsi su quelle poche righe e l’interrogarsi sul

loro significato, data la drammaticità del tono e anche

del contenuto, ed è verissimo perché quando lui scrive:

“lei sa che di ciò ho scritto anche di recente”. Ma come

abbiamo detto tutti lì, in quello scritto non parla

dell’utile scriba o nemmeno degli accordi indicabili.

Solleva degli interrogativi che non sono da poco,

l’interrogativo che qualcuno, sempre diciamo negli

ambienti mafiosi, avesse saputo che poteva essere il suo

ultimo viaggio, almeno per un certo periodo di tempo, a

Palermo o che qualcuno in vari ambienti potesse

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

23

cooperare a che non diventasse Procuratore Nazionale

Anti Mafia. Queste sono le cose che si trovano nel libro

e nel suo scritto per il libro e certamente non

corrispondono a quelle tre righe, che perciò rimangono

tre righe a cui è difficilissimo, a cui è difficilissimo

dare una interpretazione. Io poi, ripeto, credo che

altre personalità che hanno avuto rapporti in quegli

anni, come soggetti istituzionali, con D’Ambrosio,

possono più facilmente di me essersi fatte delle idee in

proposito, non lo so. Ma naturalmente coloro che avevano

la responsabilità in tutti gli aspetti della

impostazione, della guida e della gestione della

politica anti mafia e della lotta contro la criminalità

organizzata, erano naturalmente il Ministro della

Giustizia, il Ministro dell’Interno, la Commissione Anti

Mafia, tutti incarichi che io certamente non ho

ricoperto tra l’89 e il 93.

P.M. TERESI: – Certo. Sempre nella lettera del 18 giugno, il

Consigliere D’Ambrosio le rappresenta di avere letto e

riletto, quindi questo sottolinea l’attenzione con cui

l’ha fatto, le audizioni dell’Anti Mafia di protagonisti

e comprimari di quel periodo. Qui c’è un altro momento

della lettera, come dire, drammatico: “non le nascondo

di aver letto e riletto le audizioni dell’anti mafia, di

protagonisti e comprimari di quel periodo, e di avere

desiderato di tornare anche io a fare indagini, come mi

accadde oltre trenta anni fa dopo la morte di Mario

Amato, ucciso dai terroristi”. Ecco, la domanda è: lei

sa a quali audizioni innanzi alla Commissione Anti Mafia

si riferisse il Consigliere D’Ambrosio? E perché lo

avevano colpito a tal punto da fargli desiderare

addirittura di tornare a fare indagini?

DICH. NAPOLITANO: – Assolutamente no, perché non ho mai fatto

parte della Commissione Anti Mafia nelle sue diverse e

successive composizioni, né tanto meno per il mio lavoro

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

24

parlamentare mi sono andato a leggere di volta in volta

o tutte insieme, a distanza di qualche tempo, i

resoconti stenografici delle audizioni. Insomma, io

ritengo che alcune di queste espressioni così

drammatiche, così dure, siano lo specchio però di uno

stato d’animo veramente esasperato. Questa è una lettera

che poteva concludersi con le dimissioni se le avessi

accettate e poteva concludersi forse anche

drammaticamente, dato il grado di enorme tensione, e

quindi ad un dato momento con questa lettera lui si

libera, si libera senza raccontare quello che

probabilmente aveva da raccontare, ma mette l’accento

fortemente sul suo tormento, sul suo travaglio nel

momento in cui escono sui giornali le intercettazioni o

parte delle intercettazioni delle telefonate tra lui

stesso e il Ministro Mancino e lui si vede collocato in

una luce di ambiguità, di dubbio circa la sua lealtà.

Questo lo ha spinto diciamo al massimo di

drammatizzazione anche in questo ricapitolare in tre

pagine di una sua lunga storia.

P.M. TERESI: – Certo. Signor Presidente però, come dire, la

vicenda evocata in questo passo della lettera ha una sua

autonomia, probabilmente una sua ragione specifica in

ordine ai tormenti del dottore D’Ambrosio, perché

riguardano ciò che alcuni soggetti ebbero a dire alla

Commissione Anti Mafia, per questo… È da questa

considerazione che nasce la domanda, a prescindere

ovviamente dal tormento in generale che nasceva dalle

vicende che in quel momento stava vivendo il dottor

D’Ambrosio. Lui ascolta delle audizioni all’Anti Mafia

che lo turbano al punto da fargli desiderare di tornare

a fare indagini in prima persona. E quindi pensavamo che

ci fosse una interlocuzione su questo, ecco, su questo

passo anche questo così fortemente significativo. Ma a

prescindere anche da queste interlocuzioni, diciamo, del

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

25

periodo in cui il Consigliere D’Ambrosio le inviò la

lettera, lei in epoca precedente, quindi precedente alla

sua elezione a Presidente della Repubblica prima del

2006, lei ebbe mai modo di confrontarsi con D’Ambrosio

sulle vicende delle stragi del 92 – 93?

DICH. NAPOLITANO: – Assolutamente no, io ero diciamo, come

tutte le personalità politiche democratiche,

profondamente impregnato di sentimenti e di posizioni

reali in chiave di piena solidarietà con chi conduceva

la lotta contro la mafia e di profonda partecipazione

alla perdita, che è stata una perdita per tutto il

paese, di Borsellino e di Falcone ancor prima, e quindi

da Presidente della Camera, che certamente non aveva

responsabilità specifiche in materia, corsi il 19 luglio

del…

P.M. TERESI: – Del 92.

DICH. NAPOLITANO: – Dunque… Un mese dopo la strage di Capaci

ci fu l’assassinio di Borsellino. Un anno dopo io corsi

per dire con grande consapevolezza a Catania per

celebrare il primo anniversario della morte, incontrai a

Palazzo di Giustizia tutta la Magistratura catanese, ci

mettemmo in corteo e a conclusione del corteo io feci un

pubblico discorso ed il giorno dopo una conferenza

stampa per dire quella che mi sembrava diciamo la linea

interpretativa più corretta della politica mafiosa di

attacco allo Stato, lo stragismo. Però di questo con

Loris non abbiamo mai avuto modo di parlare. Lui

naturalmente si riferiva spesso, e perfino poi nel libro

che ha pubblicato la Falcone, si riferisce ancora al

libro intervista di Giovanni Falcone con la Marcelle

Padovani e aveva modo di dirmi che lo considerava il

libro più indicativo del pensiero di Giovanni Falcone a

proposito della strategia anti mafia. Ma al di là di

ciò, non… Ripeto, anche perché avevamo un rapporto di

lavoro molto intenso con tutti i miei Consiglieri,

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

26

insomma di tempo per abbandonarci a ricordi, a

ricostruzioni, a… Non lo avevamo, non rientrava nel

clima della squadra di lavoro diciamo.

P.M. TERESI: – Va bene, pur tuttavia appunto, Presidente, lei

stesso ha ricordato davvero il segno forte che quelle

due stragi, 23 maggio e il 19 luglio 92, hanno lasciato

in tutto il paese, a prescindere appunto dal fatto che

siano state consumate a Palermo. Al di là di questo,

signor Presidente, ma ovviamente in modo strettamente

connesso, mi vorrei riportare un attimo ad un passo del

libro, del contributo del Consigliere D’Ambrosio al

libro della signora Falcone, ed è a pagina 165, è

l’ultima parte proprio, le ultime righe, quando il

Consigliere D’Ambrosio dice: “mi porto ancora appresso

tanta rabbia, quella stessa che un po’ piangendo e un

po’ facendomi forza mi indusse nei giorni successivi

alla sua morte a tornare a scrivere Leggi, in

particolare quel Decreto 8 giugno 92 che ancora oggi

porta il suo nome e con il quale tentammo, unendo le

nostre forze, di aggiungere qualche altro tassello a

quel programma anti mafia che lui aveva pensato, voluto

e ci aveva illustrato. Quasi un omaggio alla sua memoria

e una angosciata allusione di averlo ancora vicino”.

Signor Presidente, anche questo… Evidentemente Loris

D’Ambrosio era persona di grande forza e trasmetteva

anche grande forza emotiva. Lei nel 92 era Presidente

della Camera, al momento in cui entrò in vigore il

Decreto Legge 8 giugno 92, che tra l’altro introduceva

il regime carcerario speciale dell’articolo 41 bis

dell’ordinamento penitenziario e quindi nel momento

della conversione in Legge di quel Decreto. E ricorda

quindi se proprio nell’iter di conversione in Legge

sorsero dubbi o perplessità sul 41 bis? Ricorda le

problematiche rappresentate anche all’interno dei

diversi partiti politici di maggioranza e di

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

27

opposizione?

DICH. NAPOLITANO: – Ma sa, il Presidente della Camera non

entra nel merito dei provvedimenti di Legge sottoposti

all’esame del Parlamento, né si confronta con i singoli

gruppi parlamentari sui contenuti delle loro posizioni.

Io posso avere un ricordo piuttosto vago o del tutto.

Quello che è certo è che, divenendo io Presidente della

Camera dopo la strage di Capaci, prima dell’assassinio

di Borsellino, mi trovai come prima questione di grande

rilievo quella di incoraggiare, era ciò che potevo fare,

la rapida soluzione con un voto in Parlamento che non

ritardasse. E il clima però era molto, fortemente

dominato dalle due tragedie e quindi debbo dire che in

quel momento non vi furono, per quel che posso

ricordare, distinzioni e contrapposizioni gravi sul da

farsi.

P.M. TERESI: – No signor Presidente, io mi riferivo se riesce

ad avere il ricordo proprio separato dal punto di vista

cronologico, mi rendo conto che sono fatti… Se alcune

posizioni magari di dubbio sul 41 bis vi furono nel

periodo immediatamente dopo la strage di Capaci, ma

prima della strage di Via D’Amelio. In quell’arco di

tempo, perché era già in discussione il problema della

conversione in Legge del decreto e quindi se subito dopo

il 23…

VOCE FUORI MICROFONO

P.M. TERESI: – Certo, subito dopo l’8 giugno, ma prima del 19

di luglio, c’erano posizioni politiche differenziate,

ecco. Ma per carità, legittimamente, perché il 41 bis

pone problemi anche di natura costituzionale e avrebbe

potuto porli, perché si trattava della libertà

personale, si trattava di un regime carcerario

particolarmente rigoroso e forse al limite davvero di

certi canoni. Quindi se questo lei lo ricorda come…

Non dico come dibattito parlamentare, ma come… Come

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

28

vorrei dire, linee di idee, di opinioni delle forze

politiche che si accingevano a discutere un fatto così

importante in Parlamento.

DICH. NAPOLITANO: – A me pare di poter dire che le forze

fondamentali, i gruppi parlamentari più forti e che

avevano maggiore autorità in Parlamento, non avevano

dubbi su quella linea. Poi in effetti la questione fu

sollevata dinnanzi alla Corte Costituzionale e sappiamo

che la sentenza che confermò la legittimità di quella

norma, pur tuttavia circondò questa conferma di alcune

raccomandazioni, se così le vogliamo chiamare. Ma a mio

avviso bisognerebbe andarsi a rileggere, non ho creduto

di poterlo o doverlo fare, andare a rileggere gli atti

della discussione alla Camera, a cominciare dalla

relazione, non saprei chi fu allora il relatore, e dalle

dichiarazioni di voto finali. Questa è una indagine che

chiunque voglia può facilmente fare, gli atti

parlamentari sono digitalizzati, disponibili anche con i

più moderni ed efficaci mezzi di informazione.

P.M. TERESI: – Signor Presidente, sempre in quel periodo

ricorda se nell’ambito del dibattito parlamentare,

quindi, va beh, questo anche in epoca… Niente, la mia

domanda in verità era tesa ad accertare se in sede per

esempio di riunione di capi gruppo queste eventuali

differenze fossero emerse, ma…

DICH. NAPOLITANO: – Ma sa, le conferenze dei capi gruppo sono

destinate esclusivamente a ordinari lavori parlamentari,

non c’è mai lì la sede di un confronto nel merito dei

provvedimenti. Poi vorrei dire, se può interessare la

Corte e la Pubblica Accusa, io nel 1992, dopo la mia

elezione, per molti mesi, fino all’anno 93 inoltrato,

ebbi l’assillo delle domande di autorizzazione a

procedere come ricaduta dell’inchiesta Mani Pulite nella

Procura di Milano. Io dovetti istruire, volendo dare un

segnale di assoluta tempestività, io dovetti istruire

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

29

una seduta apposita ogni settimana giovedì, interamente

dedicata all’esame delle domande di autorizzazione a

procedere e il clima non era un clima facile all’interno

dell’Assemblea. Penso che ottenemmo dei risultati molto

importanti nel senso della rapidità delle decisioni. E

l’altro impegno fondamentale per me era quello di dare

esecuzione al referendum popolare che domandò la

modifica della Legge Elettorale, e quindi l’elaborazione

della Legge Elettorale, e anche il tentativo di riforma

costituzionale affidato ad una speciale commissione

presieduta prima dall’Onorevole De Mita e poi

dall’Onorevole Iotti. Quello era, come dire, il focus,

questi due filoni rappresentavano il focus del mio

impegno di Presidente, non trascurandone nessun altro,

ma…

P.M. TERESI: – Tra queste tante cose che ci ha ricordato,

signor Presidente, ricorda se in quel periodo

qualcuno… Se vennero presentati Disegni di Legge o

proposte aventi ad oggetto l’istituto della

dissociazione dei detenuti per fatti di mafia, come

strumento da cui fare discendere benefici ai mafiosi che

avessero deciso di dissociarsi dalla organizzazione di

appartenenza?

DICH. NAPOLITANO: – Quello fu il periodo in cui si misero in

cantiere le norme che poi sarebbero diventate anche le

norme per i dissociati, per i pentiti, norme che poi

ebbero una lunga storia che non credo sia qui il caso di

richiamare, altrimenti ci allontaniamo un po’ troppo, a

me pare…

P.M. TERESI: – No, per carità…

DICH. NAPOLITANO: – Dalle circostanze su cui io…

P.M. TERESI: – No, no, volevo… Mi scusi.

G / T : – Poi in ogni caso sono noti perché ovviamente

pubblicati negli atti parlamentari, quindi facciamo

domande più specifiche.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

30

P.M. TERESI: – No, no, se ricorda se ci fu specificatamente

sull’argomento della dissociazione, diverso da quello

ovviamente che riguardava i collaboratori di giustizia.

G / T : – Sì, però volevo dire che le iniziative parlamentari

evidentemente sono documentate e documentabili,

quindi…

DICH. NAPOLITANO: – Io comunque non ricordo. Ho anche

pubblicato un libro (PAROLA INCOMPRENSIBILE) ponderoso

in cui ricostruisco la mia attività di Presidente della

Camera e non ci fu posto, diciamo in questo mio ricordo,

per una questione come quella, che era poi molto

affidata alla Commissione Giustizia della Camera.

P.M. TERESI: – Ovvio, certo. E diciamo più in generale nel

corso del dibattito parlamentare per la conversione in

Legge del decreto 2 giugno 92, questa discussione fu

orientata verso la risposta dura e intransigente, contro

l’aggressione mafiosa contro lo Stato dopo le stragi?

Cioè, fu unanime questa durezza di necessità? La

necessità di una durezza di intervento?

DICH. NAPOLITANO: – Certamente sì, ma poi d’altronde tutti

sanno, tutti ricordano che fu talmente forte l’impatto

emotivo della strage di Capaci che mentre si stavano

prolungando le votazioni per l’elezione del Presidente

della Repubblica, ne venne un forte stimolo direi anche

morale a trovare l’intesa necessaria per eleggere senza

ulteriori prolungamenti il nuovo Presidente della

Repubblica.

P.M. TERESI: – Per la mia parte…

DICH. NAPOLITANO: – Nella persona, non a caso, di un

parlamentare di lungo corso come l’Onorevole Scalfaro,

che era stato molto intransigente su tutte le questioni

del controllo di legalità e di lotta contro la

criminalità e che era stato poi l’autore di uno

straordinario discorso in Parlamento sulla avvenuta

strage di Capaci. L’orientamento generale era di una

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

31

lotta senza quartiere.

P.M. TERESI: – Signor Presidente, in quel periodo che stiamo

evocando con queste domande e con le sue risposte, lei

ricorda, ebbe notizia di particolari esposizioni di

minacce molto concrete, di morte nei confronti di alcuni

parlamentari dell’epoca? Mi riferisco all’epoca Ministro

Mannino, ad Andò, a Vizzini e ad altri?

DICH. NAPOLITANO: – Guardi, io credo di avere una discreta

memoria, ma una simile memoria di elefante per ricordare

tutti i dettagli di quel periodo, da cui ci distanziano

oltre venti anni, francamente no. Noi abbiamo avuto modo

di occuparci, anche perché ho visto che c’è stato

chiesto di dare la mia disponibilità per un ulteriore

capitolo di prova che riguarda le minacce di attentati

del 93 a personalità politiche che fossero stati colpiti

da minacce e altri parlamentari prima di quell’agosto o

di quell’estate del 93, non lo ricordo.

P.M. TERESI: – Va bene Presidente, io la mia parte di esame

l’ho finita, se il Presidente ritiene, sennò prosegue

direttamente il collega Di Matteo.

G / T : – Allora, innanzitutto il Presidente quando desidera

fare qualche pausa, noi siamo ovviamente qui a sua

disposizione, ce lo può rappresentare lei o altrimenti

procediamo, come preferisce.

DICH. NAPOLITANO: – La ringrazio molto della cortesia, non ho

nemmeno avuto modo all’inizio di ringraziarla per la

assai costruttiva interlocuzione che c’è stata tra noi

in preparazione di questa udienza.

G / T : – Grazie a lei per la cortese sempre ospitalità,

gradita ospitalità. E allora, se lei ritiene di

proseguire noi diamo la parola al dottore Di Matteo

credo.

DICH. NAPOLITANO: – Proseguiamo.

G / T : – Ma in qualunque momento lei lo desidererà, può darci

segnale.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

32

DICH. NAPOLITANO: – Grazie, molto gentile.

G / T : – D’altronde è in nostro padrone di casa e noi siamo

qui grazie alla sua disponibilità. Prego dottore Di

Matteo.

DOMANDE DEL SOSTITUTO PROCURATORE DOTTORE DI MATTEO

P.M. DI MATTEO: – Grazie alla Corte. Buongiorno Presidente,

sono, anche per la trascrizione, il dottore Antonino Di

Matteo, Sostituto Procuratore della Repubblica a

Palermo. Le porrò alcune domande, anche seguendo

l’indicazione del Presidente della Corte, su fatti

specifici, su eventuali sue conoscenze e su alcuni fatti

specifici sempre di quel periodo, intanto, in cui lei

svolgeva la funzione di Presidente della Camera dei

Deputati. Una domanda di specificazione sul tema della

conversione in Legge del Decreto Legge 306 del 92,

quello dell’8 giugno, quello tra l’altro comprendente

l’istituzione del regime penitenziario speciale del 41

bis. Lei sa, ricorda se la strage di Via D’Amelio in

danno del Giudice Borsellino del 19 luglio del 1992 e

degli agenti della sua scorta, influì in qualche modo

sull’andamento del dibattito parlamentare sulla

conversione in Legge del Decreto? Noi abbiamo, per

aiutarla nel ricordo, abbiamo un Decreto Legge dell’8

giugno, che poi sarà convertito l’8 agosto, l’ultimo

giorno utile per la conversione. Nel mezzo, il 19 luglio

del 92, viene perpetrata la strage di Via D’Amelio. Le

chiedo se lei ha ricordo se quel fatto delittuoso

ulteriore del 19 luglio 92 influì in qualche modo

sull’andamento dei lavori parlamentari per la

conversione in Legge del Decreto.

DICH. NAPOLITANO: – Ma più che ricordare dati specifici, che

ne so, cambiamenti di posizioni da parte di alcune forze

politiche, del che non rammento nulla. Sono convinto che

quella tragedia di Via D’Amelio rappresentò un colpo di

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

33

acceleratore decisivo, perché come diceva prima il

dottor Teresi si era arrivati quasi al limite dei

sessanta giorni per la conversione in Legge del Decreto

e anche se è vero che in quell’epoca esisteva la

possibilità poi, molti anni dopo negata dalla Corte

Costituzionale, di reiterazione del Decreto, né credo

che nessuno allora pensò che in una situazione così

drammatica si potesse lasciar decadere il decreto alla

scadenza dei sessanta giorni per poi rinnovarlo. Ci fu

la convinzione che si dovesse assolutamente dare questo

segno all’avversario, al nemico mafioso.

P.M. DI MATTEO: – Senta, e proprio prendendo spunto da questa

sua risposta, prima del 19 luglio del 1992 e tenuto

conto del fatto che il 1 luglio del 92 si insediò un

governo nuovo e diverso rispetto a quello prima in

carica, lei sentì mai in ambito parlamentare proporre di

far decadere quel Decreto e lasciare l’eventuale

discussione ad una fase successiva, ad una

riproposizione del nuovo Governo nel frattempo

insediato?

DICH. NAPOLITANO: – No, non ricordo di aver sentito nulla del

genere.

P.M. DI MATTEO: – Presidente, in quel periodo, nel periodo

immediatamente successivo, nell’ultima parte del 1992,

era Presidente della Commissione Parlamentare Anti Mafia

l’Onorevole Luciano Violante. Lei, Presidente della

Camera, che tipo di rapporto aveva e di interlocuzione

aveva con il Presidente della Commissione Parlamentare

Anti Mafia anche in ragione, mi corregga se sbaglio,

dell’allora comune appartenenza allo stesso gruppo

politico?

DICH. NAPOLITANO: – Guardi, il rapporto tra il Presidente

della Commissione Anti Mafia o la, dovremmo dire oggi,

Presidente della Commissione Anti Mafia e in Presidente

della Camera, e bisognerebbe aggiungere sempre il

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

34

Presidente del Senato perché è una Commissione

bicamerale, era semplicemente o di informazioni di volta

in volta considerate necessarie, o di consegna, perché

questo era un atto formale previsto, di consegna della

relazione conclusiva della Commissione Anti Mafia per

quel determinato periodo, nelle mani del Presidente sia

della Camera e sia del Senato. Ma l’Onorevole Violante

era impegnato fino in fondo in quel settore, io lo

seguivo direi abbastanza da lontano. In precedenza era

stato Presidente della Commissione Anti Mafia il

Senatore Gerardo Chiaromonte, che si era impegnato

moltissimo anche lui, ma siamo in una fase, in una fase

precedente insomma, io… E poi il Senatore Chiaromonte,

prima della sua scomparsa, pubblicò un breve libro, “I

miei anni all’Anti Mafia”, che forse potrebbe essere, ma

lo dico per me, potrebbe essere utile andare a

rileggersi.

P.M. DI MATTEO: – Traggo questa domanda da quello che lei ha

affermato nella prima parte della precedente risposta,

c’era comunque una prassi, una abitudine da parte del

Presidente della Commissione Anti Mafia in relazione a

fatti e vicende ritenute particolarmente importanti

innanzi alla Commissione, comunque di informare il

Presidente della Camera dei Deputati e il Presidente del

Senato? Mi è parso di capire dalla prima parte della sua

risposta alla precedente domanda, che nel caso in cui

davanti alla Commissione Anti Mafia dovessero svolgersi

attività ritenute particolarmente delicate o importanti,

era prassi che il Presidente della Commissione Anti

Mafia comunque avvertisse, informasse i Presidenti dei

due rami del Parlamento. È così o…

DICH. NAPOLITANO: – No, non saprei dire quanto fosse, almeno

nel periodo in cui io ero Presidente, quanto fosse

frequente questa prassi informativa. Ricordo che in quel

periodo, anche in seno alla Commissione Anti Mafia

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

35

Presidente Violante, ci fu una discussione vivace circa

la opportunità o meno che la Commissione Anti Mafia

sentisse dei collaboratori di giustizia. Lì ci fu una

dialettica abbastanza vivace perché c’erano alcuni che

sostenevano, alcuni magari della stessa parte politica

di Violante, che però in linea di principio sostenevano

che non si potesse da parte della Commissione

Parlamentare Anti Mafia, benché dotata dei poteri

dell’Autorità Giudiziaria, sovrapporsi a un compito che

era squisitamente della Magistratura e specificamente

della Magistratura requirente, quella dell’interrogare i

collaboratori di giustizia. Ma per dare un esempio, è

l’unico che mi viene in mente. Poi la maggioranza della

Commissione comunque approvò la proposta di Violante di

procedere a quelle audizioni.

P.M. DI MATTEO: – Lei venne informato dal Presidente Violante

o eventualmente da altri, che il già allora noto Vito

Ciancimino aveva richiesto di essere audito innanzi alla

Commissione Parlamentare Anti Mafia?

DICH. NAPOLITANO: – Sì, ricordo vagamente sì, poi fu notizia

apparsa rapidamente anche sulla stampa.

P.M. DI MATTEO: – Al di là della pubblicazione sulla stampa,

Presidente, riesce a ricordare in che termini e chi

gliene parlò in esito alla richiesta di Vito Ciancimino?

DICH. NAPOLITANO: – Molto probabilmente lo stesso Presidente

Violante, poi l’orientamento che fu assunto, fu un

orientamento negativo nei confronti di quella richiesta.

P.M. DI MATTEO: – E le ebbe anche per caso a dire, ad

esternare gli eventuali suoi, del Presidente Violante,

orientamenti e le ragioni per le quali poi prevalse

l’orientamento negativo?

DICH. NAPOLITANO: – No, io su provvedimenti o su decisioni di

qualsiasi organo parlamentare non sono mai intervenuto

interferendo nella maturazione delle posizioni di

quell’organismo parlamentare. Il Presidente non ha, il

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

36

Presidente non ha altri poteri.

P.M. DI MATTEO: – Infatti le avevo chiesto semplicemente se

spontaneamente, diciamo, il Presidente Violante le

avesse…

DICH. NAPOLITANO: – Può anche avermene parlato, certamente, ma

non perché io mi pronunciassi.

P.M. DI MATTEO: – Ho capito. Senta, un altro avvenimento

diciamo specifico che riguarda la Commissione Giustizia,

proprio questa della Camera dei Deputati. Nell’ottobre

del 1992 la Commissione Giustizia della Camera dei

Deputati si occupò della situazione dei detenuti al 41

bis, in particolare dei penitenziari di Pianosa e

Asinara, anche con la visita di alcuni componenti della

Commissione a quelle carceri. Volevamo un suo contributo

di conoscenza, se è in grado di fornircelo, su questi

aspetti. Lei ricorda chi furono i promotori e quale fu

la conclusione dell’attività ispettiva? Ricorda in

particolare se e per quali motivi già allora venne

prospettata l’opportunità della chiusura di quelle due

strutture penitenziarie o almeno di una di esse?

DICH. NAPOLITANO: – Non ricordo questi particolari, non ero

nemmeno, come dire, predisposto a quesiti così specifici

su avvenimenti occorsimi durante la Presidenza della

Camera dei Deputati, altrimenti mi sarei fatto carico di

una rilettura degli atti del Parlamento, diciamo

adempimento di altri miei compiti di lettura e di

decisione istituzionali, ma a memoria io che le posso

dire? Ricordo molto più fortemente quelle questioni su

cui dissi che ero obiettivamente impegnato con priorità

assoluta, le richieste di autorizzazione a procedere

provenienti sostanzialmente dalla Procura di Milano e i

lavori che si avviavano per modificare la Legge

Elettorale, anche per modificare l’articolo 68 della

Costituzione o quelle che riguardavano la revisione

della seconda parte della Costituzione. Su quello sarei

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

37

in grado di ricordare di più, ma non è diciamo un invito

che io faccio a metterci a discutere anche di quegli

altri temi. Era solo per dire che tanti elementi

specifici di altre discussioni non posso averli tenuti a

mente e non li ho tenuti a mente.

P.M. DI MATTEO: – Sempre in collegamento con il problema del

41 bis e delle carceri di Pianosa e dell’Asinara, nel

febbraio del 1993, al Presidente della Repubblica,

Onorevole Scalfaro, venne recapitato un lungo e

minaccioso esposto che è agli atti del dibattimento,

ricorderà il signor Presidente della Corte, a firma di

sedicenti parenti dei detenuti mafiosi a Pianosa e

all’Asinara. L’esposto era indirizzato anche ad altre

autorità civili, il Presidente del Consiglio, il

Ministro dell’Interno, il Ministro della Giustizia, e

religiose, tra le quali il Vescovo di Firenze, nonché a

soggetti privati, tra i quali il giornalista Maurizio

Costanzo. La nostra necessità di approfondimento,

Presidente, è questa: lei ne venne informato di questa

lettera dal contenuto veramente pesante e minaccioso nei

confronti del Presidente della Repubblica? Sa se la

questione venne posta all’attenzione della Commissione

Giustizia della Camera?

DICH. NAPOLITANO: – Lei cita il Presidente della Repubblica,

ma lei poco fa non lo ha indicato.

P.M. DI MATTEO: – Onorevole Scalfaro.

DICH. NAPOLITANO: – Questo quando?

P.M. DI MATTEO: – Nel febbraio del 1993.

DICH. NAPOLITANO: – Era Presidente della Repubblica?

P.M. DI MATTEO: – Presidente della Repubblica, sì.

DICH. NAPOLITANO: – Se ne parlò molto anche sulla stampa, ma

di questa lettera non ricordo di avere avuto mai copia

per notizia.

P.M. DI MATTEO: – Informazione? No perché in verità,

Presidente, anche per non indurla in un eventuale

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

38

equivoco, a noi non risulta che la stampa allora

pubblicò nulla rispetto a questa lettera, quindi…

Della lettera si è venuti a conoscenza soltanto molti

anni dopo, qualche anno fa, grazie alle testimonianze di

alcuni soggetti che sono stati sentiti dalla Procura di

Palermo. Però lei non ha ricordo quindi, non venne

informato. Presidente, nei mesi successivi si

verificarono degli attentati con l’utilizzo di

esplosivo, con auto bombe, in via Fauro a Roma, in Via

dei Georgofili a Firenze e, nella notte tra il 27 e il

28 luglio del 1993, contestualmente in Via Palestro a

Milano e a San Giovanni Laterano e San Giorgio al

Velabro a Roma. Ricorda, Presidente, quali furono ai più

alti livelli istituzionali e politici le reazioni più

immediate a quelle stragi? Quali furono in quelle sedi,

cioè ai più alti livelli istituzionali, le valutazioni

più accreditate al momento sulla matrice e la causale di

quelle stragi che tanto profondamente avevano scosso il

paese?

DICH. NAPOLITANO: – Scusi signor Presidente, se posso

chiederle…

G / T : – Sì.

DICH. NAPOLITANO: – Dato che è stata aggiunta un’altra

richiesta di…

G / T : – Che è un po’ diversa, che è un po’ diversa, perché

la richiesta dell’Avvocato Cianferoni, che al momento

non è all’esame della nostra odierna udienza, attiene a

un fatto ulteriore. Questa domanda mi pare che non sia

pertinente con quel fatto, per quel fatto sarà…

Almeno, per quello che è stato richiesto dall’Avvocato

Cianferoni, riguarda degli allarmi che riguardarono la

sua persona in particolare.

DICH. NAPOLITANO: – Il contesto però è unico.

G / T : – Il contesto sicuramente è unico.

DICH. NAPOLITANO: – In ogni caso posso rispondere?

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

39

G / T : – Certo, certo, e infatti per questo…

DICH. NAPOLITANO: – Poi se successivamente sarà posta l’altra

questione, cercherò di evitare di ripetermi e cercherò

di…

G / T : – E lo apprezziamo sicuramente.

DICH. NAPOLITANO: – Nell’interesse generale.

G / T : – Lo apprezziamo sicuramente, anzi raccogliamo questa

disponibilità anche per esigenze, per così dire, come

usiamo dire noi, di economia processuale. Ringraziandola

ancora per la disponibilità, quindi allora procediamo

anche a questo…

AVV. CIANFERONI: – Presidente scusi, Avvocato Cianferoni.

Scusi, mi permette signor Pubblico Ministero? Quindi in

buona sostanza oggi l’esame sarà completo, sul

testimoniale del Pubblico Ministero e della Difesa.

G / T : – Essendo questo tema già introdotto in sede di esame,

in ogni caso con il contro esame, come è stato precisato

nell’ordinanza che la Corte ha emanato qualche giorno

fa, evidentemente il contro esame può avere ad oggetto

gli stessi temi introdotti in sede di esame.

AVV. CIANFERONI: – Grazie.

G / T : – In sede di esame stiamo in questo momento

introducendo proprio… Se non proprio quel tema, ma a

quel tema già arriveremo perché come il Presidente

Napolitano adesso ha precisato, il contesto

evidentemente è sicuramente lo stesso. Prego Pubblico

Ministero.

P.M. DI MATTEO: – Vuole che ripeto la domanda?

DICH. NAPOLITANO: – No, no, no, ce l’ho ben presente. Ma la

valutazione comune alle autorità istituzionali in

generale e di Governo in particolare, fu che si trattava

di nuovi sussulti di una strategia stragista dell’ala

più aggressiva della mafia, si parlava allora in modo

particolare dei corleonesi, e in realtà quegli

attentati, che poi colpirono edifici di particolare

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

40

valore religioso, artistico e così via, si susseguirono

secondo una logica che apparve unica e incalzante, per

mettere i pubblici poteri di fronte a degli aut – aut,

perché questi aut – aut potessero avere per sbocco una

richiesta di alleggerimento delle misure soprattutto di

custodia in carcere dei mafiosi o potessero avere per

sbocco la destabilizzazione politico – istituzionale del

paese e naturalmente era ed è materia opinabile.

Comunque non ci fu assolutamente sottovalutazione, noi

siamo arrivati con la sua domanda ad un periodo che vede

Carlo Azeglio Ciampi Presidente della Repubblica e

Ciampi è tornato molte volte, in più pubblicazioni,

anche in libri recenti, su quello che di inquietante

presentò quel momento e non soltanto per gli attentati

che furono compiuti a Firenze, a Milano, a Roma in modo

quasi concomitante, un pò prima maggio, se ben ricordo,

i Georgofili, e luglio gli altri. Ma addirittura citò

come particolarmente inquietante l’episodio di un black

aut al Quirinale. Quindi c’era molta vigilanza, molta

sensibilità e molta consapevolezza della gravità di

questi fatti.

P.M. DI MATTEO: – E quindi lei ha detto si ipotizzò subito che

la matrice unitaria e la riconducibilità ad una sorta di

aut – aut, di ricatto della mafia, ho capito bene?

DICH. NAPOLITANO: – Ricatto o addirittura pressione a scopo

destabilizzante di tutto il sistema.

P.M. DI MATTEO: – Grazie.

DICH. NAPOLITANO: – Probabilmente presumendo che ci fossero

reazioni di sbandamento delle Autorità dello Stato,

delle forze dello Stato.

P.M. DI MATTEO: – Senta, in parte ha già introdotto lei con la

sua risposta precedente l’argomento sul quale le volevo

chiedere una ulteriore specificazione. Lei ricorda se

nelle ore successive agli attentati del 28 luglio il

Presidente del Consiglio Ciampi, era mi pare Presidente

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

41

del Consiglio in quel momento, anche in esito al

momentaneo black aut delle linee telefoniche di Palazzo

Chigi, di cui lei ha fatto cenno, affermò pubblicamente

di avere temuto in quelle ore il verificarsi di un Colpo

di Stato?

DICH. NAPOLITANO: – Mi ricordo benissimo, lo ricordo

benissimo. Poteva considerarsi un classico ingrediente

di Colpo di Stato anche del tipo verificatosi in altri

paesi lontani dal nostro, questo tentativo di isolare

diciamo il cervello operante delle forze dello Stato,

blocchiamo il Governo, il Capo del Governo, l’edificio

in cui vengono prese le decisioni del Governo, dopo di

che possono rimanere senza guida le Forze di Polizia, le

Forze dell’Ordine e questo certamente è ciò che aveva in

modo particolare impressionato Ciampi e che lo aveva

indotto a parlare di qualcosa che poteva essere

assimilato a un tentativo o un vago progetto di Colpo di

Stato.

P.M. DI MATTEO: – Lei personalmente, intanto le chiedo

l’eventuale sua condotta, rispetto a questa affermazione

diciamo così grave del Presidente Ciampi, ebbe modo di

approfondire con lo stesso Presidente Ciampi il tema? Di

confrontarsi con il Presidente del Consiglio quindi su

questo timore espresso immediatamente e credo anche

pubblicamente?

DICH. NAPOLITANO: – Penso che soprattutto ebbe modo di

confrontarsi con il Presidente del Consiglio Ciampi il

Presidente della Repubblica Scalfaro. Poi noi Presidenti

delle Camere, io della Camera dei Deputati e Spadolini

del Senato della Repubblica, sicuramente scambiammo

opinioni, ma il da farsi era competenza esclusiva del

Governo, come dire. Il Parlamento poteva essere il luogo

di dibattito, di interpretazione dei fatti e anche di

convalida di decisioni del Governo, ma diciamo il fulcro

della responsabilità era senza alcun dubbio il Governo e

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

42

non a caso il black out l’avevano fatto i presunti

eversori, l’avevano fatto a Palazzo Chigi o non a

Palazzo Montecitorio, né a Palazzo Madama. Noi

seguivamo, eravamo coinvolti eccetera, però in quel

momento il bersaglio, e di conseguenza la sede delle

decisioni da prendere era Palazzo Chigi, era il Governo.

P.M. DI MATTEO: – Questo timore, questa percezione che lei

poc’anzi ha spiegato in maniera così chiara ed

esaustiva, cioè che si trattasse di una vicenda unitaria

portata avanti sostanzialmente dall’ala corleonese della

mafia per costringere in qualche modo lo Stato a agire

diversamente da come aveva agito forse fino a quel

momento, su questa vicenda lei personalmente ebbe modo

di confrontarsi con l’allora Presidente della

Repubblica, Onorevole Scalfaro?

DICH. NAPOLITANO: – Ma credo di sì, perché avevamo un rapporto

abbastanza intenso, un po’ sempre in coppia, e il

collega Spadolini, in alcuni momenti difficili o

significativi fummo anche invitati dal Presidente

Scalfaro a dare notizia di una riunione di questa sorta

di triade istituzionale, e quindi di sicuro si parlò

anche di questo, ma il tenore di quella conversazione, o

meglio i contenuti specifici di quella conversazione del

93 non li potrei ricordare.

P.M. DI MATTEO: – È giusto ritenere, sulla base di quello che

lei ha detto, che comunque il susseguirsi di questi

attentati provocò una fibrillazione istituzionale molto

rilevante?

DICH. NAPOLITANO: – Certamente, quando il Presidente del

Consiglio, il Capo del Governo dice abbiamo rischiato un

Colpo di Stato, se non c’è allora fibrillazione vuol

dire che il corpo non risponde a nessuno stimolo.

P.M. DI MATTEO: – Presidente, pochi giorni dopo il 10 agosto

del 1993, un alto funzionario della Dia, mi pare allora

Vice Presidente della Direzione Investigativa Anti

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

43

Mafia, che da poco era stata introdotta per Legge, il

dottor Gianni De Gennaro, inviò, lo diciamo perché sono

acquisizioni processuali già consacrate in questo

dibattimento, al Ministro dell’Interno Mancino, che

successivamente lo trasmise al Presidente della

Commissione Anti Mafia Violante, un appunto riservato

concernente le stragi consumate a Roma e Milano, così

viene definito. Nell’appunto si evidenziava la probabile

causale collegata alla reazione della mafia al regime

penitenziario speciale del 41 bis e si concludeva, le

leggo testualmente: “l’eventuale revoca, anche solo

parziale dei decreti che dispongono l’applicazione

dell’articolo 41 bis, potrebbe rappresentare il primo

concreto cedimento dello Stato, intimidito dalla

stagione delle bombe”. Le vogliamo chiedere, Presidente,

il Ministro Mancino, il Presidente Violante, che avevano

comunque ricevuto quella nota, o eventualmente altri, la

misero a conoscenza del contenuto di questa nota

riservata del Vice Capo della Dia?

DICH. NAPOLITANO: – Non ricordo, Signor Presidente. Mi

permetto di osservare che ci stiamo allontanando di

molti chilometri dal luogo, diciamo, della originaria

sollecitazione di una mia testimonianza. E poi davvero

un po’ supponendo che io abbia una memoria che farebbe

impallidire Pico della Mirandola ricordare ogni

elemento, se mi fu data quella nota, come reagirono

tizio e caio, francamente non credo di poter rispondere.

G / T : – Sì, ma noi… Ovviamente, come avviene spesso e come

è avvenuto finora in questo dibattimento, ovviamente

teniamo conto che la distanza temporale è tale per cui

determinati ricordi, salvo fatti particolarmente

eclatanti, sono sicuramente… O determinati non ricordo

sono sicuramente giustificati. Prego Pubblico Ministero,

vediamo di entrare più nel tema nostro.

P.M. DI MATTEO: – Sì. Una domanda più generica e meno

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

44

specifica sempre in quel contesto temporale: nella sua

qualità di Presidente della Camera e quindi di terza

carica dello Stato, venne reso edotto di note

informative dei Servizi Segreti che paventavano – sto

parlando di periodo successivo al 28 luglio – il rischio

di ulteriori stragi mediante l’uso di esplosivi in

luoghi pubblici, come porti, aeroporti, stazioni

ferroviarie?

DICH. NAPOLITANO: – Le note di servizio – chiedo scusa per il

bisticcio – dei servizi di informazione e sicurezza, non

sono mai state inoltrate ai Presidenti delle Camere.

Anche dalla documentazione che poi ha messo a

disposizione di questa Corte la Procura di Firenze, si

può notare che tutte quelle note non hanno mai, tra i

destinatari, i Presidenti delle Camere, perché c’è un

problema generale di divisione dei poteri, di

distinzione delle responsabilità, di che cosa facciano o

di che cosa suggeriscano i Servizi di Informazione e

Sicurezza non ha nessuna competenza chi presiede la

Camera o il Senato della Repubblica. Le responsabilità e

le competenze sono altrove, sono nell’organo di Governo

che per delega in generale del Presidente del Consiglio

segue l’attività dei Servizi e le responsabilità sono

naturalmente presso, anche presso il Ministero

dell’Interno, presso i Comandi delle Forze di Polizia,

quindi io note non ne ho mai avute dai Servizi.

P.M. DI MATTEO: – Sì Presidente, la ringrazio della

precisazione, infatti io avevo chiesto se lei in qualche

modo venne informato, non necessariamente attraverso la

trasmissione di note, ma dato il particolare contesto di

fibrillazione istituzionale, se venne informato che i

Servizi avevano comunque acquisito o ritenevano comunque

di dovere rappresentare ad altre autorità il pericolo di

ulteriori stragi.

G / T : – Su questo però la risposta mi sembra che è stata

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

45

chiara, semmai, visti i documenti che ormai sono noti,

che sono stati acquisiti, andiamo sulla specificazione

che riguarda la persona, perché allora a quel punto

l’aspetto può essere leggermente diverso.

P.M. DI MATTEO: – Prima di procedere anche nel senso indicato

dalla Corte, una domanda propedeutica alla comprensione

delle successive risposte. No, va beh, faccio subito la

domanda specifica, poi vediamo se è il caso di

approfondire ulteriormente. Signor Presidente, lei in

quel periodo, quindi stiamo parlando del periodo in cui

svolgeva le funzioni di Presidente della Camera, venne

reso edotto, in qualsiasi modo le chiedo, di note

informative del Servizio Segreto Militare che

paventavano un attentato nei suoi confronti, nei

confronti della sua persona, Presidente della Camera,

e/o nei confronti del Presidente del Senato Spadolini?

DICH. NAPOLITANO: – Intendo rispondere a questa domanda e ad

altra che avevo capito potesse essermi rivolta da altra

parte, ma naturalmente do una sola risposta, o la do ora

e vale anche per la ripetizione della domanda…

G / T : – E noi infatti, come ho detto prima, approfittiamo di

questa massima disponibilità che lei ci sta cortesemente

qui dando…

AVV. CIANFERONI: – No, scusi Presidente, abbia pazienza…

G / T : – Per anticipare ovviamente anche questo tema, in modo

da esaurire del tutto la sua testimonianza e non

disturbarla più ulteriormente.

DICH. NAPOLITANO: – La ringrazio.

AVV. CIANFERONI: – Scusi signor Presidente, per il teste,

scusi signor Presidente, sono l’Avvocato Cianferoni,

buongiorno. No, per dare in buona fede al teste

l’indicazione corretta processuale, la risposta viene

data ora, ma ci si può tornare in contro esame.

G / T : – Certo, il contro esame in ogni caso è garantito e

quindi necessariamente, ma il Presidente Napolitano

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

46

credo che si riferisse ad ulteriori atti che speriamo

non siano necessari.

AVV. CIANFERONI: – Se non ci sono domande nuove certo.

G / T : – Speriamo che non siano necessarie e quindi ci

fermeremo qua. Prego Presidente.

DICH. NAPOLITANO: – Io fui informato, senza vedere carte,

senza sapere di note del SISMI o di chicchessia, fui

informato che c’erano voci, erano state raccolte da

confidenti notizie circa un possibile attentato alla mia

persona o a quella del Senatore Spadolini. Poi si chiarì

che la sequenza avrebbe dovuto essere, secondo queste

anticipazioni, di una fonte poi ad un dato momento

chiamata sotto fonte, ma non sono uno specialista del

linguaggio dei Servizi, suppongo che più o meno sia la

stessa cosa, che avrebbe dovuto esserci prima un

attentato stragista con il maggior numero possibile di

vittime e a seguire si sarebbe dovuto colpire un

rappresentante delle istituzioni politiche. Ne fui

informato, adesso spiego un po’ meglio, perché in

quell’estate del 1993 io feci una brevissima vacanza,

come da molti anni, nell’isola di Stromboli.

Naturalmente ne era informata la Polizia che

predisponeva delle misure di protezione, io posso solo

ricordare, ho una testimonianza di chi era allora Capo

della mia Segreteria alla Camera dei Deputati, che io

formalmente rifiutai un rafforzamento della scorta o

comunque delle protezioni per questa mia breve

tradizionale vacanza con la famiglia a Stromboli. Però

avevo anche messo in programma una visita che in parte

aveva un obiettivo politico, e dirò subito quale, in

parte era anche una visita puramente culturale per

qualche giorno a Parigi, nella seconda metà di agosto. E

io in effetti partii, qualche cosa diciamo nella mia

benché, come dire, efficacemente artigianale di

conservazione di qualche riferimento della mia attività,

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

47

ho trovato che partii con mia moglie il 24 agosto 1993

con volo di linea per Parigi e che a Parigi, il 27

agosto, e se ne diede notizia pubblica, esiste una

notizia di agenzia, incontrai il Presidente

dell’Assemblea Nazionale Francese Philippe Seguin che

era venuto in visita a Roma e con il quale avevamo avuto

uno scambio molto cordiale, e quindi io fui ricevuto da

Seguin e quello fu però l’unico momento schiettamente

politico e istituzionale della mia visita a Parigi, il

resto era cultura. Il giorno prima della mia partenza,

che avvenne appunto il 24 di agosto, io fui richiesto di

un colloquio dal Capo della Polizia, Prefetto Parisi, il

quale molto gentilmente mi informò che c’era questa

notizia, che i Servizi la consideravano una notizia da

prendere naturalmente con molta cautela, ma non

palesemente incredibile. E mi disse però il carattere di

consistenza o gravità di questa fonte è tale che io non

le chiedo di annullare il viaggio a Parigi, io le chiedo

soltanto di predisporsi all’avere una particolare

vigilanza perché l’accompagneranno a Parigi…

L’accompagneranno, cioè, che si troveranno negli stessi

giorni a Parigi, in albergo diverso dal suo, alcuni Nox,

gli agenti, come voi sapete, il Nucleo degli Agenti

Speciali di Pronto Intervento della Polizia di Stato,

che molto discretamente però le copriranno le spalle. E

quindi ebbi in questo senso precisamente questa notizia.

Poi leggendo la documentazione che è stata credo messa

agli atti di questo processo, la documentazione 2002, mi

corregga, della Procura di Firenze.

P.M. DI MATTEO: – Sì, la documentazione è del 93, del Sismi, e

trasmessa alla Procura di Firenze nel 2002 e da noi

diciamo recuperata, acquisita nell’ottobre di questo…

In questo mese di ottobre.

DICH. NAPOLITANO: – Ecco, ecco. Poi lì ho letto un paio di

cose significative che avevo anche annotato, cioè ad un

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

48

dato momento si dice, da parte della fonte e sotto fonte

che fosse, che i nomi di Spadolini e Napolitano venivano

indicati esemplificativamente e poi che i nomi di

Spadolini e di Napolitano erano indicati per dare il

senso dell’importanza dell’obiettivo politico che si

voleva colpire, non si disse sono già specificamente

definiti dei progetti di attentato all’uno o all’altro.

Comunque che io seppi da Parisi fu molto generico, non

si disse nemmeno nulla di quanto poi abbiamo letto

essere stato oggetto di una nota del SISMI e tornato da

Parigi non fui sottoposto a nessuna ulteriore e speciale

misura di protezione, continuai ad avere quella che

avevo come Presidente della Camera dei Deputati. Poi si

è letto che ad dato momento, per vari motivi, quei

progetti erano svaniti. Sono contento se questa

informazione che effettivamente è del tutto nuova e

personale possa essere di qualche interesse per la Corte

e per le parti, questo è ciò che io ho voluto dire

affidandomi alla memoria e anche a qualche appuntino

delle mie partenze dell’epoca.

P.M. DI MATTEO: – Senta Presidente, quindi per chiarire, lei

di questo paventato attentato, di questo pericolo ebbe

contezza solo dal Capo della Polizia e solo in occasione

del previsto viaggio a Parigi?

DICH. NAPOLITANO: – Alla vigilia del mio programmato viaggio a

Parigi.

P.M. DI MATTEO: – In quel momento, non le chiedo quello che

lei poi ha eventualmente letto sui documenti processuali

che noi abbiamo acquisito, ma il Capo della Polizia

Parisi le disse se erano state allertate o comunque

informate altre autorità, oltre che di Polizia, politico

e istituzionali? Le disse, o comunque lei poi seppe,

scusi se la domanda è un po’ articolata, se per esempio

il Capo dello Stato, Onorevole Scalfaro, e il Presidente

del Consiglio Ciampi fossero stati informati di questo

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

49

ulteriore paventato pericolo?

DICH. NAPOLITANO: – Certamente sì, il Presidente Scalfaro, con

il quale poi in quei giorni avevo una colazione con un

programma di lavoro, cioè quali sono le prospettive

dell’attività parlamentare alla ripresa autunnale,

certamente Scalfaro sì, anche per il suo rapporto di

fiducia molto stretto con il Prefetto Parisi. Suppongo

anche Ciampi, ma non glielo so dire con certezza.

P.M. DI MATTEO: – E quindi mi pare di avere capito con il

Presidente Scalfaro ci fu una interlocuzione diretta da

parte sua?

DICH. NAPOLITANO: – Anche da parte di Spadolini c’era una

interlocuzione diretta con il Presidente Scalfaro. La

concezione, la concezione di Scalfaro, che noi

condividevamo, è che accanto ad una istituzione

monocratica di vertice quale è il Presidente della

Repubblica, le altre due istituzioni rappresentative del

sistema democratico, cioè i due rami del Parlamento,

avessero una qualche responsabilità comune di presiedere

agli interessi fondamentali del paese. Naturalmente

posso dire con molta semplicità, e credo che valga anche

per il compianto Spadolini, che io accolsi questa

notizia con assoluta imperturbabilità, perché avevo già

vissuto tutti gli anni della stagione del terrorismo in

cui di minacce ne fioccavano da tutte le parti e

purtroppo non fioccavano solo minacce, ma anche

pallottole anche ad esponenti politici e ad esponenti

sindacali, eccetera. Come dire, un po’ per natura e un

po’ per fredda considerazione politica, non ci

scomponemmo minimamente, anche perché abbiamo sempre

considerato che il servire il paese, e voi Magistrati lo

sapete meglio di chiunque altro, servire il paese

significa anche mettere a rischio ipotesi di sacrificio

della propria vita e guai a farsi condizionare da

reazioni di timore o di allarme personali. Altra cosa è

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

50

che ci siano ragioni di allarme per le istituzioni, ma

quelle per le persone diciamo fanno parte della nostra

scelta e vocazione. I servitori dello Stato, in veste di

Parlamentari o in veste di Magistrati o in veste di

Funzionari delle Forze dell’Ordine…

P.M. DI MATTEO: – Questa sua chiarissima precisazione mi fa

sorgere la necessità di una ulteriore domanda che

certamente non pertiene alle preoccupazioni o alle

reazioni personali, ma a quelle che sono le

preoccupazioni di natura istituzionale. Il fatto che

queste notizie fossero state acquisite proprio dopo che

già, come lei ha detto, in ambito politico e

istituzionale alto era stato anche disegnato il pericolo

addirittura di un Colpo di Stato, quindi non parlo delle

sue preoccupazioni personali sulle quali è stato

chiarissimo, nemmeno quelle del Senatore Spadolini. Ma

questa ulteriore informazione venne a livello

istituzionale collegata a quel filo di cui avevate già

forse individuato…

G / T : – Però Pubblico Ministero, su questo mi pare che la

risposta precedente sia stata già esauriente a proposito

appunto di quell’allarme lanciato dal Presidente Ciampi,

quindi direi o domande più specifiche, ma immorare

ancora su questo tema mi sembra per la verità un po’

superfluo.

P.M. DI MATTEO: – Tento questa domanda, se la Corte me

l’ammette, altrimenti…

G / T : – Prego.

P.M. DI MATTEO: – Cioè se anche questa ulteriore informazione

relativa alla possibilità di un attentato e

l’acquisizione di una fonte confidenziale sulla

possibilità di un attentato al Presidente della Camera e

al Presidente del Senato, venne letta e commentata nello

stesso alveo degli attentati già realizzati purtroppo.

DICH. NAPOLITANO: – In qualche misura sì, perché quando ci si

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

51

era manifestata questa ipotesi attinta presso una

qualche fonte confidenziale dei Servizi, nuova strage

con quante più vittime sia possibile, attentato a due

uomini politici, evidentemente era il prolungamento di

una strategia, soprattutto di una strategia di attacco

frontale allo Stato, quella che poi in fasi successive,

dopo la sconfitta dei corleonesi fu superata, eccetera,

ma è chiaro che si trattava di questo, c’era una certa

unicità di contesto.

P.M. DI MATTEO: – Soltanto per capire alcune cose che ci

potrebbero essere utili nel contesto, sono costretto a

farle due domande specifiche sulla situazione della sua

sicurezza in quel momento. Le volevo chiedere se lei,

tornando da Parigi, ebbe modo di interloquire nuovamente

con il Capo della Polizia Parisi per approfondire la

notizia che il dottor Parisi le aveva dato e poi se

comunque in qualche modo, anche dopo il suo rientro da

Parigi, notò un rafforzamento della scorta, nel senso

per esempio la partecipazione all’attività di protezione

da parte del Nucleo Speciale e della Polizia, i così

detti Nox…

DICH. NAPOLITANO: – Quella fu una tantum.

P.M. DI MATTEO: – Fu una tantum.

DICH. NAPOLITANO: – Una tantum. Poi il resto, tenga conto che

quando io fui eletto Presidente della Camera, mi posi il

problema che mi sono posto anche quando sono stato

eletto Presidente della Repubblica, che il continuare a

vivere con la mia famiglia nel mio appartamento, che è

un appartamento nel centro della città, in un vicolo in

cui molto facilmente si crea un ingorgo, eccetera,

avrebbe rappresentato un sovraccarico di preoccupazioni

di misure di sicurezza da parte dello Stato e quindi

decisi di abitare nell’appartamento che già c’era per il

Presidente a Palazzo Montecitorio. E così ho fatto

quando sono stato eletto Presidente della Repubblica.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

52

Posso anche dire una cosa se vuole, ma questo è un

dettaglio di cui ho trovato traccia, nemmeno me lo

ricordavo, che quando poi nel febbraio del 94, ancora

Presidente della Camera, perché le elezioni ci furono

successivamente, eccetera, io decisi di candidarmi con

la nuova Legge Elettorale nel Collegio, erano Collegi

Uninominali Fuori Grotta Bagnoli di Napoli, io chiesi

formalmente a non so quale organismo competente della

Polizia di non prolungare le misure di sicurezza per me,

perché non ero Presidente della Camera quando andavo a

fare le manifestazioni elettorali, ero un candidato alla

stregua di tutti gli altri cittadini, e ne ebbi però, è

documentato nell’archivio della Camera, e ne ebbi però

una secca risposta negativa perché l’Autorità di Polizia

riteneva necessario, benché io avessi questa veste per

così dire personale, privata di candidato alle elezioni,

alleggerire o addirittura sospendere le misure di

sicurezza.

P.M. DI MATTEO: – Ebbe modo, dopo il rientro da Parigi, di

chiedere al dottor Parisi o di avere dal dottor Parisi

notizie sulla verifica ulteriore, sull’attendibilità

della fonte e quindi sull’attualità ed eventuale

concretezza del pericolo? Oppure il discorso per lei

finì con l’interlocuzione prima del viaggio a Parigi?

DICH. NAPOLITANO: – Per me il discorso finì allora e poi ho

letto questa documentazione dei Servizi che qualche mese

dopo ci fu anche una nota proveniente sempre dalla fonte

Servizi che diceva che quelle minacce di grande strage e

di attentato alla persona di un esponente politico

istituzionale erano svanite, erano state, come dire, in

qualche modo tolte dall’ordine del giorno delle cosche

mafiose.

P.M. DI MATTEO: – Questo lo ha letto ora?

DICH. NAPOLITANO: – L’ho letto ora.

P.M. DI MATTEO: – Grazie. Presidente, lei in quel periodo,

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

53

poc’anzi ci ha descritto la concezione che anche il

Presidente Scalfaro aveva e praticava del rapporto con i

Presidenti della Camera e del Senato. Ha mai avuto

possibilità di confrontarsi o di ascoltare il Presidente

Scalfaro sull’argomento della situazione delle carceri?

Con particolare riferimento ai detenuti a Pianosa e

all’Asinara e a coloro i quali fossero sottoposti al

regime del 41 bis?

G / T : – A quale periodo si riferisce però, Pubblico

Ministero? Perché qua altrimenti mi pare che ci

stiamo…

P.M. DI MATTEO: – Sempre al periodo del 93, diciamo.

G / T : – Quindi questo periodo degli allarmi, perché mi pare

che il contesto sia un po’ diverso.

P.M. DI MATTEO: – Sì, sì, in questo periodo.

G / T : – Va bene, vediamo innanzitutto…

DICH. NAPOLITANO: – No, mai, no, mai, intanto perché il

Presidente Scalfaro, come poi è apparso anche in

ricostruzioni più o meno recenti dei fatti, aveva un

rapporto privilegiato con organizzazioni cattoliche di

assistenza ai detenuti e quello era diciamo un campo di

relazioni sue e strettamente personali, no? E quindi non

ne abbiamo mai parlato di ciò. Poi c’era il Capo del

Dap, che doveva rispondere al Ministro della Giustizia,

e il Ministro della Giustizia eventualmente informare il

Presidente della Repubblica, ma di questo non ne abbiamo

mai discusso insieme noi tre. Noi tre facevamo,

d’altronde sono facilmente rintracciabili, facevamo ogni

tanto qualche comunicato che riguardava per esempio

l’iter della Legge Elettorale o l’iter della Riforma

Costituzionale, queste cose qui, ma non la materia così

specifica del trattamento dei detenuti in carcere o

della particolare condizione fatta ai detenuti mafiosi.

P.M. DI MATTEO: – Sì. Presidente, a proposito di audizioni

alla Commissione Parlamentare Anti Mafia, di cui

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

54

parlavamo nella prima parte del nostro esame prendendo

spunto dalla lettera del Consigliere D’Ambrosio. L’ex

Ministro della Giustizia, Professore Conso, nel corso di

una audizione alla Commissione Parlamentare Anti Mafia

ha riferito che nel 93 era notorio che in seno

all’organizzazione mafiosa coesistessero due fazioni,

una stragista, più stragista, facente capo a Riina

Salvatore, e una facente capo a Bernardo Provenzano, più

moderata. Queste sono state le parole…

G / T : – Sì, però Pubblico Ministero, siccome il teste ha già

detto precedentemente di non avere approfondito con il

Consigliere D’Ambrosio il tema delle audizioni, nel

senso che non è stato oggetto di alcun colloquio, la

domanda mi sembra, sotto questo profilo, superflua.

P.M. DI MATTEO: – Io volevo chiedere, Presidente…

G / T : – La completi, però vediamo un po’, perché mi

sembra…

P.M. DI MATTEO: – La domanda in realtà non è se avesse parlato

con il dottor D’Ambrosio…

G / T : – Capisco l’aggancio con le audizioni parlamentari,

però se abbiamo capito, ma tutti abbiamo ascoltato, non

c’è stato nessun approfondimento di questo tema nei

colloqui con il Consigliere D’Ambrosio.

P.M. DI MATTEO: – Forse la premessa…

G / T : – Con riferimento a quei protagonisti o comprimari,

credo che lei si riferisca a questo.

P.M. DI MATTEO: – Sì. La premessa per colpa mia ha potuto

fuorviare la comprensione della Corte sulla domanda che

vorrei porre. Lei in quel periodo, nel 1993, quando

c’era questo allarme così forte, aveva avuto conoscenza

o informazione di questa asserita spaccatura tra un’ala

comunque più moderata e un’ala di Cosa Nostra che invece

volesse continuare con la strategia stragista?

G / T : – Allora in questi termini la possiamo ammettere con

riferimento appunto a quelle conoscenze e a quegli

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

55

allarmi del 93.

DICH. NAPOLITANO: – Sì, comunque l’analisi che lei dice, con

tutto il rispetto per il professore Conso, non

straordinariamente originale. L’analisi secondo la quale

c’erano tendenze contrapposte in seno alla mafia ha

formato oggetto della pubblicistica italiana in quegli

anni nella misura più larga, quindi non vedo bene quale

è… Comunque non seppi niente in proposito, nessuno mi

portò uno schema per classificare le varie anime della

mafia, non prestai una particolare attenzione nemmeno

sapendo che si svolgeva questa audizione in Anti Mafia,

questa analisi del professor Conso. Insomma, non mi pare

una cosa che abbia qualche significato. C’era molto

probabilmente una spaccatura, ma ripeto questo lo si

capiva senza bisogno di essere né politologi, scienziati

della politica, e nemmeno grandi sapienti giuristi come

Conso.

G / T : – D’altra parte su questi temi noi abbiamo raccolto

parecchio materiale probatorio sino ad ora e una

ulteriore attività probatoria è ampiamente programmata

ancora su questi temi, quindi credo che possiamo andare

avanti.

P.M. DI MATTEO: – Un’ultima domanda almeno per ora in esame.

G / T : – Quindi superare questo aspetto…

P.M. DI MATTEO: – Un dato specifico, se lei, Presidente, venne

a conoscenza del fatto, venne allora a conoscenza del

fatto che a partire dal 1 novembre 93 non venne

prorogato il regime del 41 bis per oltre 330 detenuti.

G / T : – E anche qui ce ne andiamo… Siamo al di fuori

sicuramente, stiamo… Non credo che le conoscenze

comunque del Presidente della Camera possano essere

rilevanti su questo. Pubblico Ministero, vediamo di

specificare meglio la domanda.

P.M. DI MATTEO: – No, no, la domanda era questa, se non è

ammessa la ritiro.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

56

G / T : – Non è ammessa.

AVV. DI PERI: – Presidente, peraltro fuoriusciamo… Sono

l’Avvocato…

G / T : – No, no, la domanda non è ammessa, quindi non è

necessario interloquire. Prego.

P.M. DI MATTEO: – Nessun’altra domanda in esame, grazie.

G / T : – Benissimo, allora al momento noi ci fermiamo. Noi

adesso dobbiamo dare inizio al contro esame, Presidente,

sempre con la sua disponibilità e la necessità di

qualunque pausa prima di iniziare noi possiamo farlo o

altrimenti proseguiamo con il contro esame, perché

adesso in base alle nostre regole anche tutte le altre

parti hanno diritto di porre domande sui temi che sono

stati oggetto dell’esame. Se lei desidera noi

continuiamo, se desidera sospendere possiamo…

DICH. NAPOLITANO: – Cinque minuti di sospensione…

G / T : – Anche di più, perché ci rendiamo conto… Come

preferisce lei, lei è il dominus e noi ci atteniamo alle

sue indicazioni.

DICH. NAPOLITANO: – Io sono dominus, comunque credo di avere

bisogno al massimo di dieci minuti.

G / T : – Bene, allora sospendiamo per un quarto d’ora

l’udienza e poi riprendiamo con il contro esame.

REGISTRAZIONE INTERROTTA

RIPRESA DELLA REGISTRAZIONE

G / T : – Con la presenza delle persone che erano state già

annotate a verbale, che sono credo tutte di nuovo

nell’aula, e quindi possiamo introdurre il teste. E

allora, siamo di nuovo pronti per riprendere l’esame.

Abbiamo concluso con il Pubblico Ministero, quindi noi

ora dobbiamo dare la parola alle Parti Civili, ai

rappresentanti delle Parti Civili per eventuali domande

sui temi introdotti con l’esame del Pubblico Ministero.

Chi vuole prendere la parola? Avvocato Airò Farulla, si

presenti lei stesso al microfono per la registrazione.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

57

DOMANDE DEL DIFENSORE DI PARTE CIVILE AVV. AIRÒ FARULLA

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Avvocato Airò Farulla Giovanni per

il Comune di Palermo. Buongiorno Presidente.

DICH. NAPOLITANO: – Buongiorno a lei.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Io devo fare solo delle domande

attinenti i suoi rapporti con il dottore, con il defunto

dottore D’Ambrosio e queste domande scaturiscono

ovviamente dalle risposte che lei ha dato poc’anzi alla

Pubblica Accusa. Lei ci ha chiarito, e non c’è bisogno

di ritornarci, che non aveva rapporti personali con il

dottore D’Ambrosio, ma che tuttavia aveva un rapporto di

stima e affetto. Nell’ambito poi della lettera del 18

giugno 2012, sempre rispondendo al Pubblico Ministero,

ci ha detto che ovviamente il contenuto della lettera lo

colpì molto e che il giorno dopo chiamò il D’Ambrosio

nella sua stanza. Ora, la mia domanda prima è di

chiarimento, perché c’è stato un passaggio in cui non si

è compreso. Lei ha detto testualmente che lo ha

convocato il giorno dopo per consegnare la sua risposta

alla lettera che già aveva scritto. Non si è compreso…

E che non ha approfondito il contenuto della lettera.

Però non si è compreso se non c’è stata in assoluto

alcuna discussione con il D’Ambrosio su…

G / T : – Avvocato Airò Farulla, per la verità…

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Non specificamente.

G / T : – Per la verità è stato abbastanza esauriente.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – No Presidente, ci sono stati due

passaggi in cui il Presidente è stato chiarissimo, ha

detto…

G / T : – Allora forse non ho compreso io adesso la sua

domanda, me la specifichi meglio perché…

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Forse è meglio che la specifico

meglio. Il Presidente Napolitano ha chiaramente detto

che non entrò nel merito della lettera, ossia delle

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

58

frasi del contenuto della lettera. Quello che non si è

compreso, per quello che ne è seguito nella carenza

delle risposte, è se comunque di qualcosa si parlò al di

là di consegnare la lettera di risposta. Questa è la mia

domanda.

G / T : – Allora io questo, come regola quindi che vale per

questo contro esame che stiamo iniziando, il suo è il

primo intervento, quindi è opportuno precisarlo sin da

adesso. Vi pregherei di evitare di ripetere domande che

sono state già poste e quindi ritornare, di far ripetere

al testimone qui presente delle cose che ha già detto,

anche per non appesantire ulteriormente o eccessivamente

questo esame. Quindi le domande che siano di

specificazione e di risposte già fornite dal teste. Su

queste in particolare mi sembra che già il Presidente

abbia precisato che non ci fu colloquio sul contenuto

della lettera, comunque lei…

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Sul contenuto della lettera, l’ho

premesso…

G / T : – Quindi la pregherei di specificare un po’ meglio la

domanda.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Dico, non ci fu un colloquio sul

contenuto della lettera, ma ci fu un colloquio che

andasse oltre questa è la risposta alla sua lettera e la

consegna, ovviamente della risposta del Presidente della

Repubblica? Questa era la domanda.

G / T : – Ripeto, è il tipico caso di ripetizione della

domanda che è stata fatta. Se il Presidente

cortesemente, in termini veramente molto sintetici,

vuole ribadire il suo pensiero noi l’ascoltiamo, ma vi

pregherei però di… Veramente vi raccomanderei di

evitare di dover far ripetere al teste sempre le cose

che ha già detto. Prego Presidente.

DICH. NAPOLITANO: – Grazie signor Presidente. Anche se,

diciamo, io sono legato ad un principio che è quello

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

59

della riservatezza dei colloqui con i miei Consiglieri e

in generale dei colloqui che io tengo nell’esercizio

delle mie funzioni, non voglio opporre questo diniego

per riservatezza, ma la domanda è talmente, come dire,

di facile comprendonio, lo spero, spero che lo sia anche

la risposta. È venuto da me il dottor D’Ambrosio, e

certo che abbiamo parlato perché se era soltanto

questione di consegnargli una lettera gliela facevo

avere. Abbiamo parlato di quello che lui era stato

vittima, la sua lettera di dimissioni indicava, lei

forse ricorda, amareggiato, esprimeva stati d’animo e

giudizi, sono tre pagine, e abbiamo parlato un po’ di

quelle cose lì senza naturalmente che io lo sottoponessi

ad un interrogatorio. Perché detta una volta per tutte,

scusi signor Presidente, Loris D’Ambrosio era un

Magistrato di tale qualità, di tale sapienza giuridica e

di tale lealtà istituzionale, che se lui avesse avuto in

mano degli elementi che non fossero solo ipotesi, lui

sapeva benissimo quale era il suo dovere, andare

all’Autorità Giudiziaria competente e fornire notizie di

reato o elementi utili a fini processuali. Evidentemente

queste cose non le aveva, tanto meno le disse a me.

Abbiamo discusso di come lui dovesse ritrovare serenità

e fiducia restando al mio fianco come Consigliere per

gli Affari di Giustizia.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Grazie. Le faccio un’altra domanda,

lei ha chiarito che i rapporti… Non ama, tanto meno

con il dottore D’Ambrosio, avere rapporti personali. E

però nell’ambito dei rapporti istituzionali che lei e

D’Ambrosio ha avuto, Presidente, vi davate del lei o vi

davate del tu?

G / T : – Avvocato Airò Farulla, veramente mi sembra

assolutamente superflua la domanda.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – No, mi scusi Presidente.

G / T : – Andiamo avanti.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

60

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Non è superflua, se vuole spiego

anche perché.

G / T : – Non lo spieghi perché comunque è superflua.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Prima che lei la possa giudicare

superflua, io è giusto…

DICH. NAPOLITANO: – Allora, do del lei a tutti i miei

Consiglieri. Va bene? È soddisfatto?

G / T : – Va bene, ma comunque la risposta che cortesemente

viene data, non supera la superfluità della domanda.

Vada avanti.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – E allora ce n’è un’altra. Poco

fa, nel richiamare il suo viaggio a Catania

nell’anniversario annuale delle stragi, lei parlando del

dottore D’Ambrosio lo ha chiamato Loris, è per questo

che sorgeva la domanda, volevo questo chiarimento, per

capire un po’… Mi pare che anche l’oggetto,

l’obiettivo del motivo per cui siamo qua, quali erano i

rapporti tra il Presidente Napolitano e il… Siccome lo

ha sempre chiamato Dottor D’Ambrosio, ma in questa

occasione, lo vedremo poi nella registrazione, quando ha

rievocato il viaggio a Catania, ha detto… Ora volevo

capire se questo Loris va beh, è scappato così, perché

insomma può succedere…

G / T : – Allora, la superfluità non è venuta meno, quindi

andiamo avanti con altre domande.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Andiamo avanti. Ultima domanda,

lei ha parlato delle minacce che il dottore D’Ambrosio

aveva ricevuto quando collaborava con Falcone, minacce

anche rivolte a una sua bambina. Ha specificato che lui

non gliene parlò perché era uno molto riservato. Posso

chiederle come ne ha avuto conoscenza?

DICH. NAPOLITANO: – Innanzitutto non quando collaborava, forse

non è stato attento lei, perché non ho detto quando

collaborava con Falcone, ma in una fase precedente,

quando invece operava presso la Procura di Roma portando

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

61

avanti la stessa indagine sul terrorismo per cui era

stato barbaramente ucciso il predecessore, Giudice

Amato. Fu in quella occasione che ricevette questa

minaccia e di più non dico per rispetto verso la

famiglia. E da chi l’ho appreso? L’ho appreso dopo la

sua morte, qualcuno dei suoi collaboratori che mi ha

detto: ma il dottor D’Ambrosio non le ha mai parlato di

questo? No, non mi ha mai parlato di questo. E invece in

realtà è stato un grosso trauma per la sua famiglia.

AVV. P.C. AIRO’ FARULLA: – Ho capito. Grazie.

G / T : – Allora andiamo avanti con i difensori delle Parti

Civili, se c’è qualcun altro che intende intervenire.

Ma pare di no, e allora passiamo ai difensori degli

imputati. Chi vuole la parola? Nessuno? Ah, Avvocato

Milio. Si presenti anche lei. O l’Avvocato Krogh prima

ancora. Prego Avvocato Krogh, prego, prego.

DOMANDE DEL DIFENSORE AVVOCATO KROGH

AVV. KROGH: – Sì, Avvocato Massimo Krogh, sono difensore di

Nicola Mancino. Ho capito che non ci fu un colloquio

sulla lettera con D’Ambrosio. A questo riguardo quindi

le chiedo: è corretto ritenere che la frase “utile

scriba”, con quel che segue, nei suoi contatti personali

con il D’Ambrosio è rimasta solo una ipotesi?

DICH. NAPOLITANO: – Certamente, non ha con me mai aggiunto

parola dopo, né aveva anticipato parola prima. Il suo

rinvio nella lettera all’articolo che scrisse per il

libro curato da Maria Falcone, a giudizio di noi tutti,

per quanto ho capito, non dava elementi su quel punto

lì, che compare quindi solo nella sua lettera di

dimissioni.

AVV. KROGH: – Quindi è una ipotesi priva di sostegno

oggettivo, mi sembra di capire.

DICH. NAPOLITANO: – Sì, ho aggiunto poco fa che se avesse

avuto un sostegno oggettivo, il Magistrato, il

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

62

Magistrato eccellente, Loris D’Ambrosio, avrebbe saputo

benissimo quale era il suo dovere.

AVV. KROGH: – Certo, e infatti la penso proprio come lei.

Una seconda domanda: è corretto ritenere che quello di

D’Ambrosio le apparve come lo sfogo personale ma

travagliato di una persona ancora toccata da un

gravissimo trauma familiare risalente nel tempo?

DICH. NAPOLITANO: – No, era uomo capace di tenere separate nel

modo più netto le sue vicende personali, familiari, dai

suoi doveri d’ufficio.

AVV. KROGH: – Un’altra domanda, Presidente: sul concetto un

po’ generico di servitori dello Stato infedeli al ruolo,

di cui lei fa cenno nel rispondere alla denuncia di

D’Ambrosio, potrebbe forse fornire qualche elemento più

specifico su questa espressione di servitori dello Stato

infedeli e non fedeli al proprio ruolo?

DICH. NAPOLITANO: – No, io ho parlato di un esempio di

servitori dello Stato e la formula servitori dello Stato

non è, come dire, frutto di una mia genialità lessicale,

perché diciamo è entrata nel lessico comune non so da

quando. Servitore dello Stato è persona che ha come

unico faro, come unico spunto di riferimento e di

impegno vincolante l’anteporre gli interessi dello

Stato, che serve in qualità di Magistrato, di

Funzionario, anche dovrei aggiungere di titolare di

cariche pubbliche, sopra qualsiasi altra motivazione.

AVV. KROGH: – Quindi diciamo che la sua era stata un

commento di carattere generale insomma?

DICH. NAPOLITANO: – Certamente.

AVV. KROGH: – Un’ultima domanda, Presidente: le stragi e la

notifica di attentati a lei stesso o a Spadolini, che

comunque come risulta furono nomi fatti un po’ a caso,

determinò un giustificato allerta delle Forze

dell’ordine nei confronti delle verifiche da fare

nell’ambito mafioso. Volevo chiederle che effetti o

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

63

riflessi determinò invece tutto questo negli uomini

politici. Lei in un certo senso lo ha già detto, ma se

lo può magari sintetizzare. Queste stragi e la minaccia

di attentati a lei stesso e a Spadolini, determinarono

un allertamento estremamente visibile delle Forze

dell’Ordine, le quali facevano una attività di (PAROLA

INCOMPRENSIBILE) diligence che era evidentemente dovuta,

come in tutti i paesi del mondo quando succedono queste

cose. Volevo chiedere a lei se per altro verso ci furono

reazioni e di quale tipo da parte dei politici

competenti di fronte a questo fenomeno.

DICH. NAPOLITANO: – Ma io francamente ebbi questa

comunicazione dal Capo nella Polizia e non avevo dubbi

che la facesse sì personalmente lui, ma che la facesse a

nome del Ministero dell’Interno, non c’è dubbio, il Capo

della Polizia iniziative di questo genere non può che

prenderle di concerto con il suo Ministro. Non ricordo

che mi sia stata comunicata alcuna ulteriore

precisazione da parte del Ministro dell’Interno che in

quel momento era esattamente il Ministro Mancino, ma

certamente sapeva benissimo che… O aveva addirittura

autorizzato lui, il Prefetto Parisi, a venire da me per

parlarmene.

AVV. KROGH: – Di questa diciamo regola che la Polizia aveva

di riferire al Ministro dell’Interno o eventualmente a

persone dello staff di questo Ministro, lei diciamo

risponde sulla base di una conoscenza normativa o

regolamentare o risponde per conoscenza diretta di quel

caso specifico?

DICH. NAPOLITANO: – No, per conoscenza diretta del mestiere di

Ministro dell’Interno che ho esercitato per due anni e

mezzo.

AVV. KROGH: – Ecco, quindi sotto un profilo regolamentare.

Va bene, non ho altre domande io, ne farà qualcun altra

credo la collega Piromallo.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

64

G / T : – Allora, Avvocato Piergentili, prego.

DOMANDE DEL DIFENSORE AVVOCATO PIERGENTILI

AVV. PIERGENTILI: – Nicoletta Piergentili, sempre difesa

Mancino. Le esprimo anzitutto la mia emozione nel

svolgere il mio mandato qui davanti alla sua persona e a

questi splendidi arazzi, Presidente. Due chiarimenti, i

Pubblici Ministeri hanno fatto riferimento alla lettura

che esprime il Consigliere D’Ambrosio alla lettura dei

resoconti di una audizione anti mafia. Per la verità,

nella sua lettera il Consigliere D’Ambrosio ne parlava

anche in un altro punto, quando dice che era stato

turbato dal leggere in questi resoconti dichiarazioni di

chi ammette che vi sono negli Uffici Giudiziari

interpretazioni diversificate e spesso confliggenti e in

un’altra parte riferisce, sempre il Consigliere

D’Ambrosio, di indagini che imporrebbero strategie

unitarie, convergenti e condivise. Ecco, su questo tema

diciamo del coordinamento, avete mai espresso una

posizione? Riteneste necessario un coordinamento

investigativo?

DICH. NAPOLITANO: – Avvocato, innanzitutto la ringrazio per le

sue gentili parole. Sul tema del coordinamento,

sicuramente ne abbiamo discusso con il Consigliere

D’Ambrosio, che quando dovevo fare un discorso al

Consiglio Superiore mi assisteva e condividevamo in

pieno la necessità di dare rilievo a questo che è

d’altronde qualcosa di scritto nelle norme, di scritto

nell’ordinamento, che ci debba essere coordinamento di

attività investigative che insistano sugli stessi

oggetti. L’ho detto poi pubblicamente appunto parlando

dinnanzi al C.S.M., non ho motivo per modificare quella

mia convinzione.

AVV. PIERGENTILI: – Senta, un altro chiarimento, Presidente,

il suo impegno politico e istituzionale è coinciso

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

65

temporalmente con l’attività politica di Nicola Mancino.

Sostanzialmente lei era Presidente della Camera quando

Mancino era Ministro degli Interni, diventò lei in epoca

successiva alla sua… Ministro degli Interni e quando

divenne Vice Presidente al C.S.M., nel 2006, lei ne era

il Presidente. Ha mai avuto contezza nell’attività di

Nicola Mancino di un momento politico, di un atto che si

potrebbe definire di ammorbidimento nella lotta alla

mafia? E aggiungo anche un secondo chiarimento, se è

possibile, se fu mai indicato in ambito istituzionale

come un soggetto candidato nei ruoli istituzionali

rivestiti per realizzare una linea di ammorbidimento?

G / T : – Vedo già il Pubblico Ministero che si è alzato in

piedi, ma comunque non è necessario…

AVV. PIERGENTILI: – Ecco, ho finito, solo su questo

Presidente.

G / T : – Sì Avvocato Piergentili…

AVV. PIERGENTILI: – Poiché fa parte della nostra…

G / T : – Però il tema Mancino non è introdotto da voi come

richiesta di prova e quindi…

AVV. PIERGENTILI: – No, però avendo il Pubblico Ministero

chiesto contezza dei vari ruoli istituzionali…

G / T : – No, lei ha chiesto qualche cosa di più e di oltre

rispetto… E quindi è una domanda che non possiamo…

AVV. PIERGENTILI: – Se il Presidente ritiene di rispondere,

altrimenti non…

G / T : – Sì, no, qua siamo veramente al di fuori del tema e

quindi la domanda…

AVV. PIERGENTILI: – Non insisto oltre, grazie.

G / T : – Grazie a lei.

P.M. TERESI: – Mi sono alzato per non rendere inutile il mio

gesto fisico. Mi oppongo, ma naturalmente il Presidente

ha già anticipato, grazie.

G / T : – E allora andiamo avanti con le domande, c’era

l’Avvocato Milio mi pare.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

66

INTERVENTO DEL DIFENSORE AVVOCATO MILIO

AVV. MILIO: – Sì, solo per rappresentare che il rispetto

istituzionale del Presidente della Repubblica e della

persona del Capo dello Stato induce la difesa del

Generale Mori e del Generale Subranni a non porre alcuna

domanda al Presidente. Grazie.

G / T : – Prendiamo atto.

DICH. NAPOLITANO: – La ringrazio.

G / T : – Vediamo se ci sono altre…

INTERVENTO DEL DIFENSORE AVVOCATO ROMITO

AVV. ROMITO: – Lo stesso per De Donno, l’Avvocato Romito per

De Donno.

G / T : – Dia anche lei il suo nome. Quindi l’Avvocato Romito

per De Donno. Andiamo avanti. Avvocato Cianferoni.

DOMANDE DEL DIFENSORE AVVOCATO CIANFERONI

AVV. CIANFERONI: – Avvocato Luca Cianferoni del Foro di Roma,

difesa Salvatore Riina. Buongiorno. Come altri, anche io

desidero rappresentarle una gratitudine da cittadino,

nel mio modesto osservatorio di professionista

incaricato da un privato, ed è significativamente la

nomina del Professore Grossi, della mia Università, alla

Corte Costituzionale che è una ispirazione quotidiana

per il mio lavoro. Detto questo, prendo le mosse dicendo

alla Corte che allora, se ho ben compreso, posso fare

esame o contro esame tutt’uno, ecco.

G / T : – Certamente, abbiamo già acquisito la disponibilità,

nessuno ha opposto nulla e quindi… D’altronde il tema

è già stato trattato. Prego.

AVV. CIANFERONI: – Signor Presidente, prima di tutto domanda

vera, nel senso chiedo se prima di oggi la Signoria

Vostra sia stato mai sentito da qualche autorità

giudiziaria.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

67

DICH. NAPOLITANO: – Se prima di oggi…

AVV. CIANFERONI: – Lei è mai stato sentito da qualche

autorità giudiziaria.

DICH. NAPOLITANO: – No.

AVV. CIANFERONI: – No. Poi, sempre per procedere speditamente,

ho compreso, e non me ne meraviglio, né ne faccio

questione particolare, ma per la regolarità dell’esame

che lei ha avuto modo di leggere i documenti prodotti

dal Pubblico Ministero in questo processo, cioè le note

del SISMI. È così?

DICH. NAPOLITANO: – Sì signore.

AVV. CIANFERONI: – Sì, lei le ha lette. Ecco, non sto

ovviamente a dire come e perché, perché troppo alto è il

livello perché la Corte poi non faccia semmai, quale

garante del rito, la Corte stessa delle domande.

G / T : – Ma in ogni caso sono domande assolutamente superflue

perché sono documenti che una volta introdotti in

udienza diventano pubblici.

AVV. CIANFERONI: – Non c’è dubbio.

G / T : – E quindi non è necessario approfondire il tema da

lei indicato. Prego Avvocato Cianferoni.

AVV. CIANFERONI: – Se lo dice la Corte io non posso che

prenderne atto. Detto questo le chiedo sulla lettera,

chiamiamola famosa, in senso proprio immanentistico

progressivo, cioè parola per parola, ad un certo punto

l’autore, il compianto dottore Loris D’Ambrosio, anche

lui libri nel quale la nostra generazione ha studiato,

ha scritto sulle armi il dottore D’Ambrosio. Ad un certo

punto scrive: cercheranno di colpire me per colpire lei.

Ecco, che interpretazione dette e può offrire oggi di

questa frase? Se l’ha presente, Presidente, in questa

lettera si legge, se vuole riporto il passaggio: “ma non

mi è difficile immaginare che i prossimi tempi vedranno

spuntare accuse ancora più aspre che cercheranno di

colpire me per colpire lei”.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

68

G / T : – Questa domanda noi l’ammettiamo se è riferibile a

quell’ulteriore passaggio, se il teste questo ce lo

potrà dire, all’ulteriore passaggio oggetto della

richiesta di esame fatto dal Pubblico Ministero, perché

altrimenti introduce un tema che è anche diverso da

quello sollecitato dalla difesa, quindi da lei, Avvocato

Cianferoni, con quella memoria che è stata valutata in

sede di ammissione.

AVV. CIANFERONI: – Quella riguarda l’allarme…

G / T : – Quindi noi… In questo momento io rimango in

attesa, vediamo se il teste è in grado di… Il

Presidente è in grado di dare qualche riferimento che si

ricongiunga a quel tema, perché altrimenti ci dobbiamo

fermare qui.

DICH. NAPOLITANO: – Il dottor D’Ambrosio aveva un rapporto di

grande considerazione per me, io preferisco poi dire per

l’istituzione, Istituzione Presidente della Repubblica,

che è una persona ma è anche una istituzione, sia pur

monocratica, e temeva che quello che avevano pubblicato

i giornali, intercettazioni o frammenti delle telefonate

intercettate tra lui stesso e il Senatore Mancino,

potesse tendere a coinvolgere anche il Capo dello Stato

in dei comportamenti scorretti nei confronti

dell’Amministrazione della Giustizia, di comportamenti

di favore nei confronti di una persona che era

all’attenzione, non ancora in qualità di indagato, ma

insomma all’attenzione di una Procura, anzi di più

Procure, e lui quindi capiva che non era soltanto lui ad

essere colpito da interpretazioni maliziose, ma che si

poteva, e anzi chissà, da soggetti che lui individuava,

si voleva coinvolgere in un sospetto di scorrettezza

istituzionale anche il Capo dello Stato.

AVV. CIANFERONI: – Non c’è dubbio, difatti Presidente, se

non erro, la parola che più ricorre da parte sua è

indignazione per questo tipo di impostazione.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

69

Impostazione, la domanda verte sui contrasti, dico per

la Corte, tra Autorità Giudiziarie che fanno comunque da

presupposto, indignazione dicevo che verteva più su

politici e qualche giornalista, dice D’Ambrosio,

politici e giornalisti. Però poche righe sopra parla di

criticità e contrasti tra Autorità Giudiziarie. Ecco, la

Signoria Vostra su questo punto raccolse dei dati che

può dare alla Corte per poi comprendere meglio come

siamo arrivati fino ad oggi oppure no? Cioè sui

contrasti tra Autorità Giudiziaria.

G / T : – Purché non si vada ovviamente sul tema di quei

colloqui e di quelle intercettazioni su cui abbiamo

dato…

AVV. CIANFERONI: – Questo lo diamo per presupposto,

Presidente.

DICH. NAPOLITANO: – No, ma vede, sui contrasti tra Autorità

Giudiziarie il dottor D’Ambrosio interveniva con suoi

consigli presso di me, perché trovava, indipendentemente

adesso dalle indagini portate avanti da più Procure

sulle stragi e così via, anche in altra precedente

occasione, su altra materia, ci si era trovati di fronte

- io dico ci si era perché come Presidente del C.S.M.

Non potevo ignorare la cosa – ad un contrasto aperto,

non so se lei ricorderà i titoli dei giornali “Guerra

tra Procure”.

AVV. CIANFERONI: – Certo.

DICH. NAPOLITANO: – Con riferimento ai rapporti tra la Procura

di Catanzaro, se ben ricordo, e la Procura di Salerno.

AVV. CIANFERONI: – E Salerno, certo.

DICH. NAPOLITANO: – E di fronte a questi contrasti, invocava

appunto il principio del coordinamento.

AVV. CIANFERONI: – Certamente, in questo senso. Questa

lettera continua, e nel periodo già fatto oggetto di

domande del Pubblico Ministero riporta testualmente come

D’Ambrosio, nella pubblicazione a richiesta di Maria

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

70

Falcone, avesse fatto cenno ad episodi del periodo 89 -

93. Le chiedo, Presidente, lei è in grado di ricordare

qualcuno di questi episodi che lo turbavano?

DICH. NAPOLITANO: – No.

AVV. CIANFERONI: – No.

DICH. NAPOLITANO: – Io ho già detto prima con quali incombenze

istituzionali e politiche del tutto lontane io seguii

quegli avvenimenti. Fu dal 92 normalmente che assunsi un

atteggiamento di maggiore vicinanza alle questioni della

lotta contro la mafia, ma dall’89 al 92 io veramente fui

in tutt’altre faccende affaccendato, come dimostra non

fosse altro il calendario di tutti i viaggi all’estero

che ho fatto in quel periodo, di tutti gli incontri

internazionali cui ho partecipato.

AVV. CIANFERONI: – Presidente, non c’è dubbio che quel

periodo la veda lontano dalle vicende che ci occupano

ordinariamente nelle aule penali. Sta di fatto però che

la Signoria Vostra depone. Questo le dico perché?

Ritornando sugli episodi, faccio io un esempio,

l’attentato dell’Addaura, ricorda lei qualcosa? Ne avete

parlato? Ecco, e la vicenda che riguardava il povero

Dottore Falcone che quella volta la scampò se la

ricorda?

DICH. NAPOLITANO: – Me la ricordo come… Innanzitutto come

lettore di giornali, me la ricordo perché in Parlamento,

anche nel transatlantico o tra colleghi che sedevano su

banchi vicini se ne parlava, era stato un fatto enorme,

clamoroso.

AVV. CIANFERONI: – Eclatante, ecco, è corretto dire un fatto

indimenticabile, un fatto eclatante. In questo fatto,

ormai vi sono sentenze, vi era – definitive tra l’altro

- una interessenza dei Servizi Segreti insieme

all’associazione Cosa Nostra. Questo era un po’ il

punto, cioè…

G / T : – Andiamo alla domanda però, Avvocato Cianferoni,

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

71

prima…

AVV. CIANFERONI: – La domanda è se, vuoi da questo documento

che stiamo esaminando, vuoi in un altro momento

dell’esistenza politica luminosa del Dottor Giorgio

Napolitano, sia mai… Anzi del Professore Giorgio

Napolitano, ho letto che è anche il (PAROLA

INCOMPRENSIBILE) preso in Inghilterra. Dico, ha mai

avuto notizie specifiche di rapporti tra Servizi Segreti

e Cosa Nostra?

G / T : – Allora, la domanda… Qua veramente affrontiamo un

tema che è assolutamente al di fuori…

AVV. CIANFERONI: – È stato Ministro degli Interni.

G / T : – Sì, ma mi pare che non è stato introdotto questo

tema né dalla richiesta di esame del Pubblico Ministero,

né dalla sua richiesta di esame con la memoria… Qua

andiamo in un tema molto al di là. Con la sua richiesta

della memoria, con il contenuto della memoria depositata

negli altri giorni, si parlava degli allarmi 93, qua

introduciamo il tema del Ministro dell’Interno, che è un

tema ulteriore anche perché…

AVV. CIANFERONI: – Sentiamo… Se il teste…

DICH. NAPOLITANO: – Non ruberò il mestiere alla Procura, alla

Pubblica Accusa avventurandomi in temi come quello dei

rapporti tra Servizi Segreti…

G / T : – Ma non è necessario, in ogni caso, Presidente, non è

necessario perché non è… Siamo al di fuori del tema di

prova certamente.

AVV. CIANFERONI: – Va bene. Ma ritiene, non è polemica

Presidente, ma ritiene questo difensore che il tema…

G / T : – Tranne che non ne avesse parlato con il Consigliere

D’Ambrosio…

AVV. CIANFERONI: – Ad un certo punto…

G / T : – Ma questo è stato già escluso, quindi è superfluo

chiederlo ulteriormente.

AVV. CIANFERONI: – Magari non in quella occasione, in

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

72

occasioni diverse dico. Cioè se questo problema dei

Servizi Segreti, a un qualche momento della sua

esistenza professionale, il teste l’abbia avuto

presente. Cioè, ha parlato di colpo di Stato ad un certo

punto il teste, ci dovremo arrivare.

DICH. NAPOLITANO: – Ho parlato io?

AVV. CIANFERONI: – Sì.

DICH. NAPOLITANO: – Citato il Presidente del Consiglio

dell’epoca Ciampi.

AVV. CIANFERONI: – Sì.

G / T : – Vada avanti, Avvocato Cianferoni.

AVV. CIANFERONI: – Su questo ci dovrò tornare.

G / T : – Andiamo con la domanda successiva.

AVV. CIANFERONI: – Rimanendo alla lettera, ad un certo punto

in questo passaggio il dottore D’Ambrosio dice,

testualmente dice: “questi episodi mi preoccupano, mi

fanno riflettere, mi hanno portato alle famose ipotesi

di cui ho detto anche ad altri”. Quindi con questa

congiunzione “anche” implica che alla Signoria Vostra

gliele ha dette queste ipotesi.

DICH. NAPOLITANO: – Beh, ma lui certamente, anche scrivendo

quell’articolo per il libro curato dalla Maria Falcone,

pensava di fornire elementi in proposito e quindi anche

ad altri. E poi ne parlava a me nella lettera, quindi

oltre a lei, a lei Presidente cui sto scrivendo in

questa lettera del possibile, atroce dubbio di essere

stato utile scriba per coprire indicibili accordi, l’ho

detto anche ad altri. Ad altri poi… Il dottor

D’Ambrosio ha avuto molteplici collaboratori,

soprattutto quando era al Ministero della Giustizia, e

c’erano persone a lui molte legate anche da un rapporto

di collaborazione.

AVV. CIANFERONI: – Per esempio?

DICH. NAPOLITANO: – Che di sicuro avranno avuto qualche

conversazione con lui, ben più di quanto abbia potuto

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

73

averne io.

AVV. CIANFERONI: – Certamente. Per esempio lei può indicare

qualcuno, qualche collaboratore o collega del dottore

D’Ambrosio che gli fosse vicino?

DICH. NAPOLITANO: – Si legga…

G / T : – No, la domanda in questi termini non può essere

ammessa, al più potremmo chiedere se il Consigliere

D’Ambrosio abbia riferito…

AVV. CIANFERONI: – Beh, certo.

G / T : – … al Presidente Napolitano di qualcuno di questi

altri.

AVV. CIANFERONI: – Di qualcuno di questi.

G / T : – Credo che la risposta sia implicita, ma questo

glielo possiamo chiedere.

AVV. CIANFERONI: – Si legga? No, il teste stava dicendo, si

legga?

G / T : – Ma quali siano i collaboratori del Consigliere

D’Ambrosio…

AVV. CIANFERONI: – Signor Presidente, però…

G / T : – No, no, Avvocato Cianferoni, la domanda non è

ammessa in quei termini.

DICH. NAPOLITANO: – Voglio accontentare l’Avvocato.

AVV. CIANFERONI: – Grazie.

DICH. NAPOLITANO: – Stavo dicendo: si legga l’articolo per il

libro della signora Falcone in cui lui cita, nome e

cognome, le persone con le quali lavorava strettamente

nell’ambito della Direzione Affari Penali sotto la guida

di Giovanni Falcone. Lui lì dice con chi collaborava e

quindi per esempio… Chiaramente sono persone con le

quali ha avuto un rapporto abbastanza intenso, di

dimestichezza.

AVV. CIANFERONI: – Arriviamo poi a quella congiunzione

ulteriore, “allora”, all’avverbio “allora”, già fatto

oggetto dal Pubblico Ministero di domanda, cioè qui si

legge: “quasi preso anche dal vivo timore di essere

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

74

stato allora considerato solo un ingenuo e utile

scriba”, eccetera. Ora, questa parola “allora” può

essere sicuramente letta come ha detto il Pubblico

Ministero, cioè in allora, a quel tempo, ma può essere

anche letta retrospettivamente, cioè che oggi che scrivo

questa lettera, mi accorgo che sono stato allora usato,

no? Questo è italiano. Allora…

G / T : – Le interpretazioni e le valutazioni, ognuno le potrà

fare nei momenti giusti. Vediamo la domanda.

AVV. CIANFERONI: – Esatto, la domanda è: in questa diversa

interpretazione, cioè che il dottor D’Ambrosio dica

allora oggi mi accorgo che era tutto un inganno, ecco, a

lei ha parlato di questo o no?

DICH. NAPOLITANO: – A parte la riserva di principio che non

sono in alcun modo tenuto… Anzi sono tenuto a non

rendere pubblico il tenore delle mie conversazioni con

collaboratori e anche con non collaboratori, ma le posso

dire stia tranquillo che non mi ha dato nessun elemento

di riferimento.

G / T : – Prego Avvocato Cianferoni.

AVV. CIANFERONI: – Sì. No, su questo punto della riserva,

non che ci siano tante domande di tipo… Che vadano a

infrangere questa riserva, però chiedo alla Corte, come

metodo, vertendo il processo su imputazioni a sfondo

eversivo, si applica il segreto o no? E quella sentenza

della Corte del 2012 arriva ad una latitudine così ampia

da superare il divieto di opporre segreti in questa

materia?

G / T : – Lei fa delle domande che in questo momento non

sono…

AVV. CIANFERONI: – Ma sennò…

G / T : – E non è una valutazione. Lei faccia le sue domande,

sarà la Corte a valutare se le domande possono essere

ammesse oppure no.

AVV. CIANFERONI: – Grazie Presidente, bene. E poi la parola

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

75

“scudo”, cioè dice D’Ambrosio: sono stato allora un

ingenuo… Usa il “posso essere stato”, ipotesi, posso

essere stato solo un ingenuo e utile scriba di cose

utili a fungere da scudo per indicibili accordi. Cioè a

dire l’attività normativa è davanti e dietro si fanno

gli accordi. Domanda: al suo Presidente, il dottore

D’Ambrosio con questa lettera, non nei colloqui, con

questa lettera, dà spunto per riferire alla Corte una

propria riflessione, Presidente, su questo problema del

mentre si facevano le Leggi in buona fede e qualcuno

dietro tramava?

G / T : – Allora, si fermi qui perché le riflessioni del teste

non sono ammissibili.

AVV. CIANFERONI: – No, sono riflessioni… Sono scienza di un

Presidente della Repubblica.

G / T : – Vada avanti.

AVV. CIANFERONI: – Non ritiene di rispondere.

G / T : – E la scienza del Presidente della Repubblica non è

oggetto di questo processo. Prego.

AVV. CIANFERONI: – Non ritiene di rispondere, va bene.

G / T : – No non intende rispondere.

AVV. CIANFERONI: – No, la Corte non ammette la domanda.

G / T : – Non è stata posta la domanda, che è cosa diversa.

AVV. CIANFERONI: – La Corte non ammette la domanda.

G / T : – Che è cosa diversa.

AVV. CIANFERONI: – Lei rispose a questa lettera con una sua

lettera. Ricorda se dette anche il libro delle sue

memorie, no? Presidente, dico, domanda, ricorda se dette

affettuosamente al dottore D’Ambrosio anche il libro

della sua autobiografia?

DICH. NAPOLITANO: – Feci dono del mio libro al dottor

D’Ambrosio.

AVV. CIANFERONI: – Sì.

DICH. NAPOLITANO: – Feci dono del mio libro, così, soltanto

per dire che nell’attività pubblica si possono vivere

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

76

momenti molto difficili e che bisogna saperli superare e

io lo invitavo a superare quel momento difficile, non

insistendo nelle sue dimissioni.

AVV. CIANFERONI: – E in effetti questa era anche, posso dire

che era anche la mia interpretazione. Però ho voluto

leggerlo quel libro e pongo le seguenti domande, letto

quel libro.

DICH. NAPOLITANO: – Letto il libro della mia autobiografia?

AVV. CIANFERONI: – Esattamente.

DICH. NAPOLITANO: – La ringrazio per l’attenzione.

AVV. CIANFERONI: – Grazie a lei, Presidente, per averlo

scritto. Andiamo al periodo che più interessa, cioè a

dire 92 – 93. Ora, poco fa, e poi il libro uscirà in

essere come rilevante, lei riferiva come il Presidente

Ciampi ebbe a parlare senza mezzi termini di Colpo di

Stato, per quanto accadeva la notte tra il 27 e il 28

luglio del 93. Questo, abbiamo tutti compreso, ancora

prima di qualunque analisi di qualunque Forza di

Polizia. Su quali basi, se vi siete confrontati

all’epoca con Ciampi… Il Presidente Ciampi parlava di

Colpo di Stato, perché parlava di Colpo di Stato?

G / T : – La domanda è pertinente, mi sembrerebbe superfluo

perché è implicita una risposta precedente. Se il

Presidente intende puntualizzarlo, perché il dato di

fatto per la verità ce l’ha già riferito.

AVV. CIANFERONI: – La difesa la ritiene decisiva.

G / T : – Che è quello dell’interruzione delle comunicazioni

della Presidenza del Consiglio, però se vogliamo…

AVV. CIANFERONI: – No, chiedo scusa, no, la domanda è

importante secondo noi e decisiva, perché ci può essere

Colpo di Stato attuato con le Guardie Forestali, ci può

essere Colpo di Stato attuato con i mafiosi, con i

terroristi.

G / T : – Scusi, Avvocato Cianferoni…

AVV. CIANFERONI: – Perché si parla di Colpo di Stato?

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

77

G / T : – Avvocato Cianferoni, la sua domanda era precisa, in

base a quale elemento.

AVV. CIANFERONI: – Esatto.

G / T : – Il teste ci ha riferito ampiamente: l’elemento era

quello dell’interruzione delle comunicazioni telefoniche

di Palazzo Chigi.

AVV. CIANFERONI: – E poi?

G / T : – Adesso possiamo chiedere se ci furono ulteriori

elementi rappresentati al testimone.

AVV. CIANFERONI: – Esatto.

G / T : – E glielo chiediamo, ma…

AVV. CIANFERONI: – Prego.

G / T : – Prego.

DICH. NAPOLITANO: – Io penso che c’erano elementi per

formulare l’ipotesi o per usare l’espressione Colpo di

Stato, perché…

AVV. CIANFERONI: – E quali erano gli elementi?

DICH. NAPOLITANO: – Sì, naturalmente in questa materia si sono

scritti libri importanti, c’è perfino un libro di

tantissimi anni fa di un grande scrittore italiano

intitolato: “Technique du coup d’etat”, le tecniche del

Colpo di Stato di solito comprendono la interruzione

delle comunicazioni, l’isolamento del vertice del potere

dal resto degli apparati del potere, quindi era un

ingrediente classico di colpo di Stato. In questo senso

quello che stava accadendo poteva indurre a parlare di

tentativo o di rischio di Colpo di Stato, altro non ho

da dire.

AVV. CIANFERONI: – Questo le chiedo perché appunto nella sua

autobiografia, le pagine sono 279, 280, 83, lei parla di

avere riscontrato una difficoltà di funzionamento

quotidiano della Camera in quel periodo.

DICH. NAPOLITANO: – No, questa è un’altra…

AVV. CIANFERONI: – Queste sono sue parole testuali.

DICH. NAPOLITANO: – No, ma le mie parole testuali, anche se

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

78

non mi sono andato a rileggere pure la mia autobiografia

prima di questa udienza, comunque io ricordo molto bene

di avere sostenuto allora che era diventato quasi

impossibile portare avanti l’attività parlamentare

perché per effetto, e non c’entra niente…

AVV. CIANFERONI: – L’autorizzazione a procedere.

DICH. NAPOLITANO: – Per effetto della crisi di partiti, si

stava rarefacendo la partecipazione all’attività

parlamentare. Credo di avere anche specificato che quasi

tutti i principali gruppi parlamentari, fortemente,

fortemente colpiti dalla indagine della Procura di

Milano su Tangentopoli, falcidiati diciamo nelle loro

file e anche nella loro sicurezza, ormai non

partecipavano più, in quel momento io dicevo i gruppi

che partecipano maggiormente alle votazioni in aula sono

due e sono il gruppo della Democrazia Cristiana,

nonostante i colpi subiti anche da essa, e il nuovo

gruppo del Partito Democratico della sinistra, ma

insieme non possono garantire il funzionamento

dell’attività parlamentare e questo era un discorso che

sfociava su che cosa? Che sfociava praticamente sulla

inevitabilità dello scioglimento anticipato delle

Camere, quindi non c’entra niente tutta la tematica

delle stragi di mafia.

AVV. CIANFERONI: – Si vedrà, questo non è oggi che si deve

dire se c’entra o non c’entra. Ad un certo punto lei si

esprime come da ricorrenza di uno stato di necessità di

sciogliere le Camere e di arrivare alla riforma. Se lo

ricorda?

DICH. NAPOLITANO: – Sì, se vogliamo fare…

G / T : – Sicuramente no.

DICH. NAPOLITANO: – Un (PAROLA INCOMPRENSIBILE), come si dice?

G / T : – Sicuramente no, quindi Avvocato Cianferoni.

DICH. NAPOLITANO: – O un talk show sulla storia della

Repubblica…

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

79

G / T : – Se sono fatti attinenti o valutazioni allora fatte

in quella autobiografia ma con riferimento all’attività

politica dell’epoca, non c’entrano nulla con i nostri

temi. Quindi se lei coglie invece in quella

autobiografia dei temi che sono rilevanti per noi li

introduca, ma…

AVV. CIANFERONI: – La conversione in Legge dei Decreti

precedenti all’estate e poi l’attività ordinaria

parlamentare di fatto bloccata.

G / T : – Sì, ma se lei parla di scioglimento delle Camere,

quindi è chiaro che andiamo su un tema assolutamente più

ampio e diverso da quello oggetto del nostro processo.

Vada avanti.

AVV. CIANFERONI: – Come si arrivò allo scioglimento. No,

chiedevo questo perché il teste stamani ha anche

introdotto un altro bel modo di definire l’attività

politica, ha parlato di triade istituzionale riferendosi

a sé medesimo, al Presidente Spadolini e al Presidente

Scalfaro. Ci ha detto: in quel periodo si parlava di

triade istituzionale. Allora il mio quesito è: siamo nel

periodo tra l’estate e l’inverno, cioè agosto – dicembre

del 93. Il Presidente Scalfaro ricorda se sentii il

bisogno di fare un discorso a televisioni riunite sul

problema del “non ci sto”?

G / T : – Problema che evidentemente riguarda tutt’altri temi,

Avvocato, vada avanti con la domanda, faccia altra

domanda, Avvocato Cianferoni.

AVV. CIANFERONI: – Riguarda, secondo questa difesa, perché

riguarda…

G / T : – Riguarda secondo questa difesa, ma non secondo la

Corte, vada avanti.

AVV. CIANFERONI: – Bene, come lei dice.

G / T : – Quel “non ci sto” è riferito a vicende per nulla

collegabili a queste oggetto del Presidente.

AVV. CIANFERONI: – Dice la Corte.

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

80

G / T : – Dice la Corte, ritiene la Corte, non dice la Corte,

ritiene la Corte.

AVV. CIANFERONI: – Se la Corte dice così…

G / T : – Nell’ambito dei suoi poteri ritiene e quindi vada

avanti.

AVV. CIANFERONI: – Questa difesa ne prende atto. Ma

allora… La difesa non è di questo avviso, ma non è qui

che si deve dire.

G / T : – Non posso negarle di pensarla diversamente, come lei

credo che non possa negare a noi di ritenerla in maniera

altrettanto diversa. Prego.

AVV. CIANFERONI: – Ecco, su quali elementi il… Facendo un

passo indietro, andando verso allora l’estate, tornando

verso l’estate, quando lei andò in Francia. Su quali

elementi può dire oggi si fondava l’allarme… A parte

la sotto fonte, eccetera, ma perché la sua figura, se è

in grado di dirlo alla Corte, di Presidente della

Camera, doveva essere oggetto di attentato? Se lo

spiega? Può dare alla Corte una ragione?

G / T : – Su questo ha ampiamente risposto. Se ha ulteriori

elementi, anche perché ha parlato appunto di quella

esemplificazione, ma comunque se ci sono ulteriori

elementi il teste ce li può riferire, altrimenti valgono

le risposte che ci ha dato precedentemente. Prego

Presidente.

AVV. CIANFERONI: – Ecco, se ci sono altri elementi. Non ce

ne sono.

G / T : – Nessun altro.

AVV. CIANFERONI: – Ricorda se di quella triade, il compianto

Presidente Spadolini facesse parte dell’accademia dei

Georgofili?

DICH. NAPOLITANO: – Facesse parte?

AVV. CIANFERONI: – Sì.

DICH. NAPOLITANO: – Non mi ricordo, era membro di molte

accademie, di molte associazioni, era uomo di cultura

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

81

molto, come dire, articolato nei suoi interessi, non

vedo il nesso in ogni caso con le cose di cui stiamo

discutendo, se fosse o no personalmente membro

dell’accademia. Può darsi che da fiorentino fosse stato

associato.

AVV. CIANFERONI: – Bene. Lei ha avuto mai modo, non le è

stato chiesto, non l’ha detto, ritengo già di no, però

per completezza le chiedo: ha mai avuto modo di parlare

poi con il Prefetto De Gennaro di queste problematiche

inerenti il suo allarme? Cioè l’allarme nei confronti

della sua persona?

DICH. NAPOLITANO: – Con il Prefetto De Gennaro? Ma perché mai?

Se parlo con il Capo della Polizia, come parlai, perché

era venuto lui a riferirmi di queste voci, lui era… Il

Capo della Polizia era rappresentativo dei vertici della

Polizia di Stato e siamo ancora prima però dell’autunno

94, quando viene nominato un nuovo Capo della Polizia a

seguito delle dimissioni di Parisi, nella persona del

Prefetto Masone, e vengono nominati tre prefetti di

prima classe, che erano De Gennaro, Ferrante e Serra, e

uno dei tre, cioè De Gennaro, successivamente, non

subito perché prima stette a lungo al Servizio Centrale

Operativo Sco, successivamente diventa Vice Capo della

Polizia, ma perché quando era semplicemente un

funzionario dell’Amministrazione dell’Interno, settore

Polizia di Stato, io avrei dovuto parlare con lui? Le

sue competenze in materia di Servizi vengono molti e

molti anni dopo, certamente non nel 93, nel 93 non aveva

nessuna responsabilità specifica nei rapporti con i

Servizi.

AVV. CIANFERONI: – E successivamente ce ne ha parlato?

DICH. NAPOLITANO: – Come?

DICH. NAPOLITANO: – E successivamente, dico, ha avuto dei

colloqui con il dottore De Gennaro?

DICH. NAPOLITANO: – Lei pensa che io dieci anni dopo gli avrei

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

82

dovuto chiedere: a proposito, nel 1993 lei che faceva,

che ne sapeva?

AVV. CIANFERONI: – Magari non (PAROLA INCOMPRENSIBILE) a

proposito, ma insomma è qui a deporre, ha letto le carte

di Firenze.

G / T : – Sì, ma non sarebbe importante averne parlato in

questi giorni. Prego Avvocato Cianferoni, faccia altre

domande.

AVV. CIANFERONI: – E con il Presidente Spadolini si

confrontò circa la possibilità di essere vittime di

attentato?

DICH. NAPOLITANO: – No, Spadolini era molto, era uomo molto

ottimista, molto sereno, certamente non ci ponemmo

problemi di come magari coalizzarci per difendere le

nostre vite, questo… Che sarebbe diventato quasi un

argomento ridicolo, così trattato e concepito, non fu

mai presente in nessuna nostra conversazione. Sapevamo

che c’era questa minaccia, certamente era stato

informato come me e misure di protezione non potevano

che riguardare entrambi, non avevamo bisogno di parlarne

tra di noi.

AVV. CIANFERONI: – Mi sono annotato, nel corso del suo

esame, di un passaggio afferente alla figura di Luciano

Violante, che gli parlò della richiesta di Vito

Ciancimino di volere essere sentito in Commissione Anti

Mafia.

DICH. NAPOLITANO: – Già risposto.

AVV. CIANFERONI: – Può dettagliare meglio, attesa la sua

lontananza da questi temi, se ci sono delle ragioni per

le quali venne Violante su questo specifico tema?

DICH. NAPOLITANO: – No.

AVV. CIANFERONI: – Due sole domande inerenti i suoi rapporti

con due ex, posso dire ex, colleghi di partito, uno è

Gerardo Chiaromonte, a cui lei ha fatto riferimento,

oggi scomparso, che cosa… Indicando alla Corte e a

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

83

tutta noi, dice sarebbe bene rileggere i miei anni

all’Anti Mafia, per quale ragione?

G / T : – Avvocato, raccolga l’invito del Presidente e vada a

rileggere. Vada avanti.

AVV. CIANFERONI: – No, glielo chiedo, la Corte poi capirà

perché.

G / T : – Vada avanti, anche perché era un tema…

AVV. CIANFERONI: – Ha parlato con Emanuele…

G / T : – Temporalmente è antecedente a quello di cui noi

parliamo.

AVV. CIANFERONI: – Ha parlato con Emanuele Macaluso mai di

questi problemi?

DICH. NAPOLITANO: – Di che cosa?

AVV. CIANFERONI: – Dei problemi degli attentati, dei

problemi inerenti…

DICH. NAPOLITANO: – Di questi problemi specificamente non

so… Con il Senatore Macaluso parlo da una vita.

AVV. CIANFERONI: – Esatto.

DICH. NAPOLITANO: – Ma di questa vicenda non ricordo di

avergli parlato.

AVV. CIANFERONI: – Ho capito.

DICH. NAPOLITANO: – In quanto al libro di Chiaromonte, essendo

la testimonianza scritta di una personalità che credo

per una intera Legislatura fu Presidente della

Commissione Anti Mafia, ritengo che ci siano elementi

ancora oggi di attualità su cui rifletto e basta.

AVV. CIANFERONI: – Le chiedo ancora, sempre nel corso del

suo esame lei ha usato l’espressione “gli attentati del

93 costituivano espressione di una logica unica e

incalzante”. A fronte di questa valutazione, l’ipotesi

di attentato ulteriore a figure quali il Presidente del

Senato e il Presidente della Camera, come nella sua

interpretazione, se taluno gliela spiegò, si ponevano,

erano eccentrici o era lo stesso disegno? E se era lo

stesso disegno, perché?

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

84

DICH. NAPOLITANO: – Non ho mai preteso di essere un mafiologo,

quindi questo sottigliezze non sono in grado di

rappresentargliele in modo convincente.

AVV. CIANFERONI: – E non è in grado di dare…

DICH. NAPOLITANO: – Se fosse esattamente lo stesso o per quale

sfumatura no…

G / T : – Vada avanti, Avvocato Cianferoni.

AVV. CIANFERONI: – La ringrazio, non ho altre domande.

G / T : – Benissimo. Allora vediamo se ci sono altre richieste

di intervento. Nessuna.

DOMANDE DEL PRESIDENTE DOTTORE MONTALTO

G / T : – Allora soltanto un chiarimento, Presidente, a

proposito sempre di questo colloquio con l’Onorevole

Violante e solo per completezza. Le fu fatto il nome del

Generale… Oggi Generale Mori, all’epoca?

DICH. NAPOLITANO: – No.

G / T : – Quindi lei ha conosciuto, all’epoca evidentemente,

non oggi, il Generale Mori e il Generale Subranni?

DICH. NAPOLITANO: – Subranni non ricordo di averlo mai

conosciuto e il Generale Mori o Colonnello Mori l’ho

conosciuto di sicuro soltanto ai margini di cerimonie a

cui io partecipavo nell’esercizio di varie mie funzioni

e lui egualmente partecipava. Non ho mai…

G / T : – No, la mia richiesta di precisazione…

DICH. NAPOLITANO: – Non ho mai avuto un colloquio con il

Generale Mori, mai.

G / T : – La mia richiesta di precisazione è se quella

richiesta fatta da Ciancimino, fatta pervenire da

Ciancimino, di incontro con l’Onorevole Violante, le fu

in quel contesto in qualche modo ricollegata a possibili

contatti precedenti tra Ciancimino e Mori o altri

Carabinieri.

DICH. NAPOLITANO: – No.

G / T : – No. Va bene. E allora anche da parte della Corte non

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

85

ci sono altre domande. Vediamo se c’è qualcun altro che

intende intervenire. E allora qua ci possiamo fermare.

La ringraziamo e le assicuro che non è un ringraziamento

di maniera, ma è veramente sentito per la massima

disponibilità che abbiamo apprezzato. Grazie Presidente.

DICH. NAPOLITANO: – Grazie mille a lei.

G / T : – Se lei adesso… Così noi completiamo poi con gli

adempimenti. E allora, a questo punto noi abbiamo

concluso l’assunzione della testimonianza e quindi

possiamo dare atto a verbale della conclusione dell’atto

e aggiornarci, come già d’altra parte comunicato, per la

prosecuzione del dibattimento, all’udienza già indicata

del 6 novembre 2014, ore 09.30, presso l’ordinaria aula

delle nostre udienze. Buongiorno a tutti, grazie a voi

per la serenità con cui comunque l’esame è stato

condotto e credo che abbia portato a risultato.

AVV. ROMITO: – Presidente, una delucidazione, 6 novembre

continuiamo con Siino?

G / T : – 6 novembre, come avevamo già stabilito alla scorsa

udienza, dovremmo continuare con Siino, compatibilmente,

evidentemente, alle condizioni di salute che a questo

momento non conosciamo.

AVV. ROMITO: – Grazie.

G / T : – Grazie a tutti e buongiorno.

Il presente verbale è composto da totale caratteri (incluso

gli spazi): 147784

R.G. 1/13 – 28/10/2014 c/BAGARELLA LEOLUCA BIAGIO + 9

86

Il presente verbale è stato redatto a cura di COOP. LA SOCIO

CULTURALE

L’ausiliario tecnico: CD REGISTRATO A ROMA

Il redattore: COOP. LA SOCIOCULTURALE

COOP. LA SOCIOCULTURALE

____________________

ITALIANI SENZA TERRA

ITALIANI SENZA TERRA

ITALIANI SENZA TERRA

PD e i suoi trovatori

PD e i suoi trovatori, ma questi non canta di bellezza femminile, di eroi e armi, di corti e cortigiani!

Questi menestrelli son pifferai amanti di tasse balzelli imposte gabelle…

Pifferai PD Son come pifferi di montagna ma suonan solo la marcia delle tasse!

Pifferai PD Son come pifferi di montagna ma suonan solo la marcia delle tasse!

Pifferai PD Son come pifferi di montagna ma suonan la marcia delle tasse!

PD il Pifferaio Maggiore!

PD il Pifferaio Maggiore!

pifferaio

Ppifferaio
Ma i pifferi di Toscana andaron a suonar e furon suonati!

PD e piddini!

 

PD si crede padrone

PD si crede padrone

Governo Renzi

Quando un popol reclama i propri diritti ed è scontento del #Governo, in questo caso anche ILLEGITTIMO, e dei suoi rappresentanti, molti NON eletti nemmeno con porcellum, se questi fossero affetti da DIGNITA’, e non da proclami e inutili parole, similmente all’imprenditore che fallisce, o all’operaio che soccombe per debiti, si dovrebbero suicidare per vergogna e dovremmo assistere ad un seppuku (harakiri) di massa, ma affinché ciò avvenga è solo una questione di DIGNITA’!

E, tanto per affermarlo, DIGNITA’ è quel concetto che si possiede attraverso la manifestazione delle proprie azioni, e non secondo le leggi che sempre hanno una ragione politica per esser promulgate, mi riferisco al 595 C.P.

Un ultimo pensiero- Sig Renzi, a cui oggi a Palermo non han intonato canzoni, ma è stato contestato come a Bari e Taranto, è avventizio della politica con credo versato verso plutocrazia capitalista, e, sig Renzi fu aiutato dalle banche a impadronirsi del PD.

Immagino che una verosimile moneta di scambio tra Sinistri e sistema bancario sia stato:

“Ti ripianifico il debito MPS e tu, PD, mi dai la presidenza del Partito e presidenza del Consiglio d’Italia”!

In questa verità mai espressa, ogni patto segreto con sig Berlusconi è più che verosimile!

Credo che ancora P2 divide et impera!

Kiriosomega

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.200 follower