PATRIA- Novembre 4- Un omaggio ai nostri Martiri

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA!

DIFENDIAMO E AMIAMO LA PATRIA! disegno di kiriosomega

…Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…

…gaffe di Alfano (?), che si rivolge al sig B. così: “Come dice il presidente della Repubblica, volevo dire il presidente Berlusconi…”

Questo soggetto è patetico. Sono convinto che tanti padri di famiglia che avessero tenuto il suo comportamento dalle mogli sarebbero stati denunciati per crudeltà mentale, per malattia psichiatrica grave, o chissà per cos’altro!

Vero è che la colonya ytalya è caduta assai in basso per la genia di governanti con e senza occhiali alla Buscetta, ma il sig B. al Quirinale sarebbe un’offesa da suicidio per qualunque cittadino ragionevole, però, siccome ce ne sono anche d’indole diversa, potrebbe diventare occasione da… da omicidio!

b. for president

b. for president

Io, che domani dovrò morire – Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Senza retorica dedico il passo che segue ai politici italiani, ai burocrati, ai sindacalisti, ai preti, agli oligarchi tutti per rammentare loro che male hanno fatto e continuano a fare all’Italia per il loro gretto egoismo. Ho scelto un passo della letteratura greca non perché da noi manchino splendide figure di eroi sia tra gli antichi padri, sia tra quelli moderni come i “ragazzi della X” o di Bir el Gobi, ma per simbolicamente unire due popoli che oggi si trovano, ma molti ytalyoty non l’hanno ancora capito, in stato di cattività bancaria a causa, in Italia, di un governo insediato motu proprio dal presidente sig Napolitano che ha tradito la Patria, lo Stato, la nazione, il popolo, la Costituzione e  il proprio mandato spegnendo il barlume di democrazia di tipo greco che esisteva!

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Io, che domani dovrò morire

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

O Spartiatis, Leonida, (bronzo alle termopili- particolare)

Ο Άγνωστος Σπαρτιάτης.

Posted: 25 Apr 2012 02:44 AM PDT
Πηγαίνω να πεθάνω αύριο.

Πηγαίνω να πεθάνω αύριο και γράφω αυτά τα λόγια, κάτω από το φώς ενός πυρσού,

περιμένοντας το ξημέρωμα.

Συλλογίζομαι ότι η φαντασμαγορία των αστεριών

και η λάμψη τους είναι πολύ διαφορετική από το σκοτάδι που περιβάλλει τα πτώματα που βρίσκονται μπροστά μου.

Οι ίδιες λάμψεις που όμως είναι χρωματισμένες με την κόκκινη λάσπη που ποδοπατώ

και που η στυφή τους μυρωδιά με αηδιάζει τόσο όσο και η γνώση του ότι

αύριο θα είμαι ένας από αυτούς.

Εγώ ο Αγαθοκλής, Σπαρτιάτης στρατιώτης, φυλάω το πέρασμα των Θερμοπυλών.

Ξέρω ότι σήμερα είμαστε περικυκλωμένοι και ότι ο τόπος αυτός θα είναι ο τάφος μου

και ενώ το σκέπτομαι το στομάχι μου νοιώθει το κρύο,

σαν ήδη να έχει εισβάλει η ψύχρα του θανάτου στο σώμα μου.
Γι’ αυτό γράφω προσεκτικά και κάνοντας το τα χέρια μου σταματούν να τρέμουν

και οι φόβοι μου σβήνουν.
Όχι, δεν θα προσπαθήσω να φύγω μεσ’ στο σκοτάδι, αντίθετα γράφω

και τα λόγια μου αυτά θα μιλούν όταν θα είμαι νεκρός.
Θα σας εξηγήσουν γιατί δέχομαι το πεπρωμένο μου, έτσι ώστε να κάνουν κατανοητά τα κίνητρα εκείνων που περιμένουν το θάνατο εδώ.

Εμείς, οι Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουροί του βασιλιά, λένε ότι είμαστε οι μόνοι άνδρες

οι οποίοι είχαν επιλεγεί μεταξύ εκείνων που έχουν τη μεγαλύτερη περιφρόνηση

για τον πλούτο και την πολυτέλεια, και δεν αφεθήκαμε ποτέ να διαφθαρούμε  απ’ το χρυσό,

αλλά σας λέω ειλικρινά ότι όποιος ισχυρισθεί  κάτι τέτοιο ψεύδεται.

Στην Κόρινθο, για πρώτη φορά είδαμε χρυσό και ασήμι σε αφθονία

και σιγά – σιγά αρχίσαμε να ανυπομονούμε για τη λεία,

όμως πολύ γρήγορα αντικρίσαμε αδελφό να μαλώνει με τον αδερφό του για ένα ασημένιο κύπελλο,

 ή τους άνδρες που είχαν πολεμήσει μαζί, να μαλώνουν για μια σκλάβα με πράσινα μάτια.

Ο Λεωνίδας μας είδε κυριευμένους από την απληστία, και μας κάλεσε στην αγορά.

Εκεί, έριξε ότι του αναλογούσε στο έδαφος και είπε:

“εδώ είναι μερίδιο μου, αλληλοσκοτωθείτε για να το πάρετε»

Εμείς, οι τριακόσιοι άνδρες της φρουράς του, ντροπιασμένοι,

 ρίξαμε κάτω το πλούτο μας  με τον ίδιο τρόπο.

Από εκείνο το βράδυ βγήκαμε μέσα από το μαρμάρινο ανάκτορο

και κοιμόμαστε έξω από την πόλη κάτω από λινές σκηνές μας.
Όλοι οι άνδρες του στρατού της Σπάρτης μας επαίνεσαν και είπαν,

«αυτοί είναι οι μόνοι άνδρες που δεν είναι δυνατόν να δωροδοκηθούν.”

Όμως για να μοιραστούμε το χρυσό δεν μας ενδιέφερε πλέον,

επειδή είδαμε την τιμή της χλιδής που μας φάνηκε τόσο υψηλή

ώστε ούτε και ένας από τους τριακοσίους είχε το κουράγιο να παραμείνει στην πόλη.

Έτσι, όταν αναγνωρίσαμε τον Ξέρξη, πάνω στο λόφο,

 ντυμένο με μετάξι δεμένο με πολύτιμους λίθους, τον υποτιμήσαμε.

Βέβαια, το ίδιο βράδυ αυτός μας πρόσφερε ένα τεράστιο φορτίο χρυσού,

προκειμένου να φύγουμε από το πέρασμα και νοιώσαμε πάλι το σκουλήκι της απληστίας μέσα μας

και νομίζω ότι ο καθένας αισθάνθηκε την επιθυμία του πλούτου

ώστε να εγκαταλείψει τον αγωνιστικό χώρο προκειμένου να  ζήσει,

αλλά ο Λεωνίδας στήθηκε πάλι μπροστά μας.

Αυτός μας γνωρίζει και γι ‘αυτό δεν μίλησε για την τιμή, για τη δόξα ή για τη Πατρίδα,

γιατί ήξερε ότι αυτή τη φορά αυτοί οι ορισμοί θα ήταν κούφιες λέξεις στα αυτιά μας

μπροστά στην λέξη ζωή.

“Ίσως κάποιος θέλει να συνεχίζει να ζει στην Κόρινθο – είπε –

και όποιος θέλει  μπορεί να λάβει το μερίδιο του και να με αφήσει.

Σε όποιον θα το κάνει του προτείνω να φορτώσει πολύ χρυσό

προκειμένου να ξεχάσει τα πρόσωπα των φίλων που θα αφήσει πίσω του

και για του χρησιμεύσει ακόμα

προκειμένου να ξεχάσει το αίμα αυτών που θα πεθάνουν για την προδοσία του,

πέρα εκεί στο στενό πέρασμα. “

Αυτό δήλωσε, μετά κοίταζε σιωπηλός ενώ κανείς δεν κινήθηκε και κανένας από μας

δεν πέταξε τα όπλα και ότι για μια στιγμή, μόνο για μια στιγμή,

θα χαιρόταν να είναι εκεί μαζί με τον βασιλιά μας.

Αυτό συνέβη και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες μεγάλης αξίας, που δεν φοβούνται το θάνατο

και περιφρονούν τη λεπίδα των όπλων του εχθρού.

Εγώ, αλήθεια σας λέω, ότι όποιος το λέει αυτό ψεύδεται επειδή βλέποντας το στρατόπεδο του εχθρού, γεμάτο με όπλα, σφίγγει η καρδιά από φόβο στο κόψιμο της λεπίδας και στον πόνο από τις πληγές του, όμως περισσότερο από αυτόν τον πόνο

φοβόμαστε την περιφρόνηση από τον φίλο που αγωνίζεται στο πλευρό μας,

τη ντροπή της γυναίκας που περιμένει την επιστροφή μας

ή την απόρριψη από τον γέροντα που κάποτε πολέμησε για μας.

Για όλα αυτά, κυριαρχούμε πάνω στους φόβους

και ο αγώνας μας διακατέχεται από μια άγρια μανία που λάμπει στα μάτια μας,

αλλά αυτή η έκφραση δεν είναι το μίσος για τον εχθρό αλλά για τον φόβο,

που φαίνεται ότι πάντα περπατάει δίπλα μας και ότι ο καθένας μας μπορεί να είναι ο επόμενος .

Έτσι είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

Για εμάς, τους Σπαρτιάτες του Λεωνίδα, φρουρούς του βασιλιά,

λένε ότι είμαστε άνδρες έντιμοι που αγωνίζονται

για την ελευθερία των Ελλήνων πολιτών, τη δικαιοσύνη και τους νόμους,

όμως την αλήθεια σας λέω, όποιος  το λέει ψεύδεται.

Αύριο τα ξημερώματα θα αδράξουμε τις ασπίδες μας και, αφού θα έχουμε στα χέρια τα δόρατα,

θα ακουστούν οι ύμνοι μας του πολέμου να αντηχούν στο κάθε μας βήμα

και θα επιτεθούμε ενάντια στις ορδές των βαρβάρων.

Εγώ θα προχωρώ, αγκώνα με αγκώνα, διατηρώντας τη θέση μου στη σφιχτή φάλαγγα

και θα αισθανθώ τη ζεστασιά από το φώς του ήλιου, τη μυρωδιά του σιδήρου, τον ιδρώτα των ανδρών, και θα ξέρω ότι όλα αυτά θα τα κάνω για τελευταία φορά.

Η λόγχη μου θα καλυφθεί με αίμα και θα σκοτώσει δέκα βαρβάρους, ή εκατό, ή χίλιους,

αλλά αυτό λίγο θα χρησιμεύσει, γιατί κοιλιά μου θα είναι διάτρητη από τις λόγχες του εχθρού

και θα πεθάνω.

Όμως δεν θα το κάνω για την ελευθερία των Ελλήνων, ούτε για τη δικαιοσύνη και το νόμο,

και ακόμη δεν θα πεθάνω ούτε για την Σπάρτη.

Θα πεθάνω για να μη με δώ σκλάβο,

σέρνοντας τις αλυσίδες της δουλείας στις ερήμους της Μ. Ανατολής.

Πεθαίνω για να εκδικηθώ τον Αγησίλαο, τον φίλο μου,

που είδα χθές το πτώμα του τρυπημένο από ένα βέλος αιγυπτιακό,

θα πεθάνω μαζί με τον Aγχίλοχο

που έχει καλύψει το πλευρό μου με την ασπίδα του σε δέκα μάχες,

και αύριο θα με καλύψει για τελευταία φορά,

θα πεθάνω για τον Λεωνίδα, ο οποίος μας οδηγεί στο θάνατο,

αλλά και που του είμαστε ευγνώμονες γιατί πρώτα μας έκανε άνδρες!

Αύριο, όταν θα πέσει η νύχτα,

 η φρουρά του βασιλιά Λεωνίδα θα καταλήξει  απλά ένας σωρός από νεκρούς,

στη συνέχεια μια χούφτα από οστά

και στη συνέχεια τίποτα.

Ίσως κάποτε, όταν θα ξεχαστεί το όνομα της Σπάρτης,

αλλά και όταν η τεράστια αυτοκρατορία του βασιλιά των βασιλιάδων θα πέσει στη λήθη,

κάποιος θα θυμάται τη θυσία μας

και θα δεί ότι με τον θάνατος μας γίναμε γενναίοι και πιστοί

και ακόμα όλα όσα δεν μπορέσαμε να γίνουμε στη ζωή

και στη συνέχεια να πεί:

“Οι Σπαρτιάτες της φρουράς του βασιλιά Λεωνίδα πέθαναν εδώ και πολύ καιρό,

αλλά η μνήμη τους είναι αθάνατη.”

Έτσι θα είναι και όποιος λέει αλλιώς, αξίζει να πεθάνει!

  Ένας από τους τριακοσίους.

(Μετάφραση από Ιταλικά

Από κείμενο του Dr. Carlo Boccadifuoco)

Σιμωνίδης:Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

greek

greek

Io, che domani dovrò morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno.

Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio che è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro.

Io, Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili.

So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba, e al pensarlo il mio stomaco si contrae di freddo come se il gelo della morte volesse già invadere il mio corpo.

Per questo scrivo con attenzione, e facendolo le mie mani cessano di tremare e sento che i miei timori sfumano.

No, non tenterò di fuggire complice l’oscurità, piuttosto scrivo e queste parole parleranno per me quando sarò morto.

Esse spiegheranno perché accetto il mio destino; sì, saranno esse che daranno conto dei motivi di quelli che qui aspettano la morte.

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini giusti, che fummo scelti tra quelli che maggiormente disprezzavano le ricchezze e il lusso e che non ci siamo mai lasciati corrompere dall’oro, ma in verità vi dico che chi afferma questo mente.

A Corinto vedemmo per la prima volta oro e argento in abbondanza e ci scagliammo su di essi ansiosi di bottino, ma ben presto vedemmo il fratello combattere col fratello per una coppa d’argento, o uomini, che avevano lottato fianco a fianco, disputare per una schiava dagli occhi verdi.

Leonida ci vide posseduti dalla cupidigia, e ci convocò nell’agorà.

Là, scagliato al suolo quello che gli era toccato proferì: “Ecco la mia parte, uccidetevi per essa!”

Perciò noi, i trecento uomini della sua guardia ci vergognammo e ci sbarazzammo delle nostre ricchezze allo stesso modo.

Da quella notte abbandonammo i palazzi di marmo e dormimmo fuori dalla città, sotto le nostre tende di lino.

Tutti gli uomini dell’esercito di Sparta ci elogiarono e dissero: “Questi sono uomini giusti che non si lasciano corrompere”.

Ma quelli stessi così parlando si divisero il nostro oro, però non ci importò perché avevamo visto il prezzo dell’opulenza e ci sembrò tanto alto che nemmeno uno dei trecento ebbe il coraggio di rimanere in città.

Per questo, quando sulla collina riconoscemmo Serse vestito di seta legata con pietre preziose lo disprezzammo.

Quella stessa sera il re ci offrì un carro carico d’oro affinché lasciassimo libero il passaggio; fu allora che dentro di noi di nuovo sentimmo il tarlo della cupidigia e crebbe il desiderio d’accettare quelle ricchezze e volere abbandonare il passo per vivere, ma Leonida si mise di fronte a noi.

Lui ci conosce, per questo non parlò di onore, di gloria e Patria perché sapeva che in quest’occasione quei termini sarebbero stati vuoti alle nostre orecchie di fronte alla parola vita.

“Forse qualcuno vuole ancora vivere a Corinto – disse – chi vuole può prendere la sua parte e abbandonarmi. A chi lo farà raccomando di caricare molto oro per dimenticare il volto degli amici che lascia dietro, e glie ne servirà ancora di più per dimenticare il sangue di quelli che moriranno per il suo tradimento al di là del passo.”

Questo disse, e poi guardò in silenzio ma nessuno si mosse e nessuno di noi gettò le armi così che per un istante, solo per un istante, ci rallegrammo di essere lì insieme al nostro re.

Questo avvenne, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini di gran valore, che non temiamo la morte e disprezziamo la lama delle armi dei nemici.

Io, in verità vi dico, che chi dice questo mente, perché al vedere lo schieramento del nemico, irto di armi, ci si stringe il cuore e temiamo il filo della lama e il dolore delle ferite, ma molto più di questo dolore temiamo il disprezzo dell’amico che combatte al nostro fianco, la vergogna della donna che attende il nostro ritorno o il ripudio del vecchio che un tempo lottò per noi.

Per tutto questo dominiamo i nostri timori e lottiamo posseduti da una furia selvaggia che brilla nei nostri occhi, ma questo sguardo non è odio per il nemico, è spavento nel sapere che le Parche camminano sempre al nostro fianco e che chiunque, per loro, può essere il prossimo.

Così è, e chi afferma il contrario merita la morte!

Di noi, gli Spartani della guardia del re Leonida, si dice che siamo uomini leali e lottiamo per la libertà dei cittadini Greci, per la giustizia e la Legge, ma in verità io vi dico che chi dice questo mente.

Domani all’alba imbracceremo i nostri scudi e, dopo avere impugnato le lance si sentiranno i nostri peana di guerra e morte risuonare nel passo mentre caricheremo contro le orde dei barbari.

Io avanzerò, gomito a gomito, occupando il  mio posto nella falange serrata e sentirò il calore e la luce del sole, l’odore del ferro, il sudore degli uomini, sapendo che tutto questo lo farò per l’ultima volta.

La mia lancia si coprirà di sangue e ucciderò dieci barbari, o cento, o mille, ma servirà a poco perché il mio ventre sarà trafitto dalle lance del nemico e morirò, ma non lo farò per la libertà dei Greci, né per la giustizia e la Legge, e nemmeno morirò per Sparta.

Morirò per non vedermi schiavo, trascinando la catena della servitù per i deserti della Media; morirò per vendicare Agesilao, mio amico, che vidi ieri cadere trafitto da una freccia egizia; morirò assieme ad Anchiloco che mi ha coperto il fianco con il suo scudo in dieci battaglie e domani me lo coprirà per l’ultima volta; morirò per Leonida che ci conduce alla morte, ma cui siamo grati perché prima fece di noi degli uomini!

Domani, quando la notte scenderà, della guardia del re Leonida resteranno solo un gruppo di corpi senza vita, e poi un pugno di ossa, e poi più nulla.

Forse, allora, quando si sarà dimenticato il nome di Sparta ed anche il vasto impero del re dei re avrà ceduto all’oblio, qualcuno ricorderà il nostro sacrificio e vedrà che per la nostra morte fummo giusti, coraggiosi, leali e tutto quello che non riuscimmo a essere in vita, e allora esclamerà: “Gli Spartani della guardia del re Leonida morirono tanto tempo fa, ma il loro ricordo rimane immortale”.

Così sarà, e chi dice il contrario merita la morte!

Uno dei trecento.

Simonide scrisse un unico Epigramma riportato nel “Passo delle Termopili”:

Ω ΞΕΙΝ ΑΓΓΕΛΕΙΝ ΛΑΚΕΔΑΙΜΟΝΙΟΙΣ, ΟΤΙ ΤΗΔΕ ΚΕΙΜΕΘΑ ΤΟΙΣ ΚΕΙΝΩΝ ΡΗΜΑΣΙ ΠΕΙΘΟΜΕΝΟΙ”.

STRANIERO ANNUNZIA AI LACEDEMONI CHE NOI STIAMO QUI ESEGUENDO I LORO ORDINI.

kiriosomega

Pericle: “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

PURTROPPO PERICLE E’ SCOMPARSO, ORA CI SONO O PAPADIMOS, I MONTI…  E BANCARI/BOTTEGAI DELL’USURA!

DITE AGLI OLIGARCHI YTALYOTY, AGLI STUPIDI AMERI_CANI, AI TRONFI TEDESCHI, AI TRANSALPINI GALLI SPENNACCHIATI… COS’E’ LA DEMOCRAZIA!

Pericle - "Sulla democrazia" - Discorso agli ateniesi 461 a.n.e.

Pericle – “Sulla democrazia” – Discorso agli ateniesi 461 a.n.e. disegno kiriosomega

Pericle – “Sulla democrazia”. Discorso agli Ateniesi, 461 a.n.e.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi, e per questo è chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia uguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere quelli che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non sì interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade, e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione, ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

4 Novembre! Giornata delle Forze Armate.

4 Novembre

l'eroe: non cambiò bandiera!

l'eroe: non cambiò bandiera!

 “In memoria imperitura di tutti i soldati sconfitti, e di ogni Eroe ucciso dal nemico nelle perdute battaglie.

La sconfitta mai potrà privarli della gloria.

Anche la R.S.I. fu fulgido esempio, sempre dimenticato, d’eroismo e abnegazione per il destino della Patria. R.S.I. che combatté contro un nemico strapotente che, ahimè, rese zimbello il futuro della nazione”.

kiriosomega

kiriosomega l’agnostico!

Io sono agnostico, e per questo spesso avverto il desiderio di credere in Dio.

Quando però con logica esamino il problema m’accorgo che in un Dio ho difficoltà a rispecchiarmi.

Deluso della sua mancanza, allora spesso mi chiedo se esistono due Dio.

Stranamente con questa ipotesi mi sento rasserenato, perché la trovo assai coinvolgente e penso:

Se tutto va così male è perché ognuno dei due Dio è convinto che è l’altro che pensa al mondo”!

Perciò sempre più mi convinco che se il mondo l’avessi costruito io sarebbe migliore!

Ma, riflessione importante, occorre sempre agire come se un dio veramente esistesse.

Però non confondiamo il cristianesimo ed il giudaismo con Dio, perché queste vie sono come l’alcool e gli stupefacenti: “Corrompono chiunque le usi”!

kiriosomega l’agnostico

Platone cita Socrate: “La Repubblica”, 591 b.- “Vale più la mente del corpo”?

Il destinatario di questi importantissimi concetti nella formazione d’ognuno non le leggerà, ma lui, se lo facesse, forse capirebbe che il Paese di nascita non è un consiglio d’amministrazione! Vero Silvio? Ciò altrettanto vale per i corrotti nostrani politici che ci perseguitano con la schiavitù eurocratica, e con la loro incapacità di distinguere tra una riunione di ragionieri e quella di governanti!

Socrate di Lisippo

Socrate di Lisippo

Platone

Platone

“Δεν ωφελεί το να αδικεί κάποιος ξεγλιστρώντας και όταν δεν τιμωρείται, διότι γίνεται χειρότερος. Αντιθέτως, αυτός που τιμωρείται γαληνεύει μέσα του το θηρίο και εξημερώνεται, ενώ απελευθερώνεται το ήμερο και όλη η ψυχή ανυψώνεται μεταπίπτοντας στην άριστη φύση της, καθώς αποκτά σωφροσύνη (αυτο -έλεγχο), δικαιοσύνη, και φρόνηση (σοφία) συνδυασμένα, που του προσφέρουν μεγαλύτερη αξία από την σωματική δύναμη και υγεία, και την καλήν εμφάνιση, όπως ακριβώς ο νούς αξίζει περισσότερο από το σώμα; “- Σωκράτης, Πλάτωνος” Πολιτεία “, 591 β.

“And how can it pay him to escape punishment of wrong doing by not being found out? If he escapes doesn’t he merely become worse? And instead, if he’s cought and punished; isn’t the beast in him calmed and tamed, and his humaner parts set free? And doesn’t that mean that he is making the best of his natural gifts, and, by forming a character in which self-control and justice and understanting are combined, getting worth more than physical strength and health and good looks, just as the mind is worth more than the body?” – Socrates, in Plato’sThe Republic“, 591 b.

Chi non sfugge ai propri doveri crea una personalità in cui si combinano l’autocontrollo e la giustizia! Otterrà così un valore superiore alla forza fisica alla salute alla bellezza. Giungerà al potere della mente, PERCHÉ LA MENTE VALE PIÙ DEL CORPO

Platone -: Socrate non sarà mai inferiore al suo insegnamento.

Socrate, anziché discolparsi di fronte ai giudici, afferma di essere intenzionato a fare ciò che ha sempre fatto: cercare di convincere tutti coloro che incontra a praticare la virtù.

Platone Insegna

Platone Insegna La Grandezza Di SOCRATE!

kiriosomega

DONA UNA SCOPA PER LE PULIZIE!

...dona una scopa per le pulizie!

...dona una scopa per le pulizie!

Pastore tedesco!

TUTTO CIO’ CHE E’ SCRITTO  E  RIFERITO IN QUESTO BLOG ASSOLUTAMENTE NON INTENDE  ATTACCARE NESSUNA PERSONALITÀ, NE’ PRIVATA, NE’ PUBBLICA, NE’ GIURIDICA. MA LO SPIRITO QUI ESPRESSO INTENDE SEGUIRE L’ANTICO LATINO MOTTO DEL “RIDENDO MORES CASTIGAT” CHE GIÀ MI FU INSEGNATO NELLE SCUOLE MEDIE DI QUESTO MIO BELLISSIMO PAESE CHE, SOPRA OGNI COSA, AMO E VOGLIO DIFENDERE COME SO E POSSO NELLA SUA INTEGRITÀ CHE L’ESTERO NON DEVE CRITICARE!

INOLTRE, ANCORA SI SPECIFICA CHE OGNI NOTIZIA QUI RIPORTATA HA SEMPRE RIFERIMENTO TRATTO DA STAMPA NAZIONALE OD ESTERA. IL BLOG NON E’ PRODOTTO GIORNALISTICO INTESO SECONDO LA LEGGE 62 DEL 2001 PERCHÉ AGGIORNATO SENZA CONTINUITÀ.

RINGRAZIO IL LETTORE PER AVERE LETTO QUESTE SEMPLICI AVVERTENZE INERENTI IL BLOG, E MI SCUSO SE NELL’ARTE GOLIARDICA DEL DIRE A VOLTE ESAGERO.

KIRIOSOMEGA -ITALIANO!

Corruzione- disegno

Come la corruzione rode e Roma decade, ma l’Italia non sta meglio!

Disegno ripreso da vignetta idea originale già presente in internet (zapiro)

corruzione

corruzione

Me ne vado! Vengo anch’io!

me ne vado! vengo anch'io!

me ne vado! vengo anch’io!

kiriosomega

la mazzetta dove la metto?

la mazzetta 2

la mazzetta 2

Molla il portafogli 2

quanto mi costi!

quanto mi costi!

Molla il portafogli 1

molla il portafogli

molla il portafogli

kiriosomega

Sindrome di Quirra- VERSO UNA SOCIETA’ NUCLEARE

VERSO UNA SOCIETA’ NUCLEARE

Oligarchia del capitale e necessità d’armonico sviluppo

In astratto, non esiste alcun’eterna verità, non bella e poi brutta, ma essa muta con le qualità di vita degli uomini e delle relazioni sociali.

Questa appare l’unica via che spinge la “ragion logica” a trasformarsi in tempi susseguenti.

Dalla lettura della storia umana si deduce che il percorso evolutivo, che avvenne nella trasformazione dalle antiche religioni mediterranee verso quella cristiana, è simile a quello che sopraggiunse con il trapasso dalle antiche comunità alla nobiltà feudale. In seguito, il fenomeno tornò a mostrarsi, prepotente, durante l’epoca rivoluzionaria della nascente borghesia, età in cui al cattolicesimo ed all’umanesimo si contrapposero la riforma protestante, l’illuminismo ed il libero arbitrio sociale. In buona sostanza, il fenomeno, che si ripresenta nel tempo, è di un’evoluzione sociale sostenuta da esigenze economiche che, ingigantite dal divenire, virano l’etica e la sua compagna, la morale con la ruffiana politica, verso colori ora rossi, poi verdi, rosella o altro, ed a tutto questo s’accompagna solo una formale dispotica ricerca dell’origine umana e del suo creatore.

Mutamenti, ancora più essenziali, appariranno poi con la scomparsa del liberticida regime plutocratico, per il trapasso del Potere ad una nuova classe dirigente.

Cadrà il vessatorio attuale sistema, dei moderni “Principi Mercanti”, che impone lo sfruttamento dell’umanità per opera di un’esigua minoranza coesa dal gran capitale; esso sparirà, dissolvendosi, di fronte a nuovi comportamenti d’evoluzione sociale, economica e collettiva non ancora chiaramente definibili. evoluzione

Così, su quest’ineluttabile via evolutiva, l’odierna dominante gilda neoliberista che impone al consorzio umano, in nome di un fisiocratico ed addomesticato dogma, la difesa dei propri interessi materiali pressandolo a combattersi in virtù del credo che lo attende in un’altra vita, per poterlo meglio sfruttare in questa, finalmente si dileguerà.

In questo percorso d’avanzamento, dunque, si giungerà al disfacimento dei contrasti di classe e dei loro faziosi atteggiamenti, così che la scienza-coscienza degli uomini si amplierà all’unisono, divenendo disponibile al dialogo tra le parti.

Lo sviluppo maturativo per il raggiungimento dell’integrazione sociale sarà certamente lungo, e non potrà essere aiutato da decreti legislativi od amministrativi, ma, inarrestabile, alla fine trionferà per un’etica naturale collettiva.

Dalla generale premessa che abbiamo riportato, nascono anche le particolari implicazioni che esporremo. Queste, anche se riguardano ciò che oggi è definito con il concetto di “Nucleare”, nella sostanza sono scelte economiche necessarie che devono essere traguardate alla luce di una migliore distribuzione delle ricchezze energetiche del pianeta che ci ospita.

Così, conoscere il pericolo del rischio “radioattivo” non ha per conseguenza l’adesione ad una militanza politica, ma solo implica il dovere, ormai d’ogni cittadino, di vigilare sulla comune sicurezza per salvaguardare anche la propria.

E’ incontestabile necessità sempre ricordare, anche per la semplice lettura di ciò che esporremo, che è dovere supremo, d’ogni consorzio umano, di consegnare un ambiente vivibile alle future generazioni, per ciò, costruire un “mondo nucleare”, non basato sulla fusione, ma sull’attuale pericolosa fissione dell’atomo, deve far sì che ogni arrivismo mercantile privato, e la stupidità oligarchica dei gestori, sia abbandonata.

E’ perciò indispensabile, per la progettazione e la conduzione del nucleare, che unicamente commissioni di “studiosi” possono decidere, aldilà dell’attuale logica e dell’arroganza del Potere economico e politico, come le nuove centrali devono essere costruite e dislocate, e come deve avvenire il trattamento delle scorie nucleari dell’attuale processo di fissione.

Il rischio umano ed ambientale, creato dai rifiuti nucleari, soprattutto è connesso con i prodotti della lavorazione dell’U235, perché quest’elemento è sottoposto ad “arricchimento”, sia per renderlo idoneo all’uso nelle armi, sia per utilizzarlo come combustibile nelle centrali nucleari. Le scorie,

residuate della lavorazione, si presentano anche come esafluoruro d’uranio UF6 che è convertito, per riciclarlo, in uranio impoverito U.I. che sarà poi impiegato nell’industria civile e bellica.

Oggi, al contrario delle raccomandazioni che formuliamo, dobbiamo purtroppo affermare che, senza alcuna volontà di polemizzare, mentre commissioni di bioetica impediscono a milioni di malati di curarsi e sopravvivere alle loro gravi patologie attraverso l’uso delle cellule staminali, nessuna commissione di tal fatta discute dei problemi della fissione dell’atomo!

Attraverso questo retrivo e probabilmente interessato comportamento nemmeno un’informazione, sull’uso del nucleare e delle sue scorie giunge ai cittadini, perché l’argomento, ignorato, è ristretto al libero arbitrio di pochi.

E’ tuttavia ormai necessario tentare un armonico sviluppo mondiale per sanare un’economia sempre più classista e disarmonica, ed interessata solo ai propri profitti, ciò deve però avvenire, come abbiamo suggerito, con la massima lungimiranza ed accorgimento, dunque nel rispetto dell’ambiente che tutti ci ospita, e della salute d’ogni individuo.

Tabelle destinate alla comprensione dei dati in seguito espressi.

Numero Atomico

Elemento nome

Elemento Simbolo

Peso Atomico u.m.a.

92

URANIO

U

238,029

94

PLUTONIO

Pu

239,13

Uranium U: configurazione elettronica 1s2-2sp8-3spd18-4spdf32-5spdf2,6,10,3-6spd2,6,2-7s1.

Composti dell’attinide Uquando è ridotto in polvere, l’elemento brucia nell’aria a 150°175°C, ed approssimandosi alla T di 1000°C reagisce con il N formando nitruro d’uranile, di colore giallo, molto tossico. Altri importanti composti sono l’UO2 (biossido d’uranio), l’UO2Cl2 (cloruro d’uranile), l’UO3 (triossido d’uranile), l’UCl4 (tetracloruro d’U.).

Impiego industriale: dopo la scoperta della fissione nucleare, l’uranio divenne un “metallo” (attinide) d’importanza strategica. Fu principalmente utilizzato per la produzione d’armi nucleari e, più tardi, fu riconosciuto capace di creare energia alternativa per uso non bellico.

L’U.I. (Uranio Impoverito), nonostante la sua denominazione, possiede un’elevata radioattività che è pari al 60% dell’uranio fissile. Il materiale si presenta come un cocktail di sostanze la cui gran parte è rappresentata dall’isotopo U238 miscelato con una bassa % d’U235. L’U.I. mostra anche l’inquietante tendenza ad auto incendiarsi a contatto con l’aria ed a temperatura e pressione ambientali, così emettendo gran quantità di “masse” che non sono rilevate dai contatori geiger e che sono perciò insidiose più delle dell’elemento U235, questo perché sono respirabili con susseguenti eventi patologici, specialmente a carico delle vie aeree profonde e delle cellule midollari.

Plutonio Pu: configurazione elettronica 1s2-2sp8-3spd18-4spdf32-5spdf2,6,10,56spd2,6,2 -7s1.

Composti dell’attinide Pu: PuC (carburo di Pu); PuF3 (trifluoruro di Pu) PuF4 (tetrafluoruro di Pu); PuN (azoturo di Pu); PuO (ossido di Pu); PuO2 (biossido di Pu); Pu2O3 (sesquiossido di Pu); PuSi2 (siliciuro di Pu); Pu3S4 (solfuro di Pu). Ogni isotopo di Pu è radioattivo. Il più importante è il Pu239 che emette raggi con tempo di decadimento calcolato in 24.360 anni.

Impiego industriale: Quest’elemento, contenuto in piccolissima % nella pechblènda (uraninite), particolarmente si presta per la costruzione d’armi nucleari per la gran sezione d’urto che offre per la fissione nucleare. Nei reattori nucleari di tipo auto fertilizzanti si crea “allevamento” industriale di Pu con cattura di neutroni accelerati secondo lo schema indicato: 238 92U (n, g) (r) 23992U (b-) (r) 23993Np (b-) (r) 23994Pu.

Non sono un catastrofista né ricerco stupidi ed imbelli atteggiamenti di piacevole perbenismo o di protagonismo, tento sempre d’essere obiettivo e per questo sono convinto che “quanno ce vò ce vò” e “’sta vorta ce vò” perciò procedo a descrivere l’argomento.

Questo scritto non vuole proporsi come un lavoro scientifico, il suo fine è solo divulgativo di un tema, come già affermato, sempre celato alla società, e qui ci chiederemo, in particolare, la destinazione d’uso delle cosiddette scorie radioattive.

E’ innegabile che la forza lavoro è il motore trainante dell’umanità e delle sue conquiste sociali, economiche e tecnologiche. Infatti, è proprio da ciò che scaturisce che i valori affermati sono subordinati ad un armonico sviluppo dell’intera specie.

Dobbiamo però amaramente affermare che questo è un concetto soltanto teorico, perché solo pochi esempi, dovuti a grandi geni, ci mostrano uomini riflessivi sulle necessità d’attuare una strategia o una tecnologia che non appaiono giovevoli all’intero umano consorzio.

Il dramma di tutto questo, affermiamo ridancianamente, principiò il giorno in cui un preistorico capì che le pietre ruzzolano da una sommità, ma esse purtroppo non sempre sono sommitali, ed è questa la ragione per cui è necessario renderle tali.

Cominciò così il lavoro, cercando, in prospettiva, il sistema per non lavorare, in altre parole ottenere energia senza dispendio, contro il secondo principio della termodinamica“.

Da allora la tecnologia è avanzata ma con scelte non sempre opportune e, in ogni modo, mai con reali benefici economici e sociali che ricadono su tutti.

Da meno sviluppate tecnologie, per esempio impiegando carbone come combustibile allo scopo di creare energia, gli atomi d’idrogeno e di carbonio si combinano con quelli dell’aria producendo anidride carbonica ed acqua, così generando, con la propria reazione chimica, solo 1,6 kilowatt*ora*kg di combustibile. La quota energetica riportata è solamente il valore nominale della reazione, infatti, essa non coincide con quella sfruttabile, perché una parte di quest’energia è assorbita dal comburente per mantenersi ad una temperatura d’esercizio utile. Al contrario, impiegando 1 kg di U (U235) la reazione nucleare di quest’elemento fornisce sotto forma di calore ben 18,8 milioni di kilowatt*ora.

Nel mondo i reattori nucleari di vario tipo sono numerosissimi, quelli a noi più vicini sono in Francia, Svizzera, Germania, Spagna, Belgio, altri n’esistono in Russia, Ucraina, Inghilterra e Svezia, negli Stati Uniti e Canada, in Giappone, Taiwan e Corea, anche l’Iran ha sviluppato questa tecnologia.

Trattamento e smaltimento delle scorie radioattive.

uranio

uranio

Il trattamento delle scorie radioattive, se ben pianificato, impegna diversi indirizzi tecnologici, infatti, dall’uranio esaurito è possibile trarre nitrato d’uranile pari al 96% circa del ciclo di lavorazionemateriale che è riciclabile come l’ossido di plutonio che rappresenta circa lo 1%. Il restante 3% dei prodotti di fissione, non impiegabili perché tossici, sono oggi vetrificati ed “opportunamente stoccati in depositi protetti”(?).

Dalla mappa della dislocazione dei reattori nucleari nel mondo, sommariamente già indicata, ci rendiamo facilmente conto che la catastrofe nucleare, per fortuito accidente, è a portata di mano, allora che importa la presenza di un impianto in più, anche in Italia, se esso è tecnologicamente ben avviato ed opportunamente amministrato?

E’ tuttavia necessario che tutti i cittadini siano informati su come in realtà le scorie radioattive, adesso senz’alcuna comunicazione sociale in proposito, sono riciclate.

Ora tenteremo di far risaltare quali sono realmente i rischi che le popolazioni possono subire per l’incoscienza di pochi che possono creare un grave danno ai molti.

E, siamo dunque alle solite, che espresse nel gergo dei nostri padri suona: “Bos suetus aratro”.

Il problema delle giacenze radioattive, che dopo sessanta anni di fissione atomica sono stimate in oltre sei milioni di tonnellate, è da inquadrare nella destinazione d’uso cui sono finalizzate e nell’opportuno loro stoccaggio conservativo, ma, proprio qui, per quanto è noto, casca il povero asino.

“Con delibera della C.E.E. 76/248/CEE è abrogata ogni altra disposizione precedente in materia di sostanze radioattive ed è creata “l’United Reprocessors GmbH”, Gazzetta ufficiale n. L. 051 del 26/02/1976, con il fine principale di proporre, con sede in Europa, la commercializzazione dei servizi di recupero e trasformazione dei combustibili nucleari fissili spenti ancora contenuti nella risulta”. Simili a questa normativa n’esistono altre fuori della C.E.E., ma, nonostante le tante deliberazioni- non sempre “tutto è giusto e perfetto”.

I governi, per avvalorare un falso e pretestuoso vantaggio economico, continuano ad agevolare le manovre del neoliberismo capitalistico che, con finta morale, continua la sua marcia apparentemente inarrestabile creando un beneficio fittizio per l’umanità.

Infatti, la spesa pubblica sanitaria ed i costi aggiuntivi sociali, ovviamente distribuita su tutti i cittadini, aumenta a dismisura con incremento del carico fiscale sui singoli, e, purtroppo, oltre ai costi economici per il recupero del degrado ambientale dovuto ad inquinamento d’ogni genere, bisogna conteggiare anche un alto numero di decessi umani per patologie teratogeniche, cancerogene solide ed a cellule sparse, linfomi e tumori di Hodgkin. Il fenomeno, grave in tutti i suoi aspetti, può però essere limitato con programmazioni più oculate e con maggiore onestà “intellettiva e pratica” dei grandi trust multinazionali e dei politici.

Al contrario, invece, “summum jus summa iniuria”, il profitto di pochi è il malessere dei tanti.

Non siano però i lettori indotti a credere che in regime comunista le cose migliorano, perché qui l’infernale burocrazia, da cui quest’apparato non può esimersi, offre al capitale di Stato ed ai suoi amministratori privilegi ed opportunità d’inganni senza fine.

La situazione oggi è precaria perché, in tanti anni d’uso dell’energia atomica violentemente inaugurato dagli U.S.A. su Hiroshima il 06/Agosto/1945, il materiale radioattivo di risulta è sparpagliato su tutto il pianeta, incluso il fondo del mare ed in siti non controllabili dalle apposite commissioni. Sembra assai verosimile che i limiti ufficiali delle zone di stoccaggio dei materiali “vetrificati e non”, secondo molti rapporti presenti anche in internet, sono travalicati senza opportune misure profilattiche.

Possiamo fornire, a sostegno di questa tesi, due gravi esempi di zone “stranamente” investite da alta incidenza di malattie cancerogene, teratogene e mutagene, verosimilmente derivanti da attività radiante anomala del territorio circostante. Le zone, di cui solo sommariamente sarà accennato, non sono però le uniche, in Italia, investite da un maggior picco radioattivo e, in ogni modo, superiore alle medie standard nazionali.

In Sicilia, nei dintorni di Serradifalco (CL), dove ancora si aprono le antiche miniere di solfo a cielo aperto, i contatori geiger segnalano un elevato picco di becquerel.

A nord di Cagliari, in località Quirra (villaggio agricolo inferiore a 200 residenti) di Villaputzu, (cinquemila abitanti circa), avvengono “fatti strani”, ed in ambedue le zone, sicula e sarda, l’incidenza dei cancri solidi ed a cellule sparse, mieloidi e linfoidi, è elevatissima. A Villaputzu è anche presente un’insolita rilevanza di teratomi neonatali per mutazioni ed attivazioni di condizioni di tossicità genica. Tra l’altro, alcuni neonati, non sopravvissuti, sono nati affetti anche da cranioschisi, mentre una ventina di persone presentano il tumore di Hodgkin e di queste una decina pare siano già sono decedute. Tutte le persone colpite da cancro sono residenti in quel territorio, ed hanno prestato servizio all’interno delle basi militari, ivi presenti, come dipendenti della Vitrociset, ditta che si occupa di manutenzione.

carboc22

braccio di mare destinato a aerea militare NATO interdetto a navigazione

braccio di mare destinato a aerea militare NATO interdetto a navigazione

E’ ormai risaputo che l’isola di Sardegna fa parte della geostrategia N.A.T.O. come punta di diamante dello scacchiere mediterraneo ed europeo. In essa, sin dall’immediato dopo guerra, sono presenti molte zone militari anche “non italiane”.

Il sig. Presidente del Consiglio, On. G. Andreotti, durante il 1971 concesse, o dovette concedere, agli U.S.A, il permesso d’insediamento di una loro base, e, quando l’avvenimento si riseppe, l’allora titolare del Dicastero della Protezione Civile, On. Zamberletti, ammise, costretto dalla stampa, che quelle zone erano stragiudiziali nei confronti della sua competenza.

Tra l’altro, sempre in Sardegna, è stato creato il più esteso poligono europeo con un’ampiezza di oltre miglia2 807 (pari ad acri2 32.123) e di questi ben miglia2 62 si estendono in mare. Ma nella realtà la zona marina interdetta alla navigazione, non militare, è più ampia dell’intera Sardegna che ha una superficie di km223.813 (pari a miglia2 14.796), mentre il bacino idrografico proibito, sviluppandosi anche in acque internazionali, ha un’ampiezza di miglia2 173.983 (pari ad acri2 6.918.951).

In queste acque, si aggirano silenziosi, in navigazione di superficie e sommersi anche sommergibili nucleari e naviglio militare di vario tipo e nazionalità. Purtroppo, ancora oggi, ogni tentativo di monitoraggio ambientale affidato alle Istituzioni civili è irrealizzabile, perché non è loro permesso l’ingresso nelle zone marine e terrestri del demanio militare.

E’ utile richiamare alla memoria che verso sud, in quest’ampio braccio di mare la cui profondità scende ad oltre seimila metri, precipitò il DC9 ITAVIA con a bordo 81 persone, qui i nostri intercettori ingaggiarono due battaglie aeree con Mig libici, ed è sempre questa la zona investita dalle manovre aeronavali mediterranee anche della flotta francese.

Uranio impoverito è presente in molti manufatti per la sua alta densità, così esso è giunto nelle schermature di limitate zone radioattive, come per esempio i reparti radiologici d’alcuni ospedali, dove ha sostituito, per la sua alta densità, le lastre di piombo annegate nel cemento armato.

Ecco che, su questa “qualità”, sono nati anche gli “ospedali all’uranio”, ciò mentre l’asbesto era posto fuori legge e si scatenava la campagna contro il fumo di sigaretta, tutto con la complicità della solita ruffiana incoscienza politica.

Oltre al pericolo per le radiazioni emesse dall’U.I, i soliti inetti non si sono occupati di mettere in chiaro che questa è una sostanza pirofòrica, vale a dire capace d’autocombustione e d’incendiarsi anche per sfregamento oltre che per contatto con il fuoco.

E’ stato “l’Osservatorio Etico Ambientale” a segnalare e denunciare per primo, all’opinione pubblica, il “nuovo sport nazionale della costruzione d’ospedali all’uranio”, ciò avvenne in data 13/Marzo/2003. Secondo questa pubblica denuncia, nell’ospedale Maggiore di Trieste pare sono contenuti ben kg 30 d’U.I., distribuiti tra le mura di contenimento della radiologia e nelle apparecchiature per l’irradiazione dei tessuti carcinomatosi.

Ma altri numerosi nosocomi italiani sono nella lista “nera”.

Il danno ambientale, che poco tempo fa poteva scatenarsi nelle città d’Ancona e di Bologna, è stato fortunatamente fugato. Infatti, l’ospedale anconetano fu mira d’alcuni incendi dolosi che furono in fretta estinti e non giunsero alla locale radiologia, se così fosse avvenuto l’intera città sarebbe stata contaminata da radiazioni atomiche per alcune centinaia d’anni. Il fuoco, nell’ospedale bolognese, iniziatosi da un corto circuito, non raggiunse le sale xgrafiche, fermandosi però pericolosamente vicino alla radiologia.

Ovviamente, scusate il tono apparentemente paternalistico, la popolazione ospedaliera e cittadina non fu informata del pericolo, perché, per i soliti incoscienti, l’U.I. non è pericoloso ed il popolo è bue.

Nihil sub sole novi.

Nondimeno, l’uranio impoverito è adoperato anche per l’assemblaggio d’armamento nominalmente considerato “convenzionale”, ma che già, in zona d’operazioni belliche, ha condotto a morte per cancro molte persone, e, da qualche tempo, anche militari italiani che sono stati presenti in quelle aree in qualità di forze di sorveglianza in peace-keeping.

Le vittime sono innumerevoli anche tra i civili, ed i dati del fenomeno sono tuttora in monitoraggio nei territori investiti dalle radiazioni dell’U.I.

Non possiamo conoscere tutte le zone d’impiego di quest’armamento, ma possiamo certamente ricordare il Vietnam, il Kosovo, l’Afghanistan, l’Iraq degli anni ’90 ed attuale, tracciando in questo modo, attraverso le malattie contratte da militari e civili, la mappa della sua distribuzione.

La disgraziata sostanza è usata in bombe “intelligenti” e nei proietti per renderli capaci di forare la corazza dei blindati, ed è presente anche nei gusci degli stessi per proteggerli dalla penetrazione. [L’uso del concetto delle “chobam” (multistrato differenziato senza uranio), risale all’epoca dell’industria tedesca degli anni ’40].

Anche materiali esplodenti, come le mine antiuomo, sono arricchiti con U.I. e vogliamo nuovamente ricordare, per i distratti, che, quando questa sostanza s’incendia emette raggi che si disperdono su un’ampia superficie di territorio.

U. I. è anche utilizzato com’elemento compensatore, per il suo alto peso specifico, nella costruzione dell’opera morta di navi e nelle derive delle barche a vela. U. I. è posto in opera per convenientemente appesantire i piani di coda degli aerei, ed è miscelato in molte leghe metalliche. In seguito, la sostanza è anche apparsa, secondo alcune fonti, negli amalgami usati per le otturazioni dentarie.

Grandi società di navigazione aerea hanno ammesso l’uso dell’uranio impoverito nell’assemblaggio dei loro velivoli.

Insomma, quello che sembrava un “non impiego delle scorie nucleari perché stoccate in opportune discariche”, in realtà, si sta dimostrando un vero attentato alla salute pubblica mondiale, tutto in nome di un progresso che, però non rispetta l’uomo ed il suo ambiente.

Ah, dimenticavo, è ammissibile che l’errore avvenga, ma ciò che mi spaventa è la sua perpetuazione in nome del Dio Denaro che ha tacitato per sempre il Dio Cristo, in cui il capitale afferma, solo a parole, di credere!

E’ dunque possibile che dalla conoscenza sociale approfondita di tutto il fenomeno produttivo energetico nucleare, di cui a breve non si potrà più fare a meno, verso qualunque forma esso sia devoluto, emerga una conoscenza capace di eliminare la confusione cui siamo soggetti come spettatori passivi di un evento che il Potere non vuole farci conoscere.

kiriosomega (scritto nel 1999)

ROMA OH MORTE!

Missione
mittente Vuolsi così colà dove si puote
destinatari Palazzacci Romani
codige GHE PENSI MI
TRANQUILLI PEONES M'HAN DATO LASSÙ UNA MISSIONE AGGIRARMI TRA I PALAZZI ROMANI PER MANDARNE AL DIAVOLI QUANTI POSSO!

TRANQUILLI PEONES M’HAN DATO LASSÙ UNA MISSIONE
AGGIRARMI TRA I PALAZZI ROMANI PER MANDARNE AL DIAVOLI QUANTI POSSO!

Sono eversore non condivido politica sig Napolitano!

E dopo esser stato potenziale stupratore oggi sono eversore perché non condivido politica sig G!

sono eversore non condivido politica sig G

sono eversore non condivido politica sig G

Roma dei ladroni che da 70 anni sono felici e contenti

Roma e i ladroni che da 70 anni son felici e contenti

Palazzi potere casta e appropriazione indebita

Palazzi potere casta e appropriazione indebita

kiriosomega

Renzi- Monello fiorentino

superbone renzi monello fiorentino

superbone renzi monello fiorentino

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.251 follower